USA: Craigslist mostri i documenti

Mandato di comparizione in tribunale per il repository online accusato di aver intascato milioni da annunci a luci rosse. Il procuratore generale del Connecticut mira ad ottenere prove della mancata eliminazione delle inserzioni

Roma – Un mandato di comparizione per testimoniare in aula. Non molla la presa il procuratore generale del Connecticut Richard Blumenthal, su quel Craigslist accusato di aver tratto ingenti profitti da svariati annunci a sfondo sessuale. 36 milioni di dollari secondo le stime degli analisti, incassati dal noto contenitore di inserzioni online in barba alla precedente promessa dei suoi vertici.

Ovvero che tutti gli introiti derivanti dagli annunci erotici sarebbero andati in beneficenza. Quello che vuole ora scoprire il procuratore Blumenthal è se Craigslist abbia davvero fatto qualcosa di preciso per combattere le inserzioni illecite, e soprattutto se abbia effettivamente intascato quel denaro . Denaro che verrebbe da annunci legati allo sfruttamento della prostituzione.

Blumenthal ha così parlato di un business di malaffare per Craigslist, colpevole a suo dire di non aver eliminato migliaia di inserzioni in contrasto con la legge statunitense . “Cerchiamo risposte – ha spiegato il procuratore – per raggiungere una conclusione legale”. Il repository avrebbe non soltanto ignorato le precedenti (e pubbliche) promesse, ma anche violato la legge a stelle e strisce.

Cosa vuole ottenere il procuratore nell’ambito del suo mandato? Innanzitutto tutti i documenti relativi al processo manuale di revisione degli annunci, compreso il numero esatto di impiegati coinvolti e di inserzioni eliminate. Successivamente , le prove a sostegno delle dichiarazioni di Craigslist a proposito di una riduzione del 50 per cento del volume degli annunci .

Inoltre, Blumenthal ha intenzione di ottenere in aula tutte le documentazioni relative a determinati account, oltre alle procedure di verifica dei relativi numeri di carta di credito. In un post sul blog ufficiale di Craigslist , il CEO Jim Buckmaster ha sottolineato come il sito sia già andato ben al di là dei suoi obblighi di legge. E come l’iniziativa del procuratore sia semplicemente specchio di ambizioni di natura squisitamente politica.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • angros scrive:
    E perchè non contiki?
    http://www.sics.se/contiki/Ha requisiti minimi, può usare microproXXXXXri a bassa potenza (riducendo i consumi), richiede pochissima memoria, supporta il multitasking ed include un browser.
    • ruppolo scrive:
      Re: E perchè non contiki?
      - Scritto da: angros
      http://www.sics.se/contiki/

      Ha requisiti minimi, può usare microproXXXXXri a
      bassa potenza (riducendo i consumi), richiede
      pochissima memoria, supporta il multitasking ed
      include un
      browser.Meglio che ripassi il tuo inglese.
  • guast scrive:
    Ma un semplice ubuntu ?
    Ma ubuntu o xubuntu o qualce altra distro linux non la possono offrire ?Bisogna per forza prendersi un sistema operativo imposto da qualche grande multinazionale ?
    • collione scrive:
      Re: Ma un semplice ubuntu ?
      questione di accordiin passato come andò a finire? beos fuori e ms continuò a dominarepuò dispiacere ma la verità è che i produttori di hardware si spaventano solo di fronte al boss pieno di soldi ( google in questo caso )
    • Mettiuz scrive:
      Re: Ma un semplice ubuntu ?
      Multinazionale = pubblicità = soldi = (solitamente) più garanzie per utenti inesperti
    • nome e cognome scrive:
      Re: Ma un semplice ubuntu ?
      - Scritto da: guast
      Ma ubuntu o xubuntu o qualce altra distro linux
      non la possono offrire
      ?
      Bisogna per forza prendersi un sistema operativo
      imposto da qualche grande multinazionale
      ?Se non vuoi smazzarti il supporto direi proprio di si.
    • ruppolo scrive:
      Re: Ma un semplice ubuntu ?
      - Scritto da: guast
      Ma ubuntu o xubuntu o qualce altra distro linux
      non la possono offrire
      ?
      Bisogna per forza prendersi un sistema operativo
      imposto da qualche grande multinazionale
      ?Certo che no, basta farlo.Ubuntu? No, Ubuntu è un sistema operativo concepito per l'uso col mouse. O con la tastiera.Ci vuole uno da usare con le dita. E non solo, ci voglio poi anche le applicazioni, da usare con le dita.
  • none scrive:
    e pure sardi sono
    :D :D
  • Enjoy with Us scrive:
    Secondo me...
    Atom+Seven su un tablet sono una cagata megagalattica, molto meglio una piattaforma ARM magari anche con l'aggiunta di Tegra e come SO un Ubuntu o un Android, costi inferiori, autonomie raddoppiate e potenza di calcolo almeno equivalente, con pieno supporto all'alta risoluzione, utile nel caso si doti il tablet magari di una uscita HDMI!Possono realizzare dei Pad da 6-10 pollici con pesi da 300 a 600 grammi e costi a partire dai 200 euro.. attendo con impazienza!
    • GX faithful scrive:
      Re: Secondo me...

      costi a partire dai
      200 euro.. sogna pure
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Secondo me...
        - Scritto da: GX faithful

        costi a partire dai

        200 euro..

        sogna pureE perchè mai?
        • N.U. scrive:
          Re: Secondo me...
          Perché ad oggi non ti sei ancora comprato il celeberrimo netbook ultimo modello per soli 150EUR. magari a 200EUR ce la fai.
    • Il Moralizzat ore scrive:
      Re: Secondo me...
      Io continuo a preferire i netbook, meglio se anche touch (vedi serie T di Asus).Per 300/400 grammi in più (900-1000g invece che 600g) mi porto appresso una macchina all purposes, con una buona (se non stessa) autonomia e maggiore potenza e non un aggeggio con cui adattarsi in mobilità.Se fanno gli smartphone full qwerty e questi sono spesso preferiti ai cugini solo touch un motivo ci sarà...Tanto vale per i cellulari, tanto vale per elementi un pò più grossi ed evoluti.
      • iii scrive:
        Re: Secondo me...
        D'accordo sulla scelta di un netbook, però con display che si possa ruotare e richiudere con il display rivolto verso l''esterno, in modo da poterlo usare come tablet all'occorrenza (mi sono spiegato da cani, scusate)
      • frank681 scrive:
        Re: Secondo me...
        Io direi che si potrebbe anche mettere un piccolo mouse portatile (oltre alla tastiera ovviamente), sai, il touchpad a volte è scomodo, e magari anche un monitor esterno, sai quello di un netbook è un po' piccolo.... praticamente ti porti appresso un desktop, veramente comodo!
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Secondo me...
        - Scritto da: Il Moralizzat ore
        Io continuo a preferire i netbook, meglio se
        anche touch (vedi serie T di
        Asus).

        Per 300/400 grammi in più (900-1000g invece che
        600g) mi porto appresso una macchina all
        purposes, con una buona (se non stessa) autonomia
        e maggiore potenza e non un aggeggio con cui
        adattarsi in
        mobilità.

        Se fanno gli smartphone full qwerty e questi sono
        spesso preferiti ai cugini solo touch un motivo
        ci
        sarà...

        Tanto vale per i cellulari, tanto vale per
        elementi un pò più grossi ed
        evoluti.Staremo a vedere come saranno implementati, certo che se mi danno una tavoletta da 10 pollici multitouch sotto i 300 euro (ossia allo stesso prezzo di un netbook) con le stesse potenzialità da pC di un netbook con pesi limati a 600-700 grammi e autonomie da 8 ore a salire, Io alla tastiera e al mouse ci rinuncerei volentieri!
    • N.U. scrive:
      Re: Secondo me...
      Per favore smettila di farci ridere!
    • James Kirk scrive:
      Re: Secondo me...
      Ovviamente la piattaforma ARM+Android è più scattante e parca di quella Atom+Seven ma non dimentichiamoci che gli usi di queste tavolette saranno i più variegati; e Seven, pur con i suoi limiti, è l'unico che garantisce la compatibilità con tutti i formati e tutti i tipi di acXXXXX a reti.
      • Nedanfor non loggato scrive:
        Re: Secondo me...
        - Scritto da: James Kirk
        Ovviamente la piattaforma ARM+Android è più
        scattante e parca di quella Atom+Seven ma non
        dimentichiamoci che gli usi di queste tavolette
        saranno i più variegati; e Seven, pur con i suoi
        limiti, è l'unico che garantisce la compatibilità
        con tutti i formati e tutti i tipi di acXXXXX a
        reti.Che formati mancherebbero? AutoCAD? Se qualcuno riesce a far girare AutoCAD su un Atom odierno mi faccio cambiare il nome in 'XXXXX'. Windows Seven porta solo enormi svantaggi su un tablet, queste si chiamano architetture inadatte che consumano troppa energia e riscaldano troppo (x86), antivirus (e voglio vedere come gira...), un sistema studiato per essere eccessivamente pesante, interfacce inadatte... La gente ci installerà subito Adobe Reader, WinRAR crackato, l'ultima versione di Windows Live Messenger. Poi cronometro alla mano vediamo quanti minuti impiega per bootare...PS. L'acXXXXX a reti è la parte più enigmatica, se puoi cortesemente spiegarmelo mi toglieresti un dubbio.
        • James Kirk scrive:
          Re: Secondo me...
          - Scritto da: Nedanfor non loggato

          Che formati mancherebbero? AutoCAD? STi rispondo da possessore di telefono Android.Intanto non supporta (se non con una pessima app esterna) il formato DivX/Xvid ... scusa se è poco!Quanto ad altri software, certo che se intendi il tablet solo per navigare, mandare posta e ascoltare musica allora non stiamo neppure a discutere, ma non esistono solo queste esigenze ... o NO?

          PS. L'acXXXXX a reti è la parte più enigmatica,
          se puoi cortesemente spiegarmelo mi toglieresti
          un dubbio.Nei miei esperimenti col telefono ad esempio Android accede nativamente ai PC che ho a casa (credo manchi SAMBA, almeno nella mia versione 1.5 di Android); se voglio, ad esempio, fare streaming da PC al telefono (o al tablet) non posso. Per fare ciò ho bisogno di una applicazione esterna Un tablet Seven invece configurerebbe tutto automaticamente ... e scusa se è poco per l'utente medio.Poi bisogna vedere cosa implementeranno nelle versioni di Android o Chrome che metteranno sui tablet; siccome certe manchevolezze si scoprono solo quanto il tuo dispositivo lo hai già comprato, la scelta ATOM/Seven potrebbe rivelarsi più conservativa.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: James Kirk
            - Scritto da: Nedanfor non loggato




            Che formati mancherebbero? AutoCAD? S

            Ti rispondo da possessore di telefono Android.

            Intanto non supporta (se non con una pessima app
            esterna) il formato DivX/Xvid ... scusa se è
            poco!

            Quanto ad altri software, certo che se intendi il
            tablet solo per navigare, mandare posta e
            ascoltare musica allora non stiamo neppure a
            discutere, ma non esistono solo queste esigenze
            ... o
            NO?




            PS. L'acXXXXX a reti è la parte più enigmatica,

            se puoi cortesemente spiegarmelo mi toglieresti

            un dubbio.

            Nei miei esperimenti col telefono ad esempio
            Android accede nativamente ai PC che ho a casa
            (credo manchi SAMBA, almeno nella mia versione
            1.5 di Android); se voglio, ad esempio, fare
            streaming da PC al telefono (o al tablet) non
            posso. Per fare ciò ho bisogno di una
            applicazione esterna


            Un tablet Seven invece configurerebbe tutto
            automaticamente ... e scusa se è poco per
            l'utente
            medio.

            Poi bisogna vedere cosa implementeranno nelle
            versioni di Android o Chrome che metteranno sui
            tablet; siccome certe manchevolezze si scoprono
            solo quanto il tuo dispositivo lo hai già
            comprato, la scelta ATOM/Seven potrebbe rivelarsi
            più
            conservativa.Esiste anche Ubuntu...
          • OldDog scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: James Kirk

            Ti rispondo da possessore di telefono Android.

            Intanto non supporta (se non con una pessima app
            esterna) il formato DivX/Xvid ... scusa se è
            poco!Vero, francamente non ne capisco la ragione, visto che esiste per i vecchi Palm e gira pure bene (parlo di TCPMP free, poi diventato Coreplayer in versione commerciale). Penso che l'aumento della base installata e Android 2.1 ci sarà maggior mercato e maggiori sviluppatori.
            Quanto ad altri software, certo che se intendi il
            tablet solo per navigare, mandare posta e
            ascoltare musica allora non stiamo neppure a
            discutere, ma non esistono solo queste esigenzeCerto. Ma bisogna vedere cosa la gente si aspetta di fare in cambio del denaro di un tablet. iPad non mi sembra sia nato per fare acXXXXX remoto a PC, ma lo vendono ugualmente piuttosto bene (e chissenefrega se lo vendono per hype, fashion o perché funziona bene: commercialmente funziona e fossi io in Apple sarei ben felice di venderlo :) ).
            Un tablet Seven invece configurerebbe tutto
            automaticamente ... e scusa se è poco per
            l'utente medio.Tutto a volte è troppo. Vista mi ammazza con task tipo gestione schermo touch quando il mio notebook ha un normale schermo TFT da 15" wide. Perché il servizio è sempre pronto a gestire il mio eventuale aggancio a uno schermo touch? Sindrome da Deserto dei Tartari? Tutta una vita spesa ad aspettare per nulla?

            Poi bisogna vedere cosa implementeranno nelle
            versioni di Android o Chrome che metteranno sui
            tablet; Hai perfettamente ragione: il vero limite è se la piattaforma di sistema operativo Android, su hw adeguato, è in grado o meno di fornire al sw applicativo i servizi che occorrono, con tempi di risposta e consumi adeguati. Poi gli applicativi si potranno portare, a fronte della domanda crescente verso il mondo dei developer.
          • Shu scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: James Kirk
            Ti rispondo da possessore di telefono Android.

            Intanto non supporta (se non con una pessima app
            esterna) il formato DivX/Xvid ... scusa se è
            poco!Basta compilare il codec per ARM e installarlo. Penso non sia presente per problemi di brevetti.
            Nei miei esperimenti col telefono ad esempio
            Android accede nativamente ai PC che ho a casa
            (credo manchi SAMBA, almeno nella mia versione
            1.5 di Android); se voglio, ad esempio, fare
            streaming da PC al telefono (o al tablet) non
            posso. Per fare ciò ho bisogno di una
            applicazione esternaSono comunque pezzi di software che possono essere aggiunti. Android, di suo, non ha nemmeno un file manager di sistema, e prevederebbe di non dover accedere a nessuna rete, ma solo ai file nella directory /sdcardQuesto per precise indicazioni di Google (l'utente non dovrebbe sapere che c'è un fs sotto).Ma nulla vieta di compilare il kernel con i moduli smb attivi, e prendere OI File Manager (che è open source) e aggiungerci il protocollo smb.Oppure montare (al boot) tramite FUSE, una "rete smb" dentro /sdcard, e rendere così trasparente l'acXXXXX alla rete.In definitiva sono dettagli tecnici facilmente risolvibili. E` un sistema Linux, in fondo, e ci fai tutto quello che puoi fare con Linux. Bye.
    • Funz scrive:
      Re: Secondo me...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Atom+Seven su un tablet sono una cagata
      megagalattica, molto meglio una piattaforma ARM
      magari anche con l'aggiunta di Tegra e come SO un
      Ubuntu o un Android, costi inferiori, autonomie
      raddoppiate e potenza di calcolo almeno
      equivalente, con pieno supporto all'alta
      risoluzione, utile nel caso si doti il tablet
      magari di una uscita
      HDMI!Quoto, buttano solo via soldi a implementare l'atom col windows. Farebbero molto meglio a sviluppare un prodotto unico e che costi meno.
      Possono realizzare dei Pad da 6-10 pollici con
      pesi da 300 a 600 grammi e costi a partire dai
      200 euro.. attendo con
      impazienza!Anche io, ma per 200 iuros ho paura che non andremo più in là dei 6"
  • incredibbil ee scrive:
    icredibbilee!
    Win7?Con quella interfaccia?Asus ricorda un personaggio del mitico fumetto Alan Ford ...Il personaggio si chiamava Eutanasio De Suicidis e compariva di tanto in tanto disperato perchè era così fallito che sbagliava anche a suicidarsi!
Chiudi i commenti