USA e UK, mutuo spionaggio

Le autorità tra le due sponde dell'Atlantico lavorano in segreto a una nuova modalità di spionaggio "consensuale", un modo per garantire all'intelligence di un paese di accedere ai server privati ospitati nell'altro

Roma – Il Washington Post ha messo le mani su una bozza di accordo fra Stati Uniti e Regno Unito sullo spionaggio in formato “espresso”, un accordo che se ratificato spianerebbe la strada all’accesso libero ai dati dei cittadini britannici (o americani) ospitati e di passaggio sui server dei servizi americani (o britannici), dalle email alle conversazioni in tempo reale.

L’accordo, tutt’ora in via di discussione, riguarderebbe in sostanza un reciproco vantaggio per le intelligence di USA e UK, un modo per evitare prima di tutto agli agenti di Sua Maestà (MI5) le lungaggini burocratiche oggi necessarie a ricevere l’autorizzazione per visionare i dati.

Il nuovo quadro legale ridurrebbe in maniera sensibile il tempo utile per l’accesso alle informazioni, e si andrebbe (sempre nel caso dell’MI5) dai mesi attualmente richiesti a un processo automatico di collaborazione forzata tra le autorità UK e le aziende tecnologiche USA interessate. L’accordo non modificherebbe le salvaguardie dei sistemi legali del due paesi, dicono le fonti informate sui fatti, trattandosi in sostanza di sistemi già “equivalenti” in fatto di protezioni e garanzie in termini di riservatezza.

In realtà le differenze tra Regno Unito e Stati Uniti esistono eccome , visto che in UK un ordine di intercettazione non necessita del mandato del giudice ed è emesso a totale discrezione dal Segretario di Stato per questioni di (presunto) terrorismo e affini.

Un ulteriore ostacolo alla nuova policy è rappresentato dall’attuale scenario politico americano, con entrambe le camere del Congresso controllate dai Repubblicani e una Casa Bianca ostaggio di un partito dichiaratamente ostile. Difficilmente la proposta supererebbe indenne il passaggio della ratifica parlamentare a Capitol Hill.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bancai scrive:
    convergenza di dati

    Il problema è che la "convergenza" non si fa
    switchando da un sistema all'altro ma facendo
    cambiare lo stesso sistema nelle due modalità, oun tempo c'era la convergenza delle app, secondo me ha più senso la convergenza dei dati ;) senza creare programmi mostruosamente complessi basta usare (per esempio) polaris office per modificare i documenti su cellulare mentre libreoffice per modificare i documenti su desktop. secondo me è una bella pezza, basta solo conservare qualche directory condivisa (oppure anche via cloud come va di moda adesso). probabilmente anche Apple sta puntando a qualcosa del genere per non incasinare troppo i suoi sistemi che hanno una certa eleganza presi singolarmente.
    • Il fuddaro scrive:
      Re: convergenza di dati
      Ognuno fa 'allusioni', basterebbe, fa già cosi.Io dico Chiedete a Maruggia, dopotutto il sistema è suo, o no?Altrimenti non si chiamerebbe MARU OS.Evviva Maruggia del MARU OS, ovvero guardatemi quanto son bello, con quel bel faccione, che mi ritrovo, son proprio figo io Maruggia, della MARU OS.Tsè, tsè, a riguardatemi quanto so bello, mia madre lo diceva sempre alle altre mamme, il mio Maruggino è proprio bello.E che bel faccione il mio MARU. Si si Maru OS, faccia bella di mamma.
  • bancai scrive:
    chroot
    girando online si vedono esempi funzionanti (da parecchio tempo) con Android e Linux su hardware galaxy e nexus mediante chroot. chissà se anche questo usa la stessa tecnica.
    • Bravo Bravo scrive:
      Re: chroot
      - Scritto da: bancai
      girando online si vedono esempi funzionanti (da
      parecchio tempo) con Android e Linux su hardware
      galaxy e nexus mediante chroot. chissà se anche
      questo usa la stessa
      tecnica.Come dicevo prima a collione con chroot è semplice ma non puoi mantenere attivi entrambi gli OS contemporaneamente. Per fare quello ti servono due sessioni, una in framebuffer per android e una in xorg per XFCE, poi basta switchare automaticamente quando inserisci/togli la tastiera.
  • ... scrive:
    Maru(ccia) OS? no, grazie!
    io roba "Maru OS" o "Alfo OS" non lo installero' MAI!
    • Quotator Maximus scrive:
      Re: Maru(ccia) OS? no, grazie!
      - Scritto da: ...
      io roba "Maru OS" o "Alfo OS" non lo installero'
      MAI!Quoto... XXXXX se quoto...
  • zapusta scrive:
    Re: Convergenza ?
    Già, sembra una cosa facile ma far girare la stessa applicazione in due differenti modalità richiede grande programmazione, grandi (quantità di) programmatori e grandi quantità di soldi, anche per pagarsi l'indispensabile supporto delle terze parti.Un obiettivo alla portata di M$ ma non certo di un primo venuto, se non ha alle spalle finanziatori fisarmonici ed estremamente attivi.
    • panda rossa scrive:
      Re: Convergenza ?
      - Scritto da: zapusta
      Già, sembra una cosa facile ma far girare la
      stessa applicazione in due differenti modalità
      richiede grande programmazione, grandi (quantità
      di) programmatori e grandi quantità di soldi,
      anche per pagarsi l'indispensabile supporto delle
      terze
      parti.
      Un obiettivo alla portata di M$ ma non certo di
      un primo venuto, se non ha alle spalle
      finanziatori fisarmonici ed estremamente
      attivi.Scusa, ma "grande programmazione" e M$ nello stesso messaggio non si puo' proprio vedere!
      • ... scrive:
        Re: Convergenza ?
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: zapusta

        Già, sembra una cosa facile ma far girare la

        stessa applicazione in due differenti
        modalità

        richiede grande programmazione, grandi
        (quantità

        di) programmatori e grandi quantità di soldi,

        anche per pagarsi l'indispensabile supporto
        delle

        terze

        parti.

        Un obiettivo alla portata di M$ ma non certo
        di

        un primo venuto, se non ha alle spalle

        finanziatori fisarmonici ed estremamente

        attivi.


        Scusa, ma "grande programmazione" e M$ nello
        stesso messaggio non si puo' proprio
        vedere!"M$ non ha mai fatto grande programmazione"fregato :-)
    • collione scrive:
      Re: Convergenza ?
      premesso che non concordo col suo "e che ci vuole!?!"in questo caso ci troviamo di fronte ad una delle due possibilità seguenti:1. virtualizzazione, con tanto di ulteriore kernel, suppongo si tratti di un sistema guest molto leggero2. uso dei container ( lxc ), quindi riciclano il kernel e c'appiccicano sopra un userland diverso in maniera dinamicale applicazioni restano ovviamente separate, cioè le app android nella modalità android e quelle linux nella modalità desktop
    • Bravo Bravo scrive:
      Re: Convergenza ?
      - Scritto da: zapusta
      Già, sembra una cosa facile ma far girare la
      stessa applicazione in due differenti modalità
      richiede grande programmazione, grandi (quantità
      di) programmatori e grandi quantità di soldi,
      anche per pagarsi l'indispensabile supporto delle
      terze
      parti.
      Un obiettivo alla portata di M$ ma non certo di
      un primo venuto, se non ha alle spalle
      finanziatori fisarmonici ed estremamente
      attivi.Non lo so, però prima con Surface e poi con Windows 10 basato sulle App, la direzione sembra proprio quella.Se parliamo di Debian per esempio, Gnome Shell nelle ultime versioni è stato modificato insieme alle sue applicazioni, decisamente verso la direzione del touch.
  • Hop scrive:
    Re: Convergenza ?
    - Scritto da: Bravo Bravo
    Visto così sembra un desktop XFCE che appare su
    un terminale
    mobile.

    Se partono da un Android che è già un Kernel
    Linux non pare nemmeno così difficile da
    realizzare,Domani ci farai vedere la TUA versione? :D
  • Iniziatore scrive:
    male
    Ad inviti? inizia molto male
    • panda rossa scrive:
      Re: male
      - Scritto da: Iniziatore
      Ad inviti? inizia molto maleInizia benissimo invece, considerando che tutti gli appartenenti a qualsiasi LUG sono invitati.
      • nome e cognome scrive:
        Re: male
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Iniziatore

        Ad inviti? inizia molto male

        Inizia benissimo invece, considerando che tutti
        gli appartenenti a qualsiasi LUG sono
        invitati.Con 4 persone in totale si faranno un pokerino e poi tutti a casa a ricompilare.
        • caronte scrive:
          Re: male
          - Scritto da: nome e cognome
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: Iniziatore


          Ad inviti? inizia molto male



          Inizia benissimo invece, considerando che
          tutti

          gli appartenenti a qualsiasi LUG sono

          invitati.

          Con 4 persone in totale si faranno un pokerino e
          poi tutti a casa a
          ricompilare.immagino tu abbia di meglio da fare con w10 installato eh? chissà quante partite a solitario...
          • Il fuddaro scrive:
            Re: male
            - Scritto da: caronte
            - Scritto da: nome e cognome

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: Iniziatore



            Ad inviti? inizia molto male





            Inizia benissimo invece, considerando che

            tutti


            gli appartenenti a qualsiasi LUG sono


            invitati.



            Con 4 persone in totale si faranno un pokerino e

            poi tutti a casa a

            ricompilare.

            immagino tu abbia di meglio da fare con w10
            installato eh? chissà quante partite a
            solitario... No! fa tanti riavii, uno dietro l'altro.
          • nome e cognome scrive:
            Re: male

            No! fa tanti riavii, uno dietro l'altro.Vengono quelli del LUG a riavviare... uno dietro l'altro: due reboot e sono a posto.
Chiudi i commenti