USA, educazione al sexting

I democratici sponsorizzano un disegno di legge che differenzi lo scambio di immagini pruriginose dai reati di pedopornografia. I teenager dovrebbero seguire un corso di recupero sui pericoli (legali e morali) del sexting

Roma – Un nuovo disegno di legge , proposto da un gruppo di senatori democratici per mitigare un fenomeno ormai in ascesa in terra statunitense. Trattasi però di un approccio meno aggressivo alle attività di sexting , ovvero dell’invio a mezzo elettronico – tipicamente via cellulare – di immagini pruriginose o addirittura pornografiche.

E le previsioni legislative del Cyber-Crime Youth Rescue Act cercheranno di istituire un vero e proprio programma di recupero degli adolescenti a stelle e strisce , spesso colti a scambiarsi immagini di nudo o rappresentazioni esplicite del proprio corpo. Il gruppo di senatori vorrebbe in sostanza differenziare il sexting da reati più pesanti come quello legato alla condivisione di immagini pedopornografiche .

Ai responsabili dell’ Office of Children and Family Services verrebbe dunque assegnato un compito tra i più delicati: istituire dei corsi formativi sui pericoli (legali e morali) del sexting . Tutti gli adolescenti colti in flagrante verrebbero così obbligati a seguire un programma di recupero, affinché comprendano gli eventuali pericoli legati allo scambio selvaggio di immagini pornografiche.

Un approccio decisamente più morbido di quello mostrato dalle autorità di stati come la Virginia e la Pennsylvania, già scagliatesi a livello penale contro il fenomeno del sexting. I minori – scarsamente consapevoli del rischio di finire nelle grinfie di un predatore sessuale – dovrebbero essere educati e non puniti. C’è chi non ha risparmiato l’ironia: il programma farebbe bene anche a molti adulti.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ozymandias scrive:
    Scelte dei test
    Articolo interessante, ma non sarebbe stato male utilizzare qualche gioco in più bastao sulle DX9, visto che c'è parecchia gente che è affezionata ad XP e non lo vuole mollare per Vista o Seven (e XP non supporta le DX oltre la 9).Sarebbe stato interessante anche vedere un benchmark fatto con programmi ad-hoc, tipo 3DMark.
    • Dinox PC scrive:
      Re: Scelte dei test
      Sui test DX9 si potrebbero fare anche se alcuni erano presenti (molti titoli prevedono una versione DX9 che rende circa come quella DX10). Benchmark quali 3DMark & Co. sono banditi dalla nostra redazione... Vabbè scherzo, però preferiamo non usarli in quanto difficilmente sono indicativi da soli delle performance di una VGA
  • anon scrive:
    oltre 2 dozzine?
    14 schede sono poco piú di una dozzina.
    • Gen Worden scrive:
      Re: oltre 2 dozzine?
      http://www.youtube.com/watch?v=SAkcaXXnpkE
    • Coprocessor e matematico scrive:
      Re: oltre 2 dozzine?
      Mille transistor! Numeri che fanno girare la testa!Povero Dinox, nel manuale della redazione c'è scritto che su PI la matematica è un'opinione e lui, meticoloso com'è, cerca di adeguarsi. Ma per battere i suoi colleghi ha ancora molta gavetta da fare.
      • Dinox PC scrive:
        Re: oltre 2 dozzine?
        Ehmmm dov'è che ho scritto questa castroneria?
        • Gen Worden scrive:
          Re: oltre 2 dozzine?
          nel sommario?
          • Dinox PC scrive:
            Re: oltre 2 dozzine?
            Se per sommario ti riferisci a questo: "Abbiamo provato oltre due dozzine di schede grafiche con prezzi di acquisto compresi fra 100 e 200 euro alla risoluzione Full HD. Per vedere quanto l'alta definizione sia alla portata di tute le tasche", mi spiace deluderti ma dovresti prendertela ancora una volta con Luca :D
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: oltre 2 dozzine?
            - Scritto da: Dinox PC
            Se per sommario ti riferisci a questo: "Abbiamo
            provato oltre due dozzine di schede grafiche con
            prezzi di acquisto compresi fra 100 e 200 euro
            alla risoluzione Full HD. Per vedere quanto
            l'alta definizione sia alla portata di tute le
            tasche", mi spiace deluderti ma dovresti
            prendertela ancora una volta con Luca
            :DE' sempre e solo colpa sua.
  • Blender scrive:
    typo
    il tottotitolo contiene un typo, "tuti"
  • IT services scrive:
    Prezzi
    il dato meno importante ma una GeForce GTX 460: 110 Euro.... specificate SE o non c'è la sua differenza..
Chiudi i commenti