USA, i terroristi si sconfiggono con i minitrasmettitori

Gli Stati Uniti si avvalgono di segnalatori radio minuscoli per dare una svolta definitiva alla lotta al terrorismo

Roma – Una nuova strategia utilizzata dalle forze USA in Afghanistan prevede l’utilizzo di abitanti del luogo compiacenti quali carrier per radiofari da depositare nei pressi di obiettivi sensibili come i rifugi dei capi talebani, nella speranza di assentare un duro colpo, magari definitivo, al terrorismo.

Per un compenso che può arrivare ad alcune centinaia di dollari gli autoctoni, opportunamente istruiti dal personale militare statunitense, si inoltrano nelle zone controllate dai miliziani taliban per posizionare trasmettitori radio camuffati per consentire ai droni Predator di colpire con maggiore precisione. Una volta piazzato il segnalatore i velivoli senza pilota, guidati direttamente da un centro vicino a Las Vegas, decollano dalla base aerea di Shamsi e si mettono in rotta per l’obiettivo, le cui coordinate sono state ricevute via satellite, per distruggerlo con i missili Hellfire .

Le specifiche tecniche di questi gingilli militari non sono facilmente reperibili, dato che ufficialmente si tratta di tecnologie classificate , ma uno dei fornitori dello U.S. Department of Defense , EWA Government Systems, produce un sistema chiamato Bigfoot Remote Tagging System . Uno strumento del genere avrebbe quindi il compito di attirare su di sé i Predator e altri armamenti senza correre il rischio di essere individuato e disattivato dal nemico, grazie alle dimensioni eccezionalmente ridotte che lo rendono facilmente occultabile.

Robert Baer, un ex agente della CIA, nutre alcuni dubbi sull’efficacia dell’implementazione bellica di questo sistema: “Non essendo possibile addestrare propriamente un Pashtun proveniente dal Waziristan per recarsi presso un sito prefissato non ci si può aspettare che una volta finito il lavoro questo ritorni a Peshawar o Islamabad con in mano un rapporto sulla missione. Il massimo che si può fare è sperare che abbia lasciato il radiofaro nel punto giusto”.

In futuro non saranno solo i Predator e i Reaper statunitensi ad usufruire di questa tecnologia: altre macchine belliche progettate per azioni antiterrorismo potrebbero avvalersi di questo sistema di segnalazione per consentire ai militari USA di terminare da remoto i nemici più pericolosi.

Infatti, secondo il comandante delle forze alleate in Afghanistan, negli ultimi 18 mesi sarebbero stati compiuti dai droni più di 50 attacchi, che avrebbero inferto seri danni alle milizie.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lol scrive:
    il diavolo negli USA
    non credo questo possa essere vero, più probabile che ci fossero altri motivi per bloccarli. Inoltre morto un papa se ne fa un'altro e la chiusura di un servizio non fermerà ne rallenterà più di tanto il badware sul network
    • fred scrive:
      Re: il diavolo negli USA
      Mi domando se e' vera l'accusa di distribuzione di pedoXXXXX.Se vogliono fare un raid a casa mia per motivi politici o di copyright enforcement basta che mi accusano di pedoXXXXX e il raid non fa scandalo.
      • attonito scrive:
        Re: il diavolo negli USA
        - Scritto da: fred
        Mi domando se e' vera l'accusa di distribuzione
        di
        pedoXXXXX.
        Se vogliono fare un raid a casa mia per motivi
        politici o di copyright enforcement basta che mi
        accusano di pedoXXXXX e il raid non fa
        scandalo.anche la "sicurezza nazionale" e' una ottima coperta per coprire ogni cosa.
    • rotfl scrive:
      Re: il diavolo negli USA
      - Scritto da: lol
      non credo questo possa essere vero, più probabile
      che ci fossero altri motivi per bloccarliEccone un altro che parla per dare aria alla bocca. Ma parlare di cose che si conoscono no, eh?
Chiudi i commenti