USA, il futuro sono i cyberbacarozzi

Evolve la robotica, in grado ora di trasformare pacifici insetti in macchine da guerra. Nel mentre, l'Europa segue le linee tracciate dal Giappone, i cui robot saranno amichevoli e cooperativi

Roma – C’è una linea etica, apparentemente invisibile, che passa sull’Atlantico e divide in due emisferi diversi l’industria robotica attuale: mentre in Europa e Asia i robot vengono visti prettamente come pacifici aiutanti il cui scopo è quello di aiutare l’essere umano, negli Stati Uniti uno dei campi di ricerca più caldo in materia di robotica è senz’ombra di dubbio quello militare . Mentre in Europa si seguono le orme del Giappone, negli USA la robotica assume connotati diversi, unendo pulsanti corpi organici a materie inorganiche.

Per il momento, l’uomo non c’entra, dal momento che il nuovo trend coinvolge uno dei regni animali più variegato ed esteso del pianeta, ovvero gli insetti: da tempo studiosi e scienziati vagliano la possibilità di utilizzare alcune delle specie più adatte allo scopo trasformandole in piccoli droni. Le sperimentazioni sono già attive da anni e, nonostante le proteste delle varie associazioni in difesa delle specie animali, non sembrano intenzionate a fermarsi.

La motivazione è quantomai semplice: costruire da zero piccoli droni risulta, nonostante i notevoli passi avanti fatti negli ultimi anni, ancora troppo dispendioso a livello economico ed energetico, necessità che ha spinto i ricercatori ad utilizzare gli insetti. In seguito si è trovato l’approccio più funzionale, ovvero quello di impiantare piccole apparecchiature elettroniche sulle corazze degli animali, procedura che oggi sembrerebbe essere stata rimpiazzata da una nuova tecnica che prevede l’ inserimento tramite operazione chirurgica di impianti elettronici. Stando al parere degli scienziati, con lo sviluppo dell’insetto, si integrano perfettamente nell’organismo, consentendo non solo di controllarne i movimenti agendo su muscoli e terminazioni nervose, ma anche di risolvere i problemi di autonomia dal momento che l’energia viene garantita dal metabolismo stesso dell’insetto.

Inoltre questi esperimenti, racchiusi all’interno del programma denominato Hybrid Insect Micro-Electro-Mechanical Systems , presentano ulteriori vantaggi per gli scienziati, dal momento che gli innesti vengono fatti in fase larvale: in questo periodo è possibile sfruttare la quasi completa immobilità dell’insetto, permettendo quindi di organizzare anche una produzione in serie. Una volta impiantati i dispositivi cibernetici, i cosiddetti cybug hanno tutto il tempo di riprendersi con calma dall’intervento, fino a raggiungere il successivo stadio evolutivo che, secondo i ricercatori, è caratterizzato dalla piena integrazione dei componenti installati .

A completare il tutto, una svariata serie di accessori in grado di equipaggiare gli insetti e renderli degli strumenti ideali da essere liberati sul campo di battaglia: tra la dotazione tecnica in possesso ai cybug vanno segnalate non solo le ormai onnipresenti videocamere, ma anche altri sensori utili, ad esempio, a identificare la presenza di gas tossici. Inoltre, per il futuro, si pensa anche ad estendere la vita dei cyber-insetti, inserendo, magari, anche dispositivi in grado di alimentarli. Così come avvenuto in passato, ricerche del genere sono state sovente oggetto di feroci critiche da parte di associazioni in tutela degli animali, che vedono atti simili come delle vere e proprie torture.

Di contro, in Europa si tende ad adottare un approccio molto più nipponico alla robotica, introducendo linee guida per l’ingresso in società dei robot come risposta al problema dell’invecchiamento generale della popolazione europea. Secondo quanto dichiarato da alcuni portavoce del progetto europeo CARE (Coordination Action for Robotics in Europe) la presenza di robot all’interno della società sarà entro il 2020 più che massiccia. I robot che verranno, così come in Giappone, avranno il compito di facilitare il lavoro, cooperando in maggiore autonomia sia tra di loro che con gli umani, divenendo utili anche in fatto di assistenza medica, assistendo quindi anziani e persone diversamente abili.

Vincenzo Gentile

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Angela scrive:
    Awesync
    A proposito, c'e uno software per synchronizzare l'agenda e contatti di Lotus Note con Google: Awesync (www.awesync.com)
  • Melotten scrive:
    Tutto dipende
    Tutto dipende dalle esigenze che l'azienda ha.Io credo che lotus si aun prodotto abbastanza flessibile e che riesce a gestire in modo abbastanza efficiente sia mail che database. cosa che Exchange non puo' fare.Trasferire la piattaforma mail su exchange potra' essere magari piu' semplice in termini di progettazione e di assitenza, ma un prodotto come lotus notes e' decisamente insostituibile in determinate occasioni. L'azienda per cui lavoro ha trasferito la sezione messagistica su exchange ma ha dovuto comunque mantenere in piedi la precedente rete basata su domino, la gestione dei database e' eccellente. :)Per me quindi e' un pareggio fisso :)
    • davide73 scrive:
      Re: Tutto dipende
      Sharepoint sarà la fine di Lotus, non Exchange...- Scritto da: Melotten
      Tutto dipende dalle esigenze che l'azienda ha.
      Io credo che lotus si aun prodotto abbastanza
      flessibile e che riesce a gestire in modo
      abbastanza efficiente sia mail che database. cosa
      che Exchange non puo'
      fare.

      Trasferire la piattaforma mail su exchange potra'
      essere magari piu' semplice in termini di
      progettazione e di assitenza, ma un prodotto come
      lotus notes e' decisamente insostituibile in
      determinate occasioni.


      L'azienda per cui lavoro ha trasferito la sezione
      messagistica su exchange ma ha dovuto comunque
      mantenere in piedi la precedente rete basata su
      domino, la gestione dei database e' eccellente.
      :)


      Per me quindi e' un pareggio fisso :)
  • pepito sbazzeguti scrive:
    io ci lavoro con lotus domino/notes
    Anche solo come MTA posso solo che esserne felice.E' 200 più leggero di Exchange e si rimette in piedi con 2 file di configurazione anche passando da un sistema operativo ad un altro.Quanti altri sistemi sono tanto flessibili?Exchange per linux? Fetchmail/sendmail per windows?Il vero problema è il costo.Ma se vuoi qualcosa di gratuito prenditi zimbra... con pro e contro...Non esiste il prodotto perfetto. E continuare a difendere questo o quello per partito preso, quello sì è degno di macachi.Non ti piace una cosa? E non usarla... Cosa vuoi da me?Che, ti pagano per fare pubblicità ad Exchange/lotus/vattelapesca?
  • benzene scrive:
    lotus-notes... orribile
    come da oggetto!
    • Simone MASI scrive:
      Re: lotus-notes... orribile
      Ma l'hai mai fatto un progetto di gestione della posta su Lotus Notes? Studia prima di parlare, io di progetti su Domino/Notes ne ho realizzati diversi e si è sempre comportato egregiamente.
  • GreenDrake scrive:
    giudizi grossolani
    Già, il fatto che sia farraginoso e pesante è indubbio.Ma che nessun altro software esistente sulla piazza sia in grado di raggiungere gli stessi risultati limitando enormemente tempi e costi e pure fuori dubbio.Non esistono software perfetti, ma non per questo d'altra parte si può dire che sono inutilizzabili e da buttare nel water, sopratutto se non c'è una alternativa degna di questo nome.Un esempio: un paio di aziende per cui lavoro hanno eliminato LN.Adesso tutti i progetti costano circa il triplo e non raggiungono tutti i risultati che si potevano ottenere prima...Lungimiranza?No, potenza dei commerciali della concorrenza.
    • Pippo360 scrive:
      Re: giudizi grossolani
      Mi associo al gruppo "1000 commerciali in fondo al mare" pero' vorrei anche aggiungere che non e' solo colpa loro se software/hardware scadente viene venduto, abbiamo anche omini che scelgono e sborsano il grano estremamente ignoranti per tutto cio' che riguarda il settore IT.Se solo lasciassero scegliere al ragazzetto che si occupa di data entry forse guadagnerebbero in tempo e soldi scegliendo cio' che e' realmente meglio per il proprio business
  • Nome e cognome scrive:
    il fatto è ke...
    Il fatto è ke sti articoli li inizio a leggere ma poi mi cadono le palle a terra capì? e alla fine non lo leggo piu e non capisco il senso...son piu belli i commenti che spuntano... si capisce di piu da li probabilmente ;)
    • Pippo360 scrive:
      Re: il fatto è ke...
      Meglio stare zitti e sembrare ignoranti che aprire la bocca e togliere ogni dubbio.[Tips mode on]Magari da "Amici" e "Uomini e donne" potresti trovare una ancor maggiore soddisfazione rispetto alla lettura di inutili, noiose ed incomprensibili notizie riguardanti l'informatica.[Tips mode off]Feed the troll FTW ^^
  • bbo scrive:
    Lotus Notes Sucks
    così, come da oggetto. Scontato, ma ogni tanto vale la pena ribadirlo ;-)
    • Luca scrive:
      Re: Lotus Notes Sucks
      Mi sa da troll.. mmm.Comunque devo ammettere che, da un lato è sicuramente un gran software (ed è migliorato costantemente dalla versione 6, la prima che ho provato), dall'altro è ancora abominevolmente pesante ed esigente..Potrebbe essere una gran trovata di Google questa, anche se dubito che molte aziende buttino così il programma usato per decenni.
    • Press play on tape scrive:
      Re: Lotus Notes Sucks
      - Scritto da: bbo
      così, come da oggetto. Scontato, ma ogni tanto
      vale la pena ribadirlo
      ;-)Dalla mia esperienza professionale chi lo dice di solito è perchè non ha capito nulla di Notes, specialmente della 8-8.5.In particolare quei macachi che continuano a usare/proporre Domino come MTA e Notes come se fosse Outlook ignorando le vere funzioni e potenzialità di questi prodotti...
      • bbo scrive:
        Re: Lotus Notes Sucks

        Dalla mia esperienza professionale chi lo dice di
        solito è perchè non ha capito nulla di Notes,
        specialmente della
        8-8.5.
        In particolare quei macachi che continuano a
        usare/proporre Domino come MTA e Notes come se
        fosse Outlook ignorando le vere funzioni e
        potenzialità di questi
        prodotti...si forse però al 99% delle aziende interessa solo un MTA mentre tutte le altre funzioni non interessano a nessuno.sbaglia chi compera Lotus?o sbaglia chi lo vende come se fosse un MTA?
        • Capitan Uncino scrive:
          Re: Lotus Notes Sucks
          In 14 anni di frequentazioni Lotus/IBM ho conosciuto buona parte dei commerciali IBM e ti assicuro che nessuno di questi si è mai sognato di proporre Domino/Notes come un semplice MTA. Ciò che ti sfugge, evidentemente dovuto al fatto che non l'hai mai usato, è che Notes è una piattaforma di sviluppo applicativo e non un semplice client di posta. Per di più compatibile con OGNI tecnologia e linguaggio di sviluppo esistente su questo pianeta. Per di più perfettamente integrato con la posta, cosa che permette di creare applicazioni di workflow che emettono notifiche mail collegate ai documenti del database. Per di più dotato di un efficiente meccanismo di replica che consente agli utenti di lavorare sulle applicazioni anche completamente offline e poi di sincronizzarle al ripristino della connessione garantendo la coerenza dei dati.E tanti altri motivi che non vale la pena di spiegare ad un brufoloso 16enne Exchange-addicted
          • anonimo scrive:
            Re: Lotus Notes Sucks
            - Scritto da: Capitan Uncino
            In 14 anni di frequentazioni Lotus/IBM ho
            conosciuto buona parte dei commerciali IBM e ti
            assicuro che nessuno di questi si è mai sognato
            di proporre Domino/Notes come un semplice MTA.
            Ciò che ti sfugge, evidentemente dovuto al fatto
            che non l'hai mai usato, è che Notes è una
            piattaforma di sviluppo applicativo e non un
            semplice client di posta. Per di più compatibile
            con OGNI tecnologia e linguaggio di sviluppo
            esistente su questo pianeta. Per di più
            perfettamente integrato con la posta, cosa che
            permette di creare applicazioni di workflow che
            emettono notifiche mail collegate ai documenti
            del database. Per di più dotato di un efficiente
            meccanismo di replica che consente agli utenti di
            lavorare sulle applicazioni anche completamente
            offline e poi di sincronizzarle al ripristino
            della connessione garantendo la coerenza dei
            dati.
            E tanti altri motivi che non vale la pena di
            spiegare ad un brufoloso 16enne
            Exchange-addicted
          • bbo scrive:
            Re: Lotus Notes Sucks
            - Scritto da: Capitan Uncino
            In 14 anni di frequentazioni Lotus/IBM ho
            conosciuto buona parte dei commerciali IBM e ti
            assicuro che nessuno di questi si è mai sognato
            di proporre Domino/Notes come un semplice MTA.In 14 anni di lavoro ho imparato che IBM è meglio che faccia hardware. Con il software proprio non ci siamo!;-)
            Ciò che ti sfugge, evidentemente dovuto al fatto
            che non l'hai mai usato, è che Notes è una
            piattaforma di sviluppo applicativo e non un
            semplice client di posta. Per di più compatibile
            con OGNI tecnologia e linguaggio di sviluppo
            esistente su questo pianeta. Per di più
            perfettamente integrato con la posta, cosa che
            permette di creare applicazioni di workflow che
            emettono notifiche mail collegate ai documenti
            del database. Per di più dotato di un efficiente
            meccanismo di replica che consente agli utenti di
            lavorare sulle applicazioni anche completamente
            offline e poi di sincronizzarle al ripristino
            della connessione garantendo la coerenza dei
            dati.Si ma guarda, ho presente che cosa si può fare con Lotus, lo conosco.Negli anni 80 questo era meraviglioso. Infatti Lotus è stato un prodotto davvero innovativo, all'epoca.Ma oggi?Ah non voglio fare il troll... ma lavorare ogni giorno con Lotus è un inferno! In azienda lo odiamo tutti!Utenti, sistemisti, e chi ci programma! Solo chi ci vende gli applicativi è felice! :-)
            E tanti altri motivi che non vale la pena di
            spiegare ad un brufoloso 16enne
            Exchange-addicteda me piace Google Apps :-)
          • The Punisher scrive:
            Re: Lotus Notes Sucks
            - Scritto da: Capitan Uncino
            Notes è una
            piattaforma di sviluppo applicativo e non un
            semplice client di posta. Per di più compatibile
            con OGNI tecnologia e linguaggio di sviluppo
            esistente su questo pianeta.Ti dico solo UNA cosa:CSSCome li supporta Notes?(ebbasta con i fanboy, da qualunque parte essi arrivino).
          • Simone MASI scrive:
            Re: Lotus Notes Sucks
            Quoto alla grande e sono un macaco che ha usato Domino/Notes alla grande sicuramente funziona meglio dell'accoppiata Entourage/Exchange che sono costretto ad usare adesso. Mettiamoci inoltre che la piattaforma cluster di Domino è una delle migliori esistenti.- Scritto da: Capitan Uncino
            In 14 anni di frequentazioni Lotus/IBM ho
            conosciuto buona parte dei commerciali IBM e ti
            assicuro che nessuno di questi si è mai sognato
            di proporre Domino/Notes come un semplice MTA.
            Ciò che ti sfugge, evidentemente dovuto al fatto
            che non l'hai mai usato, è che Notes è una
            piattaforma di sviluppo applicativo e non un
            semplice client di posta. Per di più compatibile
            con OGNI tecnologia e linguaggio di sviluppo
            esistente su questo pianeta. Per di più
            perfettamente integrato con la posta, cosa che
            permette di creare applicazioni di workflow che
            emettono notifiche mail collegate ai documenti
            del database. Per di più dotato di un efficiente
            meccanismo di replica che consente agli utenti di
            lavorare sulle applicazioni anche completamente
            offline e poi di sincronizzarle al ripristino
            della connessione garantendo la coerenza dei
            dati.
            E tanti altri motivi che non vale la pena di
            spiegare ad un brufoloso 16enne
            Exchange-addicted
      • Il Dalla scrive:
        Re: Lotus Notes Sucks
        E' migliorato specialmente nella versione 8.5 in cui quando premi ''open inbox'' e non apre la cartella della posta in arrivo...
    • 1977 scrive:
      Re: Lotus Notes Sucks
      - Scritto da: bbo
      così, come da oggetto. Scontato, ma ogni tanto
      vale la pena ribadirlo
      ;-)Non capisci molto di informatica.
      • okkey scrive:
        Re: Lotus Notes Sucks
        sarà, ma spesso usandolo ti cascano i cocones, ed è più il tempo che passo a raccoglierli rispetto al tempo che sono produttivo...
    • Giambo scrive:
      Re: Lotus Notes Sucks
      - Scritto da: bbo
      così, come da oggetto. Scontato, ma ogni tanto
      vale la pena ribadirlo
      ;-)Quoto, l'ho dovuto usare per un paio di anni, e la notte ancora mi sveglio urlando :
    • The Punisher scrive:
      Re: Lotus Notes Sucks
      Un po' drastico il tuo post ma mi tocca quotarti comunque.Ho usato Notes dalla versione 4.1 (si parla di 13 anni fa) e l'ultima che ho avuto modo di usare e' stata la 7.xIn una sola parola: farraginoso.
Chiudi i commenti