DARPA, pimp my beetle

Pare essersi concluso il progetto avviato in collaborazione di alcuni ricercatori universitari statunitensi. Lo sciame di cyber-spie è pronto. Tra le polemiche di chi alla guerra preferisce gli insetti
Pare essersi concluso il progetto avviato in collaborazione di alcuni ricercatori universitari statunitensi. Lo sciame di cyber-spie è pronto. Tra le polemiche di chi alla guerra preferisce gli insetti

Il tanto discusso progetto finanziato da DARPA , volto a creare robo-insetti telecomandati, ha dato i primi risultati: dopo anni di esperimenti e feroci polemiche il primo esemplare di scarabeo rinoceronte bionico è stato mostrato dagli scienziati della Berkeley al Micro Electro Mechanical Systems 2009 ( MEMS ), da poco conclusosi a Sorrento.

Come ricorderanno i lettori di Punto Informatico , lo studio è stato condotto dagli scienziati grazie a un finanziamento elargito dall’ente militare statunitense. Il programma prevede l’inserimento di 6 piccoli elettrodi sul corpo dell’animale, grazie ai quali è possibile comandarne i movimenti tramite un apposito software e a un emettitore di onde radio.

La scelta del particolare insetto sarebbe tutt’altro che casuale: essendo tra gli insetti volanti più grandi a disposizione, questi scarabei possono sopportare un carico di peso fino a 3 grammi senza che esso gravi troppo sulla libertà di movimento. Ma non è solo questo il motivo: stando a quanto sarebbe stato dichiarato dai ricercatori dell’università californiana, l’insetto sarebbe stato scelto anche per “il suo aspetto così cool”.

In barba all’entusiasmo degli scienziati, la notizia è stata accolta da molti con un certo disappunto, poiché la particolare procedura di inserimento degli elettrodi e di controllo viene vista come una vera e propria tortura. Nella blogosfera sono scoppiate le polemiche, come già accaduto nel 2006 quando DARPA annunciò i suoi intenti: ovvero utilizzare gli insetti come piccole spie in grado di coadiuvare la sempre più tecnologica fanteria, che già conta numerosi alleati hi-tech .

Vincenzo Gentile

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

29 01 2009
Link copiato negli appunti