USA, in arrivo database del DNA

Si parte in New Jersey, dove si inizierà a raccogliere il DNA di centinaia di migliaia di persone, da archiviare in un apposito database dell'FBI. L'obbligo di cedere DNA
Si parte in New Jersey, dove si inizierà a raccogliere il DNA di centinaia di migliaia di persone, da archiviare in un apposito database dell'FBI. L'obbligo di cedere DNA


Trenton (USA) – Le autorità del New Jersey provvederanno dal mese prossimo alla raccolta di campioni di DNA dei cittadini dello stato americano. Per il momento, saranno sottoposti alla raccolta solo coloro che sono stati o saranno condannati per qualsiasi reato nei tribunali dello stato.

L’idea di una legge che entro la fine di questo mese dovrebbe essere firmata dal governatore del New Jersey è quella di far confluire in un database centralizzato le strutture DNA di centinaia di migliaia di persone, in modo tale da poter rendere in molti casi più veloci e meno complesse le indagini da parte degli inquirenti.

I fondi per la costituzione e il mantenimento del database verranno trovati aumentando di un paio di dollari le sanzioni per eccesso di velocità sulle strade dello stato. Questo dovrebbe portare a raccogliere 8,2 milioni di dollari all’anno, con i quali verranno anche assunti circa 40 scienziati specializzati per il laboratorio della polizia.

La legge prevede anche che chiunque si trova attualmente in prigione, oppure sotto supervisione giudiziaria o in libertà vigilata dovrà sottoporsi alla raccolta del DNA. Si parla di circa 110mila persone, la maggior parte delle quali dovrà cedere campioni della propria saliva ai funzionari dedicati alla raccolta.

Tutti questi campioni saranno poi analizzati e tradotti in profili genetici che troveranno posto in un database gestito dall’FBI e che potrà comparare questi profili con quanto emerso sulle scene dei crimini commessi in tutti gli Stati Uniti.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 06 2003
Link copiato negli appunti