USA, la Mega-estradizione dovrà aspettare

Il processo a Kim Dotcom è stato spostato al prossimo novembre, inizialmente previsto per agosto. Le autorità statunitensi devono prima restituire le informazioni sequestrate senza permesso

Roma – Inizialmente previsto per il prossimo agosto, il grande processo al boss del file hosting è stato nuovamente rinviato su ordine del giudice distrettuale neozelandese. Una decisione sulla richiesta di estradizione per il founder di Megaupload Kim Dotcom non verrà presa prima del 21 novembre 2013 , quando dovrebbe avere inizio il dibattimento finale tra le autorità statunitensi e i rappresentanti del mega-impero.

Confermato dall’avvocato di Dotcom Ira Rothken, il posticipo dell’evento legale è stato autorizzato in seguito alla decisione presa alla fine dello scorso maggio dall’Alta Corte neozelandese, quando il mandato di perquisizione (e conseguente sequestro) ordinato dai federali statunitensi veniva invalidato perché ritenuto eccessivamente generico e non supportato da accuse precise.

In sostanza, bisognerà fare maggiore chiarezza sulle procedure adottate dal Department of Justice (DoJ) per ordinare il raid contro Dotcom e il suo cyberlocker. Il giudice kiwi ha infatti ordinato al governo USA di restituire all’imprenditore di origini tedesche i dati archiviati negli hard disk sequestrati all’inizio dell’anno. Le autorità a stelle e strisce potranno conservare solo quelle informazioni effettivamente rilevanti ai fini del processo . ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    fanXXXX ai pakistani!
    e a tutti i censori di vario ordine e grado!
  • AxAx scrive:
    ma quanto hanno rotto i manbrucchi
    di tutto il mondo.nuke'm all
  • Il PAKISTAN scrive:
    Google e YouTube devono filtrare
    Google e YouTube devono filtrare, capito? :@Parola di Anusha Rahman Khan
    • Gioco di mano scrive:
      Re: Google e YouTube devono filtrare
      Come mai sono le stesse parole e lo stesso emoticon della SIAE? Vedi qui un paio di esempi:1) http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3759415&m=3759899#p37598992) http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3677353&m=3680937#p3680937
      • redassione scrive:
        Re: Google e YouTube devono filtrare
        - Scritto da: Gioco di mano
        Come mai sono le stesse parole e lo stesso
        emoticon della SIAE? Vedi qui un paio di
        esempi:

        1)
        http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3759415&m=375

        2)
        http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3677353&m=368[img]http://tellmewhyimwrong.files.wordpress.com/2010/04/confused-woman.jpg[/img]
      • un osservator e scrive:
        Re: Google e YouTube devono filtrare
        - Scritto da: Gioco di mano
        Come mai sono le stesse parole e lo stesso
        emoticon della SIAE? Vedi qui un paio di
        esempi:

        1)
        http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3759415&m=375

        2)
        http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3677353&m=368 Non hai capito che è sempre lo stesso troll pagato dalla redazione per aumentare il numero dei clic?
    • Gino scrive:
      Re: Google e YouTube devono filtrare
      - Scritto da: Il PAKISTAN
      Google e YouTube devono filtrare, capito? :@

      Parola di Anusha Rahman KhanUn decerebrato sostenuto da migliaia di cerebrolesi...
      • uncle bill scrive:
        Re: Google e YouTube devono filtrare
        - Scritto da: Gino
        - Scritto da: Il PAKISTAN

        Google e YouTube devono filtrare, capito? :@



        Parola di Anusha Rahman Khan

        Un decerebrato sostenuto da migliaia di
        cerebrolesi...ma di chi parli?
Chiudi i commenti