USA, l'informazione è sempre più online

Internet è lo strumento più usato dai giovani adulti per l'accesso alle notizie. Numeri positivi anche per le altre fasce di età. La radio mantiene la sua fetta fedele di ascoltatori

Roma – I cosiddetti young adults sono quella categoria di individui che presentano un’età che va dai 18 ai 29 anni. Una ricerca del Pew Research Center ha messo sotto la lente questi ultimi in rapporto alle fonti di notizie, scoprendo che Internet è lo strumento più usato per accedere alle notizie negli USA.

Nel 2010, il 65 per cento dei netizen inferiori ai trent’anni di età ha citato Internet come maggior veicolo di accesso alle informazioni , percentuale quasi doppia rispetto al 34 per cento registrato nel 2007. Il numero di persone che considerano la televisione come fonte di informazione è calato dal 68 al 52 per cento durante l’ultimo triennio.

Per quanto concerne gli adulti, fra i 1500 cittadini statunitensi intervistati, il 41 per cento afferma di rivolgersi alla Rete per accedere alle notizie nazionali e internazionali, rispetto al 17 per cento del 2007. Il 66 per cento (in confronto al 74) ha invece citato la TV come mezzo di comunicazione maggiormente in uso tra gli altri gruppi di età. La percentuale di individui di 65 anni e più anziani che si muove in rete è cresciuta dal 5 al 14 per cento nonostante il tubo catodico e i suoi derivati rimangano la fonte principale per il 79 per cento del campione.

Nei prossimi anni, Internet potrebbe raggiungere o addirittura sorpassare la TV in qualità di risorsa informativa per coloro che hanno dai 30 ai 49 anni di età, afferma , stima il Pew: “Attualmente, il 48 per cento cita Internet come fonte principale di informazione (in rialzo di 16 punti dal 2007) e il 63 per cento la televisione (in ribasso di 8 punti)”.

Riguardo agli indicatori di istruzione , la TV rimane il mezzo più usato tra i meno istruiti . I laureati presso i college che citano Internet segnano una percentuale del 51 per cento rispetto al 54 della TV, mentre il 29 per cento tra coloro che possiedono un diploma di scuola superiore dichiarano di fruire della Rete rispetto al 75 per cento che continua a servirsi della TV. Stesso tendenza per gli indicatori di reddito: il 54 per cento dei più ricchi cita Internet in confronto al 34 per cento dei meno abbienti.

Un dato interessante riguarda la radio, che mantiene una posizione di tutto rispetto: il 16 per cento degli intervistati continua a citarla come fonte di informazione preponderante. In crescita, inoltre, l’uso di social network come Facebook e Twitter da parte dei media tradizionali per la costruzione delle notizie.

Secondo Andrew Kohut, presidente del Pew Research Center , i cittadini d’Oltreoceano affermano di passare molto più tempo alla ricerca di informazione rispetto agli anni passati grazie alla crescente disponibilità di canali alternativi.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Findi scrive:
    bhè....
    saranno volatili per diabetici....:-)
  • antonio scrive:
    Si può sapere in qualche modo
    se fra quei 50K c'è anche il nostro?
  • Talking Head scrive:
    La logica...
    ...secondo cui una persona dovrebbe fare un acquisto simile, è davvero misteriosa.Compiere un gesto grave: - dal punto di vista legale (furto di identità, truffa, riciclaggio internazionale)- dal punto di vista morale (stai togliendo soldi ad uno sconosciuto, senza sapere la sua situazione) per avere in cambio uno sconto dell'80% sull'acquisto di MP3.Quando potresti compiere un gesto senza conseguenze per nessuno e dal profilo legale minimo (scaricare il file pirata) per prenderli con uno sconto del 100%.
    • antonio scrive:
      Re: La logica...
      - Scritto da: Talking Head
      ...secondo cui una persona dovrebbe fare un
      acquisto simile, è davvero
      misteriosa.

      Compiere un gesto grave:
      - dal punto di vista legale (furto di identità,
      truffa, riciclaggio
      internazionale)
      - dal punto di vista morale (stai togliendo soldi
      ad uno sconosciuto, senza sapere la sua
      situazione)

      per avere in cambio uno sconto dell'80%
      sull'acquisto di
      MP3.

      Quando potresti compiere un gesto senza
      conseguenze per nessuno e dal profilo legale
      minimo (scaricare il file pirata) per prenderli
      con uno sconto del
      100%.so cinesi
    • mitticco scrive:
      Re: La logica...
      gli serve per itunes, iphone ipad ipod, apple, utenti non proprio intelligenti, da entrambe le parti, chi si fa violare l'account e chi compra gli account
Chiudi i commenti