USA, portatili truffa in regalo

Diversi uffici governativi statali ricevono laptop in regalo. Mistero sul benefattore, scattano le indagini anti-malware. L'FBI esclude ci sia pericolo, ma ora è caccia agli autori del gesto e alle loro motivazioni

Roma – Quanto vale il passaggio dai trojan horse software a quelli in hardware? Qualche migliaio di dollari, più o meno il costo dei cinque laptop nuovi recapitati a Joe Manchin, governatore del West Virginia che si è visto consegnare in ufficio il “regalo” non richiesto senza che si specificasse uno straccio di motivazione per il gesto .

I laptop, tutti HP (ma la scelta del marchio è probabilmente casuale), sono stati spediti all’inizio del mese di agosto ma non sono stati mai utilizzati. Il governatore e i suoi dipendenti hanno piuttosto controllato scrupolosamente gli archivi per verificare eventuali ordini pregressi, stabilendo infine che quei portatili non li aveva richiesti proprio nessuno.

I PC sono stati opportunamente consegnati alla polizia, e la questione ha assunto rilevanza nazionale quando sono emersi “regali” simili anche nel Vermont e nel Wyoming. L’indagine ha coinvolto dunque anche l’FBI, e in attesa di leggere l’epilogo della vicenda il responsabile per la sicurezza del Kyle Schafer mette le mani avanti confermando che le autorità non credono si tratti di “un gesto di buona volontà”.

Le analisi sin qui svolte non hanno rivelato la presenza di codice malevolo sui PC, per cui l’FBI è ora al lavoro con HP per stabilire da dove siano partiti quegli ordini e soprattutto a opera di chi. Il produttore dice di essere a conoscenza dell’accaduto, della probabile matrice truffaldina degli ordini e conferma la volontà di collaborare pienamente con le autorità per risolvere il mistero.

L’ipotesi al momento più accreditata e quella che descrive i laptop come una sorta “trojan hardware”, o più opportunamente hardware usato come cavallo di troia nel tentativo di penetrare negli ambienti governativi invogliando gli ufficiali a usare i PC. Anche se ognuno dei computer costasse 700 dollari, sostengono i consulenti di sicurezza, la possibilità di avere accesso ai dati amministrativi rappresenterebbe comunque un valore ben superiore per cyber-criminali e affini.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MegaLOL scrive:
    Titolo errato. :)
    Dovrebbe essere "La Casa Bianca CONTROLLERÀ internet". ;)Trovo molto bello svegliarsi la mattina e scoprire che la FINE dell'INTERNACCHIO è sempre più vicina. :)
    • ullala scrive:
      Re: Titolo errato. :)
      - Scritto da: MegaLOL
      Dovrebbe essere "La Casa Bianca CONTROLLERÀ
      internet".
      ;)

      Trovo molto bello svegliarsi la mattina e
      scoprire che la FINE dell'INTERNACCHIO è sempre
      più vicina.
      :)Trovo molto bello che le tue illusioni siano puntualmente smentite ogni mattina (ma anche la notte) da oltre trent'anni!
  • massimof scrive:
    Obama con le sue manie
    diventa sempre piu pericoloso. Invece di occuparsi dei tanti problemi degli Stati Uniti, passa la maggior parte del suo tempo a controllare che stampa e TV lo facciano apparire sempre bello, e a leggere i sondaggi per decidere in che direzione andare.Adesso vuole anche il controllo di Internet.....
    • Mirco scrive:
      Re: Obama con le sue manie
      Mi ricorda qualcuno vicino .......
    • OldDog scrive:
      Re: Obama con le sue manie
      - Scritto da: massimof
      diventa sempre piu pericoloso. Invece di
      occuparsi dei tanti problemi degli Stati Uniti,
      passa la maggior parte del suo tempo a
      controllare che stampa e TV lo facciano apparire
      sempre bello, e a leggere i sondaggi per decidere
      in che direzione andare.Mi sembra un giudizio politico off topic (legittimo, ma non capisco avallato da quali dati concreti: negli USA mi risulta stiano commentando il suo impegno deciso a sostenere in giro per gli States la sua proposta di protezione sanitaria assicurata alla popolazione a integrazione del sistema privato da loro in uso).
      Adesso vuole anche il controllo di Internet...Il presidente USA ha sempre avuto poteri straordinari sulle telecomunicazioni in caso d'emergenza nazionale, dai tempi della guerra fredda, per poter intervenire in maniera automatica su ogni canale TV e radio (questo avevano allora). Lo si cita in diversi film dell'epoca, tra l'altro.L'estensione alla rete Internet USA non può stupire, in quanto è la naturale evoluzione tecnologica del sistema. Difficile accettare che gli USA in questo modo controllino gran parte della rete, ma questo dipende anche dall'aver evitato di investire nella infrastruttura di Internet una quota equivalente come europei.Stessa cosa per le polemiche sulla rete GPS e l'opportunità di creare un "doppione" europeo: essere indipendenti costa, perché "freedom is not free".
  • Ubiquo scrive:
    Ubiquo...
    segnalo un refuso:tecno-controllo

    ubiquio
  • The truth scrive:
    E con Obama doveva cambiare qualcosa?
    Poveri illusi. Quanti pensavano che il dopo Bush sarebbe stato democratico, che con l'arrivo di Obama finalmente sarebbe arrivato un periodo di libertà, c'era gente che piangeva di gioia in America quando fu eletto, poveri illusi...Cosi' adesso di possono fare le leggi restrittive senza che la gente pretesti(rotfl)
    • pietro scrive:
      Re: E con Obama doveva cambiare qualcosa?
      - Scritto da: The truth
      ... c'era gente che piangeva di gioia in
      America quando fu eletto...... anche in Italia ...
      • paolo secco scrive:
        Re: E con Obama doveva cambiare qualcosa?
        - Scritto da: pietro
        - Scritto da: The truth

        ... c'era gente che piangeva di gioia in

        America quando fu eletto...

        ... anche in Italia ...c'era anche chi stava nel letto grande
      • sfortunato scrive:
        Re: E con Obama doveva cambiare qualcosa?
        - Scritto da: pietro

        ... anche in Italia ...lulz secondo loro uno appoggiato da poteri fortissimi e capitali ancor più grandi giocava a fare il rivoluzionario..ma questi qui sono gli stessi che si credono attivisti solo perchè fanno girare catene anti berlusca su facebookhahaha i rivoluzionari 2.0 mi fanno schiantare (rotfl)e come diceva qualcuno... sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su sui giovani d'oggi ci scatarro su
    • panax scrive:
      Re: E con Obama doveva cambiare qualcosa?
      secondo me non hai letto l'articolo (figuriamoci poi leggere le fonti del dibattito di cui parla l'articolo)
    • N.C. scrive:
      Re: E con Obama doveva cambiare qualcosa?
      Hai letto l'articolo, si chiama estensione di una legge esistente per i casi di emergenza !!!
    • Eugenio Odorifero scrive:
      Re: E con Obama doveva cambiare qualcosa?
      - Scritto da: The truth
      Poveri illusi. Quanti pensavano che il dopo Bush
      sarebbe stato democratico, che con l'arrivo di
      Obama finalmente sarebbe arrivato un periodo di
      libertà, c'era gente che piangeva di gioia in
      America quando fu eletto, poveri
      illusi...
      Cosi' adesso di possono fare le leggi restrittive
      senza che la gente
      pretesti(rotfl)Innanzitutto è una proposta di legge, non è una legge. Deve essere discussa è votata. E' discutibile la persona che lo ha presentato - di una delle dinastie di potere più potenti e controverse del mondo - e che fa tanto pensare che sarà discussa e/o approvata più per timore reverenziale, che per lo spessore della proposta in sé.
  • Joliet Jake scrive:
    Ma...
    Ma la rete Darpanet/Internet non era nata proprio con lo scopo di non centralizzare tutte le informazioni in un unico punto e distribuirle in modo da prevenire il blocco dall'esterno? E ora vogliono implementare il modo per bloccarla dall'interno?Mah...(newbie)
  • an0nim0 scrive:
    Ricordate l'episodio di South Park ...
    ... in cui, per un disservizio, un'enorme fetta di statunitensi restavano senza internet? Ecco, lo scenario che mi viene in mente e' proprio quello ;)
    • sfortunato scrive:
      Re: Ricordate l'episodio di South Park ...
      - Scritto da: an0nim0

      lo scenario che mi viene in mente e' proprio
      quello
      ;)tipo s0nk?
Chiudi i commenti