USA, spariscono centinaia di iPhone

Un dinamico duo di dipendenti li faceva sparire dal negozio. Scoperti e licenziati. E arrestati

Roma – Due dipendenti dell’Apple Store di Salem (New Hampshire) avevano preso l’abitudine di far sparire dal negozio gli iPhone in vendita per piazzarli sul mercato nero. Erano riusciti a trafugarne ben 332, per un valore di oltre 130mila dollari (oltre 80mila euro), prima di venire scoperti dal direttore del negozio e denunciati alla polizia.

I due responsabili dell’accaduto, Joshua Garrand di 28 anni e Christopher Nashed di 22, sono stati presi in custodia dagli investigatori e condotti in carcere: entrambi sono detenuti in attesa di giudizio , con diversi capi di imputazione.

Nessun dettaglio è trapelato su come i dipendenti infedeli rivendessero la merce, anche se è probabile che sfruttassero Internet per piazzare i terminali in tutto il mondo. Le indagini erano iniziate lo scorso gennaio, quando la polizia è stata contattata dai responsabili dello store, ma ci sono voluti quasi tre mesi per venire a capo della intera faccenda.

Secondo il capo della polizia locale, si tratta di uno dei casi di furto ad opera di dipendenti più consistente mai registrato nella zona. Non è peraltro la prima volta che Apple deve vedersela con dipendenti affamati di iPhone , così tanto da finire nei guai. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti