Username: uno, nessuno e centomila

Un team di ricerca mette a punto uno strumento in grado di misurare l'unicità delle keyword identificative usate dagli utenti online, scoprendo di poter identificare con certezza una singola persona nascosta dietro decine di username diversi
Un team di ricerca mette a punto uno strumento in grado di misurare l'unicità delle keyword identificative usate dagli utenti online, scoprendo di poter identificare con certezza una singola persona nascosta dietro decine di username diversi

L’utilizzo di diversi nomi utente per l’autenticazione sulla sterminata quantità di servizi online non è garanzia di riservatezza e protezione da parte dei malintenzionati. O per lo meno è quello che sostiene un team francese capitanato da Daniele Perito, secondo le cui ricerche dietro ogni diverso username esisterebbe un vero e proprio “naming pattern” univoco in grado di identificare l’utente.

Alla base della ricerca francese c’è l’idea che diversi username registrati dalla stessa persona tendano a essere parecchio simili tra di loro, e per provare questa teoria è stato messo a punto un software in grado di analizzare circa 10 milioni di nomi utente presenti nei database di Google, eBay e MySpace.

Dopo aver messo a punto un metodo per incrociare tra di loro le username presenti sui diversi siti , i ricercatori sono infine riusciti a risalire al singolo utente dietro le “diverse” parole chiave identificative. Il software “è in grado di scovare i nomi utenti collegati tra di loro il 50 per cento delle volte con una precisione quasi assoluta – spiega Perito – ma gli utenti tendono a scegliere e cambiare i loro username in maniera prevedibile, e tendono ad avere un piccolo set di distinti username”.

Una volta piegata agli scopi di eventuali malintenzionati (cybercriminali, spammer e altri figuri di tale risma), avvertono i ricercatori, una simile tecnologia potrebbe essere impiegata per profilare con esattezza implacabile i target di campagne di advertising indesiderato, posta spazzatura, phishing personalizzato e chissà cos’altro.

Per mostrare i risultati del loro lavoro e per rendere edotti gli utenti sui pericoli connessi all’identificazione personale in rete, i ricercatori hanno approntato un sito web da cui è possibile controllare il livello di entropia di un nome utente (indicato in “bit”) e la sua eventuale unicità – qualità che lo rende perfetto per scovare la reale identità dell’utente partendo solo dai suoi username di rete.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 02 2011
Link copiato negli appunti