Utilizzare le fotografie su Internet

di Valentina Frediani (consulentelegaleinformatico.it) - Di chi è una fotografia? Quale uso se ne può fare? Come si possono difendere i propri diritti? Alcune considerazioni su temi centrali per la vita dei siti


Roma – La legge disciplinante il diritto d’autore, la numero 633/41, regolamenta tale diritto relativo alle immagini ed in particolare alle fotografie. Infatti, sono protette da suddetta legge tutte le opere dell’ingegno di carattere creativo incluse le opere fotografiche e quelle espresse con procedimento analogo a quello della fotografia.

Ai fini dell’applicazione normativa, il legislatore considera fotografie le immagini di persone o di aspetti, elementi o fatti della vita naturale sociale, ottenute con il processo fotografico o con processo analogo, comprese le riproduzioni di opere dell’arte figurativa ed i fotogrammi delle pellicole cinematografiche.

Nell’espressione “fotografie”, non possono ritenersi incluse le fotografie di documenti, scritti, carte di affari, oggetti materiali, disegni tecnici e prodotti simili.
In merito a quest’ultimo aspetto, si è pronunciata nel 2000 la Suprema Corte di Cassazione, stabilendo nella sentenza n. 8425, che una fotografia per assurgere al ruolo di opera fotografica deve presentare valore artistico nonché connotati di creatività escludendosi dunque tutela per le fotografie aventi esclusivamente mera finalità riproduttiva (godono invece di tutela le fotografie che riproducono un oggetto materiale).

La questione nel merito vedeva parti in giudizio una società di commercializzazione di prodotti per forniture ospedaliere, ed un fotografo. La prima aveva commissionato a quest’ultimo la realizzazione di un catalogo raffigurante i propri prodotti. Il fotografo aveva successivamente rivendicato il proprio diritto d’autore sulle fotografie, diritto negatogli dalla società in base al fatto che era stata la stessa a fornirgli i prodotti poi fotografati.

La Suprema Corte, bensì, riconosceva il diritto d’autore al fotografo, in quanto le fotografie realizzate dal fotografo, non potevano essere assimilate a fotografie aventi mera finalità riproduttivo-documentale, in quanto ancorché non creative avevano comunque finalità di promozione commerciale e non meramente commerciale, comportando un impiego di creatività, pur se marginale, da parte del fotografo.
La distinzione, operata in sede legislativa, è dettata dall’attribuzione all’ingegno che il fotografo può impiegare nella realizzazione di una fotografia ad alto contenuto espressivo, rispetto ad una mera riproduzione senza alcun elemento di iniziativa dell’autore come appunto una riproduzione documentale.


La legge riconosce al fotografo il diritto esclusivo di riproduzione, diffusione e spaccio della fotografia salvo per i ritratti. In tale ipotesi la legge prevede una prevalenza del diritto all’immagine di colui che viene ritratto, il quale conserva ogni diritto sulla propria immagine (anche in tal caso vige una eccezione, in quanto non occorre il consenso del diretto interessato qualora si tratti di casi in cui la riproduzione dell’immagine sia giustificata dalla notorietà o dall’ufficio pubblico coperto, o da necessità di giustizia, o di polizia, o di scopi scientifici didattici o culturali o qualora la riproduzione sia collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltesi in pubblico).

Ed ancora: il diritto esclusivo dell’autore sulla fotografia, ha durata ventennale dalla produzione della stessa.

È da prendersi in analisi anche una ipotesi ricorrente, ovvero la realizzazione di una fotografia su commissione. In tal caso, essendo la stessa il risultato di un adempimento contrattuale, il diritto esclusivo spetta al datore di lavoro.

La sentenza di cui abbiamo in precedenza trattato, si pronuncia anche in merito a questo aspetto legislativo.

Essa, infatti, stabilisce che alle fotografie effettuate nel corso ed in adempimento di un contratto di lavoro subordinato, il diritto esclusivo su di esse entro i limiti dell’oggetto e delle finalità del contratto, compete al datore di lavoro, mentre nell’ipotesi di contratto di lavoro autonomo, tale diritto compete al committente solo quando le cose fotografate siano in suo possesso, non rilevando al fine del riconoscimento del diritto del committente, che tali cose ancorché non in suo possesso, non siano neppure in possesso del fotografo, bensì di un terzo (nel merito, le fotografie erano state fornite al fotografo direttamente dalle case produttrice dei prodotti).

Un dato normativo essenziale, di cui indubbiamente occorre tener conto, è il passaggio di ogni diritto connesso alla fotografia qualora l’autore ceda i negativi o altro analogo mezzo di riproduzione della foto stessa.

Affinché una fotografia possa trovare una tutela assoluta, ovvero ogni diritto sia riconducibile al suo creatore, occorre che gli esemplari della stessa riportino sempre: il nome del fotografo o nel caso di fotografo che operi su commissione, il nome della ditta o del committente; la data dell’anno di produzione della fotografia; se trattasi di fotografia di un’opera, il nome dell’autore dell’opera.

Qualora venga meno una di questa indicazioni, è concessa la riproduzione della foto senza alcun obbligo di corresponsione di alcunché all’autore. Tale fotografia è libera da qualsiasi incombenza del terzo.


Veniamo alle ipotesi di violazione del diritto dell’autore della fotografia, per riproduzione non autorizzata e dunque abusiva.

La tutela potrà scindere in difesa civile e difesa penale.
Da un punto di vista civilistico, colui che si ritenga leso nell’esercizio del diritto di utilizzazione economica, può agire giudizialmente sia affinché sia rimosso o distrutto lo stato di fatto da cui risulta la realizzazione (pensiamo ad un sito cui può essere imposto di rimuovere certe immagini) nonché al fine di ottenere il risarcimento del danno. Una particolarità è che tale diritto non è esercitatile dall’autore nell’ultimo anno della durata del diritto (tanto per intendersi il diciannovesimo anno a partire dalla realizzazione della foto).

Un’altra azione giudiziale molto importante, è quella inibitoria, ovvero una azione con la quale si richiede la cessazione di un comportamento lesivo del proprio diritto, e rappresenta uno strumento di tutela preventiva.

Da punto di vista penalistico, invece, il diritto d’autore è tutelato mediante sanzione che può comportare il pagamento di una somma fino a poco più di 2000 ?. Le condotte punibili sono: riproduzione, diffusione, vendita, messa in vendita senza consenso dell’autore.

È prevista la pena della reclusione sino ad un anno ed una multa sino a 500 ? circa, se tali condotte sono compiute sopra un’opera non destinata alla pubblicità ovvero con usurpazione della paternità dell’opera, o anche qualora sia compiuta deformazione, mutilazione o altra modifica dell’opera se ne risulti offesa all’onere o alla reputazione dell’autore.

Spesso in internet è facile incorrere in errori connessi all’illecito utilizzo di immagini, specialmente in merito alle fotografie. Quindi bisogna tenere conto di cosa sia sta utilizzando per il proprio sito, verificandone la provenienza affinché soprattutto, non si debba poi affrontare un obbligo al risarcimento del danno.

dott.ssa Valentina Frediani
Consulentelegaleinformatico.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sarò un bigotto...
    ...ma ritengo che anche il pedoporno virtuale sia sbagliato, benchè sia sbagliato anche associarlo a quello reale, con le pene previste dalla legge Clinton; infatti, il passaggio dalla finzione alla realtà non solo è possibile, ma può anche essere breve.
    • Anonimo scrive:
      Sarò un bigotto...
      - Scritto da: dairyuu
      ...ma ritengo che anche il pedoporno
      virtuale sia sbagliato, benchè sia sbagliato
      anche associarlo a quello reale, con le pene
      previste dalla legge Clinton; infatti, il
      passaggio dalla finzione alla realtà non
      solo è possibile, ma può anche essere breve.Dipende dai casi: un'immagine pedofila potrebbe raffigurare qualunque cosa compresa tra una ragazza attorno ai 15/16/17 anni con il seno scoperto e un bambino (decisamente piccolo) che viene violentato...nel secondo caso c'e' sicuramente qualcosa che non va, ma nel primo non c'e' molta differenza con l'immagine di una ragazza di 18 anni ed 1 giorno con il seno scoperto... che al contrario e' legale.
  • Anonimo scrive:
    Gli USA sono un paese stupefacente, in positivo!!
    Ecco...Hanno veramente tanti tanti tanti difetti, ma ognitanto il lume della ragione fende le tenebre della loro mente...Se ci pensate e' incredibile la potenza del "primo Emendamento"!Io impalerei i pedofili ma APPLAUDO questi ESEMPI DI VERA LIBERTA' e lucido ragionamento.Qui in italia continuamo a fare leggi sull'onda degli articoli di giornale e quindi continueremo a vivere in una repubblica a liberta limitata (tutte minuscole)
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli USA sono un paese stupefacente, in positiv
      - Scritto da: Maura

      Se ci pensate e' incredibile la potenza del
      "primo Emendamento"!

      Io impalerei i pedofili ma APPLAUDO questi
      ESEMPI DI VERA LIBERTA' e lucido
      ragionamento.Già, peccato che il "primo Emendamento" si possa girare un po' come su vuole. Vedi ad esempio come sia stato inutile nella lotta contro il DCMA.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli USA sono un paese stupefacente, in positivo!!
      E se la tua libertà di parola mette a rischio la sicurezza del Paese allora ti consegnano alle mani del boia...Preferisco una libertà più ristretta e la possibilità di ragionare...Le libertà civili hanno radici lontane, ed hanno iniziato a crescere quando acora gli anglosassoni si dipingevano la faccia di blu.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gli USA sono un paese stupefacente, in positivo!!
        - Scritto da: don ilario
        E se la tua libertà di parola mette a
        rischio la sicurezza del Paese allora ti
        consegnano alle mani del boia...È che c'è di strano?Hai detto tu che preferisci una liberta +ristretta! Quindi di che ti lamenti?
        Preferisco una libertà più ristretta e la
        possibilità di ragionare...Che liberta di ragionare c'è quando la libertadi parola viene negata?
        Le libertà civili hanno radici lontane, ed
        hanno iniziato a crescere quando acora gli
        anglosassoni si dipingevano la faccia di
        blu.L'america non è il paradiso ha un sacco di,difetti, ma uno dei suoi grandi pregi ha un nome:Primo Emendamento!
  • Anonimo scrive:
    Il problema...
    ...è che le menti bacate si laciano trascinare anche dalla finzione. La Pedofilia non è un gioco è un dramma che non deve trovare nessun input. Cose del genere finiscono per giustificare un orendo malcostume. Ma stiamo scherzando? Non si tratta di ragazzate, si tratta di dare un imnput aberrante a menti che già sono deboli e fuorviate da pazzia e a cui basta poco per passare dalla finzione alla realtà. Ma siamo pazzi? E voi li giustificate? Un cartone maggiorenne si può benissimo confinare ad una categoria basta il buon senso che mi pare manchi.Ci sono cose che vanno capite per gradi e non spiatellate a giovani che possono venirne turbati... mi sembra di parlare con dei bambini incoscienti... vabbé che sono in un'età che potrei essere mamma, ma santto cielo, un po' di responsabilità voglia cominciare a prendercela? Invece facciamo (anzi: fate) tutto facile... ecco perché i problemi cominciano ad aumentare... ma crescete per favore... o a voi non farei avere neppure un pelouche!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema...
      - Scritto da: Anna
      ...è che le menti bacate si laciano
      trascinare anche dalla finzione. La
      Pedofilia non è un gioco è un dramma che non
      deve trovare nessun input. Cose del genere
      finiscono per giustificare un orendo
      malcostume. Ma stiamo scherzando? Non si
      tratta di ragazzate, si tratta di dare un
      imnput aberrante a menti che già sono deboli
      e fuorviate da pazzia e a cui basta poco per
      passare dalla finzione alla realtà. Ma siamo
      pazzi? E voi li giustificate? Un cartone
      maggiorenne si può benissimo confinare ad
      una categoria basta il buon senso che mi
      pare manchi.
      Ci sono cose che vanno capite per gradi e
      non spiatellate a giovani che possono
      venirne turbati... mi sembra di parlare con
      dei bambini incoscienti... vabbé che sono in
      un'età che potrei essere mamma, ma santto
      cielo, un po' di responsabilità voglia
      cominciare a prendercela? Invece facciamo
      (anzi: fate) tutto facile... ecco perché i
      problemi cominciano ad aumentare... ma
      crescete per favore... o a voi non farei
      avere neppure un pelouche!Javol main Gestapo!
      • Anonimo scrive:
        Re: Il problema...
        - Scritto da: Heil
        Javol main Gestapo!"Jawohl, mein Gestapo !"Ah, Italiener sprechen kein Deutsch :) !
        • Anonimo scrive:
          Re: Il problema...
          - Scritto da: Echt


          - Scritto da: Heil


          Javol main Gestapo!

          "Jawohl, mein Gestapo !"

          Ah, Italiener sprechen kein Deutsch :) !miiiinchia Sig. tenente.........
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema...
      - Scritto da: Anna
      ...è che le menti bacate si laciano
      trascinare anche dalla finzione. La
      Pedofilia non è un gioco è un dramma che non
      deve trovare nessun input.E quindi cosa facciamo, eliminiamo completamente i bambini dai film, dalle foto, dai TG dai giornali? Anzi eliminiamo completamente i bambini, così risolviamo il problema!
      Cose del genere
      finiscono per giustificare un orendo
      malcostume.Nessuno giustifica niente, facciamo solo delle distinzioni.
      Un cartone
      maggiorenne si può benissimo confinare ad
      una categoria basta il buon senso che mi
      pare manchi.Ma che cosa vuol dire "un cartone maggiorenne"?Se io faccio un disegno in cui una bambina viene torturata e violentata e poi scrivo che la bambina in realtà è maggiorenne a te starebbe bene (vedi anche l'altro mio post)? Se sì, non sei la sola, il mondo è pieno di gente che pensa solo a placarsi la coscienza, invece di affrontare i problemi.
      Ci sono cose che vanno capite per gradi e
      non spiatellate a giovani che possono
      venirne turbati... mi sembra di parlare con
      dei bambini incoscienti... vabbé che sono in
      un'età che potrei essere mamma, ma santto
      cielo, un po' di responsabilità voglia
      cominciare a prendercela?Sei tu che non vuoi prenderti responsabilità. Visto che evidentemente non sei in grado nè di capire, nè tantomeno di far capire ad altri concetti semplici come questo, allora vuoi che tutto quello che nella tua mente (bacata esattamente come quella dei pedofili) anche solo vagamente assomigli a pedofilia, venga censurato. E il giorno che arresteranno tuo marito perché in una foto teneva in braccio tua figlia di 1 anno nuda cosa farai?
      Invece facciamo
      (anzi: fate) tutto facile... ecco perché i
      problemi cominciano ad aumentare... ma
      crescete per favore... o a voi non farei
      avere neppure un pelouche!Sei tu a fare tutto facile, tappandoti occhi e orecchie e pensando che "tanto è tutta colpa dei cartoni animati, di internet e dei videogiochi". La gente come te mi fa paura, vittime come siete dell'isterismo di massa. Secondo te i giapponesi (dove i manga erotici abbondano) sono tutti pedofili?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il problema...
        - Scritto da: Ender
        - Scritto da: Anna


        ...è che le menti bacate si laciano

        trascinare anche dalla finzione. La

        Pedofilia non è un gioco è un dramma che
        non

        deve trovare nessun input.

        E quindi cosa facciamo, eliminiamo
        completamente i bambini dai film, dalle
        foto, dai TG dai giornali? Anzi eliminiamo
        completamente i bambini, così risolviamo il
        problema!Leviamo le scene di sesso con i bambini, la pedofilia è questo sai?


        Cose del genere

        finiscono per giustificare un orendo

        malcostume.

        Nessuno giustifica niente, facciamo solo
        delle distinzioni.Le distinzioni sono chiare alle persone equilibrate. Sono le menti bacate che preoccupano e che si lasciano convincere. Visto che il problema è serio e grave e vedere sesso nei confronti dei minorenni è abberrante direi di eliminarlo!


        Un cartone

        maggiorenne si può benissimo confinare ad

        una categoria basta il buon senso che mi

        pare manchi.

        Ma che cosa vuol dire "un cartone
        maggiorenne"?
        Se io faccio un disegno in cui una bambina
        viene torturata e violentata e poi scrivo
        che la bambina in realtà è maggiorenne a te
        starebbe bene (vedi anche l'altro mio post)?
        Se sì, non sei la sola, il mondo è pieno di
        gente che pensa solo a placarsi la
        coscienza, invece di affrontare i problemi.Ti dai le risposte da solo? Va eliminato proprio non aggirato! E i problemi bisogna affrontarli anche dal punto di vista di quelli che non paiono tali ma che a livello incosciente lo posso essere (e lo sono!).


        Ci sono cose che vanno capite per gradi e

        non spiatellate a giovani che possono

        venirne turbati... mi sembra di parlare
        con

        dei bambini incoscienti... vabbé che sono
        in

        un'età che potrei essere mamma, ma santto

        cielo, un po' di responsabilità voglia

        cominciare a prendercela?

        Sei tu che non vuoi prenderti
        responsabilità. Visto che evidentemente non
        sei in grado nè di capire, nè tantomeno di
        far capire ad altri concetti semplici come
        questo, allora vuoi che tutto quello che
        nella tua mente (bacata esattamente come
        quella dei pedofili) anche solo vagamente
        assomigli a pedofilia, venga censurato. E ilCerto! Ma cosa? Stiamo scherzando. La pedofilia è rtipica di menti malate per favore!
        giorno che arresteranno tuo marito perché in
        una foto teneva in braccio tua figlia di 1
        anno nuda cosa farai?Ma non diciamo stupidaggini.. certo è che una fot del genere non la pubblico in Internet perché alle menti bacate può fare effetti che (proprio perché su menti bacate) sono imprevedibili!


        Invece facciamo

        (anzi: fate) tutto facile... ecco perché i

        problemi cominciano ad aumentare... ma

        crescete per favore... o a voi non farei

        avere neppure un pelouche!

        Sei tu a fare tutto facile, tappandoti occhi
        e orecchie e pensando che "tanto è tutta
        colpa dei cartoni animati, di internet e dei
        videogiochi". La gente come te mi fa paura,
        vittime come siete dell'isterismo di massa.
        Secondo te i giapponesi (dove i manga
        erotici abbondano) sono tutti pedofili?Guarda che sbagli proprio. Ho sempre sostenuto che le colpe sono individuali e non dei mezzi di comunicazione. Ma se una mente bacata pubblica cose di un certo tipo queste devono essere censurate perché contro la legge e (a livello incosciente) pericolose. Sto preparando un sito sui Videogiochi proprio per questo, perché si eviti di dare la colpa ai mezzi...Io non dico che Internet è pericolosa, dico che se uno ne abusa deve essergli impedito di continuare!Perciò certe accuse evitale dato che in mille post ho detto l'esatto contrario di quanto mi attribuisci!
        • Anonimo scrive:
          Re: Il problema...
          - Scritto da: Anna
          Beh, dai! Se vedi uno che da una palpata ad
          un ragazzino... scusa! Insomma è anche
          questione di morale popolare (comune).Senti posso ricordarti di cosa parla l'articolo? Non c'e' nessuna legge che incoraggi la gente a palpare i ragazzini, qui si parla di DISEGNI..Solo perche' tu la pensi in un modo non vuol dire che tutti la debbano pensare come te. questa e' dittatura!Siamo in un mondo civile, le persone devono essere LIBERE di esprimersi come meglio credono, poi gli altri la pensano come vogliono.. ma non glielo POSSONO IMPEDIRE.Come ho detto in un altro post, Anna, senza offesa ma vai a dare la caccia alle streghe, perche' e' questa' l'eta' della tua mentalita'.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il problema...
            - Scritto da: xyz


            - Scritto da: Anna

            Beh, dai! Se vedi uno che da una palpata
            ad

            un ragazzino... scusa! Insomma è anche

            questione di morale popolare (comune).

            Senti posso ricordarti di cosa parla
            l'articolo? Non c'e' nessuna legge che
            incoraggi la gente a palpare i ragazzini,
            qui si parla di DISEGNI..
            Solo perche' tu la pensi in un modo non vuol
            dire che tutti la debbano pensare come te.
            questa e' dittatura!
            Siamo in un mondo civile, le persone devono
            essere LIBERE di esprimersi come meglio
            credono, poi gli altri la pensano come
            vogliono.. ma non glielo POSSONO IMPEDIRE.
            Come ho detto in un altro post, Anna, senza
            offesa ma vai a dare la caccia alle streghe,
            perche' e' questa' l'eta' della tua
            mentalita'.
            E per me tu sei solo un'irrespnsabile che la fa facile. Per arginare problemi gravi a volte bisogna rinunciare a cose che, dopotutto, sono anche abbastanza inutili... anche se sono disegni accidenti se il tema è a sfondo porno sono comunque inutili e il segnare di un completo lascismo... e per me tu sei un'irresponsabile, io sto dalla parte dei bambini che a differenza di noi n,on hanno voce ne possibilità... enoi che ce l'abbiamo accettiamo anche quello che è, in fin dei conti, un grande malcostume e non certo un tema di cui fare i disegno... ti violentano, domani vorresti venisse fatto un fumetto sul tema? E' una forma di rispetto anche nei confronti di chi quel problema forse vuole solo dimenticarlo... alla faccia che la dittatrice sono io, tu vuoi creare dolore per un... fumetto?!E te lo dico come fumettista mancata perché avrei voluto fare questo mestiere ma non ho potuto... ma mai e poi mai avrei fatto immagini pedofile, neppure per disegno. E un voler andare contro il costume in modo stupido!
    • Anonimo scrive:
      Meglio virtuale che concreto
      Io preferisco che questi maniaci sfoghino le loro "esigenze" su materiale virtuale piuttosto che che su qualcosa di "concreto".C'è da sognarlo un mondo in cui tutta la violenza è solo virtuale.E piantiamola di sparare scemenze sul fatto che cose come queste siano una fonte di inspirazione per crimini.Se uno è sano di mente non diventa un criminale guardando film o leggendo fumetti.Se fosse il contrario non esisterebbero crimini in paesi dove questo "materiale" scarseggia.Il Sudafrica è uno dei paesi con la + alta percentuale di stupri minorili, secondo logica dovrebbero essere sommersi da materiale pedopornografico ma non è così.
      • Anonimo scrive:
        Re: Meglio virtuale che concreto
        - Scritto da: roybeatty
        Io preferisco che questi maniaci sfoghino le
        loro "esigenze" su materiale virtuale
        piuttosto che che su qualcosa di "concreto".Ma botte e psicofarmaci non vanno più di moda?
        • Anonimo scrive:
          Re: Meglio virtuale che concreto
          - Scritto da: Opino]zac[
          Ma botte e psicofarmaci non vanno più di
          moda?Si, se vuoi creare una serie di hannibal the cannibal.
          • Anonimo scrive:
            Re: Meglio virtuale che concreto
            - Scritto da: mvc
            Si, se vuoi creare una serie di hannibal the
            cannibal.La teoria è che picchiando abbastanza forte poi potrebbero solo bere succo d'arancia con una cannuccia. Del resto, come ogni teoria, va dimostrata.
          • Anonimo scrive:
            Re: Meglio virtuale che concreto
            - Scritto da: Opino
            - Scritto da: mvc


            Si, se vuoi creare una serie di hannibal
            the

            cannibal.

            La teoria è che picchiando abbastanza forte
            poi potrebbero solo bere succo d'arancia con
            una cannuccia. Del resto, come ogni teoria,
            va dimostrata.Giusto. Bravo. Io sono anche per la lapidazione delle prostitute. Viva il duce!(che pena... che tristezza...)
        • Anonimo scrive:
          non esiste una soluzione definitiva

          Ma botte e psicofarmaci non vanno più di moda?Ma certo! Basta solo scovarli tutti, dal primo all'ultimo. Uno scherzo.Se quelli che stanno nell'ombra spostassero le loro "mire" su materiale virtuale quelli che producono quelle oscenità lascerebbero in pace i bambini.Certo, non è la soluzione definitiva, ma dal momento che non esiste la soluzione definitiva è sempre meglio di niente. Anche se questo salvasse la vita a un bambino asrà già una vittoria.
          • Anonimo scrive:
            Re: non esiste una soluzione definitiva
            - Scritto da: roybeatty
            Ma certo! Basta solo scovarli tutti, dal
            primo all'ultimo. Uno scherzo.Hai ragione.A questo punto proporrei l'idea del napalm e dei B52.
            Se quelli che stanno nell'ombra spostassero
            le loro "mire" su materiale virtuale quelli
            che producono quelle oscenità lascerebbero
            in pace i bambini.Si potrebbe usare il pedoporno virtuale per catalogarli e schedarli tutti e pubblicare le loro facce sul giornale, penso che sia già previsto da media player con il DRM.
        • Anonimo scrive:
          Re: Meglio virtuale che concreto
          - Scritto da: Opino
          Ma botte e psicofarmaci non vanno più di
          moda?Do you come from Ventennio?
      • Anonimo scrive:
        Re: Meglio virtuale che concreto
        - Scritto da: roybeatty
        Io preferisco che questi maniaci sfoghino le
        loro "esigenze" su materiale virtuale
        piuttosto che che su qualcosa di "concreto".
        C'è da sognarlo un mondo in cui tutta la
        violenza è solo virtuale.Purtroppo alcuni non sanno la differenza tra vero e finto. Io sono per condannare la pedofilia punto! Non trovare un modo di sfogarla... anche perché ti chiedo: il giorno che uno non ha il fumetto sottomano ma vede un bambino... cosa credi che faccia?
        E piantiamola di sparare scemenze sul fatto
        che cose come queste siano una fonte di
        inspirazione per crimini.
        Se uno è sano di mente non diventa un
        criminale guardando film o leggendo fumetti.Già ma c'è chi non è sano e il problema è quello... perciò direi sia il caso di limitare il danno cominciando da qualche parte no?
        Se fosse il contrario non esisterebbero
        crimini in paesi dove questo "materiale"
        scarseggia.Questa è una scusa!
        Il Sudafrica è uno dei paesi con la + alta
        percentuale di stupri minorili, secondo
        logica dovrebbero essere sommersi da
        materiale pedopornografico ma non è così.Beh, allora facciamo in modo che entri con i favori del pubblico nella mentalità comune.Io metterei in galera pure quelli come te che difendono determinate cose: sei uno dei motivi per i quali di problemi non sono ancora risolti!
        • Anonimo scrive:
          Re: Meglio virtuale che concreto
          - Scritto da: Anna
          Purtroppo alcuni non sanno la differenza tra
          vero e finto.
          Io sono per condannare la pedofilia punto!
          Non trovare un modo di sfogarla... anche
          perché ti chiedo: il giorno che uno non ha
          il fumetto sottomano ma vede un bambino...
          cosa credi che faccia?PROPRIO NIENTE! Vatti a studiare un po' di psicologia perche' ne hai veramente bisogno, anzi studia qualcosa in generale...
          Già ma c'è chi non è sano e il problema è
          quello... perciò direi sia il caso di
          limitare il danno cominciando da qualche
          parte no?Massi' certo, iniziamo una bella crociata repressiva..Ma senti, HO UN'IDEA!!Visto che ci siamo, riapriamo i campi di concentramento nazisti (bisognera' dare una spolverata ma funzionano ancora), e infiliamoci dentro tutti i pedofili, i gay, i transessuali e cosi' via..Cosi' dopo nel mondo ci sara' tutta gente brava e bella come te!!che bello, pensa che idea!!!(tanto la storia non insegna nulla)
        • Anonimo scrive:
          Le liberta

          Io metterei in galera pure quelli come te
          che difendono determinate cose: sei uno dei
          motivi per i quali di problemi non sono
          ancora risolti!Hai ragione Eliminamo la liberta di parola!allora si i nostri figli saranno liberidi crescere puri e incontaminati!Non vedranno mai una scena di sesso, ma noinon vedremo mai un pensiero indipendentein loro!Non capisco come si possa dire una idiozia delgenere!Se c'è una cosa che non dovrebbe MAI e poi MAIessere messa in discussione è la libertadi chiunque di difendere ,a parole, qualunquee ripeto QUALUNQUE idea!Spero di non vedere mai un giorno nel qualeanche il peggior criminale del mondonon abbia il diritto di DIRE quello che gli pare!
          • Anonimo scrive:
            Re: Le liberta
            - Scritto da: TaGoH

            Io metterei in galera pure quelli come te

            che difendono determinate cose: sei uno
            dei

            motivi per i quali di problemi non sono

            ancora risolti!

            Hai ragione Eliminamo la liberta di parola!
            allora si i nostri figli saranno liberi
            di crescere puri e incontaminati!La libertà a chi difende atti mostruosi la leverei, certo e proprio per difendere i bambini che difronte a tanta stupidità non possono dire nulla!

            Non vedranno mai una scena di sesso, ma noi
            non vedremo mai un pensiero indipendente
            in loro!Non mi riferisco al sesso ma alla pornofilia ma sai cos'è, sai che mostruosità si compiono?Ma sai che spero tu non abbia mai figli? Perché uno che vuole lasciare la libertà di diffondere certe immagini (seppur finte ma sempre traumatizzanti) o le difende per me è un potenziale pericolo. Io sono per la libertà ma se questa non cagiona danni agli innocenti e i bambini sono quanto di più innocente esiste... debole, innocente, senza potere.

            Non capisco come si possa dire una idiozia
            del
            genere!
            Se c'è una cosa che non dovrebbe MAI e poi
            MAI
            essere messa in discussione è la liberta
            di chiunque di difendere ,a parole, qualunque
            e ripeto QUALUNQUE idea!Assolutamente no! Non quando l'idea di lasciare cose dannose in giro si tramuta in dato di fatto. QGuarda che le idee hanno portato lo schifo di mondo in cui viviamo... le idee che spesso sono divenute realtà grazie a gente moralista come te!
            Spero di non vedere mai un giorno nel quale
            anche il peggior criminale del mondo
            non abbia il diritto di DIRE quello che gli
            pare!Se è una str..aza la può dire, certo (come posso impedirglielo) ma chi l'aferma non può pretendere che gli faccia notare che è una str...aza!
        • Anonimo scrive:
          La pedofilia si può solo arginare
          Mettiamoci in testa un concetto semplicissimo:la pedofilia è male e il male non lo si può fermare lo si può solo arginare combattendolo.Chiunque affermi che è possibile sradicare il problema senza creare altro male o è pazzo o è stupido.Chiunque affermi il contrario si faccia avanti e trovi una soluzione definitiva (magari non quella ---"soluzione definitiva"---), se risolve il problema gli costruisco una cattedrale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema...
      Penso che tu stia mancando il significatoprincipale della sentenza!La pedofilia è una cosa orribile, non xchea qualcuno piaccia vedere bambini in attiosceni, ma xche x far questo tu molestii bambini!Questo è ignobile, ma questo presume anche che l'idea della legge stia nell'evitare chei bambini siano molestati!Se uno non fa male a nessuno, creando le immaginial computer, viene a mancare il presuppostodel danno!A questo punto, se uccidere è reato, alloraanche se io faccio un film in cui sembra cheuno venga ucciso, io divento un assassino!È la stessa teoria!E poi se riesco a farmi delle immaginipedopornografiche al computer, senza rischiarenulla, xche dovrei rischiare 30 anni di carcereprocurandomi delle immagini reali?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il problema...
        - Scritto da: TaGoH
        Penso che tu stia mancando il significato
        principale della sentenza!

        La pedofilia è una cosa orribile, non xche
        a qualcuno piaccia vedere bambini in atti
        osceni, ma xche x far questo tu molesti
        i bambini!
        Questo è ignobile, ma questo presume anche
        che l'idea della legge stia nell'evitare che
        i bambini siano molestati!

        Se uno non fa male a nessuno, creando le
        immagini
        al computer, viene a mancare il presupposto
        del danno!

        A questo punto, se uccidere è reato, allora
        anche se io faccio un film in cui sembra che
        uno venga ucciso, io divento un assassino!
        È la stessa teoria!

        E poi se riesco a farmi delle immagini
        pedopornografiche al computer, senza
        rischiare
        nulla, xche dovrei rischiare 30 anni di
        carcere
        procurandomi delle immagini reali?Ridagli, pensa se un bimbo violentato le vede, pensa se una persona che vive con in casa un problema simile sa che diventa un'attrattiva da edicola acquistabile da chiunque... è un mancare di rispetto verso le vittime, i famigliari ed un problema. E ci sono tanti altri fumetti da guardare che non hanno problemi così gravi per tema atti a turbare la gente soprattutto quella che trae spunto da questo.Io non sono per la radicale censura ma per la censura di ciò che al massimo può provocare un divertimento ambiguo e un danno alle coscienze.Io dico no alla pedofilia via qualunque forma perché non ci trovo nulla di spettacolare ed atrtaente in nessuna forma e dubito sulla morale e la sanità mentale di chi ne usufruisce anche di una virtualissima parte!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema...
      Anna ma che roba ti fumi?E' questa dunque la tua crociata per un mondo migliore? Complimenti andrai in paradiso!P.S. Fai di cognome Fallaci per caso?
  • Anonimo scrive:
    10 anni
    Ma il tipo che si e' preso 10 anni (2 settimane fa?) xche' aveva delle foto foo pedoporno sul pc che fine ha fatto?!?!? era un avversario politico?!?!?
    • Anonimo scrive:
      Re: 10 anni
      - Scritto da: EK
      Ma il tipo che si e' preso 10 anni (2
      settimane fa?) xche' aveva delle foto foo
      pedoporno sul pc che fine ha fatto?!?!? era
      un avversario politico?!?!? Io ho capito. Ha preso una pena cumulativa per i crimini di tutti i pedofili futuri. In questo modo e` stato possibile abbassare le pene per gli altri.
  • Anonimo scrive:
    Una volta tanto, un pò di buonsenso...
    Cavolo, avremmo dovuto vietare tutti i film/cartoni violenti e tutto il resto circondandoci di un aura di fittizio buonsenso ?Bella, davvero bella notizia :)Ogni tanto la giustizia funziona e i giudici riprendono a ragionare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una volta tanto, un pò di buonsenso...
      - Scritto da: kokoko3k
      Cavolo, avremmo dovuto vietare tutti i
      film/cartoni violenti e tutto il resto
      circondandoci di un aura di fittizio
      buonsenso ?
      Bella, davvero bella notizia :)
      Ogni tanto la giustizia funziona e i giudici
      riprendono a ragionare.Esatto, infatti il 90% degli ANIME Jap avrebbe avuto quel problema :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Una volta tanto, un pò di buonsenso...
        - Scritto da: Nemo

        Esatto, infatti il 90% degli ANIME Jap
        avrebbe avuto quel problema :-)Già, poi qualcuno mi dovrebbe spiegare come si fa a stabilire se un disegno è "maggiorenne" o meno. Cosa devo fare, aspettare 18 anni dopo averlo fatto prima di poterlo pubblicare? E se le donne di Monet fossero minorenni?E pensare che sui manga in italia gli editori sono costretti a scrivere che "tutti i personaggi sono maggiorenni" che tristezza, il perbenismo ipocrita di noi italiani mi fa schifo...
        • Anonimo scrive:
          Re: Una volta tanto, un pò di buonsenso...
          - Scritto da: Ender
          E pensare che sui manga in italia gli
          editori sono costretti a scrivere che "tutti
          i personaggi sono maggiorenni" che
          tristezza, il perbenismo ipocrita di noi
          italiani mi fa schifo...son d'accordo.. evviva la libertà, evviva i manga e evviva l'america.x i moralisti: tornate a dare la caccia alle streghe, perche' qui siete totalmente superati.
          • Anonimo scrive:
            Re: Una volta tanto, un pò di buonsenso...
            - Scritto da: ncrfgs

            son d'accordo.. evviva la libertà, evviva
            i

            manga e evviva l'america.

            Non so se sia davvero quello che intendevi,
            ma da quello che hai scritto ho avuto
            l'impressione che tu voglia associare il
            Manga all'erotismo e alla pedofilia.Nono, non hai capito..Forse e' meglio che leggi tutto il thread e anche gli altri miei post su questo articolo per capire meglio come la penso.Riguardo i fumetti... non sono un otaku pero' li apprezzo molto piu' di quanto pensi e apprezzo chi li legge. Sia quelli con, che senza erotismo.
Chiudi i commenti