Vecchia e nuova elettronica a Faenza

16 e 17 ottobre


Roma – Mancano ormai poche settimane all’appuntamento annuale di Expo Elettronica , la mostra mercato dedicata agli appassionati di elettronica e tecnologie, antiche o moderne, organizzata da Blu Nautilus in collaborazione l’ARI (Ass. Radioamatori Italiana) e con il patrocinio del Comune di Faenza e del Ministero delle Comunicazioni.

L’evento si tiene a Faenza, il 16 e 17 ottobre, e vede in primo piano l’informatica. Per dirla con una nota diramata dai promotori: “Dai vecchi Olivetti, IBM o Commodore, oggetti di culto per gli appassionati di “retrocomputing”, ai pc, monitor, laptop, wireless, lettori e masterizzatori cd e dvd, periferiche nuove o usate, software per tutti i gusti, necessità, possibilità di spesa e capacità di assemblaggio”.

All’Expo saraà anche presente un radiotelegrafista che, con strumenti d’epoca, mostrerà come avveniva la trasmissione a fine ottocento con il telegrafo senza fili, un’invenzione da cui poi sarebbe nata la radio.

“Dal passato ai giorni nostri e anche al “futuro” – si legge in una nota – in fiera infatti la scelta di componenti elettronici e digitali è vastissima: microchip, smart card, circuiti e kit per costruire di tutto, dai sistemi per l’automazione domestica fino a veri e propri robot”. Ma c’è spazio per l’hi-fi, la fotografia digitale, l’home theater e via dicendo.

Tutte le informazioni su Expo Elettronica qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Talebani
    Per tutti i Talebani del P2P:Noi delle brigate anti-SIAE-URBANI etc. dichiariamo che, poiche' il nostro movimento sta conquistando sempre piu' consensi, il nostro obiettivo di distruzione dei mercati occidentali sta per essere raggiunto...Prima la musica, poi i film e infine i libri, e non resterà che la televisione, che pero' conquisteremo automaticamentee quando nel vostro paese la cultura non avra' piu' nessun valore perche' glielo avrete tolto proprio voi..Chi avra' il computer potra' scambiarsi ancora informazioni e canzonette ma solo fino a quando non toglieremo la corrente elettrica per farvi vanire a pregare alla moschea.Chi non lo avra', non avra' piu' possibilita' di comunicare le proprie idee sovversive scrivendo o cantando cose a noi sgradite (bruzzi sara' oscurato per primo?)E tutto grazie a coloro che non guardano al di la' del proprio naso...Quindi ringraziamo pubblicamente tutti i P2Ppari e tutti coloro che credendo di combattere per la loro liberta', alla fine fanno il nostro gioco....Grazie grazie grazie...PSSolo il Corano potra' essere scambiato in P2P, E TBN e TelePadrePio saranno immediatamente oscurate...
  • Anonimo scrive:
    ..Fulvio Fulvio
    ...proprio non sei cambiato dai tempi in cui facevi l'assistente all'Università solo per rimorchiare!!!!!!!Dai commenti del forum, non mi sembra che il tuo articolo abbia riscosso poi così tanto successo....o no?Internet non è la "terra dei Baroni universitari", sai?...medita, medita...............................
  • Anonimo scrive:
    Questo articolo è solo fuffa...
    Tante belle parole un bel po' di copia e incolla e nessuna novità o nuovo punto di vista. Sinceramente comincio a essere un po' stufo degli avvocaticchi che stanno riempiendo PI di pareri simillegali campati per aria.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questo articolo è solo fuffa...
      - Scritto da: Anonimo
      Tante belle parole un bel po' di copia e
      incolla e nessuna novità o nuovo
      punto di vista. Sinceramente comincio a
      essere un po' stufo degli avvocaticchi che
      stanno riempiendo PI di pareri simillegali
      campati per aria.
      Chiamalo avvocaticchio. Guarda, sinceramente, non solo trovo l'articolo interessante perche' mette a fuoco quanto sta succedendo ma ritengo pure che se uno ritiene Sarzana un "avvocaticchio" forse farebbe semplicemente bene a saltare l'articolo e passare ad altro. Forse, ma e' un'ipotesi e non pretendo di saperlo con certezza, a volte possono mancare gli strumenti individuali.Senza polemica.
  • Anonimo scrive:
    Disintossicatevi
    Sembrate dei tossici, voi del P2P "illegale".Spero per voi che vi liberino da tante accuse, lasciandovi scambiare tutte le musichette che volete.metadone2music
  • Anonimo scrive:
    ma se la SIAE non fa una fava
    è solo perchè non ha capito ancora cosa succede, mica altro
  • Anonimo scrive:
    Lullisti...
    Sono state inventate le macchine fotografiche digitali e i computer, così che sono stati licenziati molti prestampatori perché diventati inutili e anacronistici.Loro hanno riso, perché potevano stampare i libretti dei cd a meno prezzo.Sono state implementate le macchine da stampa digitali, e molti stampatori sono stati licenziati perché inutili e anacronistici.Loro hanno riso, perché potevano stampare i libretti dei cd a meno prezzo.Ora é stato inventato il P2P, e quelli inutili e anacronistici sono diventati loro.Non ridono più.Cercano di fermare il progresso perché nel futuro non c'é spazio per lavori anacronistici.Vadano a cercarsi un'altro lavoro come hanno fatto tutti dalla rivoluzione industriale a oggi.Tra l'altro Beethoven per vivere vendeva la sua musica ai suoi "benefattori/committenti" e insegnava musica, non vendeva gli spartiti e non si faceva pagare se uno in russia suonava i suoi lavori in mezzo alla strada.E la musica andava avanti senza SIAE o RIAA.Vi risulta se Omero fosse iscritto alla SIAE o si facesse pagare dagli altri aedi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Lullisti...

      Vi risulta se Omero fosse iscritto alla SIAE
      o si facesse pagare dagli altri aedi?Ho capito, per abbracciare l'arte, bisogna non mangiare e soffrire molto...Oppure limitarsi a strimpellare con gli amici...QUi il problema siete voi.
  • Anonimo scrive:
    Perche' privato?
    Se la SIAE e' un'organizzazione privata non dovrebbe svolgere funzione pubblica. Dovrebbe essere un'organismo statale a gestire i diritti d'autore. Ovviamente la SIAE dovrebbe essere chiusa e tutti i suoi beni ridestinati allo stato (non sono pochi), mentre i dipendenti dovrebbero diventare dipendenti dell'organismo statale.
  • Anonimo scrive:
    Comprare CD all'estero
    Domanda: ma se io compro cd (anche di artisti italiani, se si trovano) all'estero (UE, extraUE) dove costano meno (per mille motivi: siae, iva, politica distributiva, etc.) agli artisti quanti ? vanno?Giusto per sapere se in Italia qualcuno ci marcia o è una cosa globale...Tnx
    • gerry scrive:
      Re: Comprare CD all'estero
      - Scritto da: Anonimo
      Domanda: ma se io compro cd (anche di
      artisti italiani, se si trovano) all'estero
      (UE, extraUE) dove costano meno (per mille
      motivi: siae, iva, politica distributiva,
      etc.) agli artisti quanti € vanno?Penso che gli artisti facciano accordi con chi distribuisce i CD all'estero e si facciano pagare da loro.Non so se a percentuale o a fisso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Comprare CD all'estero
      - Scritto da: Anonimo
      Domanda: ma se io compro cd (anche di
      artisti italiani, se si trovano) all'estero
      (UE, extraUE) dove costano meno (per mille
      motivi: siae, iva, politica distributiva,
      etc.) agli artisti quanti ? vanno?
      Giusto per sapere se in Italia qualcuno ci
      marcia o è una cosa globale...Non lo so. Pero' visto che ne parli porto all'attenzione di tutti questi due link:il primo si riferisce ad un DVD in uno store online britannico.http://tinyurl.com/6njxcil secondo si riferisce allo stesso DVD in uno store italicohttp://tinyurl.com/45mo5Da notare che il DVD e' lo stesso medesimo (con l'audio in italiano) e che il prezzo indicato e' comprensivo di spedizione.E' evidente che c'e' qualcuno che questa differenza non indifferente se la magna di brutto...
      • Anonimo scrive:
        Re: Comprare CD all'estero
        è una cosa spaventevole a dire poco il 100% in più per la stessa cosa il problema è secondo me che siamo sempre in quattro gatti ad essere a conoscenza di queste cose ... non so cosa darei per pubblicizzare dipiù questo stato nauseante della cosa io nel mio piccolo compro cd all estero ma saremopoi in tanti ? ma Stanca, Urbani , Berlusconi , queste cose le sannogliele dicono ? gliene frega perchè ci marciano anche i loro partiti , le loro amanti e chi più ne ha ne metta ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Comprare CD all'estero
        Mi limito a far notare che una cosa che incide molto sui costi è la localizzazione di un prodotto: Ovvero, in questo caso, la traduzione dei dialoghi ed il doppiaggio dell'intero film.Ovviamente ciò non giustifica (non sarebbe comprensibile se non in un titolo estremamente di nicchia) certo un aumento del prezzo del 100%, quindi effettivamente l'impressione è che qualcuno ci marci un po' troppo :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Comprare CD all'estero
          - Scritto da: Anonimo
          Mi limito a far notare che una cosa che
          incide molto sui costi è la
          localizzazione di un prodotto: Ovvero, in
          questo caso, la traduzione dei dialoghi ed
          il doppiaggio dell'intero film.
          guarda che entrambe i prodotti hanno l'audio in italiano...
  • Anonimo scrive:
    Se scompaiono RIIAA e SIAE
    Non possono che fare un piacere.Dei parassiti in meno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE
      - Scritto da: Anonimo
      Non possono che fare un piacere.
      Dei parassiti in meno.Parassita e' chi si appropria della roba altrui senza pagare.Parassiti sono coloro che con la scusa della liberta' scambiano canzoni col P2P e similisenza neppure conoscere chi sta dall'altra parte.Se non ci fossero questi ladri (e orgogliosi di esserlo) e esistesse un po' piu' di senso civico, ovvero se non fossemo considerati gia' Africa dall'Europa e l'Italiota levantino avesse un po' piu' di responsabilita', tutte ste robe tipo CD a 40 Euro (e la frutta e la verdura?) ecc. probabilmente non esisterebbero.Ma l'italiota e' cosi': si attacca ad ogni scusa per non pagare pegno...La Siae diende fondamentalmente gli interessi degli autori, ovvero raccoglie il graano e lo distribuisce a chi ne ha diritto.Se la SIAE va giu', io non becco piu' una lira, e poiche' io ci mangio (in maniera normale ed onesta senza villoni e ferrari) che qualcuno regali in giro la mia roba non mi va giu'.E lasciamo perdere le cagate tipo "metti su un sito internet" etc.Chi vuole fare esperimenti li faccia, si vede che per lui la musica e' un secondo o terzo lavoro.Se non hai i soldi, non comprare il CD, ascolta la radio.Anche io faccio laspesa, e da qualche mese ho smesso di fumare per spendere meno.E secondo voi per questa pretesa di liberta' su tutto io devo morire di fame?No grazie.Non vedo perche' devo pagare io per tutti gli altri.Pero' i soldi alla telecom li date, Eh?Per scaricare le mail e fare un po di browsing la banda larga non serve a un cazzo.Serve solo a fottere contenuti.Comportatevi da persone civili.Incazzatevi quando siete nel giusto.E forse ci sara' un futuro per tutti. non solo per le Major o per quelli che di pagare non ne vogliono sapere.
      • Anonimo scrive:
        Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Non possono che fare un piacere.

        Dei parassiti in meno.

        Parassita e' chi si appropria della roba
        altrui senza pagare.

        Parassiti sono coloro che con la scusa della
        liberta' scambiano canzoni col P2P e
        similisenza neppure conoscere chi sta
        dall'altra parte.Fai a zappare la terra, fannullone. (Questo per ricambiare il tuo "parassita")Ieri la tecnologia ti ha dato un modo di fare soldi (ovvero vendere copie delle tue presunti opere d' arte) senza farti venire i calli alle mani come i contadini.Oggi la tecnologia te lo toglie: per fare copie non c'è più bisogno di pagare qualcuno. Milioni di persone hanno dovuto cambiare lavoro a causa di innovazioni tecnologiche, questi hanno sempre protestato, certo, ma nessuno si è mai sognato seriamente di chiedere PER LEGGE che venissero proibite le tecnologie che gli toglievano il lavoro come state facendo voi.Chi fa copie non ti ruba niente ( a meno che non si attribuisca la paternità dell' opera, ma qui non stiamo parlando di questo).Il copyright non è stato inventato per CREARE un mercato artificialmente ( cioè il mercato della vendita delle copie), ma solamente per regolare un mercato che è nato con la nascita dei mezzi di comunicazione di massa, nello stesso modo in cui la legge regola tutti tutti gli scambi economici.Oggi i mezzi di comunicazione di massa si sono evoluti al punto di eliminare del tutto questo mercato. Oggi non c'è più bisogno di dover pagare qualcuno per fare copie. Conclusione: le leggi sul copyright sono inutili.Mantenere oggi le leggi del copyright significa solo mantenere in vita un mercato che da solo non esisterebbe. E' il massimo dell' interventismo in economia che una legge può fare. Allora chi è il parassita?
        • Anonimo scrive:
          Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE

          Fai a zappare la terra, fannullone.Io la terra la ho zappata sul serio, anche se col trattore, e tu?
          Ieri la tecnologia ti ha dato un modo di
          fare soldi (ovvero vendere copie delle tue
          presunti opere d' arte) senza farti venire i
          calli alle mani come i contadiniParliamo dei tuoi, di calli.... Se qualcuno ha comprato o utilizzato le mie "opere d'arte" e' evidente che gli piacevano...
          Oggi la tecnologia te lo toglie: per fare
          copie non c'è più bisogno di
          pagare qualcuno.
          Milioni di persone hanno dovuto cambiare
          lavoro a causa di innovazioni tecnologiche,
          questi hanno sempre protestato, certo, ma
          nessuno si è mai sognato seriamente
          di chiedere PER LEGGE che venissero
          proibite le tecnologie che gli toglievano il
          lavoro come state facendo voi.Una cosa e' cambiare, un'altra e' fare i furbi.Non volere pagare per il lavoro altrui e appropriarsene e' sempre stato RUBARE.
          Chi fa copie non ti ruba niente ( a meno che
          non si attribuisca la paternità dell'
          opera, ma qui non stiamo parlando di
          questo).Ah, e secondo te la gente compra quello che puo' avere gratis?
          Il copyright non è stato inventato
          per CREARE un mercato artificialmente (
          cioè il mercato della vendita delle
          copie), ma solamente per regolare un
          mercato che è nato con la nascita dei
          mezzi di comunicazione di massa, nello
          stesso modo in cui la legge regola tutti
          tutti gli scambi economici.
          Oggi i mezzi di comunicazione di massa si
          sono evoluti al punto di eliminare del tutto
          questo mercato. Oggi non c'è
          più bisogno di dover pagare qualcuno
          per fare copie. Conclusione: le leggi sul
          copyright sono inutiliOk, pero' applichiamola a tutto.
          Mantenere oggi le leggi del copyright
          significa solo mantenere in vita un mercato
          che da solo non esisterebbeNon esisteebbe per via del furbetto Italiota che e' dentro di te
          E' il massimo dell' interventismo in
          economia che una legge può fare.
          Allora chi è il parassita? TU e tutti gli altri
      • serginogillo scrive:
        Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE
        Voglio risponderti in tono sereno, non prendere quello che dico come polemica personale nei tuoi confronti... infatti su alcune cose che dici sono fondamentalmente d'accordo.- Scritto da: Anonimo
        Parassita e' chi si appropria della roba
        altrui senza pagare.Parassita è anche un'associazione "obbligatoria" che tassa i giovani gruppi emergenti che come unico modo per farsi conoscere vanno a suonare nei locali quasi gratis le loro canzoni e devono pagare la siae e basta, senza avere nessuna tutela. E ti garantisco che molto spesso i locali non fanno suonare gente anche meritevole per il costo a cui vanno incontro.

        Parassiti sono coloro che con la scusa della
        liberta' scambiano canzoni col P2P e
        similisenza neppure conoscere chi sta
        dall'altra parte.Su questo hai ragione. Ma uno dei pochi motivi per cui in Italia non esiste ancora un Music Store su internet dove scarichi la canzone che ti piace di un cd pagandola relativamente poco, ma rimanendo nella completa legalità è che i parassiti (quelli di cui parlo io, non quelli di cui parli tu) vogliono allungare le mani anche su quello, e stai sicuro che se negli usa una canzone legalmente scaricata dall'Apple Music Store costa 99cent. di dollaro, in italia (1,2 dollari per un euro, ti ricordo), costerà probabilmente 1,49 euro a brano. E questo grazie alla siae.

        Se non ci fossero questi ladri (e orgogliosi
        di esserlo) e esistesse un po' piu' di senso
        civico, ovvero se non fossemo considerati
        gia' Africa dall'Europa e l'Italiota
        levantino avesse un po' piu' di
        responsabilita', tutte ste robe tipo CD a 40
        Euro (e la frutta e la verdura?) ecc.
        probabilmente non esisterebbero.Anche qui dissento un po'. Il tuo discorso, a livello filosofico, non fa una piega. Il cd costa caro perchè l'industria è in crisi, e questo è perché la gente ruba molto. Ma io (da consumatore di musica, ho più di 500 cd originali) ti dico che mi è capitato molto spesso di pagare 25 euro per una sola canzone, o per due! Questo non è rubare? Mi spiego: ho decine di cd rigorosamente originali (di cantanti e gruppi che mi piacciono voglio avere il packaging con i dovuti crismi, non uno squallido cd masterizzato), acquistati perchè senti in giro una o due canzoni veramente meritevoli, poi compri il cd e le altre 10 tracce sono buone da buttare nel cesso, perché si sente lontano un chilometro che sono state scritte solo per riempire il disco. Oppure, peggio ancora, prendi questo esempio pratico: a me piace molto un gruppo musicale, ho tutti i cd dal primo all'ultimo, metti 7 dischi; di quei 7 dischi, 3 sono raccolte (the best of, gold songs of...) dove le brave case discografiche mettono una bonus track, o canzone inedita. E i polli come me cosa fanno... azz è il mio gruppo preferito e lo compro... e via 25 euro per una canzone. Io adoro un duo svedese, ho tutti i loro cd (le prime uscite le ho in vinile, ma successivamente ne ho preso anche il cd) e ti assicuro che almeno di una decina di canzoni ne ho 3 copie. Attenzione, non 3 versioni diverse (cosa che adoro e apprezzo molto), ma 3 copie identiche. E questo cosa mi ha portato a fare? L'ultimo cd di quel duo (la terza raccolta consecutiva, con 2 tracce inedite) mi sono detto: mavaff... le due tracce le scarico da internet! Delle altre 10 canzoni ne ho già 3 copie, le ho già pagate 3 volte!Scusa la domanda ma anche questo è rubare, non credi?

        Ma l'italiota e' cosi': si attacca ad ogni
        scusa per non pagare pegno...Beh, su questo non ci piove, ma con questa scusa siamo la nazione con la maggiore pressione fiscale dell'unione europea e oltre... ma questo mio discorso è ot, sorry

        La Siae diende fondamentalmente gli
        interessi degli autori, ovvero raccoglie il
        graano e lo distribuisce a chi ne ha
        diritto.Non conosco nessun gruppo emergente che abbia ricevuto anche solo un euro dalla siae. Gente che non solo canta le canzoni di ligabue, ma che ne scrive anche di sue, e per quelle deve pagare la siae quando le canta.

        Se la SIAE va giu', io non becco piu' una
        lira, e poiche' io ci mangio (in maniera
        normale ed onesta senza villoni e ferrari)
        che qualcuno regali in giro la mia roba non
        mi va giu'.Tranquillo, non va giu una società che mi chiede 25 cent di diritti su ogni cd che masterizzo (con su dati miei, i miei lavori), 87cent su ogni dvd che masterizzo (stesso commento di prima), 2 euro sul mio masterizzatore (ma fino a qui potrei anche capire, non capisco ma potrei...), e che mi chiede 2 euro e passa per la memoria da 512mb che ho nella mia macchina fotografica digitale (questo proprio non lo ammetto!!!!). Ma che cacchio ci copio con la memoria della macchina digitale? Le canzoni? Un film in prima uscita nelle sale raccolto in clip da 30 secondi (perchè filmati + lunghi non ne fa la mia macchinetta) e senza audio per di più? A me sembra un po' come cercare di arrampicarsi sui vetri!Sono queste le cose che fanno incavolare il consumatore! Garantito!

        E lasciamo perdere le cagate tipo "metti su
        un sito internet" etc.

        Chi vuole fare esperimenti li faccia, si
        vede che per lui la musica e' un secondo o
        terzo lavoro.

        Se non hai i soldi, non comprare il CD,
        ascolta la radio.Questa non è un'affermazione corretta. Se vai in paesi poveri compri cd originali a 2 euro.... e ne vendono parecchi.Certo se non ho soldi prima penso a mangiare, e in ultimo alla musica.Ma allora se mettono in giro cd da 80 euro, se la pensassero tutti come te, nessuno comprerebbe + cd, con la conseguenza che nessuno venderebbe + cd!Non ha molto senso questo, non credi?---- continua, ero olrte il limite di caratteri -----
        • serginogillo scrive:
          Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE pag 2
          ---- segue dal post precedente -----

          Anche io faccio laspesa, e da qualche mese
          ho smesso di fumare per spendere meno.

          E secondo voi per questa pretesa di liberta'
          su tutto io devo morire di fame?

          No grazie.Ma non ti accorgi che alle tue spalle non si arricchisce chi ha scaricato la tua canzone, ma gente come la siae e la tua casa discografica, lasciando a te solo le briciole!!!Anni fa, in tempi non sospetti, prima dell'avvento di internet, ho letto un articolo che divideva un disco a fette (di guadagno ovviamente). La fetta maggiore andava alla casa discografica, un'altra fetta andava alla siae, e le utlime due fettine (il 20-25% complessivo) se le spartivano la rete di vendita e l'artista. Ora, è passato molto tempo e i rapporti non saranno sicuramente esatti, ma mi era rimasto impresso che chi ha creato quel prodotto guadagnasse miseramente poco e facesse guadagnare molto la gente che gli stava intorno!Ora, vuoi il filesharing, vuoi la crisi, metti quello che vuoi, quella torta si è rimpicciolita, ma siae e case discografiche non mollano, ci rimette chi crea! E chi compra!La cosa strana è che nessuna casa discografica abbia messo in vendita l'utlimo cd del cantate x per 5 euro! Ne venderebbe 10 volte tanto! Certo, accetterei anche il cd senza libricino (la tipografia costa), anzichè la custodia in plastica me lo dai in una bustina di cartone, ma nessuno ha il coraggio di tentarla!

          Non vedo perche' devo pagare io per tutti
          gli altri.Ecco lo hai detto tu, solo che sbagli mira additando "gli altri" come i ragazzini che scaricano da internet le canzoni... ti rimando a quello che ho scritto poco sopra.

          Pero' i soldi alla telecom li date, Eh?Certo, però ai miei tempi, alla lontana da internet, facevano i soldi la basf, la tdk, la maxell con le loro cassettine, sempre alle spalle degli artisti.Non si può additare tutti come ladri, da ragazzino mi sono duplicato decine di cassette... addirittura alcune registrate dalla radio, stando attento di mettere subito pausa quando il dj si rimetteva a parlare.Questi problemi ci sono sempre stati... mai sentito nessuno che va al concerto di vasco e sta parcheggiato in macchina? Beh per risparmiare, non per rubare!

          Per scaricare le mail e fare un po di
          browsing la banda larga non serve a un
          cazzo.Allora valli a chiedere alla telecom i soldi! Ti ripeto comunque che questo è un falso problema! Allora 15 anni fa avrebbero dovuto vietare la vendita delle cassette!

          Serve solo a fottere contenuti.No caro, a me serve per scaricare aggiornamenti software con cui lavoro, a distribuire i prodotti che faccio (non musica, non sono un artista), a restare in contatto con parenti lontani e parlare con loro e vederli anche a un costo relativamente conveniente...Internet non serve solo a fottere contenuti!

          Comportatevi da persone civili.Dici a chi usa internet o alle case discografiche e alla siae? Io lo direi a loro, sai?

          Incazzatevi quando siete nel giusto.Quando uno si incazza è convinto di essere nel giusto. Questo c'entra poco. Diciamo che non bisognerebbe incazzarsi, ma la gente dovrebbe ascoltare di più la gente.Parafrasato al tema di questa discussione: siae e case discografiche dovrebbero cavalcare questa tecnologia, non fiondarcisi contro come a un mostro!!!Nota che la Apple solo negli usa con l'Apple Music Store, ha venduto 100 milioni di canzoni in meno di un anno, canzoni scaricate da internet regolarmente, e regolarmente pagate. Basta così poco... tu mi fai ascoltare 30 secondi delle tie canzoni, quelle che mi piacciono le compro, le altre no.Se voglio il libretto e il cd serigrafato mi ascolto i 30 secondi di tutte le canzoni del cd e poi se mi piace lo vado a comprare.Se esce una raccolta con 2 tracce inedite, io sarò ben contento di pagare solo quelle due tracce!Io non ce la ho con cli artisti, anche voi siete vittime di questo come noi che compriamo e amiamo la musica.... ma non ci vogliamo far prendere in giro, nè tantomeno vogliamo farci ribare i soldi.Si, ho detto rubare! Noi rubiamo le canzoni da internet? Allora qualcuno mi ha rubato una cifra di soldi con le raccolte + 2 inediti!!! Li rivoglio!!! E me li sono presi!!!

          E forse ci sara' un futuro per tutti. non
          solo per le Major o per quelli che di pagare
          non ne vogliono sapere.... Sono proprio le major a non voler saperne di pagare, e questo anche a scapito tuo, oltre che mio!!!Spero siano stati chiari i miei discorsi. Se non lo fossero, postate le richieste e sarò lieto di spiegarmi meglio!
        • Anonimo scrive:
          Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE


          La Siae diende fondamentalmente gli

          interessi degli autori, ovvero
          raccoglie il

          graano e lo distribuisce a chi ne ha

          diritto.

          Non conosco nessun gruppo emergente che
          abbia ricevuto anche solo un euro dalla
          siae. Gente che non solo canta le canzoni di
          ligabue, ma che ne scrive anche di sue, e
          per quelle deve pagare la siae quando le
          canta.A casa mia la SIAE e' l'unica che da a ciascuno il suo.Non ne regala a chi non deve averne, pero'Mica e' la pensione...




          Se la SIAE va giu', io non becco piu'
          una

          lira, e poiche' io ci mangio (in maniera

          normale ed onesta senza villoni e
          ferrari)

          che qualcuno regali in giro la mia roba
          non

          mi va giu'.

          Tranquillo, non va giu una società
          che mi chiede 25 cent di diritti su ogni cd
          che masterizzo (con su dati miei, i miei
          lavori), 87cent su ogni dvd che masterizzo
          (stesso commento di prima), 2 euro sul mio
          masterizzatore (ma fino a qui potrei anche
          capire, non capisco ma potrei...), e che mi
          chiede 2 euro e passa per la memoria da
          512mb che ho nella mia macchina fotografica
          digitale (questo proprio non lo
          ammetto!!!!). Ma che cacchio ci copio con la
          memoria della macchina digitale? Le canzoni?
          Un film in prima uscita nelle sale raccolto
          in clip da 30 secondi (perchè filmati
          + lunghi non ne fa la mia macchinetta) e
          senza audio per di più? A me sembra
          un po' come cercare di arrampicarsi sui
          vetri!
          Sono queste le cose che fanno incavolare il
          consumatore! Garantito!
          SE il consumatore generico non fossse un "furbetto" alla Dilbert, queste storture correttive non avrebbero ragione d'essere



          E lasciamo perdere le cagate tipo
          "metti su

          un sito internet" etc.



          Chi vuole fare esperimenti li faccia, si

          vede che per lui la musica e' un
          secondo o

          terzo lavoro.



          Se non hai i soldi, non comprare il CD,

          ascolta la radio.

          Questa non è un'affermazione
          corretta. Se vai in paesi poveri compri cd
          originali a 2 euro.... e ne vendono
          parecchi.ORIGINALI?
          Certo se non ho soldi prima penso a
          mangiare, e in ultimo alla musica.
          Ma allora se mettono in giro cd da 80 euro,
          se la pensassero tutti come te, nessuno
          comprerebbe + cd, con la conseguenza che
          nessuno venderebbe + cd!
          Non ha molto senso questo, non credi?Esatto, cosi' i prezzi si abbassano

          ---- continua, ero olrte il limite di
          caratteri -----
      • rumenta scrive:
        Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Non possono che fare un piacere.

        Dei parassiti in meno.

        Parassita e' chi si appropria della roba
        altrui senza pagare.primo errore....dal De Mauro:parassita pa|ras|sì|taagg., s.m. e f.TS stor.1a s.m., nell?antica Grecia, funzionario del culto di alcune divinità ateniesi che partecipava alla divisione delle vittime sacrificate1b s.m., personaggio caratteristico della società ellenistico?romana che viveva a scrocco dei ricchi signori, spesso allietando con buffonerie gli invitati ai banchetti 2a agg., s.m. e f. CO estens., spreg., che, chi vive alle spalle degli altri senza lavorare: essere un p. della società; individuo p. 2b agg. CO parassitario: organizzazione, istituzione, ente p.3a s.m. TS biol., organismo animale o vegetale che vive a spese di un altro essere vivente senza arrecargli vantaggio e, spesso, danneggiandolo; anche agg.: pianta, insetto p.3b s.m. CO estens., insetto che infesta l?uomo, come il pidocchio, la pulce, la cimice e sim.: avere la testa piena di parassiti, materasso infestato dai parassiti4 s.m. TS embriol., in un feto malformato bigemino, il gemello incompleto che si nutre a spese di quello completamente sviluppato, a cui è collegato tramite la testa, il torace o l?addome5 agg. TS aer., di velivolo con propulsione a getto, che viene trasportato sotto la fusoliera di un altro aereo, da cui viene sganciato per particolari missioni e a cui può eventualmente riagganciarsi tramite opportune manovre6 agg. TS telecom., di disturbo di varia natura, che perturba la ricezione dei segnali; anche s.m.7 agg. TS ling., di elemento, inserito in una parola o in una frase in virtù di un accostamento paretimologico; anche s.m.Varianti: parasito, parassito

        Parassiti sono coloro che con la scusa della
        liberta' scambiano canzoni col P2P e
        similisenza neppure conoscere chi sta
        dall'altra parte.secondo errore......

        Se non ci fossero questi ladri (e orgogliosi
        di esserlo) e esistesse un po' piu' di senso
        civico, ovvero se non fossemo considerati
        gia' Africa dall'Europa e l'Italiota
        levantino avesse un po' piu' di
        responsabilita', tutte ste robe tipo CD a 40
        Euro (e la frutta e la verdura?) ecc.
        probabilmente non esisterebbero.ma LOL..... e ti sei già dimenticato di quanto costavano i cd prima che nascesse il P2P??

        Ma l'italiota e' cosi': si attacca ad ogni
        scusa per non pagare pegno...e ti par poco?se tu avessi la possibilità di scegliere cosa faresti?nel '92 (ben prima di Internet come la conosciamo oggi e quindi del P2P) sono andato in Florida.... son tornato con 35 cd, pensa un pò, costavano la META'.....

        La Siae diende fondamentalmente gli
        interessi degli autori, ovvero raccoglie il
        graano e lo distribuisce a chi ne ha
        diritto.già, mi sembra proprio come la "decima" esatta dalla chiesa nel medioevo..... solo che anche in questo caso viene distribuita in gran parte a chi NON ne ha diritto....

        Se la SIAE va giu', io non becco piu' una
        lira, e poiche' io ci mangio (in maniera
        normale ed onesta senza villoni e ferrari)
        che qualcuno regali in giro la mia roba non
        mi va giu'.

        E lasciamo perdere le cagate tipo "metti su
        un sito internet" etc.

        Chi vuole fare esperimenti li faccia, si
        vede che per lui la musica e' un secondo o
        terzo lavoro.quando nacque l'automobile i produttori di carrozze tentarono di fermarla chiedendo provvedimenti ai governi.... chi è sparito, i produttori di auto o quelli di carrozze??

        Se non hai i soldi, non comprare il CD,
        ascolta la radio.appunto, non compro.

        Anche io faccio laspesa, e da qualche mese
        ho smesso di fumare per spendere meno.io invece per la salute..... :D

        E secondo voi per questa pretesa di liberta'
        su tutto io devo morire di fame?

        No grazie.

        Non vedo perche' devo pagare io per tutti
        gli altri.

        Pero' i soldi alla telecom li date, Eh?

        Per scaricare le mail e fare un po di
        browsing la banda larga non serve a un
        cazzo.certo, reputo più arricchente navigare in internet che comprare cd, più rilassante giocare in rete che ascoltare gli ultimi "successi".....

        Serve solo a fottere contenutii

        Comportatevi da persone civili.

        Incazzatevi quando siete nel giusto.

        E forse ci sara' un futuro per tutti. non
        solo per le Major o per quelli che di pagare
        non ne vogliono sapere.
        certo, certo..... intanto loro alle mie spalle NON ingrassano più :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE

        Se la SIAE va giu', io non becco piu' una
        lira, e poiche' io ci mangio (in maniera
        normale ed onesta senza villoni e ferrari)
        che qualcuno regali in giro la mia roba non
        mi va giu'.Il punto è proprio questo: il mercato discografico è vecchio e non sta al passo dell'innovazione tecnologica, in questo caso direi che la colpa sta proprio in chi dovrebbe difendere i tuoi interessi che se ne sta colpevolemente inerte, non in chi scarica.Guardiamo al mercato dell'estremo oriente dove la pirateria raggiunge VERAMENTE livelli preoccupanti: le major cinematografiche escono nelle sale in contemporanea con l'uscita negli USA, i DVD escono non dopo mesi, ma dopo pochissimo tempo e a prezzi abbordabili.Una politica del genere adottata anche in Europa sarebbe un buon sprone per non incancrenirsi sul P2P ma per acquistare e POSSEDERE (limite mortale di RossoAlice) un'opera.Tante belle cose.
      • Anonimo scrive:
        stesso dicasi di te
        incazzati quando sei nel giusto, perchè non puoi condannare chi versa soldi sani e darci la colpa perchè ricevi le briciole, forse non sai che ognuno è fautore del proprio destino, se poi tu lo deleghi ad altri e questi più che i tui di interessi fanno i loro, sei tu che devi cambiare impostazione perchè finora hai dimostrato che sei un pessimo investitore delle tue risorse;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE


        Comportatevi da persone civili.

        Incazzatevi quando siete nel giusto.

        E forse ci sara' un futuro per tutti.ecco il solito comunista.. se tu non mangi vieni mangiato bimbo sveglia. siamo la civilta' evoluta perche' abbiamo sterminato tutte le altre, e all'interno valgono le stesse regole quello che dici tu esiste solo nella tua testa
        • Mirr0r scrive:
          Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE
          Premessa: non condivido il post pro-Siae ma anche questo commento.... beh sembrerebbe dare ragione a chi aveva presupposto l'esistenza di una razza superiore ("siamo la civilta' evoluta perche' abbiamo sterminato tutte le altre, e all'interno valgono le stesse regole"). Spero di aver capito male, rimango in attesa di spiegazioni.MiRr0r
      • Anonimo scrive:
        Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Non possono che fare un piacere.

        Dei parassiti in meno.

        Parassita e' chi si appropria della roba
        altrui senza pagare.Appunto, la SIAE si appropria di quanto spetta a certi autori/artisti e ridistribuisce ad altri autori/artisti secondo criteri di mafia e clientelismo, trattenendo per se' buona parte.Corrisponde alla definizione di parassita.
        Parassiti sono coloro che con la scusa della
        liberta' scambiano canzoni col P2P e
        similisenza neppure conoscere chi sta
        dall'altra parte.Mi pare proprio di no, anzi, un tale comportamento rispecchia altruismo.
        Se non ci fossero questi ladri (e orgogliosi
        di esserlo) stai parlando della SIAE suppongo...
        e esistesse un po' piu' di senso
        civico, ovvero se non fossemo considerati
        gia' Africa dall'Europa e l'Italiota
        levantino avesse un po' piu' di
        responsabilita', tutte ste robe tipo CD a 40
        Euro (e la frutta e la verdura?) ecc.
        probabilmente non esisterebbero.si, stai proprio parlando della SIAE.Senza di essa i CD costerebbero davvero meno, e si sentirebbe molta piu' musica in giro...
        Ma l'italiota e' cosi': si attacca ad ogni
        scusa per non pagare pegno...In questo caso e' la SIAE che si sta attaccando come una tigna ai suoi secolari "diritti" acquisiti per non pagare pegno.
        La Siae diende fondamentalmente gli
        interessi degli autori, ovvero raccoglie il
        graano e lo distribuisce a chi ne ha
        diritto.Sono indeciso tra il LOL e il ROTLF.Che la siae raccolga (anzi "esiga" da cui "esattore") non ci piove.Che distribuisca a chi ne ha diritto, invece...Ti sei visto la famosa puntata di Report?Vai a leggerti gli archivi rai, su...
        Se la SIAE va giu', io non becco piu' una
        lira, e poiche' io ci mangio (in maniera
        normale ed onesta senza villoni e ferrari)
        che qualcuno regali in giro la mia roba non
        mi va giu'.Sei un autore? Sei un musicista? Chi sei?Parlaci di te.Dicci se il tuo lavoro consiste nel fare concerti, teatro, lavorare a contatto col pubblico, o se ti limiti a strimpellare un jingle di pubblicita' per telefonini e poi campare di rendita te e i tuoi discendenti fino a 70 anni dalla tua morte.
        E lasciamo perdere le cagate tipo "metti su
        un sito internet" etc.Lasciamole perdere pure.Evidentemente i fan di Elio e le Storie Tese sono piu' fan dei tuoi.
        Chi vuole fare esperimenti li faccia, si
        vede che per lui la musica e' un secondo o
        terzo lavoro.Dicevo giusto di Elio...Allora lavori nella musica. Benissimo.E i concerti? E le turnee'? Ne fai? Ci viene la gente a vederti?Oppure non ci viene nessuno perche' non ti conosce?Hai provato a mettere in rete un tuo brano, a regalare qualcosa al tuo pubblico? Puo' essere che poi il pubblico ti ripaghi venendo ai tuoi concerti.Oppure puo' essere che la tua musica non piaccia, ma allora hai sbagliato mestiere...
        Se non hai i soldi, non comprare il CD,
        ascolta la radio.Su che musica ascoltare e su come ascoltarla e' un problema mio, non tuo.
        Anche io faccio laspesa, e da qualche mese
        ho smesso di fumare per spendere meno.Ah, be', se lo hai fatto solo per spendere meno...La salute non conta niente!A proposito del prezzo delle sigarette. Sai che in certi paesi costano meno che in Italia, dove vengono stratassate.A proposito del prezzo della musica. Sai che in certi paesi costa meno che in Italia, dove viene stratassata.
        E secondo voi per questa pretesa di liberta'
        su tutto io devo morire di fame?Sappi che se muoio di fame io, la tua musica non l'ascolta piu' nessuno (e di conseguenza nessuno la compra).
        No grazie.Prego.
        Non vedo perche' devo pagare io per tutti
        gli altri.E allora perche' dovrei pagare io?
        Pero' i soldi alla telecom li date, Eh?Io no. Abbonato Fastweb ;-)
        Per scaricare le mail e fare un po di
        browsing la banda larga non serve a un
        cazzo.E per forza poi te ne esci con frasi del tipo "Non parlatemi di un sito internet..." non lo conosci e non ne sai sfruttare le potenzialita', se ne parli in questo modo.
        Serve solo a fottere contenuti.Come sopra.
        Comportatevi da persone civili."Non vedo perche' devo pagare io per tuttigli altri." (cit.)
        Incazzatevi quando siete nel giusto.Qui mi pare che quello leggermente alterato sia tu.
        E forse ci sara' un futuro per tutti. non
        solo per le Major o per quelli che di pagare
        non ne vogliono sapere.Con o senza musica?
        • Anonimo scrive:
          Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE

          Appunto, la SIAE si appropria di quanto
          spetta a certi autori/artisti e
          ridistribuisce ad altri autori/artisti
          secondo criteri di mafia e clientelismo,
          trattenendo per se' buona parte.Non mi risulta, ma forse fai l'imbianchino e ti intendi di vernici...
          Mi pare proprio di no, anzi, un tale
          comportamento rispecchia altruismo.Con i soldi degli altri sono altruisti tutti

          si, stai proprio parlando della SIAE.
          Senza di essa i CD costerebbero davvero
          meno, e si sentirebbe molta piu' musica in
          giro...Senza la SIAE i CD costerebbero 1 Euro in meno, tonto, informati prima di parlare


          Ma l'italiota e' cosi': si attacca ad
          ogni

          scusa per non pagare pegno...
          In questo caso e' la SIAE che si sta
          attaccando come una tigna ai suoi secolari
          "diritti" acquisiti per non pagare pegno.


          diritto.
          Sono indeciso tra il LOL e il ROTLF.
          Che la siae raccolga (anzi "esiga" da cui
          "esattore") non ci piove.
          Che distribuisca a chi ne ha diritto,
          invece...
          Ti sei visto la famosa puntata di Report?
          Vai a leggerti gli archivi rai, su...Guarda caso io quella puntata la ho vista girare, e ti assicuro che tra girato e montato molte cose erano belle gonfiate...Ma purtroppo se "e' scritto sul giornale vuol dire che e' vero"
          Sei un autore? Sei un musicista? Chi sei?
          Parlaci di te.
          Dicci se il tuo lavoro consiste nel fare
          concerti, teatro, lavorare a contatto col
          pubblico, o se ti limiti a strimpellare un
          jingle di pubblicita' per telefonini e poi
          campare di rendita te e i tuoi discendenti
          fino a 70 anni dalla tua morte.Suono in un terzetto Jazz per locali


          E lasciamo perdere le cagate tipo
          "metti su

          un sito internet" etc.
          Lasciamole perdere pure.
          Evidentemente i fan di Elio e le Storie Tese
          sono piu' fan dei tuoi.


          Chi vuole fare esperimenti li faccia, si

          vede che per lui la musica e' un
          secondo o

          terzo lavoro.
          Dicevo giusto di Elio...Elio ha copiato un esperimento americano (che pero' salvava su chiavi USB)
          Allora lavori nella musica. Benissimo.
          E i concerti? E le turnee'? Ne fai? Ci viene
          la gente a vederti?SUono in giro per locali, le tournee le fanno solo quelli ricchi
          Oppure non ci viene nessuno perche' non ti
          conosce?Vengono, vengono
          Hai provato a mettere in rete un tuo brano,
          a regalare qualcosa al tuo pubblico? Puo'
          essere che poi il pubblico ti ripaghi
          venendo ai tuoi concerti.Bene, allora se devo PER FORZA ESSERE SOLO UN ARTIGIANO, boicotta anche le altre industrie, visto che la pasta ti piace solo fatta in casa
          Su che musica ascoltare e su come ascoltarla
          e' un problema mio, non tuo.Se regali la mia musica, se permetti, il problema e' mio

          A proposito del prezzo delle sigarette. Sai
          che in certi paesi costano meno che in
          Italia, dove vengono stratassate.
          A proposito del prezzo della musica. Sai che
          in certi paesi costa meno che in Italia,
          dove viene stratassata.Giusto l'iva


          E secondo voi per questa pretesa di
          liberta'

          su tutto io devo morire di fame?
          Sappi che se muoio di fame io, la tua musica
          non l'ascolta piu' nessuno (e di conseguenza
          nessuno la compra).


          No grazie.
          Prego.


          Non vedo perche' devo pagare io per
          tutti

          gli altri.
          E allora perche' dovrei pagare io?Tu puoi permetterti di non pagare facendo finta che io e i miei prodotti non esistiamo, io no...


          Pero' i soldi alla telecom li date, Eh?
          Io no. Abbonato Fastweb ;)Ah be'


          Per scaricare le mail e fare un po di

          browsing la banda larga non serve a un

          cazzo.
          E per forza poi te ne esci con frasi del
          tipo "Non parlatemi di un sito internet..."
          non lo conosci e non ne sai sfruttare le
          potenzialita', se ne parli in questo modo.MA per favore

          Serve solo a fottere contenuti.
          Come sopra.


          Comportatevi da persone civili.
          "Non vedo perche' devo pagare io per tutti
          gli altri." (cit.)


          Incazzatevi quando siete nel giusto.
          Qui mi pare che quello leggermente alterato
          sia tu.


          E forse ci sara' un futuro per tutti.
          non

          solo per le Major o per quelli che di
          pagare

          non ne vogliono sapere.
          Con o senza musica? Se non ti piace, senza
      • TPK scrive:
        Non avete capito!
        - Scritto da: Anonimo

        Se la SIAE va giu', io non becco piu' una
        lira , e poiche' io ci mangio (in maniera
        normale ed onesta senza villoni e ferrari)
        che qualcuno regali in giro la mia roba non
        mi va giu'.Il simpaticone di sopra non e' un "artista", ma un dipendente SIAE... che inoltre definisce "roba sua" la musica fatta da altri.Altrimenti non si capisce perche', se non esistesse la SIAE, non potrebbe ottenere un compenso direttamente dalla casa discografica per ogni cd venduto, o dall'organizzatore di un suo concerto per ogni biglietto venduto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non avete capito!
          - Scritto da: TPK

          - Scritto da: Anonimo



          Se la SIAE va giu', io non becco
          piu' una

          lira, e poiche' io ci mangio (in
          maniera

          normale ed onesta senza villoni e
          ferrari)

          che qualcuno regali in giro la mia roba
          non

          mi va giu'.

          Il simpaticone di sopra non e' un "artista",
          ma un dipendente SIAE... che inoltre
          definisce "roba sua" la musica fatta da
          altri.Se e' un dipendente siae, non c'e' bisogno che tu dica "inoltre".Sappiamo perfettamente che la siae ritiene che sia tutta roba sua la musica fatta da altri.
          • allanon scrive:
            Re: una piccola chicca
            Riguardo all'attuale regime di copyright e di come sia facile infrangerlo :http://www.popolodellarete.it/showthread.php?t=317Dopo Urbani contro Urbani anche FMI contro Urbani :)E tu caro autore del post, quando è stata l'ultima volta che hai fatto il "pirata"? Su raccontaci, tu che ami chiamare "ladro" chi infrange il copyright :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE
        Io definirei parassita anche chi si ciuccia una tassa di 25 centesimi su un prodotto che al dettaglio ne costa 15 iva inclusa, solo perchè si presume che possa essere usato per 'pratiche nefande'http://www.dvd-italia.de/.
        • Anonimo scrive:
          Re: Se scompaiono RIIAA e SIAE
          chi si ciuccia
          una tassa di 25 centesimi su un prodotto che
          al dettaglio ne costa 15 iva inclusa, solo
          perchè si presume che possa essere
          usato per 'pratiche nefande'Perche' alla fine e' vero...
Chiudi i commenti