Viacom: ci hanno ricattato con la pirateria

Nuove prove accuserebbero Google di aver voluto utilizzare la minaccia della pirateria per costringere i detentori di contenuti a cederli in licenza. BigG respinge ogni addebito

Roma – Viacom ha dichiarato che alcuni degli ultimi documenti divulgati da Google, sul caso che li vede contrapposti sulla legittimità di alcuni contenuti che riempono YouTube, dimostrerebbero che Mountain View “avrebbe coscientemente deciso non solo di guadagnare sulla violazione della proprietà intellettuale altrui, ma anche che avrebbe utilizzato la minaccia della violazione per estorcere ai legittimi detentori di diritti la licenza dei loro contenuti alle condizioni di Google”.

I documenti a cui si riferisce costituirebbero un’analisi interna a Google, “strettamente confidenziale”, sull’opportunità o meno dell’acquisto della piattaforma: “Il contenuto di YouTube è tutto gratuito, e il più richiesto deriva da clip piratate” si leggerebbe nel documento, e “Il suo modello di Business è completamente basato sul contenuto pirata”.

Inoltre in una slide di una presentazione di un manager Google (datata marzo-maggio 2006, almeno cinque mesi prima dell’acquisto del Tubo da parte di Mountain View) che delinea la strategia da adottare nella contrattazione con i fornitori di contenuti , tra i punti evidenziati ci sarebbe: “premere affinché cambino verso modelli gratuiti”, “adottare o altrimenti affrontare la questione della violazione della proprietà intellettuale da qualche altra parte” e “organizzarsi in modo da giocare d’anticipo e rimediare successivamente per quanto riguarda i contenuti più rilevanti”. Rappresenterebbero, secondo Viacom, la strategia di accerchiamento adottata dai Googler nelle trattative con i fornitori di contenuto, che venivano in questo modo posti davanti all’ aut aut licenza/pirateria .

La battaglia legale e mediatica tra le due aziende si conferma delle più aspre, oltre che utile per stabilire i confini del safe harbor riconosciuto dal DMCA agli host in tema di responsabilità sui contenuti caricati dagli utenti.

YouTube ha risposto alle nuove accuse: “I media come Viacom hanno caricato i loro stessi contenuti su YouTube, quindi non c’è alcun modo in cui possiamo distinguere tra contenuti autorizzati e non”. E direttamente sulle nuove prove afferma che “non si tratta di nuovi documenti. Sono presi fuori contesto e non hanno niente a che fare con il processo: Viacom sta tentando di vendere il caso alla stampa”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • r1348 scrive:
    Sempre il sottoscritto
    Per qualche ragione hanno bloccato le risposte nel thread precedente... bah.Mi hanno appena cancellato il secondo volo di fila, sono decisamente XXXXXXXto.Parigi sarà anche magnifica e Milano un XXXXX di cemento, ma Milano mi dà da mangiare, Parigi mi costa un patrimonio.La storia della nuvola di cenere sta diventanto ridicola, oggi persino le compagnie aeree sono in rivolta.E per inciso, non c'è un treno disponibile per i prossimi 6 giorni.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 aprile 2010 11.24-----------------------------------------------------------
    • nOra scrive:
      Re: Sempre il sottoscritto


      E per inciso, non c'è un treno disponibile per i
      prossimi 6
      giorni.Auto a noleggio?
      • r1348 scrive:
        Re: Sempre il sottoscritto
        Nessuna disponibile per 3 giorni, stesso per i pullman.C'è un TGV con cambio a Ginevra oggi, ma costa 290, mi conviene stare un giorno in più.
    • blobob scrive:
      Re: Sempre il sottoscritto
      certo, perché a parigi sono iniziate venerdì le vacanze di primavera (2 settimane). per fortuna lo sciopero SNCF è stato parzialmente revocato
  • Anonimo Codardo scrive:
    Nome vulcano sbagliato!!!!!
    Eyjafjallajokull significa "ghiacchiaio sul vulcano Eyjafjöll".Il nome del vulcano è Eyjafjöll:http://it.wikipedia.org/wiki/Eyjafj%C3%B6ll
    • Giorgio Pontico scrive:
      Re: Nome vulcano sbagliato!!!!!
      Lo sapevo che avrei dovuto seguire le lezioni di islandese... :PComunque la voce di Wiki ammette l'uso per metonimia del nome del ghiacciaio, che mi rifiuto di scrivere (è pure lungo per il copia/incolla): è un po' come il caso dello stadio Meazza di Milano, spesso identificato come San Siro che invece è il quartiere in cui sorge.
    • www scrive:
      Re: Nome vulcano sbagliato!!!!!
      si ma cosa significa Eyjafjöll ?! :-P
  • SdA scrive:
    il nome del vulcano
    ENIAIALLAGIOCUL questa è la pronuncia, comunqu si sta "svegliando" anche il suo gemello....
    • ullala scrive:
      Re: il nome del vulcano
      - Scritto da: SdA
      ENIAIALLAGIOCUL questa è la pronuncia, comunqu
      si sta "svegliando" anche il suo
      gemello....Si l' OLUC OLEIGOMAITTEM!Ah questi nordici! :D
      • ullala scrive:
        Re: il nome del vulcano
        - Scritto da: ullala
        - Scritto da: SdA

        ENIAIALLAGIOCUL questa è la pronuncia, comunqu

        si sta "svegliando" anche il suo

        gemello....
        Si l' OLUC OLEIGOMAITTEM!
        Ah questi nordici!
        :DPardon volevo dire OLUC-LEN-OLEILGOMAITTEM...È un vulcano dannosissimo per gli aerei nordici! :|
    • Anonimo Codardo scrive:
      Re: il nome del vulcano
      - Scritto da: SdA
      ENIAIALLAGIOCUL questa è la pronuncia, comunqu
      si sta "svegliando" anche il suo
      gemello....Quello che hai indicato è un ghiacciaio.
  • Marco Girardi scrive:
    Adesso mi e' chiaro...
    ...perche' ai TG sento solo "Il vulcano in Islanda" ...senza che mai ne venga citato il nome. :D
    • ruppolo scrive:
      Re: Adesso mi e' chiaro...
      - Scritto da: Marco Girardi
      ...perche' ai TG sento solo "Il vulcano in
      Islanda" ...senza che mai ne venga citato il
      nome.
      :DHo provato a pronunciarlo, ma ho dovuto desistere :D
  • Pietro Cecchi scrive:
    la buona informazione di Giorgio
    Una 'lapillatio' peggiore di una 'lapidatio' insomma... :)Grazie Giorgio dell'articolo esaustivo sull'argomento.cecchi-piero.net
  • r1348 scrive:
    Il sottoscritto...
    ...in questo momento si trova in albergo a Parigi, e spera tanto tanto che domenica ce la faccia a rientrare a Milano!
    • Sborone di Rubikiana memoria scrive:
      Re: Il sottoscritto...
      E lamentati! :D
    • IoMe scrive:
      Re: Il sottoscritto...
      ...dalle stelle, alle... Da una magnifica citta', a un obbrobrio di cemento, dove il cielo ha il cancro ed anche il sole e' profondamente malato.
    • ullala scrive:
      Re: Il sottoscritto...
      - Scritto da: r1348
      ...in questo momento si trova in albergo a
      Parigi, e spera tanto tanto che domenica ce la
      faccia a rientrare a
      Milano!Treno bauscia?
    • attonito scrive:
      Re: Il sottoscritto...
      - Scritto da: r1348
      ...in questo momento si trova in albergo a
      Parigi, e spera tanto tanto che domenica ce la
      faccia a rientrare a
      Milano!c'e' il coso, li', come si chiama... qullo che va su due stanghe di ferro.. ma lunghe lunghe.... ah, si: treno.
      • parigino scrive:
        Re: Il sottoscritto...
        In Francia e' in corso da mesi uno sciopero dei lavoratori SNCF, 2 treni su 3 (Se non erro) sono fermi.
        • ullala scrive:
          Re: Il sottoscritto...
          - Scritto da: parigino
          In Francia e' in corso da mesi uno sciopero dei
          lavoratori SNCF, 2 treni su 3 (Se non erro) sono
          fermi.Farsi prestare la limousine di Sarkò no?è lui che li ha fatti imbestialire!
  • OldDog scrive:
    Danni alla struttura?
    Non mi sono chiare alcune parti dell'articolo. Chiaro il rischio ai motori e in genere alla prese d'aria (ecco la ragione della discese delle maschere a ossigeno, per esempio), incluso il Pitot che alla fine è un tubo con dei forellini piuttosto piccoli (scusate la banalizzazione).Non capisco i "danni" all'elettronica: se manca la corrente non possiamo parlare di danno diretto, semmai di mancato funzionamento. Tra l'altro anche l'APU (il generatore ausiliario d'emergenza) potrebbe soffrire in qualche misura di danni per le ceneri.I danni alla struttura, poi? A parte un certo effetto abrasivo, francamente il danno strutturale lo vedo solo se l'aereo precipita come effetto di questo collasso sistemico. In quel caso potremmo macabramente parlare pure del danno sul corpo umano... ma francamente mi pare fuorviante nel senso dell'articolo.
    • Giorgio Pontico scrive:
      Re: Danni alla struttura?
      Ciao! La polvere finissima si insinua praticamente ovunque e i depositi possono portare a piccole ma significative deformazioni di alcuni elementi della struttura, non della fusoliera magari, ma se per caso ti trovi dentro una nube del genere con spoiler aperti e flap abbassati potresti poi non essere più in grado di manovrarli. Per quanto riguarda i guasti elettrici è più o meno lo stesso discorso: i depositi di polvere assorbono acqua (o condensa) molto facilmente provocando un funzionamento intermittente dell'impianto o direttamente un cortocircuito.
      • ginfitz scrive:
        Re: Danni alla struttura?
        Scusami ma le cose che hai detto le hai lette da qualche parte oppure no ?Grazie
      • filce scrive:
        Re: Danni alla struttura?
        E bisogna anche mettere in conto che sono particelle molto cariche elettricamente, con rischio molto più elevato di fulmini e shock elettrici, come il Fuoco di S.Elmo (leggevo oggi) http://it.wikipedia.org/wiki/Fuoco_di_Sant%27Elmo . Un ispettore dell'Enac mi raccontava tempo fa che in un volo di certificazione di un bizjet (i piccoli jet d'affari) si è trovato il muso avvolto da questo alone, iniziato dalla punta e via via esteso fin quasi ai vetri, che improvvisamente è esploso con uno schiocco secco e ha spento l'avionica. Blackout totale elettrico a 10000 metri (ma non dei motori). Hanno risolto riavviando tutto, come noi bravi informatici, e scendendo rapidamente di quota ma non è stato bello ugualmente. Senza strumenti e senza radio, lassù non è il massimo!
        • OldDog scrive:
          Re: Danni alla struttura?
          - Scritto da: filce
          E bisogna anche mettere in conto che sono
          particelle molto cariche elettricamente, con
          rischio molto più elevato di fulmini e shock
          elettrici, come il Fuoco di S.Elmo (leggevo oggi)
          http://it.wikipedia.org/wiki/Fuoco_di_Sant%27ElmoPerché mai? Sono particelle di minerale, non necessariamente più o meno cariche elettrostaticamente di una comune nuvola.
          . Un ispettore dell'Enac mi raccontava tempo fa(...)
          e ha spento l'avionica. Blackout totale elettrico
          a 10000 metri (ma non dei motori). Hanno risolto
          riavviando tutto, come noi bravi informatici, e
          scendendo rapidamente di quota ma non è stato
          bello ugualmente. Senza strumenti e senza radio,
          lassù non è il massimo!Scusa, ma l'aneddoto non dice nulla di relativo al rischio nuvola vulcanica. Gli aerei sono progettati per sopportare situazioni di stress quali fulmini diretti alla struttura, anche se un danno può verificarsi - vedi quanto riporti - ma in genere è recuperabile con apposita procedura e infatti te l'hanno spiegato. Non trascurare il fatto che un business jet da 6 / 10 posti in genere non ha le dotazioni avioniche di un velivolo da 200 / 300 posti, quindi in termini di "ridondanza" ci sono altri margini.
      • OldDog scrive:
        Re: Danni alla struttura?
        - Scritto da: Giorgio Pontico
        La polvere finissima si insinua praticamente
        ovunque e i depositi possono portare a piccole ma
        significative deformazioni di alcuni elementi
        della struttura, non della fusoliera magari, ma
        se per caso ti trovi dentro una nube del genere
        con spoiler aperti e flap abbassati potresti poi
        non essere più in grado di manovrarli. Per quanto
        riguarda i guasti elettrici è più o meno lo
        stesso discorso: i depositi di polvere assorbono
        acqua (o condensa) molto facilmente provocando un
        funzionamento intermittente dell'impianto o
        direttamente un
        cortocircuito.Scusa, ma da appassionato (e con qualche vecchio studio aeronautico alle spalle) non condivido questo punto. Ad alta quota (zona nube) spoiler e flap non sono manovrati e la densità di particelle attesa dalla nube non è quella di una tempesta di sabbia. L'idea che la polvere danneggi per cortocircuito un impianto costruito per operare in condizione di ghiaccio è decisamente campata in aria, IMHO. Senza offesa, non ho mai letto di indagini a seguito di problemi in volo a quota crociera che abbiano parlato di questo tipo di danni, ma ovviamente posso essere io a sbagliarmi.
        • DomFel scrive:
          Re: Danni alla struttura?
          Anche se ti puo' essere strano e' esatto cio' che e' stato scritto. Le prime cose a saltare sono il controllo del velivolo e l'impianto elettrico. I cortocircuiti vengono generati dall'impressionante elettricita' statica presente in nube, e relativi fulmini.Di fulmini ne ho presi anche tre in un solo volo, ed era un semplice Roma-Trieste, e non e' stato affatto felice. I fuochi di sant'Elmo non accecano, sono bellissimi quando sono pochi, nelle belle serate, spaventosi nel brutto tempo; cariche elettriche cosi' elevate nell'aria non fanno bene all'avionica. Non entro nei particolari.Precisazione: di solito l'avionica dei jet privati e' di gran lunga superiore rispetto a quelli commerciali, perlomeno in quelli nuovi e ben equipaggiati. Sono sempre i piu' piccoli ad avere tutte le novita' montate a bordo (vedi night vision per es.).P.S.: Lo faccio per lavoro l'"autista" per aria.
          • OldDog scrive:
            Re: Danni alla struttura?
            - Scritto da: DomFel
            Anche se ti puo' essere strano e' esatto cio' che
            e' stato scritto. Ok, grazie per il chiarimento. :-)
            Precisazione: di solito l'avionica dei jet
            privati e' di gran lunga superiore rispetto a
            quelli commerciali, perlomeno in quelli nuovi e
            ben equipaggiati. Sono sempre i piu' piccoli ad
            avere tutte le novita' montate a bordo (vedi
            night vision per es.).Lì mi sono spiegato male io, visto che non mi riferivo allo "stato dell'arte" ma alla ridondanza di apparati affidabili, visto che i liners sono i "treni" delle compagnie aeree, e AFAIK privilegiano continuità ed affidabilità (minori fermi per manutenzione) alle prestazioni brillanti di chi si può permettere un "executive", come si chiamavano una volta.
            P.S.: Lo faccio per lavoro l'"autista" per aria.Allora in questi giorni ti "becchi" lo stop per vulcano? Oppure puoi fare lavoro aereo a quote ridotte? Francamente non ho capito se il blocco ha fermato anche l'aviazione minore, visto che le ceneri mi sembrano presenti a quote più alte. Ciao
    • nomen omen scrive:
      Re: Danni alla struttura?

      Non capisco i "danni" all'elettronica: se manca
      la corrente non possiamo parlare di danno
      diretto, semmai di mancato funzionamento. Tra
      l'altro anche l'APU (il generatore ausiliario
      d'emergenza) potrebbe soffrire in qualche misura
      di danni per le ceneri.Nell'articolo si dice semplicemente che la procedura da attuare in caso di ceneri è di azionare l'APU. Dall'articolo non si capisce, ma probabilmente questa operazione serve per garantire la presenza di energia nonostante il probabile spegnimento dei motori (che, suppongo, in condizioni normali, producono energia per i sistemi elettronici)
  • ullala scrive:
    e il clima...
    Data la zona...Data la scala (geologica) del fenomeno...Dati i precedenti (piñatubo e ninjo)...Ci si dovrà aspettare qualche conseguenza sul clima...
    • panda rossa scrive:
      Re: e il clima...
      - Scritto da: ullala
      Data la zona...
      Data la scala (geologica) del fenomeno...
      Dati i precedenti (piñatubo e ninjo)...
      Ci si dovrà aspettare qualche conseguenza sul
      clima...Se il clima subisce modifiche e' colpa del p2p, mica del vulcano.
      • Iii scrive:
        Re: e il clima...
        Non dimentichi qualcuno?http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Colpa_di_Berlusconi
      • ullala scrive:
        Re: e il clima...
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: ullala

        Data la zona...

        Data la scala (geologica) del fenomeno...

        Dati i precedenti (piñatubo e ninjo)...

        Ci si dovrà aspettare qualche conseguenza sul

        clima...

        Se il clima subisce modifiche e' colpa del p2p,
        mica del
        vulcano.Aggià come ho fatto a scordarmi di internette e del pittupì...Bravo se non c'eri tu me ne dimenticavo! :D
    • r1348 scrive:
      Re: e il clima...
      lol ninjo
    • MaestroX scrive:
      Re: e il clima...
      No problem, nel 2012 si chiude tutto.
  • Bah scrive:
    L'uomo...
    Non ha le pinne per nuotare...Non ha le ali per volare...Non ha muscoli di elevata potenza (ed ossa resistenti agli eventuali impatti) per andare ad elevate velocità sul terreno...Quando vogliamo fare queste cose contro natura... e la natura ci si mette in mezzo finiamo sempre zampe all'aria...Ciò non toglie quanto sia spassoso volare, navigare, e andare a 200 all'ora sulla A1...
    • Vihai Varlog scrive:
      Re: L'uomo...
      L'uomo ha l'intelligenza per custruirsi gli strumenti con cui fare tutto ciò.E quella gliel'ha fornita la natura, mica un IDDQD.
      • Redpill scrive:
        Re: L'uomo...
        - Scritto da: Vihai Varlog
        L'uomo ha l'intelligenza per custruirsi gli
        strumenti con cui fare tutto
        ciò.

        E quella gliel'ha fornita la natura, mica un
        IDDQD.touchè! :)
    • blobob scrive:
      Re: L'uomo...
      Stranamente però, il vaticano non ha mai condannato questi atti contro natura. Che la storia della natura sia tutta una scusa per venirci a rovistare sotto le lenzuola?
    • battagliacom scrive:
      Re: L'uomo...
      vabbe ma quanti sono i passeggeri che hanno effettuato un viaggio in aereo in confronto con quelli che sono rimasti bloccati(in tutto la vita dell'aeronautica)?
  • uibbs2 scrive:
    A distanza di qualche anno...
    ... finalmente il mondo apre gli occhi e la smette di far fare a Fontanarossa la parte dell'aeroporto che rompe le scatole per i problemi causati dall'Etna.Sebbene a Catania la situazione qualora ci fosse (pardon, quando c'e' la prossima ) un'eruzione sia ben diversa, dato che li' tocca andare coi mezzi spazzacenere sulle piste...-- Saluti, Grizzly - http://www.g-sr.eu/
    • ggiannico scrive:
      Re: A distanza di qualche anno...
      Stai dimenticando Sigonella... dove tra l'altro si è svolto l'ultimo meeting europeo in merito a questa problematica.Non esiston solo i voli di linea..
  • anarchico scrive:
    interessante
    ..per un sito di aeronautica..
    • panda rossa scrive:
      Re: interessante
      - Scritto da: anarchico
      ..per un sito di aeronautica..Hanno scritto anche di peggio e molto piu' fuori tema.Se non altro e' una buona alternativa all'iPad.
      • Sgabbio scrive:
        Re: interessante
        Poi però dicono che è fuori tema il fatto di parlare di cose come il No B Day organizzato interamente su internet o Raiperunanotte, un evento streaming che ha avuto un grande seguito......PI Due pesi due misure.
      • Antonio M. scrive:
        Re: interessante
        Bravo! Hai tirato in ballo ancora una volta l'iPad.Perché criticare l'articolo? Ogni tanto una parentesi è necessaria agli informatici incalliti.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: interessante
      è scienza, non fantascienza :P
      • anarchico scrive:
        Re: interessante
        Ho capito! New scientist e' il nuov target di PI!!
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: interessante
          mi pare che la tecnologia sia un tema tipico di PIvisto che tutti (facciamo tanti) parlano del caos aereo, ci faceva piacere offrire un contributo tecnico e tecnologico per spiegare certi concetti :)
          • anarchico scrive:
            Re: interessante
            grazie mille!!
          • ruppolo scrive:
            Re: interessante
            - Scritto da: Luca Annunziata
            mi pare che la tecnologia sia un tema tipico di PI

            visto che tutti (facciamo tanti) parlano del caos
            aereo, ci faceva piacere offrire un contributo
            tecnico e tecnologico per spiegare certi concetti
            :)Grazie, ho molto apprezzato :)
          • A s d f scrive:
            Re: interessante
            QuotoAnche io sono molto contento, in effetti!- Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Luca Annunziata

            mi pare che la tecnologia sia un tema tipico di
            PI



            visto che tutti (facciamo tanti) parlano del
            caos

            aereo, ci faceva piacere offrire un contributo

            tecnico e tecnologico per spiegare certi
            concetti

            :)

            Grazie, ho molto apprezzato :)
          • Acalo scrive:
            Re: interessante
            Salve. Apprezzo molto l'articolo. Finalmente una chiara descrizione tecnica dei danni che potrebbe causare questa nube, visto che nessun gironale si è preso la briga di spiegarlo come al solito. Grazie anche perchè non devo aspettare i prossimi Focus o simili e pagare per capirci qualcosa di più.
          • Tiscalino scrive:
            Re: interessante
            - Scritto da: Acalo
            Grazie anche perchè non devo aspettare i prossimi
            Focus o simili e pagare per capirci qualcosa di
            più.Focus? Brrr, per carita', quello non e' una rivista scientifica, al massimo e' di divulgazione pseudo-scientifica (mi prendo Le Scienze se voglio leggere articoli scientificamente seri), condita di molte belle foto (ma mi prendo una rivista di foto se voglio le foto...) e con la famosa rubrica delle lettere al direttore che Maurizio Battista ha ben dimostrato trattarsi di boiate pazzesche...:-)
          • Zio Tano scrive:
            Re: interessante
            Per quel che puo' servire, io ho apprezzato l'articolo.
        • Marcus Brody scrive:
          Re: interessante
          - Scritto da: anarchico
          Ho capito! New scientist e' il nuov target di PI!!E piantatela di massacrare sempre sto povero Annunziata, manco fosse Ruggero Orlando da New York! Provate voi a scrivere un articolo decente e poi vedremo!
          • Edoardo Teach scrive:
            Re: interessante
            - Scritto da: Marcus Brody
            - Scritto da: anarchico

            Ho capito! New scientist e' il nuov target di
            PI!!


            E piantatela di massacrare sempre sto povero
            Annunziata, manco fosse Ruggero Orlando da New
            York! Provate voi a scrivere un articolo decente
            e poi
            vedremo!Quoto!
          • anarchico scrive:
            Re: interessante
            L'articolo mica l'ha scritto l'annunziato.. ha deciso lui di rispondere
          • Martin scrive:
            Re: interessante
            Vai a fare il troll altrove va.
      • Dirigente capo scrive:
        Re: interessante
        ma quante bello sto nunziata ..
    • angros scrive:
      Re: interessante
      Per un sito che parla di tecnologia, va benissimo.
    • Funz scrive:
      Re: interessante
      - Scritto da: anarchico
      ..per un sito di aeronautica..Quindi non avremo più il piacere della tua presenza, che peccato.
    • Anonimo codardo scrive:
      Re: interessante
      Ma sopratutto scritto da un noto, stimato e provetto pilota acrobatico, esperto di aereonautica e quindi di motori di aerei e loro funzionamento.
Chiudi i commenti