Viaggio al centro della Terra

Un team di geologi vuole scavare e raggiungere il mantello terrestre. Il punto di partenza sarà sul fondo dell'Oceano Pacifico

Roma – La missione non è di certo tra le più comuni: esplorare i meandri della geosfera e giungere a toccare il mantello, restituendo in questo modo una prima fotografia delle profondità terrene. L’ambizioso progetto , dal costo di un miliardo di dollari, nasce dalla collaborazione di alcuni scienziati internazionali riuniti in un team di esplorazione.

Per raggiungere il mantello i geologi dovranno scavare fino a una profondità di 6km a partire dal fondo marino . L’impresa, se compiuta, passerà di certo alla storia per essere la prima nel suo genere dopo diversi tentativi naufragati per l’insormontabilità delle difficoltà tecniche. Queste ultime riguardano in particolare la natura disomogenea del mantello , compreso tra la crosta e il nucleo, avente uno spessore di quasi 3000km e costituito da una copertura rocciosa eterogenea e in continuo mutamento. Per raggiungere la meta sarà necessario scavare con aste di perforazione lunghe circa 10km e armarsi di molta pazienza,
dal momento che ogni punta ha una durata di circa cinquanta/sessanta ore. L’intera operazione, dunque, potrebbe richiedere anni.

Il team di esplorazione ha individuato tre possibili località – tutte situate nell’Oceano Pacifico – da cui partire con le trivellazioni. Per raggiungere il mantello gli scienziati potranno affidarsi alla nave da trivellazione giapponese Chikyu, operativa dal 2002, in grado di trasportare 10km di tubi perforanti.

Per Damon Teagle, co-direttore del team di ricerca, si tratta del “progetto più ambizioso nella storia della scienza della Terra”, reso ancora più complicato dalla volontà di riportare in superficie alcuni campioni prelevati in profondità .

Secondo gli scienziati, il progetto potrebbe fornire risposte utili ad alcune delle domande più spinose sull’origine e l’evoluzione della Terra dal momento che quasi tutto il fondo marino e la superficie continentale che costituisce la superficie terrestre ha avuto origine dal mantello. Non pare eccessivo, dunque, paragonare una simile impresa al programma lunare Apollo se si considera il valore scientifico dei campioni che potrebbero essere prelevati.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • il padrone delle ferriere scrive:
    100 giorni alla fine del mondo?
    C'e' vita su Marte? nove per nove fara' veramente ottantuno?Punto Informatico e' una testata seria?IN GRANDI MISTERI DELLA SCIENZA, SCOPRITELI SU VOYAGER MAGAZINE, UNA RIVISTA CHE STA ALLA SCIENZA COME UN ALLUCE VALGO STA AD UNA POZZANGHERA!
  • stelvio scrive:
    cinesi
    vuol dire ZTE, presumo.. non sempre fanno dei buoni terminali
  • solo K scrive:
    ah MeeGo
    ah peerò, MeeGo il sistema operativo open source basato su Linux, mi sembrava cmq oltremodo superfluo dirlo.Non dici su quale parte del progetto intendono sviluppare perchè MeeGo è GPL nella quasi totalità.Le MeeGo Ux invece vengono rilasciate BSD o cmq copyleft.Superfluo certo. Bell'articolo, cmq.
    • benkj scrive:
      Re: ah MeeGo
      - Scritto da: solo K
      Superfluo certo. Bell'articolo, cmq.Difatti da quando Microsoft l'ha tradito mettendogli piastrelle e walled garden nel desktop Maruccia e' diventato meno trolloso nei confronti di linux.
Chiudi i commenti