Videogame d'annata

Un viaggio sconnesso tra titoli che hanno fatto la storia. Per tentare di tirare le prime somme di 30 anni e più dalla nascita dell'era dei videogiochi

Roma – La letteratura sulla videoludica ha subito una drastica impennata negli ultimi anni per quantità e qualità degli scritti: ma se la maggior parte dei testi è orientato sul versante accademico e ruota intorno all’analisi del linguaggio dei videogiochi (come essi comunichino, quale sia il loro specifico e come le nuove generazioni portino avanti questo linguaggio in una direzione che si distanzia dagli omologhi audiovisivi), è da poco uscito un libro che invece vira su tutto un altro versante.

Vintage Games , adeguatamente sottotitolato La storia di Grand Theft Auto, Super Mario e dei più influenti videogiochi di tutti i tempi , è una curiosa variazione sul tema della storia della videoludica nel quale il racconto di come l’industria si sia sviluppata dagli albori ad oggi non procede in senso cronologico, né attraverso una rigida (quanto arbitraria) suddivisione in generi. Al contrario gli autori Bill Loguidice e Matt Baron hanno preferito scegliere 25 titoli emblematici del mezzo, spaziando tra moderni e antichi per parlare di qualcosa che va più in là anche del titolo stesso. Può sembrare una contraddizione in termini raccontare la modernità attraverso il culto del vintage, e invece è un modo interessante di approcciare il settore.

I Vintage Games sono quei giochi usciti qualche decennio fa che continuano ad influenzare i videogiochi moderni, e che per questo motivo non abbiamo dimenticato. Non liquidabile in senso stretto come un’enciclopedia dei videogiochi o un dizionario della videoludica, Vintage Games ha poco di vintage e molto di moderno. Per parlare dei platform di un certo tipo parte, come ovvio, dalla storia della saga di Super Mario Bros, spaziando subito però nei rivali come Sonic, nei concorrenti, negli esempi migliori e peggiori di quello che Mario ha originato, soffermandosi sulle ultime generazioni e le infinite espansioni del genere su diverse console.

È come se ogni videogioco facesse genere a sè, anche retroattivamente. Ad esempio per parlare dell’introduzione della visuale tridimensionale la scelta ricade su Tomb Raider, benché non si tratti del primo gioco del genere, o per gli sparatutto in soggettiva invece il capitolo è incentrato su Doom e non su Wolfenstein (anche se ovviamente poi il gioco è menzionato).

Utilizzare titoli di giochi cardinali come capitoli dona al libro un andamento non lineare, che consente una lettura episodica, consultativa. A questo punto interviene però il grande limite di Vintage Games, ovvero la totale mancanza di un’elaborazione intellettuale di ciò che si racconta. Come precisato all’inizio, non è intenzione degli autori parlare di linguaggi e di significati legati alla produzione videoludica: tuttavia, tracciando la storia dei videogiochi in più di un momento, gli autori arrivano a trattare anche quale sia stato il retaggio di un certo titolo, cosa cioè sia stato in grado di causare, a che fenomeni abbia dato vita e quali altri giochi siano nati grazie alla sua sola esistenza. Queste considerazioni per lo più girano intorno ad un vuoto teorico che in più di un caso genera frustrazione nel lettore.

Speculazioni teoriche a parte, però, il compendio di Baron e Loguidice è impressionante per serietà, esaustività e minuzia (450 pagine). Sebbene non completo (molti videogiochi a dir poco storici non sono citati) il libro è però coerente nella volontà di cominciare a tracciare un abbozzo di storia della videoludica, decidendo chi tenere dentro e chi fuori. Non sempre si concorderà con le scelte degli autori (praticamente nessuna citazione per i giochi di Fumito Ueda), ma è indubbio che queste siano state fatte con criterio, conoscenza e un’idea ben precisa di come si sia dipanata l’evoluzione dei generi, dei titoli e dei giochi. Un’opera da consultazione e non da meditazione.

L’edizione italiana è curata da Claudio Todeschini e Stefano Gaburri.

Gabriele Niola
Il blog di G.N.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andrea scrive:
    e-book
    Molto interessante la promessa di Ausus.Ormai si è detto di tutto a proposito delgi E-book ma una domanda mi nasce spontanea:Perchè creare un e-reader con schermo illuminato(DR-950)che affatica la vista? L'idea di base di E-ink è quella di simulare la carta stampata e qundi di non affaticare la lettura.Che Asus stia spingendo verso una nuova generazione di PC portatili...
  • qwa aqw scrive:
    120 ore...
    ... che passano a 10 minuti se si visualizzano pagine in flash
  • Osvy scrive:
    Anche Asus alla politica degli annunci?
    No dico: ENTRO LA FINE DELL'ANNO. Siamo a gennaio.Giusto un paio di giorni fa c'era questo:http://punto-informatico.it/2785568/PI/News/notebook-asus-promette-autonomie-record.aspxMa far vedere prodotti reali invece di annunciarli? Che poi nell'informatica sei mesi sono una generazione, magari a fine anno queste non saranno più novità così esaltanti. ciao
    • Valeren scrive:
      Re: Anche Asus alla politica degli annunci?
      E' appena finito il CES, ed è ovvio che tutto sia "entro l'anno".Stessa cosa per le TV 3D: la prima è indicativamente "entro la primavera", le altre "nel 2010".
      • Mastro Geppetto scrive:
        Re: Anche Asus alla politica degli annunci?
        - Scritto da: Valeren
        E' appena finito il CES, ed è ovvio che tutto siapiù che altro sono tutti questi annunci che finiranno nel CES
        • Valeren scrive:
          Re: Anche Asus alla politica degli annunci?
          Eh, magari.Vedrai quando uscirà l'tablet o come lo chiameranno.Nessuno avrà capito bene cosa sia, cosa faccia ed a cosa serva ma ne venderanno una marea.
  • lordmax scrive:
    OLED da 5 giorni
    Innanzitutto i lettori digitali ed i pc sono cose diverse.Leggere su un lettore (io ne ho due) NON è leggere su uno schermo.Se qualcuno non ci crede sono disposto a fargli provare uno dei miei lettori... purché sia in zona torinoSeconda cosa 5 giorni di autonomia è una FETECCHIA!!!I lettori digitali (tranne i 2 modelli in commercio touch screen) hanno batterie che durano parecchie settimane altro che 120 ore.
    • terminator2 scrive:
      Re: OLED da 5 giorni
      LOL anche a me parevano pochi 5 giorni!!!
    • Giovanni scrive:
      Re: OLED da 5 giorni
      Infatti 5 giorni è pochissimo. Io ho un Kindle che ho caricato il 30 dicembre prima di partire per capodanno. L'ho ricaricato solo ieri, e tutti i giorni ho scaricato il giornale da leggere...inoltre lo schermo a colori, visto che si basa su una tecnologia che "emette" luce (sono i pixel che illuminano) ti stanca presto. Lo schermo eInk non emette luce, serve la luce del sole (o di una lampada) per poter leggere, come per i libri...e questo non stanca come uno schermo!
      • Wolf01 scrive:
        Re: OLED da 5 giorni
        Anche se sinceramente una retroilluminazione non guasterebbe, magari regolabile in modo da poter leggere anche al buio senza disturbare eventuali compagni di camera.
        • MeX scrive:
          Re: OLED da 5 giorni
          si sono le lampade da letturaLa retroilluminazione stanca l'occhio
          • Wolf01 scrive:
            Re: OLED da 5 giorni
            Le lampade da lettura le trovo scomode, non c'è illuminazione uniforme ed è molto fastidioso
          • MeX scrive:
            Re: OLED da 5 giorni
            cosí come é fastidiosa la retro illuminazione.Peró, non ha senso far pagare di piú un ebook perché retroilluminato anche a chi non ha questa esigenza, chi ha necessitá di leggere al buio si prenderá una lampada da lettura
      • Mastro Geppetto scrive:
        Re: OLED da 5 giorni
        - Scritto da: Giovanni
        Infatti 5 giorni è pochissimo. Io ho un Kindle
        che ho caricato il 30 dicembre prima di partire
        per capodanno. L'ho ricaricato solo ieri, e tutti
        i giorni ho scaricato il giornale da
        leggere...iciaoscusa mi spieghi questo passaggio?Puoi leggere giornali itaiani o ti riferisci a giornali stranieri?
        • nome e cognome scrive:
          Re: OLED da 5 giorni

          Puoi leggere giornali itaiani o ti riferisci a
          giornali
          stranieri?a quanto ne so tra gli italiani c'è il Corriere che pubblica per Kindle (La Stampa per iRex invece)
          • anonimo scrive:
            Re: OLED da 5 giorni
            - Scritto da: nome e cognome

            Puoi leggere giornali itaiani o ti riferisci a

            giornali

            stranieri?

            a quanto ne so tra gli italiani c'è il Corriere
            che pubblica per Kindle (La Stampa per iRex
            invece)Anche La Stampa è disponibile sul Kindle:http://www.amazon.com/La-Stampa/dp/B002HMCRJQ
    • . . scrive:
      Re: OLED da 5 giorni
      - Scritto da: lordmax
      Seconda cosa 5 giorni di autonomia è una
      FETECCHIA!!!
      I lettori digitali (tranne i 2 modelli in
      commercio touch screen) hanno batterie che durano
      parecchie settimane altro che 120
      ore.Infatti credo si riferiscano al fatto che per un OLED e' un record. Sapevo pure io che un e-ink non ha bisogno di refresh continuo e non ha retroilluminazione, quindi il consumo di batteria e' quasi nullo (omi confondo con altre tecnologie?).
    • JosaFat scrive:
      Re: OLED da 5 giorni
      Finalmente qualcuno che posta conoscendo l'argomento. Temevo i soliti post "finalmente il colore! gli altri produttori ce lo tenevano nascosto!!!".
  • Funz scrive:
    OLED
    Gli OLED hanno colori vivaci e consumano poco la batteria, ma hanno (ancora) due svantaggi: costano cari e sono poco o niente leggibili alla intensa luce del sole (a differenza dell'e-paper)Trovo molto interessanti gli schermi ibridi LCD - epaper della PixelQI, e quelli di una ditta che al CED ha presentato uno schermo e-ink a colori e con tempi di reazione minimi, compatibili con scrolling e animazioni (colori un po' slavati, ancora)... peccato non essermi salvato il link.
    • acno scrive:
      Re: OLED
      Sono attivi ed emettono luce. L' e-paper e' completamente diversa.Gli unici vantaggi degli oled per un ereader sono i colori e la maggior rapidita' di risposta che permetterebbe di vedere dei filmati in modo decente. Per il resto solo svantaggi....
      • nome e cognome scrive:
        Re: OLED
        - Scritto da: acno
        Sono attivi ed emettono luce. L' e-paper e'
        completamente
        diversa.
        Gli unici vantaggi degli oled per un ereader sono
        i colori e la maggior rapidita' di risposta che
        permetterebbe di vedere dei filmati in modo
        decente. Per il resto solo
        svantaggi....una soluzione che potrebbe interessare chi non può fare a meno delle immagini in movimento potrebbe essere la tecnologia dell'"electrowetting", messa in campo da Liquavista (http://www.liquavista.com/default.aspx)e-paper, a colori, refresh veloce.
        • JosaFat scrive:
          Re: OLED
          Mi ricordavo Liquivista... vabbè.Ma sono solo prototipi per ora, vero?
          • nome e cognome scrive:
            Re: OLED
            - Scritto da: JosaFat
            Mi ricordavo Liquivista... vabbè.
            Ma sono solo prototipi per ora, vero?loro dicono "planned for product implementation throughout 2010/2011".staremo a vedere
  • Wolf01 scrive:
    -
    :O <-
    Come da titolo
    • Cryon scrive:
      Re: -
      :O <-
      - Scritto da: Wolf01
      Come da titolosarà.. ma io preferisco ancora la vecchia carta! :Dnonostante lavori sul pc "giorno e notte"(e forse proprio per questo) se devo leggere preferisco la carta stampata al monitor.Forse questi eReader sono meglio.. non saprei.. qualcuno li ha provati e può fare un paragone? :)
      • 1997 scrive:
        Re: -
        :O <-
        - Scritto da: Cryon
        - Scritto da: Wolf01

        Come da titolo

        sarà.. ma io preferisco ancora la vecchia carta!
        :D

        nonostante lavori sul pc "giorno e notte"(e forse
        proprio per questo) se devo leggere preferisco la
        carta stampata al
        monitor.

        Forse questi eReader sono meglio.. non saprei..
        qualcuno li ha provati e può fare un paragone?
        :)quoto!
        • Matteo scrive:
          Re: -
          :O <-
          Mah, non so, con la quantità i manuali informatici in formato pdf che si trovano un ereader mi interessa abbastanza. Certo, non per romanzi e letture di piacere, ma per la roba da consultazione lo vedo bene.
          • Wintermute scrive:
            Re: -
            :O <-
            - Scritto da: Matteo
            Mah, non so, con la quantità i manuali
            informatici in formato pdf che si trovano un
            ereader mi interessa abbastanza. Certo, non per
            romanzi e letture di piacere, ma per la roba da
            consultazione lo vedo
            bene.Non solo manuali informatici, ma anche brochure e cataloghi in PDF da portarsi alle fiere ad esempio; insomma per tutto quello che non sia la lettura 'seriale' (come nel caso di un romanzo) mi sembra un'ottima soluzione.
          • anonimo scrive:
            Re: -
            :O <-
            - Scritto da: Matteo
            Mah, non so, con la quantità i manuali
            informatici in formato pdf che si trovano un
            ereader mi interessa abbastanza. Certo, non per
            romanzi e letture di piacere, ma per la roba da
            consultazione lo vedo
            bene.Guarda che i romanzi li leggi tranquillamente su un ebook reader. Anzi per il momento molti degli ebook reader sulla piazza danno il meglio di sé proprio con i romanzi. Per i manuali lo saprò quando ne avrò tra le mani uno più grande, ma con il mio attuale non è un'esperienza così piacevole, soprattutto perché tantissima documentazione in formato pdf utilizza il formato A4. Quindi devo togliere i margini e leggere in modalità landscape andando mezza pagina per volta. Anche se a dire il vero ormai mi sono abituato.
      • GodBlessAme rica scrive:
        Re: -
        :O <-
        Ho il Cybook Gen3 e devo dire che lo schermo e-ink è spettacolare! Gli occhi non mi si stancano neppure dopo 3/4 ore di assidua lettura!Non mi convinve l'idea dello schermo a colori....
      • Wolf01 scrive:
        Re: -
        :O <-
        Sinceramente dopo aver avuto a che fare con la funzione di ricerca che ormai è presente in qualsiasi programma a partire da notepad, manca solo il campo minato che con "cerca" ti trova le mine da solo gradirei poter effettuare anche delle ricerche sui libri che leggo, magari un manuale tecnico dove andando nell'indice analitico e cliccando una voce mi va direttamente alla pagina dove questa compare (gran parte dei pdf ha questa funzionalità, quelli che non ce l'hanno sono fatti da XXXX).Praticamente un e-reader ti permetterebbe di usufruire di un prodotto in un modo più da "realtà aumentata", varie cose che non puoi fare in un libro/manuale/cartina senza rovinare il supporto.Non so se hai presente certi siti dove con Internet ExploDer passando sopra alle paroline magiche ti si apre un popup che ti scas.. mostra le informazioni su quello che hai sotto il mouse.Inoltre sarebbe una grande trovata se in un e-reader trovando magari un riferimento a una cosa X e toccando la parola mi aprisse wikipedia o anche una ricerca su google per la parola voluta, o magari anche la traduzione o il dizionario col significato di una parola.Un bel menu a rotella come nei giochi dell'xbox dove una volta selezionata la parola col dito scegli che azione eseguire (cerca, significato...)Sinceramente gli e-reader di adesso non mi soddisfano appieno, e aspetterò quindi che implementino una vasta gamma di funzionalità prima di acquistarne uno.
        • . . scrive:
          Re: -
          :O <-
          - Scritto da: Wolf01
          Inoltre sarebbe una grande trovata se in un
          e-reader trovando magari un riferimento a una
          cosa X e toccando la parola mi aprisse wikipediaPer carita', e' una opzione fastidiosissima: c'ho messo due settimane a rimuovere questa funzionalita' da punto informatico :-)
        • DarkOne scrive:
          Re: -
          :O <-
          - Scritto da: Wolf01
          Sinceramente gli e-reader di adesso non mi
          soddisfano appieno, e aspetterò quindi che
          implementino una vasta gamma di funzionalità
          prima di acquistarne
          uno.Consentono di appuntare schifezze varie su quello che stai leggendo, oppure no?Anche questa penso sia una funzione non da poco...
      • anonimo scrive:
        Re: -
        :O <-
        - Scritto da: Cryon
        - Scritto da: Wolf01

        Come da titolo

        sarà.. ma io preferisco ancora la vecchia carta!
        :D

        nonostante lavori sul pc "giorno e notte"(e forse
        proprio per questo) se devo leggere preferisco la
        carta stampata al
        monitor.

        Forse questi eReader sono meglio.. non saprei..
        qualcuno li ha provati e può fare un paragone?
        :)Queste sono delle foto del mio che avevo postato tempo fa, sono i feed rss del corriere:http://i35.tinypic.com/2885v2w.jpghttp://i34.tinypic.com/a0be6a.jpgVa bene per leggere i romanzi, ma per i testi tecnici è un po' troppo piccolo (6 pollici). Anche se ormai mi sono abituato.Comunque è un'esperienza completamente diversa rispetto al monitor.Se lo usi costantemente le batterie le devi caricare una volta a settimana. Se invece lo lasci lì a far niente durano molto di più.Se il prezzo dell'Asus 9 pollici è quello dell'articolo penso che lo comprerò.
      • Mastro Geppetto scrive:
        Re: -
        :O <-
        - Scritto da: Cryon
        - Scritto da: Wolf01

        Come da titolo

        sarà.. ma io preferisco ancora la vecchia carta!
        :Dla carta è bellissima, a me piace tenere tutti i libri sulle mensole, ogni tanto guardarli. Però mi rendo conto che a volte un ereader sarebbe comodissimo.Mi capita spesso di spostarmi per lavoro ed in questo periodo sto leggendo The Dome di S.King, un mattone di 1050 pagine che in valigia ci entra a malapena, oltre al fatto che pesa un accidente. Con l'ereader potrei leggerlo in tutti i tempi morti della giornata, così invece solo la sera a letto... e pure con difficoltà perchè pesa :D
      • nome e cognome scrive:
        Re: -
        :O <-

        Forse questi eReader sono meglio.. non saprei..
        qualcuno li ha provati e può fare un paragone?
        :)a livello di stress per l'occhio, non c'è assolutamente paragone. Leggere su e-paper e come leggere un giornale di carta, altro che monitor :)I lettori con schermo e-paper presenti sul mercato, però, sono adatti imho ad una lettura di piacere (narrativa, saggistica, fumetti, ecc.). Per manuali, studio e documenti serve uno schermo più grande, dato che è tutta roba in formato A4: i modelli con schermo da 8 o 10 pollici costano troppo. Inoltre per questo tipo di utilizzo farebbe comodo una maggiore velocità di navigazione.
Chiudi i commenti