VLC, stress da media player

Il popolare software realizzato dal collettivo VideoLAN deve fare i conti con i troppi "copioni" presenti su Android. Mentre nella versione PC del software si scoprono due bug piuttosto seri

Roma – Il progetto VideoLAN deve fare i conti con gli effetti negativi della popolarità del suo celebre software multimediale: VLC media player si è guadagnato un’attenzione eccessiva sul sistema operativo Android, al punto che VideoLAN ha deciso di mettere un freno ai “copycat” che ne sfruttano il nome per pubblicizzare prodotti che nulla hanno a che fare con il player open source.

Le tante “app” che fanno riferimento a VLC sono infatti degli strumenti per il controllo delle funzionalità del player da remoto, ma il modo in cui vengono proposte agli utenti trae in inganno con descrizioni inappropriate o non veritiere.

VideoLAN è evidentemente impegnata a preparare il terreno al debutto della versione ufficiale di VLC per Android , e per fare strada al player ha intenzione di risolvere il problema delle app ingannevoli prima chiedendo agli sviluppatori di usare una terminologia appropriata e poi, qualora la gentilezza non bastasse, imponendo la rimozione delle app direttamente al management del marketplace.

In attesa di VLC per smartphone e tablet androidi, gli utenti PC del popolare player multimediale devono fare i conti con due vulnerabilità individuate nel codice sorgente: le falle, classificate come “Highly Critical” da Secunia , sono di tipo “heap overflow” e potrebbero portare al crash del player o all’esecuzione di codice da remoto.

Il problema interessa anche l’ultima versione di VLC (la 1.1.10), e in attesa di una release che sistemi la questione agli utenti viene consigliato di non fruire di contenuti AVI o Real Media provenienti da fonti non verificabili o di disabilitare il plugin fallato ( demux/libavi_plugin.* ).

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti