VoIP? Conveniente ma molto insicuro

Uno studio di settore sul panorama VoIP in Europa mette in luce le opinioni dei grandi operatori telefonici continentali: la telefonia via Internet conviene, ma è troppo insicura a causa di virus e cracker


Londra – Niente dubbi per i top manager delle aziende europee che operano nel mondo delle telecomunicazioni: la telefonia VoIP è il futuro della comunicazione interpersonale, abbatte i prezzi ed è versatile. Tuttavia fa troppo affidamento su sistemi informatici: il 53% degli operatori continentali, rivela uno studio commissionato da Viatel , teme virus, worm e cracker .

La ricerca si basa su un campione rappresentativo di direttori appartenenti al settore IT europeo ed evidenzia la diffidenza e le paure più diffuse verso qualsiasi nuova tecnologia basata su Internet. “Da un punto di vista aziendale”, si legge in una nota rilasciata da Viatel, “essere esposti ad attacchi informatici significa maggiore rischio, sia per i costi di mantenimento di sistemi sicuri, sia per contrastare gli assalti di malintenzionati”.

Negli ultimi tempi anche la Cyber Security Industry Alliance , voce delle imprese statunitensi dedicate alla sicurezza high-tech, aveva lanciato un allarme riguardo le insicurezze delle infrastrutture VoIP, considerate ancora “troppo vulnerabili” per procedere ad una fase d’espansione su scala globale. Ad essere temuti, in questo senso, sono gli attacchi denial-of-service distribuiti (DDoS), che potrebbero essere in grado di “ingolfare” e “buttare fuori” dalla rete interi network di servizio.

Anche la questione della privacy fa storcere il naso a qualche imprenditore. In una intervista rilasciata ad SC , il responsabile di Viatel Roberto Bonanzinga ha dichiarato che “il 25% degli intervistati ha inoltre paventato gravi rischi per la privacy”. Un quarto degli uomini d’affari credono che “le reti VoIP possono essere facilmente intercettate per via della loro stessa natura”. Una visione che non sembra però tenere conto della realtà tecnologica, in quanto l’intercettazione delle tradizionali linee voce è senza dubbio più agevole.

Ad ogni modo due terzi degli intervistati non pensano che tutti questi problemi possano inficiare la crescita del VoIP, indicato come il “più importante settore di sviluppo nei prossimi anni”: un giudizio condiviso tanto dall’ establishment finanziario europeo, pronto nel 66% dei casi ad imbarcarsi in progetti audaci, quanto dalle stesse aziende.

Bonanzinga ha colto l’occasione per indicare le molte strategie disponibili per rassicurare gli investitori: tecnologie già collaudate che “possono essere applicate al traffico telefonico via Internet come al semplice traffico di dati”. “Ad esempio gli operatori possono fornire servizi telefonici IP crittografati, o semplicemente utilizzando VPN”, conclude Bonanzinga.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • deepblu scrive:
    trovatoo!!!!ecco l'idea......
    ....aaaa' patata lessa!!!!! :D
  • AnyFile scrive:
    Ma funziona?
    Una delle prime cose da chiedersi sarebbe se questa antenna funzioni veamente come dicono.Ci sono delle prove?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma funziona?
      Ma ti rendi conto che è un controsenso?
      • AnyFile scrive:
        Re: Ma funziona?
        Le antenne direzionali sono sempre esistite.Inoltre si puo' fare che il primo pezzo dell'antenna non sia in realta' l'anatenna e la parte radiante e' solo quella piu' lontana dal corpo.Ovviamente fuznionera' malissimo, ma dal punto di vista costruttivo potrebbe essere interessantee in ogni caso sempre meglio delle coccinelle
  • Anonimo scrive:
    Finito il chianti?
    Mai portare vino in redazione, poi succedono questi articoli. Stra LOL
    • Anonimo scrive:
      Re: Finito il chianti?
      - Scritto da: Anonimo
      Mai portare vino in redazione, poi succedono
      questi articoli. Stra LOLStra LOL a te, e studia piuttosto.Peccato che i cinesi siano stati i primi ad arrivarci, si basa su un principio elementare.Ma tu sei uno di quelli che critica prima ancora di sapere di che si parla.
      • Anonimo scrive:
        Re: Finito il chianti?
        - Scritto da: Anonimo
        Stra LOL a te, e studia piuttosto.
        Peccato che i cinesi siano stati i primi ad
        arrivarci, si basa su un principio elementare.si, come no, quello del materiale che respinge le onde elettromagnetiche, come se la loro traiettoria fosse modificabile da un pezzettino di metallo...che cos'è? Buzzurrite?bah...
  • Anonimo scrive:
    e le mitiche "coccinelle"?
    che fine hanno fatto???
    • Anonimo scrive:
      Re: e le mitiche "coccinelle"?
      - Scritto da: Anonimo
      che fine hanno fatto???Sono certo che in redazione ne hanno una per ciascun telefono. :)
    • Anonimo scrive:
      Re: e le mitiche "coccinelle"?
      - Scritto da: Anonimo
      che fine hanno fatto???Hanno fatto la fine che si meritavano, dato che non servono assolutamente a niente :p
  • skynetman scrive:
    In arrivo piroette balletti e danze
    Ve lo immaginate? Già adesso la gente alza e abbassa le braccia camminando a zig zag in favolose danze propiziatrici di campo, in futuro vedremo pure le piroette a 360 gradi unite ad armoniosi movimenti delle braccia poichè con le antenne direzionali bisognerà mettersi da un preciso lato rispetto alla stazione radio base per "prendere"...Prevedo prosperità per i corsi di aerobica :p Se poi queste fantomatiche antenne "respingeranno" il campo elettromagnetico del vicino, vedrete al gente allontanarsi gli uni dagli altri e accusarsi a vicenda di fregarsi il campo..... ma LOL
  • Anonimo scrive:
    Antenna=elemento radiante
    Il telefono cellulare altro non è che una stazione radioelettrica miniaturizzata operante in full-duplex (su varie gamme UHF). Come qualsiasi stazione radioelettrica, l'antenna è l'elemento principale che determina le capacità di trasmissione/ricezione.Di antenne ne ho viste di tutti i tipi: dalle enormi "beverage" per le onde corte ai parabolidi per i 5 GHz e non mi è mai capitato di trovare delle leghe che rendessero direttiva un'antenna omnidirezionale. Come al solito si cerca di manipolare le leggi della fisica per cercare di fare marketing... Non a caso cellulari GSM di vecchia generazione con antenna esterna estraibile avevano un rendimento molto superiore...E' sempre valido il detto 100$ per l'antenna e 10$ per l'apparato radioelettrico...
    • digitator scrive:
      Re: Antenna=elemento radiante
      _________________________________________Perfetto! PAROLA DI RADIOAMATORE...- Scritto da: Anonimo
      Il telefono cellulare altro non è che una
      stazione radioelettrica miniaturizzata operante
      in full-duplex (su varie gamme UHF). Come
      qualsiasi stazione radioelettrica, l'antenna è
      l'elemento principale che determina le capacità
      di trasmissione/ricezione.

      Di antenne ne ho viste di tutti i tipi: dalle
      enormi "beverage" per le onde corte ai parabolidi
      per i 5 GHz e non mi è mai capitato di trovare
      delle leghe che rendessero direttiva un'antenna
      omnidirezionale.

      Come al solito si cerca di manipolare le leggi
      della fisica per cercare di fare marketing... Non
      a caso cellulari GSM di vecchia generazione con
      antenna esterna estraibile avevano un rendimento
      molto superiore...

      E' sempre valido il detto 100$ per l'antenna e
      10$ per l'apparato radioelettrico...==================================Modificato dall'autore il 15/11/2005 10.15.27
  • Anonimo scrive:
    si ma..
    ..la qualità di ricetrasmissione?già prendono male quelli che abbiamo, figuriamoci con queste antenne deviate.
Chiudi i commenti