Vsenn, il nuovo smartphone modulare è finlandese

Una start-up europea intende fare concorrenza al progetto Ara di Google con uno smartphone modulare sicuro, personalizzabile e basato su Android. Garantisce uno dei responsabili del progetto Android X di Nokia

Roma – Google e il suo project Ara avranno presto un concorrente, una società finlandese chiamata Vsenn che persegue lo stesso obiettivo di realizzare uno smartphone modulare altamente personalizzabile già a partire dalle sue componenti hardware di base.

Quali sono le promesse (e le premesse) di Vsenn? L’azienda europea dice di poter contare su un co-fondatore già impegnato, in passato, come program manager del progetto Android X di Nokia, e garantisce la modularità del suo smartphone per tre dei suoi elementi principali, vale a dire corpo processore (SoC)/RAM, batteria e videocamera.

Vsenn sostiene di poter garantire per ben 4 anni aggiornamenti continui al sistema operativo di bordo (una versione standard di Android, senza personalizzazioni o software indesiderato di sorta), di poter offrire una piattaforma sicura grazie a 3 diversi strati di protezione crittografica, accesso gratuito a una VPN e un cloud “sicuro”, e la possibilità di personalizzare l’aspetto del terminale grazie a una scelta di scocche limitata solo dall’immaginazione del cliente.

Di concreto o specifiche dettagliate, nei primi annunci di Vsenn, non c’è molto, anche se l’azienda sembra aver intenzione di usare Twitter per far trapelare qualche dettaglio qua e là, a partire dalle caratteristiche dello schermo : il primo modello (prototipo?) di smartphone modulare finlandese sarà equipaggiato con un display da 4,7″, risoluzione Full HD e definizione di 468,7 punti per pollice.

Il debutto pubblico di Vsenn arriva a non molta distanza dall’annuncio, da parte di Google, di una importante evoluzione del progetto Ara con l’organizzazione di conferenze per gli sviluppatori e la presentazione dei primi prototipi funzionanti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Uqbar scrive:
    Vi prego, basta!
    Quando l'AGCOM avrà il potere di sospendere le licenze operatore a fronte di infrazioni a sue delibere (o altri atti governativi), allora ne riparliamo.Nel frattempo la "pressione dell'AGCOM" avrà lo stesso effetto di un fiocco di neve sulla lava bollente...E poi, se con la rete in rame non siamo riusciti a coprire tutto (e intendo "TUTTO") il territorio nazionale, pensate ci riusciremo con la fibra?A fronte di quale vantaggio per gli operatori?Puzza tutto di demagogia, anche per giustificare l'esistenza di un ente inutile e inefficace.
  • Ennio Biondi scrive:
    Agcom e AGCM, pressione per la banda lar
    è inutile che in Italia si parli di far intervenire privati per risolvere il problema del digital-divide quando La Telecom continua a ostinarsi di voler gestire le centraline di zona senza lasciare che anche i privati possano intervenire; di fatto siamo ancora in regime di monopolio per quanto concerne la rete telefonica: se le centraline sono in mano ad un unico gestore risulta inutile lo sforzo di privati nelle realizzazione di reti su fibra: è inutile che si viaggio su fibra se poi l'ultiomo tratto che arriva nelle case è come un imbuto che rallenta tutto.
  • Triste scrive:
    molto triste
    In Italia di largo per ora abbiamo solo il fondoschiena di chi ha una poltrona e non la molla
  • M.R. scrive:
    Si, certo, come no!
    Fare la banda larga con SOLDI PUBBLICI, TASSE DEI CITTADINI e poi, come per la Telecom, svenderla e regalarla a chi potrà spolparla e mangiarci sopra.Magari con la scusa che l' Europa non tollera i monopoli e l' intervento pubblico per la concorrenza.
    • lorenzo scrive:
      Re: Si, certo, come no!
      Veramente i soldi vengono dall'europa , se non li spendiamo li restituiamo come e' sempre sucXXXXX in passato ... non risparmiamo nulla a non spenderli anzi ci perdiamo perche' ce ne daranno sempre di meno per una regola che c'e' .
    • lorenzo scrive:
      Re: Si, certo, come no!
      Telecom e' ancora in monopolio purtroppo , vedi ultimo miglio che le permette di portare le vdsl ai suoi utenti mentre la concorrenza non puo' con linee proprie ...
  • Pianeta Video scrive:
    piccola aggiunta
    sono un troll poco sveglio, vi prego, non rispondetemi
  • Pianeta Video scrive:
    ...
    La banda larga è inutile, con tutte i problemi che ci sono non ha senso pensare a queste bambinate! @^
    • Nome e cognome scrive:
      Re: ...
      Per quanto solitamente io sia in disaccordo con la tua linea politica "estremista", anche io ritengo che tutte queste spese per la banda larga siano inutili (almeno per un bel po' di tempo)...Prima di tutto questo dovrebbe essere un problema degli operatori telefonici, siccome non sono PIU' statali, e il secondo problema e' che bisogna informatizzare l'itaGlia a dovere, adeguare le amministrazioni, le scuole, ed istruire gli anziani, dare incentivi per acquisti di PC e abbonamenti, ecc... altrimenti la banda larga servira' SOLO agli SCARICONI
    • lorenzo scrive:
      Re: ...
      Gia' ... peccato che a causa della mancanza di banda larga non abbiamo potuto sviluppare un sacco di progetti ... che creano occupazione e ricchezza , e non potremo per molto molto tempo con la finta banda larga che ci stanno propinando .
Chiudi i commenti