WC3 per un web mobile universale

Morse - L'organismo che sovrintende al web vuole una Internet a misura di cellulare. XHTML per tutti e basta con gli standard che non sono standard

Il W3C, acronimo di World Wide Web Consortium, è un consorzio incaricato di promuovere la compatibilità delle tecnologie Internet (HTML, XHTML, XML, CSS) con tutti i device del mercato che includono un navigatore Web.

Dopo aver attaccato per numerosi anni Microsoft ed il suo navigatore Internet Explorer, W3C punta ora il dito sul web mobile e le sue svariate declinazioni in i-mode, HTML, WAP e infine iPhone, in quanto la maggior parte delle versioni mobili dei servizi non sono compatibili tra loro, ed auspica invece un formato universale di Internet mobile che sia anche di semplice utilizzo.

Ciò spiega perché W3C ha pubblicato dei nuovi standard per facilitare la navigazione sul Web a partire dai terminali mobili: Mobile Web Best Practices 1.0 è il documento che dà consigli pratici per la creazione di contenuti universali per i terminali mobili.

“La convergenza delle tecnologie del Web mobile offre una migliore esperienza agli utilizzatori mobili e s’inserisce nella missione di W3C volta a creare un solo Web”, ha precisato Dominique Hazaël-Massieux, direttore dell’iniziativa Web mobile per il W3C.

Concretamente, W3C incoraggia la pubblicazione dei siti mobili in formato XHTML 1.1 Basic e propone una standardizzazione ed una convergenza nell’Internet mobile su tale standard. A tal proposito, il consorzio ha pubblicato in versione beta un “verificatore” W3C mobile per testare e validare la versione light del proprio sito.

Morse

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Oliviero Mannucci scrive:
    Nasa e motore ad antimateria
    La notizia è interessante, però un primo passo è stato fatto. Al centro Marshall della Nasa, stanno approntando un motore che trarrà la sua energia dall'incontro della materia e dell'antimateria, lo spiega Lis Jhonson, il capo del progetto, e dice che questo tipo di motore permetterà nei prossimi decenni di oltrepassare di molto i 60 000km/h, la massima velocità che raggiungono ora le nostre sonde. Questo permetterà all'uomo di colonizzare l'intero sistema solare ntro la metà di questo secolo e non solo, con questo motore di nuova concezione si potrà andare su Marte (2028) in 4 mesi anzichè in 18. L'evolzione di questo motore potrebbe portarci alla fine del secolo a raggiungere una velocità vicina a quella della luce, l'esplorazione delle stelle più vicine sarebbe quindi alla nostra portata. Il viaggio a curvatura potrebbe diventare realtà nel secolo successivo.Cieli sereni
  • Stefano scrive:
    Dilitio
    tutto sta a trovare sto benedetto dilitio
  • Francesco scrive:
    Curvatura 8, attivare
    Prima di vedere una cosa del genere passeranno 100 anni faccio prima a far decollare il mio vicino di scrivania con un coppino
    • Franco scrive:
      Re: Curvatura 8, attivare
      100??!??!? Fra 100 anni forse avremo capito che l'unica bolla era quella dell'embolia schizoide che ci aveva pervaso.....forse il commentatore di "W la figa" non aveva tutti i torti.....ihih.....
  • Michele scrive:
    W la figa
    Pensate alla figa che è meglio!!
    • Conte Mascetti scrive:
      Re: W la figa
      - Scritto da: Michele
      Pensate alla figa che è meglio!![img]http://www.psychotogenic.com/images/randomness/seven_of_nine.jpg[/img] 8)
    • Burp scrive:
      Re: W la figa
      - Scritto da: Michele
      Pensate alla figa che è meglio!!Per fortuna non sono tutti come te o dovremmo ancora scoprire il fuoco.Ti vesti, mangi, vivi, ti muovi, tutto quello che fai lo fai grazie all'ingegno di gente con due palle e un cervello cosi' che e' vissuta prima di te.Il tuo contributo e' pensare alla figa.Bravo, svuotati le palle, almeno saranno equipotenziali col tuo cranio.
      • . . scrive:
        Re: W la figa
        Peccato che contribuisca al famoso detto:"La mamma dei cretini e' sempre incinta"
        • Registrati scrive:
          Re: W la figa
          - Scritto da: . .
          Peccato che contribuisca al famoso detto:
          "La mamma dei cretini e' sempre incinta"http://filmup.leonardo.it/sc_idiocracy.htmConsigliatissimo a tal proposito...
    • Oliviero Mannucci scrive:
      Re: W laXXXXX
      Dimostralo scientificamente?
      • BApepLTBjhQ YdQ scrive:
        Re: W laXXXXX
        http://easyonlineloans.tk/fast-easy-way-to-make-money.html#3934 fast easy way to make money, http://onlineloansforpeoplewithbadcredit.ga/long-term-personal-loans-for-people-with-bad-credit.html#4010 long term personal loans for people with bad credit, http://onlineloansforpeoplewithbadcredit.ga/loans-bad-credit-lenders.html#7131 signature bad credit loans,
  • loziorsopuntocom scrive:
    ma se i problemi sono solo i consumi
    ma se i problemi sono solo i consumi potremmo mettere un motore elettrico alimentato dai pannelli solari o noe una ventolina hehehecio cio
  • skyeye scrive:
    Re: Mi consenta, riguardo all'energia...
    come curvatura possono usare quella sulla schiena di Andreotti.. vedi che torna sempre utile!
  • Beppexy scrive:
    qui se ne parla da anni
    http://spazioinwind.libero.it/inrabazon/Gedanken1.htmnon sono in grado di capire se le formule presentate hanno un senso, però l'impianto generale è molto suggestivo soprattutto nella parte in cui fa riferimento al calcolo quantisticocercare:Progetto propulsione
  • Realista scrive:
    Non esistono paradossi spazio-temporali
    ..."i paradossi spazio-temporali legati a spostamenti che superano la velocità dei fotoni."Ma quali spostamenti? Questa affermazione non mi risulta esatta perché negli esperimenti fatti non sono mai stati registrati spostamenti ma solo modificazioni fisiche immediate, comandate a distanza.Dunque non esistono prove per dedurre che tra i due luoghi abbia TRANSITATO un segnale più veloce della luce.Sarebbe invece più realistico supporre che esista un contatto "invisibile" tra i due luoghi, un filo ignoto che quando viene tirato da una estremità ha effetti immediati sull'altra estremità a prescindere dalla distanza... e questa ipotesi non contraddice affatto il limite massimo della velocità della luce!!Prima di arrivare a facili conclusioni bisognerebbe studiare bene come sono stati realizzati gli esperimenti di meccanica quantistica di cui sopra.
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
      - Scritto da: Realista
      ..."i paradossi spazio-temporali legati a
      spostamenti che superano la velocità dei
      fotoni."

      Ma quali spostamenti? Questa affermazione non mi
      risulta esatta perché negli esperimenti fatti non
      sono mai stati registrati spostamenti ma solo
      modificazioni fisiche immediate, comandate a
      distanza.
      Dunque non esistono prove per dedurre che tra i
      due luoghi abbia TRANSITATO un segnale più veloce
      della
      luce.

      Sarebbe invece più realistico supporre che esista
      un contatto "invisibile" tra i due luoghi, un
      filo ignoto che quando viene tirato da una
      estremità ha effetti immediati sull'altra
      estremità a prescindere dalla distanza... e
      questa ipotesi non contraddice affatto il limite
      massimo della velocità della
      luce!!

      Prima di arrivare a facili conclusioni
      bisognerebbe studiare bene come sono stati
      realizzati gli esperimenti di meccanica
      quantistica di cui
      sopra.E le particelle come fanno ad essere influenzate a grande distanza istantaneamente senza ammettere il passagio di un "quid" da una particella all'altra?A me sembra che questa sia la più importante contraddizione al limite della velocità della luce,la seconda contraddizione deriva dall'assunto che i fotoni non abbiano una massa!Tutto il resto sembra che l'abbia, tranne i fotoni! Forse è più facile pensare che i nostri sistemi di misura non siano così perfezionati!
    • Greedy scrive:
      Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
      Non capisco di cosa parli... a quali esperimenti ti riferisci? quelli sul warp o quelli condotti nell'ambito della teoria della relatività?Da quello che risulta nell'articolo, l'obiettivo non è far viaggiare oggetti a velocità super-luce ma di spostare direttamente lo spazio che li contiene, nell'ipotesi che il continuum sia libero dai limiti che valgono al suo interno.Inoltre se non sbaglio il paradosso derivante dal superamento della velocità della luce è indipendente dal modo in cui si trasferisce il segnale, in particolare un movimento istantaneo, come un teletrasporto, equivale a uno spostamento a velocità infinita, che è sempre e comunque una velocità superiore a quella della luce.Ho capito male io?
      • Biggus Dikkus scrive:
        Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
        La luce non può superare i 300mila Km/sec nel vuoto.Si può immaginare che la luce sia un pesce che nell'acqua non può superare i 20 Km/h. Ma se il pesce sta in una vasca che sta in un aereo che fa i 2000 Km/h, lui nella sua acqua continua a non superare i 20 all'ora ma poi quando arriva a destinazione e lo buttano nella vasca finale lui si sarà spostato a 2000 Km/h senza violare la sua legge. Se si crea una BOLLA che circonda la cosa che si muove quel che si ottiene è più o meno quel che capita al pesce...
        • Ricky scrive:
          Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
          Queste cose mi affascinano ma credo che siamo tutti troppo limitati per poterle gestire oltre il mero SAPERE.Noi "sappiamo"quello che altri hanno scoperto e che prima di loro nessuno sapeva ne poteva mai immaginare di sapere un giorno.Quindi diamo fiducia a queste brillanti menti e vediamo che succede...personalmente sono costernato per il fatto che non vedro' maicerte tecnologie...dubito di poter vivere per 140 anni:(Sta' di fatto che ancora molto non sappiamo delle leggi che governano l'intero universo, in tutte le sue parti, in tutte le sue possibili combinazioni.PS:mi pare di aver letto che in laboratorio si e' fatto un esperimento che ha portato una particella avente massa nulla ad oltre 300 volte la velocita' della luce...ancora michiedo come cavolo hanno fatto a misurarla...
          • Greedy scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            @Ricky: nessuno dubita che senza avere una mente brillante e una preparazione estremamente specifica e approfondita sia molto difficile penetrare queste materie complessissime e che vanno ben oltre la normale percezione o intuizione...@Biggus Dikkus:concordo, quello che hai spiegato con la metafora del pesce è il concetto che cercavo di esprimere parlando di spostamento dello spazio che contiene un oggetto anzichè dell'oggetto stesso.Rimane però un problema: l'accelerazione. Dal momento che è realmente questa che porta ai paradossi temporali (vedere il paradosso dei gemelli). Per esempio, il pesce nella boccia che va in aereo non è affatto esente dall'accelerazione dell'aereo e quindi potrebbe risultare che pur non superando il suo limite locale (20km/h) finisca lo stesso per subire tutti gli effetti negativi di essere in movimento a 2020 km/h.
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            non è stata portata la velocità di una particella a 300 volte quella della luce, semplicemente hanno misurato una velocità DI FASE superiore a quella della luce, che non ha niente a che fare con la velocità del fotone (la particella in questione e l'unica di massa nulla che possiamo usare)particelle di massa nulla ce ne sono 2, gluone e fotone, il gluone non possiamo osservarlo (se non indirettamente) e soprattutto non possiamo "produrlo" a causa del confinamento qcd
        • ... scrive:
          Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
          sbagliato...perché le velocità si combinano v = v1 + v2 solo nel caso in cui v1 e v2 sono MOLTO minori della velocità della lucealtrimenti non vale questa relazione, com'è stato dimostrato dall'esperimento di michelson più di 100 anni fail tuo pensiero viene dalla tua intuizione della realtà, v = v1 + v2 assume il tempo come assoluto, cosa che non èquindi il pesce nella sua brocca viaggia a 20 km/h, l'aereo viaggia a 2000 km/h, la velocità del pesce NON è 2020 km/h, ma devi combinare le 2 velocità con le trasformazioni di lorentz, per avere la vera velocità del pesceper velocità MOLTO PICCOLE (quelle con cui spesso abbiamo a che fare nel mondo normale) le velocità si sommano, ma è una approssimazione CHE NON vale piùinoltre la velocità della luce è sempre 3*10^8 m/s, costante, un fotone viaggia SEMPRE a quella velocità, a prescindere da cosa succede, DEVE viaggiare a quella velocità, non esiste un sistema di riferimento in cui il fotone è fermoinoltre il pesce nel suo sistema di riferimento (l'aereo) si muove a 20 km/h, e in assenza di accelerazioni il pesce non può sapere che l'aereo si muove
          • Greedy scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            @...:Si ma tu parli di somma di velocità di oggetti presenti all'interno dello spazio-tempo... ovvero di cose CONTENUTE nello spazio...ma se a muoversi è LO SPAZIO le cose magari cambiano, sempre supponendo come dicevo prima che egli stesso non soffra delle limitazioni della velocità della luce... se non sbaglio, la teoria del Big Bang implica che ad espandersi non è sia materia all'interno dello spazio ma sia proprio lo spazio e a velocità molto maggiori di quella della luce... ma magari, anche qui, ho capito male io :)
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            si hai decisamente capito male te...la fisica non si studia su wikipedia in 5 minuti, si studia all'università...lo spazio non si muove, sta storia del motore a curvatura è una stupdiaggine dal giorno in cui sto fisico (ammesso che sia veramente un fisico) l'ha propostala velocità della luce NON dipende dalla densità dello spazio o altre cavolate simili, lo spazio NON si muove, al limite si deforma e si propagano le deformazioni (onde gravitazionali)e inoltre lo spazio viene curvato sempre dalla massa/energia, SEMPRE, anche tu generi una curvatura dello spazio-tempo, per quanto piccola (se consideri che per qualcosa apprezzabile serve tanta massa almeno quanto quella della luna), e non può essere aumentata questa curvatura a nostro piacimenti, ma hai MINIMAMENTE idea della massa/energia che serve? senza dare retta alle stupidaggini scritte nell'articolo (su pi i redattori non sanno niente di informatica, figuriamoci di fisica), ma una curvatura APPREZZABILE dello spazio-tempo, che permetta di avere effetti macroscopici richiede una densità paurosa, tipo quella delle stelle di neutroni (stelle con massa anche 1000 volte quella del sole, ma con un diametro di 10km o meno), non è certo ottenibile in laboratorio una condizione simile ne saremo mai in grado di crearlaanche a me piace star strek e la fantascienza, ma NON bisogna mai fare l'errore di prendere quello che dicono come scietifico, certo MOLTE cose dette in star trek sono vere, altre sono state realizzate o in fase di realizzazione, ma bisogna sapere quando dare un limitebisogna farsene una ragione, NON c'è modo di viaggiare a velocità maggiore di quella della luce, e non c'è modo di raggiungere altri sistemi solari/galassie in tempi ragionevoli, ma attenzione, la teoria lo permette (i wormhole sono un esempio di possibilità FISICA reale) il problema è che le difficoltà puramente tecniche e di realizzazione non possono essere risolte, ne con la nostra tecnologia ne con altre fantomatiche tecnologie aliene
          • strano scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            - Scritto da: ...
            si hai decisamente capito male te...
            la fisica non si studia su wikipedia in 5 minuti,
            si studia
            all'università...
            hai troppe certezze per essere uno che studia davvero, e che imparae tu sei sicuro che l universo si muove come dici tu?!? cavoli, abbiano un nuovo einstein. Ma l hai misurate e viste coi tuoi occhi 8 dimensioni ? azz!
          • krane scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            - Scritto da: strano
            - Scritto da: ...

            si hai decisamente capito male te...

            la fisica non si studia su wikipedia in 5

            minuti, si studia all'università...
            hai troppe certezze per essere uno che studia
            davvero, e che imparaBhe, ma lui posta su P.I.; mica come i due Richard Obousy e Gerald Cleaver che si limitano ad insegnare alla Baylor University, avra' senz'altro ragione...
            e tu sei sicuro che l universo si muove come dici
            tu?!? cavoli, abbiano un nuovo einstein. Ma l hai
            misurate e viste coi tuoi occhi 8 dimensioni ?
            azz!(rotfl)(rotfl)
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            no le certezze sono poche tranquillo, semplicemente sono stanco di gente che non sa un cavolo e scrive articoli assurdima l'avete letto il paper di quel tizio? farebbe ridere uno studente di fisica del secondo anno, io l'ho letto questa mattinaapparte l'assenza totale di calcoli (e gia qua...), ma anche l'impostazione è talmente ridicola che CHIUNQUE lavori nel settore scientifico si renderebbe conto che chi l'ha scritto non sa assolutamente di cosa parla
          • krane scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            - Scritto da: ...
            no le certezze sono poche tranquillo,
            semplicemente sono stanco di gente che non sa un
            cavolo e scrive articoli assurdi
            ma l'avete letto il paper di quel tizio? farebbe
            ridere uno studente di fisica del secondo anno,
            io l'ho letto questa mattina
            apparte l'assenza totale di calcoli (e gia
            qua...), ma anche l'impostazione è talmente
            ridicola che CHIUNQUE lavori nel settore
            scientifico si renderebbe conto che chi l'ha
            scritto non sa assolutamente di cosa parlaDel resto chiunque non lavori nel settore non ha ancora visto niente di piu' serio scritto nei commenti; solo insulti ed esaltazione delle mancanze dell'articolo.Fate proprio bella figura "voi" lavoratori del settore, se fate cosi' anche con i giornalisti capisco che escono questi articoli.
          • angelo scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            - Scritto da: ...
            si hai decisamente capito male te...
            la fisica non si studia su wikipedia in 5 minuti,
            si studia
            all'università...Ma magari studiassi la fisica su wikipedia, di certo non la studi all'università; altrimenti non avresti scritto la seguente castroneria:
            la velocità della luce NON dipende dalla densità
            dello spazio o altre cavolate simili...[CUT]La velocità della luce DIPENDE dall'indice di rifrazione del mezzo in cui si propaga. Nel vuoto assume il suo valore massimo.Toh primo link a caso sull'argomento: http://www.las.provincia.venezia.it/discscien/chimica/lucecoloriipert1/rifrazione.htmMi fermo qui visto che ti mancano le basi per qualsivoglia dissertazione sull'argomento... Non che io sia un luminare della fisica, ma almeno la studiavo all'università e la rinfresco su wikipedia all'occorrenza ;)
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            ....non hai capito niente di quello che dicevo, ma vabbe...guarda che non è che con un indice di rifrazione < 1 (caso in cui v
            c) significa che i fotoni viaggiano con una velocità
            c, ma che hai in testaè un effetto macroscopico quello, dovuto alla propagazione delle eccitazioni atomiche nel mezzo e tante altre cose, ma NIENTE si sta propagando a v
            cmammamia i danni che fa wikipedia, tutti esperti di tutto in italia...
          • angelo scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            Ma che stai a dì? :)Non ho mica detto che la luce si può propagare a velocità
            c, anzi ho proprio specificato che quella è la massima velocità di propagazione possibile (nel vuoto).Sei TU che hai detto la CASTRONERIA del secolo:
            la velocità della luce NON dipende dalla densità
            dello spazio o altre cavolate simili...E' SBAGLIATO, hai detto una CAZZATA. Fattene una ragione e smettila di fare il finto esperto :)
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            è sbagliato perché lo dici te?peccato che su pi non si possono scrivere formule...continua a studiare su wikipedia...tanto per tua informazione, ma tanto te hai letto qualcosa su qualche articolo scritto da un bambino e sei convinto sia vero, ci provo comunque...1) Il fotone è una particella senza massa, non ha un sistema di riferimento a riposo (rest frame) -
            si muove SEMPRE a v = c, SEMPRE2) in un mezzo, il fotone si propaga interagendo con gli atomi, l'indice di rifrazione dipende da come avviene questa interazione con gli atomi, quando il fotone colpisce un atomo, a seconda dell'energia, un elettrone passa in uno stato eccitato, e dopo un tempo t torna allo stato precedente, il fotone che ha interagito con l'atomo SCOMPARE e ne viene creato un altro, emesso dall'elettrone che torna nello stato precedente (il quanto di energia dipende dalle regole di selezione che si prendono in considerazione, quest'ultime dipendono dalla polarizzazione del fotone (spin +1 o -1))in tutto questo, nessun fotone si sta propagando a v < c o v
            c, per il fotone v = c, punto, non può andare ne a velocità minore ne a velocità maggioresto parlando del singolo fotone, della singola interazionevisto tutto nell'insieme, hai un pacchetto di fotoni che interagiscono con ciò che hanno intorno, anche se ci fosse il vuoto assoluto (condizione difficilmente raggiungibile comunque), il fotone appare e scompare innumerevoli volte, a causa dei fenomeni di polarizzazione del vuoto, ovvero, un fotone che si propaga può dare origine ad una coppia e+e- che a loro volta si annichiliscono e danno origine a 1 fotone, che può di nuovo dare origine ad una coppia e+e-,e così viase prendi l'INSIEME dei fenomeni che possono influenzare la vita di un PACCHETTO di fotoni, allora si, la velocità DI FASE del pacchetto può, in alcune condizioni, essere
            c (indice di rifrazione < 1)devi capire che il concetto di vuoto è stato superato da tempo ormai, non esiste il vuototutto lo spazio è permeato dal campo di higgs che da origine alla rottura spontanea delle simmetrie nella teoria elettrodebole (i bosoni di gauge (quelli che hanno massa) e i fermioni (quark e leptoni) acquistano massa dopo l'interazione col campo di higgs, interazione mediata dal bosone di higgs che è una particella scalare (spin = 0))boh più di così non so come spiegartelo, se non facendoti 8 pagine di conti per dimostrarti che c non è un limite "perché ci siamo messi daccordo" e che nessuna interazione può propagarsi a v
            c (anche perché c'è da rispettare il prodotto tempo-ordinato, che rispetta la causalità nelle interazioni), poi certo, è anche possibile che il prodotto tempo-ordinato non vada rispettato e nelle interazioni puoi metterci i propagatori di green avanzati (che non rispettano la causalità), ma sai com'è, la teoria elettrodebole ha un accordo con le osservazioni sperimentali superiore a 28 cifre decimali, una precisione che non è mai stata raggiunta da nessuna teoria, quindi FORSE è più attendibile di ciò che dici te
          • angelo scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            - Scritto da: ...
            [CUT]
            boh più di così non so come spiegartelo, se non
            facendoti 8 pagine di conti per dimostrarti che c
            non è un limite "perché ci siamo messi daccordo"
            e che nessuna interazione può propagarsi a v
            c
            [CUT]Boh e io non so più come spiegarti che non ho mai asserito che ci siano interazioni che possono propagarsi a velocità superiori a c. Concludi sempre lì il discorso :(Mi riporti il passaggio in cui direi una cosa del genere? :)Diciamo così allora, l'affermazione:
            la velocità della luce NON dipende dalla densità
            dello spazio o altre cavolate simili...più che errata è quantomeno superficiale e non ben specificata; te chiami "luce" il singolo fotone (e ci sarebbe da discutere su quest'assunzione), io per "luce" avevo inteso la radiazione luminosa nel suo complesso.
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            proprio arrampicarsi sugli specchi...ah quindi per te "velocità della luce" non è c, ma un valore che può essere minore o maggiore di c, perché TU dai un significato diverso ad un nome...ma quanti problemi potrai mai avere?boh vabbe, ma tanto probabilmente lo fai di proposito...un fotone E' luce, visto che per luce si intende radiazione elettromagnetica (fotoni) con uno spettro a cui il nostro occhio è sensibile (il nostro occhio ha talmente tanti 'sensori' che può percepire UN fotone soltanto)poi non si parlava di cosa fosse luce o cosa no, si parlava della velocità della luce, che è costante, punto, la velocità di fase (che è quella che intendi te, ma sei troppo ignorante per saperlo) può essere < o
            di c, che poi sarebbe la velocità istantanea del fronte d'onda = non porta informazione, quindi di nuovo, di che stiamo parlando? propagarsi dell'informazione
            c significa accettare la possibilità di avere un propagatore di green avanzato oltre a quell ritardato, e qui:1) probabilmente non sai nemmeno di cosa sto parlando, quindi non ha senso che io introduca certe cose, ma vabbe...2) nelle interazioni di campo si usano solo propagatori di green ritardati, escludendo quelli avanzati a priori perché violano la causalità (ovvero, te non puoi dire cavolate prima di nascere), l'accordo con gli esperimenti è ottimo (come gia detto il migliore di tutte le teorie fisiche che oggi abbiamo), c'è motivo di dubitare che vada introdotto un propagatore avanzato perché secondo sedicenti (o sedicenni...) scienziati di PI la velocità della luce si può superare? io penso di no...ma se puoi dimostrarmi il contrario, accomodati, la fisica è sempre aperta, però scrivi formule e conti riproducibili, non parolemah internet ha fatto solo danni, oggi sono tutti saccenti...
          • angelo scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            Per l'ultima volta, poi chiudo che hai davvero rotto le pal*e, NON ho mai detto che esista *qualsiasi cosa* in questo universo che può propagarsi a velocità maggiore di c.NON DEVIARE SEMPRE IL DISCORSO SU 'STA CAZZATA. GRAZIE.Per il resto, non sono laureato in fisica e non seguo gli sviluppi delle ricerche più recenti, la mia conoscenza è quella di esami universitari (ingegneria) ma non esattamente di fisica moderna... tuttavia, glielo speghi tu al Dott. Tasselli (astrofisico) che scrive panzane? http://www.castfvg.it/articoli/fisica/fotoni.pdf"[...] Nel vuoto, i fotoni si muovono alla velocità della luce c, definita pari a 299.792.458 m/s [...]""[...] Nella Materia i fotoni si comportano differentemente, in base alle eccitazioni del mezzo che incontrano e con il quale interagiscono. Quando ad esempio si accoppiano ai fononi o agli eccitoni, il risultato di questa interazione, produce i polaritoni. Quando questa interazione avviene, i fotoni acquisiscono una massa effettiva, e quindi la loro velocità scende sotto quella della luce nel vuoto. [...]"Bada, è un astrofisico e non wikipedia... ah già ma è su internet... quindi automaticamente è una cazzata, no? Guarda puoddarsi che si sbaglia pure tale Dott.Tasselli e c'hai ragione tu, ma almeno vuoi favorire le credenzialità Mr.Zichichi in incognito? O semplicemente credi che basti il vecchio Io so io e voi non siete un cazzo alla Marchese del Grillo? (troll2)
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            ah vabbe sei ingegnere (rotfl)(rotfl)(rotfl)potevi dirlo subito, così evitavo di perdere tempo per spiegarti come funzionano le cose...ma do vai, a ingegneria fate gli esami di fisica a crocette (rotfl)(rotfl)(rotfl)quello che dice quel professore è esatto, ma i fotoni di cui parla, quelli che acquistano massa effettiva, sono i fotoni virtuali che appaiono nei diagrammi di feynman per le interazioni, mi pare che non abbiamo mai parlato di questo argomento, e tra l'altro dice esattamente quello che ho detto io, solo che te non leggi nemmeno quello che scrivoma appunto sei ingegnere...(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • angelo scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            Non hai ancora detto cosa fai/sei tu... per quanto mi riguarda il solito troll da forum (troll2) In altre parole un buffone :)Chiudo qui, addio.
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            una curiosità: un troll da forum come potrebbe spiegarti le teorie di campo quantistiche? uhm...
          • Darkat scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            ovvio sei un fisico provetto di questo nessuno può darti contro, ma come tutti i fisici l'italiano è alquanto scarso e come diceva angelo la tua frase è troppo superficiale per fartela passare, se avessi detto una frase del genere davanti a un'astrofisico ti avrebbe guardato storto comunque, non perchè la frase sia sbagliata ma solo superficiale.consiglio per il futuro: se ti fa tanto schifo internet e punto informatico non spercare le tue favolose capacità fisiche su questi mezzi di comunicazione, dedicati ai tuoi esperimenti e lascia perdere, internet è nata per dire cose intelligenti e cazzate anche, dire che internet ha fatto solo danni è anche un'altra castroneria in quanto senza internet i fisici come te starebbero ancora a comunicare via posta le loro idee giusto per farti un'esempio, e le scienze varie e la cultura in generale sarebbe diffusa solo attraverso libri...prima di dire qualcosa caro fisico pensa due volte(questo credo te l'abbiano insegnato all'università vero? altrimenti non saresti un laureato...)
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            se leggi qualche post più sotto, ti rendi conto del perché ORA mi fa schifo internet, per l'assioma "sta scritto su internet, QUINDI è vero" e ci ritroviamo con persone che pensano che il transistor l'hanno inventato gli alieni di roswell...e il nobel dato ai 3 scenziati americani sia parte di un mega complotto interstellare per il dominio della terra e la riduzione in schiavità della razza umana, ti renderai conto spero che la situazione sta diventando LEGGERMENTE ridicola, con wikipedia che riscrive la storia cambiando le date di eventi storici o inventando cose mai successe, facendole passare per verità assoluta, perché è scritto in un blog dell'amico del tizio che ha scritto la pagina, e via dicendo, a me questo fa schifoti ricordo inoltre che internet come la conosciamo noi è nata al CERN e la usavano i fisici proprio per scambiarsi dati al volo, ed a questo dovrebbe servire, scambio di informazioni e di cultura, non disinformazione spietata, perché 4 nerd spocchiosi (ovvero chi scrive su wikipedia nel 101% dei casi) devono appagare le loro manie di grandezzacapisco che ogni tanto do risposte brusche, ma la situazione di oggi non mi piace per niente, e visto dove siamo finiti, si, avrei preferito inviare una lettera ai miei colleghi per scambiare dati e formulecerto tu dirai che c'è libertà di parola e ognuno può scrivere quello che vuole, ma se questo significa dire che esiste babbo natale, allora mi dispiace, ma preferisco che non ci sia libertà di parola (ovvero, c'è gente che perché l'ha letto su internet è convinta che si può creare energia dal nulla, e se gli spieghi che non si può, la risposta è "non fare il professore", ma ti rendi conto della gravità? qua c'è gente che sarebbe pronta a sostenere assurdità solo perché l'ha letto sul sito di qualche idiota, senza avere le competenze necessarie a capire l'1% dell'argomento di cui sta parlando, questo sta creando internet, a me non piace)
          • Darkat scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            Da quando ti ho scritto la prima risposta ho letto un pò di post...devo darti ragione su molte cose perchè mi sono ricreduto, ci sono ipotesi più disparate e anche ridicole, ma la mia reazione è stata un paio(be in realtà molte di più) di risate. non riesco ad arrabbiarmi, però capisco il tuo fastidio nel vedere gente che parla di cose che non conosce nemmeno ma solo per pure immaginazione o per sentito dire...alquanto ridicolo ma sai una cosa, credo che nello stesso tempo le persone che hanno scritto tante fesserie abbiamo anche letto le opinioni degli altri e anche le tue e magari(forse, statisticamente certo) qualcuno ha approfondito e magari ha capito da solo di aver detto fesserie. In quanto alla fisica e all'articolo mi sento anche io in dovere di dire due parole se permetti, sperando di non intaccare il tuo spirito giustiziero(è una battuta spero divertente :) ) , io credo che della fisica ci si possa fidare ma soltanto come ci si fida di uno che ti punta una pistola contro, nella storia essa si è contraddistinta dalle altre scienze per essere ripetutamente abbattuta da nuove fisiche sempre più complesse, del vero funzionamento dell'universo conosciamo ancora poco e non stupirebbe nemmeno scoprire di aver sbagliato completamente tutto(succo di un pensiero di einstein) quindi se sia impossibile perchè la fisica odierna lo reputa tale non include che sia "realmente" impossibile :) lo dice un ferreo materialista ;)
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            hai espresso esattamente il mio pensieroripeto, io STUDIO le modifiche al modello standard e alla relatività generale, se fossi convinto che va bene gia tutto, non lo farei no? ci farò pure la tesi soprail problema è che oggi si tende a banalizzare tutto, tutti si improvvisano fisici, dottori, matematici, col risultato che SPESSO a queste persone, che non hanno competenza in materia, viene dato più credito, perché riempiono pagine di parole, invece che di formule e la gente capisce meglio le parolequesta è una cosa pericolosissima, perché è esattamente quello che succedeva nel medioevo, coi ciarlatani che andavano in giro per le piazze a fare promesse assurde e la gente gli credevacon internet il fenomeno è amplificato del 10000%, col risultato che le assurdità, per molti (non per tutti, per fortuna) potrebbero diventare la realtàdi nuovo, guarda l'esempio del transistor, c'è gente che non vuole saperne di capirne il funzionamento a formule, per loro è un device alieno, stesso discorso per il microonde, è alieno anche quellonon noti un parallelo col il passato? Un alchimista cura una persona, la reazione del popolo "è posseduto dal demonio", perché NON volevano capire ciò che facevaoggi è uguale, la gente NON vuole capire, preferisce le spiegazioni fatte con parole semplici: non so come funziona un device? sicuramente l'hanno inventato gli alieniscusa se mi ripeto sempre, ma guarda wikipedia, ieri giusto perché non avevo niente da fare per caso sono finito sulla pagina che parla delle equazioni d'onda..tra le tante assurdità scritte, c'era scritto che l'eq. di Klein-Gordon è:((dalambertiano)^2 + m^2)f(x) = 0 che è SBAGLIATO, perché viene fuori un eq. del moto alle derivate quarte, che non ha assolutamente senso, ma vallo a correggere, dopo 2 secondi l'admin di turno (amico di chi ha scritto la pagina) ti fa il rollback, col risultato che le cose SBAGLIATE diventano giuste, l'errore è semplice, l'autore dell'articolo ha INVENTATO una notazione, invece di usare quella standard (l'operatore di D'Alambert si indica con un quadratino, e da l'eq. delle onde, non un quadratino al quadrato)un altra assurdità sempre nella stessa pagina, che fa un elenco delle equazioni D'ONDA quantistiche, c'è l'eq. di Einstein, che non centra NIENTE con le equazioni d'onda, visto che l'eq. di Einstein descrive la metrica dello spazio tempo in funzione del tensore impulso-energia,e soprattutto NON è quantistica, ma è un equazione classicaora di questo se ne può accorgere chi ha studiato fisica seriamente, ma chi non l'ha fatto? darà credito a wikipedia, col risultato che imparerà cose SBAGLIATE, poi vagli a spiegare che wikipedia è scritta da sfigati senza vita, che devono sfogare la loro frustrazione dandosi ragione tra di loroforse mi faccio troppi problemi io, sarà che oggi a nessuno importa più niente di qualcosa, con tutti i problemi più importanti che ci sono (sopravvivere è uno di questi) nessuno si preoccupa più della conoscenza, però boh, che tristezza la situazione attuale...
          • Ken Shiro scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            sono pienamente d'accordo, wikipedia è un'ammasso di stupidaggini... devo sostenere a breve un'esame di termodinamica e, per curiosità, sono andato a confrontare gli argomenti del mio libro su wikipedia... sono rimasto veramente scioccato dalla superficialità e dagli errori contenuti nel sito. Come fanno poi a vendere il cd spacciandolo come enciclopedia? sarebbe piu utile un sito con solo fonti autorevoli e non dove chiunque può modificare a suo piacimento. Secondo me MsEncarta è 1000 volte superiore a wikipedia, non avrà lo stesso numero di argomenti, ma quelli trattati provengono da fonti sicure.
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            il problema è che per uno come te, che si rende conto che su wikipedia ci sono scritte solo fesserie, ce ne sono altri 10000 che gli danno credito "perché i libri sono scritti da persone che vogliono farci credere cose non vere", purtroppo il mondo si sta riempiendo di Fox Mulder improvvisatiora finché il fenomeno wikipedia è limitato a 4 nerd che non sanno cosa fare della loro inutile vita, non è un problema, ma quando gli studenti iniziano a farci le ricerche scolastiche, col risultato che prendono tutti voti bassissimi, inizia ad esserlo, soprattutto se poi gli studenti si lamentano dicendo "ma c'è scritto su wikipedia"e vengono difesi da altri studenti, con la motivazione "i professori sono vecchi e non sono aperti a nuove teorie", ma nuove teorie de che? dire che si può produrre energia dal nulla non è una nuova teoria, è una stupidaggine, puntola conoscenza quella VERA, purtroppo non sarà mai gratuita, e soprattutto costa sempre di più, ieri volevo comprare un libro di geometria avanzata, costava 89 dollari, bisognerebbe unirsi contro queste cose, non supportando progetti stupidi e infantili, nati per far guadagnare miliardi ad un furbonemah, per il bene e la preservazione della cultura, wikipedia andrebbe chiusa, visto che fa esattamente il contrario di ciò che si prefigge
          • luminor scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            Scusa ma ,a quanto ne so io, su Wikipedia è possibile anche contestare e modificare alcune cose ;tu potresti intervenire e dire loro che hanno scritto una castroneria ;in questo modo , la prossima persona che ti dirà "L'ho letto su Wikipedia" , ti citerà una cosa giusta.Io penso che , almeno come principio, l'intento divulgativo di Wikipedia sia lodevole;poi, ci sono gli errori umani, che possono essere corretti da persone come te, esperte nel loro settore.Però, se accetti il rimprovero, la cosa che mi da fastidio è sentire persone che danno degli ignoranti ( in senso dispregiativo ) agli altri, senza impegnarsi per correggere questa ignoranza.Scusa, ma vengo da una cultura che prevedeva un'istruzione per tutti , con persone che si impegnavano in prima persona per fare divulgazione anche agli analfabeti.
      • Albert 2.0 scrive:
        Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
        - Scritto da: Greedy

        Inoltre se non sbaglio il paradosso derivante dal
        superamento della velocità della luce è
        indipendente dal modo in cui si trasferisce il
        segnale, in particolare un movimento istantaneo,
        come un teletrasporto, equivale a uno spostamento
        a velocità infinita, che è sempre e comunque una
        velocità superiore a quella della luce.

        Ho capito male io?...parlare di movimento istantaneo potrebbe generare equivoci perché credo che uno spostamento sia un'altra cosa.faccio un esempio pratico:se appoggi una stecca da biliardo in mezzo al biliardo con una palla che tocca la punta, dando un colpetto (anche con un martello) all'altra estremità della stecca, si ottiene un movimento istantaneo della palla, della stecca e del martello (tutti insieme)... semplicemente perché sono in contatto tra loro e non perché qualcosa ha viaggiato da una estremità all'altra della stecca!infatti basta immaginare una stecca teoricamente lunga da una galassia all'altra e la palla si muoverebbe lo stesso istantaneamente... senza bisogno che un oggetto parta da una galassia e arrivi all'altra... ora è più chiaro?
        • Pinko Pallo scrive:
          Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
          Scusa, ma come credi che si trasmetta l'impulso impresso dal martello da una estremità della stecca all'altra ed infine alla palla?E' proprio un'onda d'urto che si propaga nel "mezzo" costituito dalla materia di cui è fatta la stecca, e che NON può superare in alcun modo la velocità della luce...Mi sembra si tratti di un esempio poco pratico!!!
        • ... scrive:
          Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
          ma che cavolo dici...qua con wikipedia sono tutti fisici improvvisati...non esiste niente di istantaneo, il fatto che la stacca si muova "subito" per la tua percezione di velocità non significa che è istantaneoquando colpisci un oggetto si generano delle onde che si propagano in quell'oggettonel tuo esempio quello che viene trasmesso è l'impulso, dal martello alla palla, la palla acquista un impulso e lo trasmette alla steccha, IDEALMENTE è tutto istantaneo (infatti l'impulso IDEALMENTE è definito con una delta di Dirac), nella realtà no ovviamente, visto che OGNI interazione ha una velocità di propagazione
          • Albert 2.0 scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            - Scritto da: ...

            nel tuo esempio quello che viene trasmesso è
            l'impulso, dal martello alla palla, la palla
            acquista un impulso e lo trasmette alla steccha,
            IDEALMENTE è tutto istantaneo (infatti l'impulso
            IDEALMENTE è definito con una delta di Dirac),
            nella realtà no ovviamente, visto che OGNI
            interazione ha una velocità di propagazione...però se il mezzo di contatto fosse un "singolo oggetto" allora non ci sarebbe nessuna interazione al suo interno!la stecca è composta da molecole e quindi l'esempio non è perfetto, d'accordo, ma se invece si fosse parlato di un campo di forza, questo potrebbe essere considerato tranquillamente un oggetto unico... in grado pertanto di permettere una propagazione istantanea.
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            ??? o mio dio...un campo di forza non è un "oggetto"vedi troppo star trek!!!TUTTE le interazioni a livello microscopico sono portate da qualcosa che può viaggaire AL MASSIMO alla velocità della lucel'unica interazione portata alla velocità della luce è quella elettromagnetica e quella forte (fotoni e gluoni hanno massa 0 infatti), le altre sono portate ad una veocità v molto più bassa (il gravitone non esiste perché la gravità non è un interazione, è solo un invenzione della teoria delle superstringhe, ormai superata (e da tanto), dalla loop quantum gravity (per alcune predizioni più o meno verificabili), gauge quantum gravity e altre teorie di gravità quantistica, tra cui quelle di gauge 5+1 e soprattutto 8+1 che propongono di estendere il modello standard introducendo anche la gravità nel framework)poi un campo non si muove, al limite si propaga...ad esempio il campo elettromgentico è portato dai fotoni, un fotone si propaga nello spazio, porta l'informazione del campo elettromagnetico (impulso e polarizzazione fondamentalmente), interagisce con un elettrone (o altra particella carica) e crea quello che deve creare...vedete meno film..
          • OSS scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            E se supponessimo di tirare la stecca, anzichè di spingerla? (sempre considerando la stecca attaccata alla palla in qualche modo)Non sarebbe istantaneo il movimento in quel caso?Parlo da perfetto ignorante, magari ho detto una fesseria... :|
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            no semplicemente sei limitato dalla percezione dei tuoi sensi, come me, come tutti gli esseri viventivedi la stecca che si muove tutta insieme e pensi "ma allora è istantaneo il movimento", però non è così, purtroppo oggi si tende a spiegare tutto a parole con esempi assurdi cercando di dare alle spiegazioni una parvenza scientifica, ma certe cose si spiegano SOLO con formule e con un background corposo di informazioni
          • Albert 2.0 scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            - Scritto da: ...
            ??? o mio dio...
            un campo di forza non è un "oggetto"
            vedi troppo star trek!!!sicuramente ho usato una terminologia più filosofica che scientifica, ma questo non ti autorizza a prendermi in giro.per chi lo vuole capire, credo che sia facilmente comprensibile il concetto teorico di un oggetto singolo con le estremità che si muovono contemporaneamente.il resto sono solo sofismi.
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            ahahahahma per favore!!!la filosofia centra poco OGGI con la fisica, perché i filosofi sono tutti ignoranti ma pretendono di sapere tuttol'esempio che hai fatto semplicemente NON significa niente e non ha nessun fondamento scientificooggetto singolo? tu sei rimasto 150 anni indietro, NON esiste il concetto di oggetto singolo, se proprio vogliamo restringere, in meccanica quantistica non esiste il concetto di punto materiale, la particella NON è una pallina che si muove, un elettrone è un campo descritto da una funzione, non è una pallina piccola piccola, quali sarebbero le estremità? andiamo su, la filosofia centra poco qua
          • jerry scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            nr, parli con cognizione di causa, ma senza pensare fino in fondo. il fatto che oggi ci siano limiti tecnologici non impedisce che in futuro si possano sviluppare tecnologie che al momento attuale non concepiamo. lo stesso sviluppo della fisica non ci impedisce di pensare che evoluzioni della teoria ci permetteranno di fare cose che ora sono (teoricamente) vietate da una teoria incompleta. quindi frasi come "TUTTE le interazioni a livello microscopico sono portate da qualcosa che può viaggaire AL MASSIMO alla velocità della luce", che sottintendono che la teoria che abbiamo e' assoluta e immutabile, sono contro l'idea stessa della scienza come scienza sperimentale. che la teoria sia d'accordo o meno, se un giorno qualcuno riuscira' a fare qualcosa che e' vietato dalla teoria attuale, vorra' dire che la teoria e' sbagliata o c'era qualcosa di cui non avevamo tenuto conto, punto, con tutto il rispetto per tutto l'apparato teorico utilizzato. sarebbe corretto dire "al momento attale la teoria migliore che abbiamo ci dice che...". sono d'accordo sula fatto che al momento attuale questo sia il modo migliore di descrivere le cose, comunque ;)questo a parte, completamente d'accordo sull'essere contro chi filosofeggia :D
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            si ma io non sono contro la possibilità di modifiche alla teoria attuale (che tra l'altro è una cosa che studio, se sarei contro non ci perderei le ore a studiarlo no?), sono contro chi dice assurdità perché le ha lette su wikipedia o su un articolaccio scritto coi piedila fisica non si fa con le parole, sennò torniamo al medio evo con la gente che pensa che si tratti di magiagia oggi la situazione è tragica, con gente che è convinta che qualsiasi cosa legga su internet è vera, comprese affermazioni di supposti scenziati che creano energia dal nulla, fanno la fusione fredda con un accendino (manco fossero mcgyver), equazioni di maxwell censurate dalla chiesa (???) e via dicendo, se ogni tanto non si fa un po' di chiarezza, sparirà tutto l'immenso sapere accumulato negli anni (anni di DURO lavoro, non letture su riviste ridicole)
          • jerry scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            corretto. purtroppo siamo su un forum di informatica, e qui la fisica si fa con le parole, soprattutto con articoli "cool" come questo; quando non so qualcosa, personalmente (dottorato in chimica, di fisica teorica non so nulla, mi fermo alla meccanica quantistica e un'infarinatura generale di relativita') quando non so qualcosa preferisco non intervenire. mi sembrava solo che tu fossi un po' troppo "assolutista", tutto qui, naturalmente considero corretto il tuo modo di vedere. Comunque per 10 persone che correggi qui facendo chiarezza (e che in parte penseranno comunque che tu li contraddica per il gusto di farlo) ce ne sono migliaia di altre in migliaia di altri forum ;)
          • krane scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            - Scritto da: ...
            la fisica non si fa con le parole, sennò torniamo
            al medio evo con la gente che pensa che si tratti
            di magia

            gia oggi la situazione è tragica, con gente che è
            convinta che qualsiasi cosa legga su internet è
            vera, comprese affermazioni di supposti scenziati
            che creano energia dal nulla, fanno la fusione
            fredda con un accendino (manco fossero mcgyver),
            equazioni di maxwell censurate dalla chiesa (???)
            e via dicendo, se ogni tanto non si fa un po' di
            chiarezza, sparirà tutto l'immenso sapere
            accumulato negli anni (anni di DURO lavoro, non
            letture su riviste ridicole)Senza contare che poi arrivano gli studentelli spocchiosi come te che quando uno fa le ingenue domandi di cui sopra risponde con : "ma che cavolo dici..." "qua con wikipedia sono tutti fisici improvvisati..." "purtroppo oggi si tende a spiegare tutto a parole con esempi assurdi" (ovviamente non facendone di migliori, anzi non facendone proprio)Sappi che se oggi la gente non trova spiegazioni serie su internet e' anche colpa di studentelli spocchiosi come te...
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            mah non direi proprio, io l'ho corretto una volta, si è pure incazzato, alla seconda se permetti rispondo come mi pare..
          • angelo scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            Per non dimenticare:il fisico dei puntini scrisse:
            la velocità della luce NON dipende dalla densità
            dello spazio o altre cavolate simili...Sto ancora aspettando risposta sopra, ma forse i nobel come te raramente si abbassano a discutere con la gente normale... o semplicemente non sai che dirmi e vuoi far cadere la cosa ;)
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            mah boh, io non capirò mai il comportamento che hanno i ragazzini come te senza vita su internetmah, intervinre in discussioni su argomenti che non conoscono solo per smentire, boh...alla fine ognuno si diverte come vuole daltronde
          • cacciatore di sfigati scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            - Scritto da: ...
            mah boh, io non capirò mai il comportamento che
            hanno i ragazzini come te senza vita su
            internetahaha ma se hai postato una ventina di commenti lunghi una chilometrata, ma chi vuoi prendere per il culo! :D
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            cosa apporta alla discussione il tuo commento? nientedimostra solo che ho ragione
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            aggiungo, risposta a cosa scusa?ti ho gia spiegato più di quanto puoi comprendere, accontentati e torna su wikipedia
          • luminor scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            Intervengo nella vostra discussione ( lite ?) per chiedere una cosa ;premetto che sono ignorantissimo e appassionatissimo di fisica e astrofisica in particolare,volevo chiedere se potreste indicarmi testi didattici e/o divulgativi per un approccio "basic" a queste materie e questi argomenti, per poi via via aumentare la complessità.Confesso che anch'io uso wikipedia ,senza tuttavia intervenire in discussioni su questi argomenti e devo dire che , sinceramente, trovo le cose che vi vengono scritte di un buon livello divulgativo, ma vedo che invece ... non le ritiene tali.Grazie e buone ferie ;)
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            anche io ritengo che gli argomenti che parlano di teoria della composizione su wikipedia siano di un buon livello divulgativo, forse però qualche diplomato al conservatorio avrebbe QUALCOSINA da ridire...comunque, apparte questo, di divulgativo scritto bene (e seriamente) c'è l'articolo di einstein "teoria della relatività", non scende nei dettagli matematici (per i quali serve un background pazzesco) e spiega i concetti fondamentali alla base della teoriaper la meccanica quantistica purtroppo non esistono articoli divulgativi seri, l'unica cosa che mi sento di consigliarti è una lettura non troppo approfondita del libro di dirac (the principles of quantum mechanics, spiega molte cose) e l'introduzione del terzo libro di landau (che spiega, con un metodo altamente intuitivo, perché il principio di indeterminazione di heisenberg, alla base della meccanica quanstistica, deve essere per forza valido)se invece vuoi una panoramica che spazi un po' su tutto, leggi assolutamente gli articoli divulgativi di feynman, era molto bravo a fare divulgazione scientifica senza scendere nei dettagli quando non serviva, anzi, puoi addirittura leggerti "The Feynman Lectures On Physics" che nonostante siano una collezione di sue lezioni, contengono molti concetti espressi in modo chiaro e intuitivo, poi se non reggi la parte matematica la puoi saltare, ma considera che le lectures di feynman non vengono mai usate come materiale didattico, perché tendono più alla divulgazione e al "far capire le cose" piuttosto che a sciorinare 20 pagine di conti (che per carità, va fatto, ma appunto è didattico)sulle teorie recenti purtroppo di divulgativo che valga la pena leggere non c'è quasi niente, anche perché alcuni concetti sono veramente troppo oltre la divulgazione e risulta difficile descrivere certe cose ad un pubblico non altamente specializzato
          • luminor scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            Oè, grazie per la prontezza !!! Pensavo di rileggere dopo le ferie ed invece ecco la tua risposta.Spero che siano facilmente reperibili, intanto prendo nota e grazie ancora.
          • jerry scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            riguardo a persone che credono di sputtanare gli altri senza averne le competenze scientifiche, il caso piu` recente, senz`altro una buona lettura (do solo un punto di partenza) e` quello del caso maiani-carlucci:http://dorigo.wordpress.com/2008/02/22/glashow-humiliates-carlucci-on-maianis-appointment/poi ne trovate quanti ne volete, di link. Suggerisco anche il sito della carluccibuone vacanze a tuttiJerry
          • ... scrive:
            Re: Non esistono paradossi spazio-temporali
            si il caso maiani-carlucci è stato proprio ridicoloio tra l'altro ho avuto la fortuna di fare lezione con maiani (e altri fisici teorici italiani famosi), quando spiega veramente fa paura...comunque onorevole il comportamento di maiani e di glashow, che in ogni loro risposta hanno sputtanato la carlucci in tutti i modi possibili rimanendo "abbastanza" diplomaticici terrei comunque a riportare una frase detta da maiani, in merito alla sua revoca della presidenza del cnr dopo il caso del papa (presidenza per fortuna riconfermata in seguito, a causa di proteste di mezzo mondo scientifico): "oggi abbiamo perso tutti"quel periodo è stato veramente il più nero degli ultimi anni, l'italia ha dimostrato che non ha interesse nella ricerca scientifica, anzi, se può tenterà di ostacolarla, visto che tutti i partiti politici (con qualche piccola eccezione dell'estrema sinistra), hanno detto, più o meno, "cacciamo via tutti questi fisici atei"con la lega che addirittura chiedeva il licenziamento in massa dei 67 professori di fisica firmatari della lettera, perché secondo loro erano soldi pubblici sprecato (ovvio, bisogna pagarci i debiti di berlusconi con la ue)chiudiamo qui l'argomento su quello che è successo, perché quel giorno è stata la sconfitta della scienza e della libertàin un giorno, le lotte durate anni di galileo, giordano bruno e altri meno famosi, sono state vanificate
  • kache scrive:
    Re: ci estingueremo prima...
    Bellissimo commento( pur se un pò OT... :D ).Sono d'accordo.Infatti penso che prima di metterci a tentare di sviluppare tecnologie pericolose dovremmo diventare postumani, rinunciando alle parti inutili e dannose di noi, o rischiamo davvero di estinguerci prima di fare qualsiasi cosa...
    • BLah scrive:
      Re: ci estingueremo prima...
      dovremmo
      diventare postumani, rinunciando alle parti
      inutili e dannose di noi, o rischiamo davvero di
      estinguerci prima di fare qualsiasi
      cosa...Sì, le donne.
      • kache scrive:
        Re: ci estingueremo prima...
        - Scritto da: BLah
        dovremmo

        diventare postumani, rinunciando alle parti

        inutili e dannose di noi, o rischiamo davvero di

        estinguerci prima di fare qualsiasi

        cosa...

        Sì, le donne.Intendi dire che le donne sono una parte inutile?Ne dubito. Di per se sono utili, in quanto hanno un cervello più fantasioso, quindi potrebbero esserci parecchio utili per l'evoluzione.Ecco, riferito a questo sarebbe utile annullare( limitare) l'attrazione sessuale involontaria, che di per se non è altro che un fastidio.
  • iol scrive:
    ...
    oldissimo fake
  • AndreFred scrive:
    Event Horizon
    Sbaglio o questo è anche il principio per cui la Event Horizon dell'omonimo film (in Italia distribuito come Punto di non ritorno) scompare nel nulla nel 2040?
    • Conte Mascetti scrive:
      Re: Event Horizon
      - Scritto da: AndreFred
      Sbaglio o questo è anche il principio per cui la
      Event Horizon dell'omonimo film (in Italia
      distribuito come Punto di non ritorno) scompare
      nel nulla nel 2040?... per ritornare 7 anni dopo essere stata non si è capito bene dove?http://it.wikipedia.org/wiki/Event_Horizon @^
      • AndreFred scrive:
        Re: Event Horizon
        Il migliore dei film basati sul binomio navicella scomparsa-male assoluto.
        • Biggus Dikkus scrive:
          Re: Event Horizon
          Il peggior film mai visto sull'argomento, totalmente ridicolo, scientificamente risibile con effetti in cartongesso. Per non parlare del finale.. ma del resto il regista è da sempre un vero macellaio...
  • Enjoy with Us scrive:
    Nuova teoria?
    Cavolo questi l'hanno copiata parola per parola da Star Trek!Che se non erro è stata ideata negli anni '60!Chissà se nel 2064 La curvatura che oggi appare esigere una quantità di energia inarrivabile per l'uomo sia di oggi che si presuppone di domani, non possa essere ottenuta con dispendi energetici più ragionevoli..... Lunga Vita e Pace!
  • Luca Annunziata scrive:
    Re: Star Trek? NO! Dune!
    Ti riferisci forse al libro scritto da Frank Herbert, che ha vinto il premio Nebula e quello Hugo, che fa parte di una saga di 6 libri che Herbert non ha potuto portare a compimento con il settimo, che il figlio ha iniziato a sfruttare da qualche anno scrivendo prequel, pre-prequel, e promettendo un Dune7 grazie agli appunti segreti del padre?Forse mi sbaglio.;)Un saluto,LucaPS: Di Dune, conservo gelosamente la prima edizione italiana stampata da Editrice Nord non ricordo neppure quanti anni fa. È stata un dono di una zia, appassionata di fantascienza da prima che io nascessi. :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 luglio 2008 10.22-----------------------------------------------------------
    • CCC scrive:
      Re: Star Trek? NO! Dune!
      - Scritto da: Luca Annunziata
      Ti riferisci forse al libro scritto da Frank
      Herbert, che ha vinto il premio Nebula e quello
      Hugo, che fa parte di una saga di 6 libri che
      Herbert non ha potuto portare a compimento con il
      settimo, che il figlio ha iniziato a sfruttare da
      qualche anno scrivendo prequel, pre-prequel, e
      promettendo un Dune7 grazie agli appunti segreti
      del
      padre?

      Forse mi sbaglio.

      ;)ehehehhh... già, almeno una citazione se la merita no?
      Un saluto,
      Luca

      PS: Di Dune, conservo gelosamente la prima
      edizione italiana stampata da Editrice Nord non
      ricordo neppure quanti anni fa. È stata un dono
      di una zia, appassionata di fantascienza da prima
      che io nascessi.
      :)come si fa la faccina dell'invidia???saluti
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: Star Trek? NO! Dune!
        Sai cosa, in Dune si fa riferimento alla piegatura dello spazio senza esplicitare mai chiaramente COME questo avviene.Star Trek, invece, anche grazie alla passione di Rodenberry in tal senso è molto più geek. :)
        • anonimo scrive:
          Re: Star Trek? NO! Dune!
          - Scritto da: Luca Annunziata
          Sai cosa, in Dune si fa riferimento alla
          piegatura dello spazio senza esplicitare mai
          chiaramente COME questo
          avviene.
          Star Trek, invece, anche grazie alla passione di
          Rodenberry in tal senso è molto più geek.
          :)Infatti, e comunque l'idea di iperspazio, warp o comunque tutti i vari modi (di fantasia) inventati dalla fantascienza per superare la relativita' risalgono a ben prima di Dune o Star Trek: sono idee degli anni 30, in pratica tutto cio' che e' venuto dopo attinge da quelle idee (rielaborate e modernizzate) sfornate dai capostipiti della SF come Jack Williamson, Heinlein, E.E Doc Smith, A.E Van Vogt, Murray Leinster e tanti altri...
        • CCC scrive:
          Re: Star Trek? NO! Dune!
          - Scritto da: Luca Annunziata
          Sai cosa, in Dune si fa riferimento alla
          piegatura dello spazio senza esplicitare mai
          chiaramente COME questo
          avviene.in effetti... anche se questa cosa non la ricordo benissimo... mi ci vuole un ripasso...
          Star Trek, invece, anche grazie alla passione di
          Rodenberry in tal senso è molto più geek.
          :)beh, si per molte cose è vero... ma la vastità delle basi culturali e scientifiche (antropologia, ecologia, evoluzionismo, religioni, politica, ecc...) che traspare da ogni pagina di Herbert è impressionante... in tal senso molto più nerd e forse, allo stesso tempo, anche hippy...
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Star Trek? NO! Dune!
            Era un ecologo, Herbert: se leggi Dune dal punto di vista di un ecosistema, tutto il ciclo dei 6 libri intendo, è nient'altro che una metafora dell'evoluzione e della lotta tra i diversi piani della catena alimentare... ;)
          • Cippo Lippo scrive:
            Re: Star Trek? NO! Dune!
            a tutti quelli che hanno scritto in questo tread:mi fate paura!! :s spero di non incontrarvi mai in una notte buia e tempestosa :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 luglio 2008 14.10-----------------------------------------------------------
          • MegaJock scrive:
            Re: Star Trek? NO! Dune!
            - Scritto da: Cippo Lippo
            a tutti quelli che hanno scritto in questo tread:
            mi fate paura!! :s spero di non incontrarvi mai
            in una notte buia e tempestosa
            :DSe non tieni lo scudo pronto e il kindjal affilato, problema tuo. Sfigato.
          • Conte Mascetti scrive:
            Re: Star Trek? NO! Dune!
            Modificato dall' autore il 31 luglio 2008 14.10
            -------------------------------------------------- BU! [img]http://metropolitician.blogs.com/scribblings_of_the_metrop/_arquivo_hannibal_lecter-copy.jpg[/img]
          • CCC scrive:
            Re: Star Trek? NO! Dune!
            - Scritto da: Luca Annunziata
            Era un ecologo, Herbert: si lo sapevo prima ancora di leggerli (mi sono pure letto le "introduzioni postume" scritte dal figlio)... credo che chiunque legge Dune, anche non sapendo questa cosa, ben presto arrivi a percepire che Herbert era competente ed appassionato della materia
            se leggi Dune dal punto
            di vista di un ecosistema, tutto il ciclo dei 6
            libri intendo, è nient'altro che una metafora
            dell'evoluzione e della lotta tra i diversi piani
            della catena alimentare...
            ;)... e delle loro "intersezioni"proprio per questo Dune è così bello e va ben oltre la fantascienza pura e semplice!
        • Funz scrive:
          Re: Star Trek? NO! Dune!
          - Scritto da: Luca Annunziata
          Sai cosa, in Dune si fa riferimento alla
          piegatura dello spazio senza esplicitare mai
          chiaramente COME questo
          avviene.
          Star Trek, invece, anche grazie alla passione di
          Rodenberry in tal senso è molto più geek.
          :)guarda, io sono nerd, geek e tutto quello che vi pare, ma non mi è mai piaciuto tanto Star Trek e tutte le sue tecnobubbole...Alla fine chi se ne importa del come? Tutto questo mi ricorda quello che (pare) chiese a Roddenberry: "come funzionano gli ammortizzatori inerziali?" e lui rispose: "abbastanza bene, grazie" (rotfl)
  • www scrive:
    Re: Mi consenta, riguardo all'energia...
    si però la curvatura non serve bastano dei motori nucleari (di terza generazione ovviamente) vi assicuro che non ci sono pericoli di nessun tipo :P
    • www.aleksfalcone.org scrive:
      Re: Mi consenta, riguardo all'energia...
      - Scritto da: www
      si però la curvatura non serve bastano dei motori
      nucleari (di terza generazione ovviamente) vi
      assicuro che non ci sono pericoli di nessun tipoCerto, un bel botto e non se ne parla più.
  • peppecellit to scrive:
    Warp to..
    Nulla è impossibile fino a quando non si dimostra che è così.
    • Monk scrive:
      Re: Warp to..
      e neanche dopo che si dimostra, perche in futuro dimostreranno il contrario XD non è questo ciò che affascina della scienza, del resto? :)
  • ba1782 scrive:
    Avete mai letto su wikipedia?
    http://it.wikipedia.org/wiki/Propulsione_a_curvaturaTroppo bello... Poi quello che mi ha colpito è il "warp 10" :D
  • Guido scrive:
    voglio la navicella di Futurama...
    ... che muove fa muovere tutto lo spazio attorno a lei :)
  • Snoopy scrive:
    Re: ci estingueremo prima...

    L'uomo ha sviluppato un intelligenza tale da
    poter premere un tasto e lanciare un'atomica, ma
    è mosso dagli istinti di un orso. E' un animale
    opportunista ed aggressivo, che non sfrutta persi, l'uomo é così, però l'orso no
    Qui ci vuole un salto evolutivo che, ahinoi, non
    dipende da noi. Viceversa, ci estingueremo moltoinvece dipende totalmente da noi, la società siamo noi, siamo solo noi che siamo violenti, confusi e aggressivi. Lo si può notare in tanti nostri piccoli comportamenti e scelte quotidianeio consiglio di leggere qualche libro di Krishnamurti, grande pensatore (incomprensibilmente sconosciuto) che parla della rivoluzione che auspichi
    • krik&krok scrive:
      Re: ci estingueremo prima...
      Ciao,Ho controllato, sembra molto bello.Ti prometto che lo leggerò.Grazie.- Scritto da: Snoopy

      L'uomo ha sviluppato un intelligenza tale da

      poter premere un tasto e lanciare un'atomica, ma

      è mosso dagli istinti di un orso. E' un animale

      opportunista ed aggressivo, che non sfrutta per

      si, l'uomo é così, però l'orso no


      Qui ci vuole un salto evolutivo che, ahinoi, non

      dipende da noi. Viceversa, ci estingueremo molto

      invece dipende totalmente da noi, la società
      siamo noi, siamo solo noi che siamo violenti,
      confusi e aggressivi. Lo si può notare in tanti
      nostri piccoli comportamenti e scelte
      quotidiane

      io consiglio di leggere qualche libro di
      Krishnamurti, grande pensatore
      (incomprensibilmente sconosciuto) che parla della
      rivoluzione che
      auspichi
  • Nilok scrive:
    I Fondamenti della Fisica
    Augh.La "teoria della relatività" è una TEORIA.La "velocità della luce" NON E' un assoluto insuperabile, è una CONGETTURA MATEMATICA basata su di una TEORIA: nulla di realmente SCIENTIFICO.E' necessario RICONSIDERARE la "basi" della nostra FISICA per poter davvero scoprire il sistema propulsivo che ci consentirà di partecipare alla colonizzazione dell'Universo.Quest'altra TEORIA fa un pochino "acqua da tutte le parti": e non vorrei dovermi incuneare nell equazioni quantistiche relative.....Preferisco lasciar parlare uno che la sapeva DAVVERO LUNGA:"Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa."Albert EinsteinHa parlato.Nilok
    • John Phantom scrive:
      Re: I Fondamenti della Fisica
      OMG, ma tu inizi a delirare la mattina quando ti svegli e la smetti solo la sera quando vai a dormire?E poi, scusa, ma come fai a scrivere solo post che non significano una cippa? Se pure mi ci mettessi di intenzione, ogni tanto, per sbaglio, qualcosa di interessante e di intellegibile mi verrebbe fuori. Ma tu no... Maestro, insegnami la tua arte!
    • grigio scrive:
      Re: I Fondamenti della Fisica
      - Scritto da: Nilok
      Augh.

      La "teoria della relatività" è una TEORIA.bravo! hai vinto un link omaggio: http://it.wikipedia.org/wiki/Lapalissiano
      La "velocità della luce" NON E' un assoluto
      insuperabile, è una CONGETTURA MATEMATICA basata
      su di una TEORIA: nulla di realmente
      SCIENTIFICO.??? no, la velocità della luce, senza virgolette, e' una costante fisica, esiste in quanto tale, senza bisogno di congetture... magari ti riferisci alla teoria della relativita', ma anche in questo caso staresti sbagliando: e' dimostrata matematicamente.

      E' necessario RICONSIDERARE la "basi" della
      nostra FISICA per poter davvero scoprire il
      sistema propulsivo che ci consentirà di
      partecipare alla colonizzazione
      dell'Universo.ammesso che questo sistema esista... ma di quali basi parli?

      Quest'altra TEORIA fa un pochino "acqua da tutte
      le parti": e non vorrei dovermi incuneare nell
      equazioni quantistiche
      relative.....visto cio' che hai scritto subito sopra dubito molto che tu abbia le competenze per farlo

      Preferisco lasciar parlare uno che la sapeva
      DAVVERO
      LUNGA:

      "Tutti sanno che una cosa è impossibile da
      realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non
      lo sa e la
      inventa."
      Albert Einsteinleggiti i lavori di Einstein, invece di citarlo a sproposito.
    • Rex1997 scrive:
      Re: I Fondamenti della Fisica
      - Scritto da: Nilok
      Augh.

      La "teoria della relatività" è una TEORIA.
      La "velocità della luce" NON E' un assoluto
      insuperabile, è una CONGETTURA MATEMATICA basata
      su di una TEORIA: nulla di realmente
      SCIENTIFICO.La Teoria della Relatività è una teoria valida non per l'universo intero, ma per la parte di universo in cui siamo immersi e che riausciamo a studiare...Come la geometria Euclidea è valida per un determinato universo e spiega alcuni fenomeni fisici (non tutti!), così la Teoria della relatività spiega alcuni fenomeni che teorie precedenti non riecono a spiegare (misurare sarebbe più corretto..) ed in questo "pezzo" di universo c'è un vincolo apparentemente insuperabile, ossia la velocità della luce in quanto la Teoria stessa la indica come costante...Scarsa conoscenza della teoria citata?

      E' necessario RICONSIDERARE la "basi" della
      nostra FISICA per poter davvero scoprire il
      sistema propulsivo che ci consentirà di
      partecipare alla colonizzazione
      dell'Universo.Non è necessario riconsiderare le basi della fisica: sulle basi di una teoria consolidata e valida per una classe fenomeni fisici, si costruiscono via via altre teorie che mantengono le osservazioni fatte precedentemente e allargano la conoscenza e spiegazione di altre classi di fenomeni fisici che la teoria precedente non riesce a spiegare.Forse dovresti riconsiderare il tuo modo di osservare i fenomeni fisici...e studiarti la teoria della relatività ed il suo significato.

      Quest'altra TEORIA fa un pochino "acqua da tutte
      le parti": e non vorrei dovermi incuneare nell
      equazioni quantistiche
      relative.....
      Quali?
      Preferisco lasciar parlare uno che la sapeva
      DAVVERO
      LUNGA:

      "Tutti sanno che una cosa è impossibile da
      realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non
      lo sa e la
      inventa."
      Albert EinsteinTi sei dimenticato (?) di citare anche un'altra cosa da lui detta:" Una sola osservazione che contrasta con l'enunciato della mia teoria rende non valida la stessa"...Ad oggi nessun esperimento ha dimostrato l'infondatezza della sua teoria, ma migliaia ne hanno solo confermato la sua validità nell'ambito fisico in cui tale teoria è applicabile.Dopo la sua teoria ne sono apparse altre che spiegano in modo sempre meno approssimativo parti di classi di problemi non gestibili nella sola Teoria della Relatività in quanto ne esulano.Sono queste teorie il futuro della fisica!Quindi prima di parlare di congetture fatte da una mente come quella di Einstein, verifica se quello che tu esponi non siano semplici tue personali congetture e non la Verità assoluta, che permettimi non è di questo mondo e tanto meno tua!

      Ha parlato.

      Nilok-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 luglio 2008 10.45-----------------------------------------------------------
    • Ettore scrive:
      Re: I Fondamenti della Fisica
      Quoto le risposte precedenti. Non devi dare la tua opinione su tutto, sai? Se non sai quello di cui parli allora CHIEDI, non ASSERIRE banalità o addirittura cose errate.Non incanti nessuno in questo forum.
    • Funz scrive:
      Re: I Fondamenti della Fisica
      - Scritto da: Nilok
      Augh.Augh grande capohai ragione: solo e soltanto quello che ha scritto L. Ron Hubbard è vero, il resto è solo falsità.
      Ha parlato.come al solito, era meglio se stavi zitto...
    • VxV scrive:
      Re: I Fondamenti della Fisica
      - Scritto da: Nilok
      Augh.

      La "velocità della luce" NON E' un assoluto
      insuperabile, è una CONGETTURA MATEMATICA basata
      su di una TEORIA:Immagino che tu intenda che dalle equazioni relativistiche si deduce che nessun corpo dotato di massa può superare la velocità della luce, ma ciò non ci garantisce che questo sia vero in tutte le condizioni in cui magari la teoria non vale (ho cercato di tradurre)?
      nulla di realmente SCIENTIFICO.Questa traducila te, non l'ho capita.
    • Grande Capo Estiqaatsi scrive:
      Re: I Fondamenti della Fisica

      Augh.

      La "teoria della relatività" è una TEORIA.Estiqaatsi!dice cheè bene studiare la teoria,Estiqaatsi ha detto.
      • doctord scrive:
        Re: I Fondamenti della Fisica
        - Scritto da: Grande Capo Estiqaatsi
        Estiqaatsi!
        dice che
        è bene studiare la teoria,
        Estiqaatsi ha detto.A si??? Estigranqaatsi! Non avere anche lui capito bene...Grande 610! (rotfl)
    • mah scrive:
      Re: I Fondamenti della Fisica
      - Scritto da: Nilok
      Augh.

      La "teoria della relatività" è una TEORIA.
      La "velocità della luce" NON E' un assoluto
      insuperabile, è una CONGETTURA MATEMATICA basata
      su di una TEORIA: nulla di realmente
      SCIENTIFICO.

      E' necessario RICONSIDERARE la "basi" della
      nostra FISICA per poter davvero scoprire il
      sistema propulsivo che ci consentirà di
      partecipare alla colonizzazione
      dell'Universo.

      Quest'altra TEORIA fa un pochino "acqua da tutte
      le parti": e non vorrei dovermi incuneare nell
      equazioni quantistiche
      relative.....

      Preferisco lasciar parlare uno che la sapeva
      DAVVERO
      LUNGA:

      "Tutti sanno che una cosa è impossibile da
      realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non
      lo sa e la
      inventa."
      Albert Einstein

      Ha parlato.

      NilokMa la velocità della luce è una costante dimostrata :)
    • Tecnodroide scrive:
      Re: I Fondamenti della Fisica
      - Scritto da: Nilok
      Augh.

      La "teoria della relatività" è una TEORIA.Naturalmete parliamo di quella di Einstein :)Si dice teoria perchè è nata cosi all' inizio, ma ad oggi è tutt'altro che una teoria Tanti scienziati hanno cercato attraverso la sperimentazione di provare la sua non validità ma finora (a parte situazioni estreme come ad gli eventi alla nascita dell' universo) è risultata inattacabile E poi la fisica prosegue attraverso il miglioramento di vecchie teorie invece che della loro completa sostituzione.
      La "velocità della luce" NON E' un assoluto
      insuperabile, è una CONGETTURA MATEMATICA basata
      su di una TEORIA: nulla di realmente
      SCIENTIFICO.Come sopra

      E' necessario RICONSIDERARE la "basi" della
      nostra FISICA per poter davvero scoprire il
      sistema propulsivo che ci consentirà di
      partecipare alla colonizzazione
      dell'Universo.Quali basi ?

      Quest'altra TEORIA fa un pochino "acqua da tutte
      le parti": e non vorrei dovermi incuneare nell
      equazioni quantistiche
      relative.....O lo dimostri oppure stai zitto (parlare a vanvera ci pensano gia i politici)

      Preferisco lasciar parlare uno che la sapeva
      DAVVERO
      LUNGA:

      "Tutti sanno che una cosa è impossibile da
      realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non
      lo sa e la
      inventa."
      Albert EinsteinQuindi ?

      Ha parlato.

      NilokPace a Lui che ha parlato
    • doctord scrive:
      Re: I Fondamenti della Fisica
      - Scritto da: Nilok
      Augh.

      E' necessario RICONSIDERARE la "basi" della
      nostra FISICA per poter davvero scoprire il
      sistema propulsivo che ci consentirà di
      partecipare alla colonizzazione
      dell'Universo.
      Guarda secondo me basterebbero dei DC8...
    • Xanadu scrive:
      Re: I Fondamenti della Fisica
      Finchè resti nel nostro universo o sei in interazione con esso la velocità della luce non potrà essere superata, mai. Però nessuno vieta di passare temporaneamente in un altro universo le cui leggi consentano, senza particolari difficoltà, di superare la velocità della luce e quindi rientrare nel nostro universo come niente, compiendo quello che sembrerebbe un miracolo.
  • Jo Pa scrive:
    Mah ?!
    Supposto di avere l'energia necessaria , ci troveremmo di fronte a ostacoli insormontabili . I primi che mi saltano in mente sono :1 - Come creare la "bolla" di spazio .2 - Coma manovrare la bolla in velocità e direzione3 - Una volta giunti a destinazione che fine fa la bolla ?La bolla , presumibilmente un onda solitonica, dovrà per forza di cosa essere un "oggetto" macroscopico soggetto alle leggi della meccanica quantistica , cioè difficile da maneggiare . La quale una volta assolto il suo compito , cioè portare la nave a destinazione , se ne andrebbe indisturbata per l'Universo soggetta alle forze di deriva .Creando non pochi inconvenienti a chi la incontra . :D
    • ba1782 scrive:
      Re: Mah ?!
      Vabbè anche quell'isola di immondizia in mezzo al.. Pacifico? O all'Atlantico? Non ricordo... comunque anche quella dà fastidio :PDai, non è un problema l'immondizia terrestre, figurati quella spaziale :D
    • fox82i scrive:
      Re: Mah ?!
      Se trovano il modo di produrre energia per curvare lo spazio, i problemi che hai citato verrebbero risolti cmq
  • Trollallero scrive:
    Non ho capito se...
    Non ho capito se i calcoli effettuati per determinare l'energia necessaria, tengono conto del fatto che la forza di gravità è una forza a simmetria sferica, e quindi gran parte dell'energia sviluppata per curvare lo spazio andrebbe sprecata, o se è la quantità di energia necessaria a curvare lo spazio, nell'ipotesi di poter generare un campo gravitazionale coerente e direzionale?
  • alexmario scrive:
    Questo non è nulla di nuovo
    La novità in questo settore sarebbe un motore che riesce a curvare lo spazio.Anche solo di una quantità infinitesima.Questo farebbe la differenza anche nella teoria, perché per costruire il motore, dovrebbero capire come sia possibile curvare la materia, quindi come generare campi gravitazionali.
    • ... scrive:
      Re: Questo non è nulla di nuovo
      Guarda nemmeno una mela che cade nasconde nulla di nuovo, eppure Isacco è riuscito a trovarci qualcosa di utile e interessante.. ;D
  • Deanna scrive:
    Sì ma quando?
    OK OK tutto bello ma quando? QUANDO? Saremo noi ancora in vita? Quanto dobbiamo aspettare? Vogliamo risposte!!
    • Guybrush scrive:
      Re: Sì ma quando?
      - Scritto da: Deanna
      OK OK tutto bello ma quando? QUANDO? Saremo noi
      ancora in vita? Quanto dobbiamo aspettare?
      Vogliamo
      risposte!!Non credo.A meta' '700 si soleva dire che era impossibile solcare il nord atlantico in meno di due settimane perche' ci sarebbe voluta tutta l'energia prodotta dall'inghilterra in un anno.A quell'epoca c'erano soprattutto mulini a vento e ruote d'acqua.Oggi un qualsiasi aereo a lungo raggio riesce ad impiegare molto meno di un giorno.Ci son voluti circa 250 anni... e' pur vero che ci sono state 2 guerre mondiali in mezzo e forse si poteva accorciare ancora, ma dubito che per il 2068 vedremo la prima nave a curvatura lasciare il pianeta.GT
  • Snoopy scrive:
    piccola imprecisione
    Max Planck Institute di Postdamscusate la precisazione, ma é a Potsdam
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: piccola imprecisione
      Grazie per la segnalazione, corretto! :)
    • Utente 77 scrive:
      Re: piccola imprecisione
      Altra piccola precisazione"È il sogno di ogni fan di Star Trek. Piazzarsi alle spalle di Sulu, di Data o del giovane _Wesley_Crusher_,..."No. Il sogno di ogni fan di Star Trek riguardo al giovine Crusher, è di piazzarsi sì alla sue spalle, ma solo per strangolarlo.E si fidi, Sig. Annunziata, siamo in tanti a volerlo morto.
      • Paolo De Andreis scrive:
        Re: piccola imprecisione
        Poverino ;) Qualcuno mi disse che era stato votato (?) come il personaggio di TNG più inviso agli spettatori :)Per Luca: te lo avevo detto di evitare... :D
      • Conte Mascetti scrive:
        Re: piccola imprecisione
        - Scritto da: Utente 77
        Altra piccola precisazione

        "È il sogno di ogni fan di Star Trek. Piazzarsi
        alle spalle di Sulu, di Data o del giovane
        _Wesley_Crusher_,..."

        No. Il sogno di ogni fan di Star Trek riguardo al
        giovine Crusher, è di piazzarsi sì alla sue
        spalle, ma solo per strangolarlo.

        E si fidi, Sig. Annunziata, siamo in tanti a
        volerlo morto.Io vorrei piazzarmi alle spalle di Sette di Nove, ma non per strangolarla[img]http://www.psychotogenic.com/images/randomness/seven_of_nine.jpg[/img] :$
  • Zampogno scrive:
    Re: Star Trek? NO! Dune!
    mi si permetta ma forse lorsignore non sa che star trek è più che usato nelle pubblicazioni scientifiche universitarie per la divulgazione (ad esempio nella descrizione degli automi intelligenti, vedasi il Dott. Data; o nel teletrasporto; o, per l'appunto, nei viaggi "a curvatura"). ;)salutis
    • CCC scrive:
      Re: Star Trek? NO! Dune!
      - Scritto da: Zampogno
      mi si permetta ma forse lorsignore non sa che
      star trek è più che usato nelle pubblicazioni
      scientifiche universitarie per la divulgazione
      (ad esempio nella descrizione degli automi
      intelligenti, vedasi il Dott. Data; o nel
      teletrasporto; o, per l'appunto, nei viaggi "a
      curvatura").
      ;)

      salutissi lo capisco...ma almeno citare semplicemente l'origine primordiale di tutto... Dune!:-)
  • Masso scrive:
    Dune?No Star Trek
    Non ha senso fare un paragone con Dune.Il paragone viene sempre fatto con Star Trek...perchè è l'unica serie televisiva talmente popolare da essere associata nell'immaginario collettivo all'idea di un futuro immaginifico ma verosimile.La saga di Dune...è figlia del tempo in cui fu scritta (Timothy Leary docet).L'idea della nave spaziale che piega lo spazio è molto più elegante del tizio che sposta la materia e salta nel tempo per sopraggiunte nuove facoltà speziate.E poi parliamoci chiaro..ma un tizio che sposta materia e tempo...perchè dovrebbe trasportare mercanzie e passeggeri da un pianeta all'altro?Si trasferirebbe su un diverso piano di esistenza (oltre la materia e lo spazio appunto) e non di degraderebbe a fare il camionista intergalattico!
    • CCC scrive:
      Re: Dune?No Star Trek
      - Scritto da: Masso
      Non ha senso fare un paragone con Dune.
      Il paragone viene sempre fatto con Star
      Trek...perchè è l'unica serie televisiva
      talmente popolare da essere associata
      nell'immaginario collettivo all'idea di un futuro
      immaginifico ma
      verosimile.questo lo capisco... ma almeno citare semplicemente l'origine Dune!
      La saga di Dune...è figlia del tempo in cui fu
      scritta (Timothy Leary docet).L'idea della nave
      spaziale che piega lo spazio è molto più elegante
      del tizio che sposta la materia e salta nel tempo
      per sopraggiunte nuove facoltà speziate.mah... sull'eleganza mi sembra sia questione di gusti...sull'attualità non sono invece molto d'accordo: le facoltà date dalla spezia richiamano (non a caso) uno stato di coscienza e percezione alterato, amplificato, potenziato enormemente, come per l'LSD e alcune potentissime "droghe" naturali: tutte cose e temi ancora oggi attualissime e ampiamente studiate e dibattute...
      E poi
      parliamoci chiaro..ma un tizio che sposta materia
      e tempo...perchè dovrebbe trasportare mercanzie e
      passeggeri da un pianeta all'altro?ehehehh... ma lo hai letto Dune? :-)
      Si
      trasferirebbe su un diverso piano di esistenza
      (oltre la materia e lo spazio appunto) e non di
      degraderebbe a fare il camionista
      intergalattico!dai... o non lo hai letto o mi prendi in giro;-)
      • Bastard Inside scrive:
        Re: Dune?No Star Trek
        Effettivamente la logistica è potere e supremazia, lo avevano capito anche i Romani e i Persiani (e anche Egiziani e popoli mesopotamici, ma questi sfruttavano l'elemento naturale del fiume per creare logistica e trasporti, oltre agli usi agricoli, insomma, si erano in parte visti calare dagli Dei la pappa fatta, mentre Persiani e Romani inventarono rispettivamente un sistema di comunicazione dati capillare, i corrieri "occhi e orecchie del re", e una rete stradale razionale e moderna).Anche in Dune la logistica è potere, mentre Star Trek esalta molto di più lo spirito pionieristico degli esploratori, l'azione si svolge quasi sempre fuori dai sicuri confini della Federazione.
      • Ioio scrive:
        Re: Dune?No Star Trek
        Non ha letto Dune, altrimenti saprebbe che i navigatori della Gilda riuscivano a trovare la strada attraverso lo spazio ed il tempo, e quindi guidare le navi a destinazione.Non era un viaggio, in senso proprio.E' come trovare una strada che non si é mai vista, e dire: ok, faccio un passo, ed ecco a destinazione.Che poi venga dalla spezia questa capacità, é un altro discorso :D
        • Pusher scrive:
          Re: Dune?No Star Trek
          - Scritto da: Ioio
          Non ha letto Dune, altrimenti saprebbe che i
          navigatori della Gilda riuscivano a trovare la
          strada attraverso lo spazio ed il tempo, e quindi
          guidare le navi a destinazione.
          Non era un viaggio, in senso proprio.Non hai mai usato allucinogeni o droghe che alterino la percezione o sapresti cosa si intende con sentire una realta' alterata intorno a se ed interagirvi.Credo che l'autore di dune conoscesse bene il mondo delle droghe dalle varie descrizioni che fa.
          E' come trovare una strada che non si é mai
          vista, e dire: ok, faccio un passo, ed ecco a
          destinazione.Si, ma la senti, sai dov'e' ti e' chiaro dove devi andare e salti.
          Che poi venga dalla spezia questa capacità, é un
          altro discorso
          :DAnche da dovevenissero le idee all'autore :)
  • lordofeternity scrive:
    Materia Oscura??
    Certo, come no, perchè al giorno d'oggi sappiamo di tutto e di più sulla materia e l'energia oscura che permeano l'universo... Se si potessero sfruttare in ogni caso sarebbe un gran bel colpaccio dato che esse occupano il 90% circa del gas isotropo nel quale viviamo (l'universo). In più non abbiamo la benchè minima idea di cosa accadrebbe se l'uomo riuscisse a sfruttare (dunque consumare) la dark energy, magari le forse anti-gravitazionali che stanno facendo espandere l'universo cesserebbero e tutta la materia collasserebbe in un enormissimo buco nero! E poi nessuno l'ha ancora capita bene la Relatività di Einstein, non possiamo pretendere già di travisarla! Secondo me c'è ancora molto da aspettare per riuscire a warpare il reticolo dimensionale, rassegnamoci a sognare dietro star trek...
    • Funz scrive:
      Re: Materia Oscura??
      - Scritto da: lordofeternity
      più non abbiamo la benchè minima idea di cosa
      accadrebbe se l'uomo riuscisse a sfruttare
      (dunque consumare) la dark energy, magari le
      forse anti-gravitazionali che stanno facendo
      espandere l'universo cesserebbero e tutta la
      materia collasserebbe in un enormissimo buco
      nero! E poi nessuno l'ha ancora capita bene laLa Spiral Nemesis!Ma noi non ci faremo intimidire dal malefico anti-spiral!Guerrieri della, spirale a me! Supera la razionalità e perfora i cieli con la tua trivella!
      Relatività di Einstein, non possiamo pretendere
      già di travisarla! Secondo me c'è ancora molto da
      aspettare per riuscire a warpare il reticolo
      dimensionale, rassegnamoci a sognare dietro star
      trek...Col Gurren-Lagann e l'energia della Spirale a noi le leggi della fisica ci fanno un baffo!(non ho resistito (rotfl) )
      • kache scrive:
        Re: Materia Oscura??
        Grandissimo! (rotfl)"Kisama, dare-dato omotte yagarruuu?!?!?!??!?!" @^ :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 luglio 2008 13.43-----------------------------------------------------------
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: Materia Oscura??
        - Scritto da: Funz
        La Spiral Nemesis!A me fa pensare al nefasto destino delle zanzare...
  • Pax scrive:
    ma ancora credono nelle stringhe??
    e io che m'ero esaltato leggendo l'introduzione, poi vedo nominare l'undicesima dimensione... ma ancora non si sono arresi all'evidenza che la teoria delle stringhe è un'elegantissima vaccata?
    • capoccione scrive:
      Re: ma ancora credono nelle stringhe??
      - Scritto da: Pax
      e io che m'ero esaltato leggendo l'introduzione,
      poi vedo nominare l'undicesima dimensione... ma
      ancora non si sono arresi all'evidenza che la
      teoria delle stringhe è un'elegantissima
      vaccata?hai ragione, ci sono teorie molto migliori come per per esempio... per esempio... per esempio?
      • Nokia scrive:
        Re: ma ancora credono nelle stringhe??
        Il Modello Standard!!!!!
      • saimonegarf anchel scrive:
        Re: ma ancora credono nelle stringhe??

        hai ragione, ci sono teorie molto migliori come
        per per esempio... per esempio... per
        esempio?Per esempio quella del flusso canalizzatore :-)
      • a n o n i m o scrive:
        Re: ma ancora credono nelle stringhe??
        - Scritto da: capoccione
        - Scritto da: Pax

        e io che m'ero esaltato leggendo l'introduzione,

        poi vedo nominare l'undicesima dimensione... ma

        ancora non si sono arresi all'evidenza che la

        teoria delle stringhe è un'elegantissima

        XXXXXta?

        hai ragione, ci sono teorie molto migliori come
        per per esempio... per esempio... per
        esempio?l' M-Theory.(sempre restando alle filosofie teoriche , personalmente do appoggio anche alla cromodinamica quantistica [QCD] e alla elettrodinamica quantistica [QED])
    • fox82i scrive:
      Re: ma ancora credono nelle stringhe??
      Fonti e spiegazioni che vanno contro alle teorie delle stringhe e motivazioni....Se non hai questi requisiti non venire a scassare le scatole !!
      • Pinco Pallino scrive:
        Re: ma ancora credono nelle stringhe??
        torna a studiare, cretino, la cosidetta "teoria delle stringhe" non è neppure una teoria scientifica... semplicemente non esiste!È solo un'accozzaglia di parole incomprensibili che serve ad alcuni (molti purtroppo) fisici per giustificare lo stipendio.Ignobili ex-scienziati...
        • Funz scrive:
          Re: ma ancora credono nelle stringhe??
          - Scritto da: Pinco Pallino
          torna a studiare, cretino, la cosidetta "teoria
          delle stringhe" non è neppure una teoria
          scientifica... semplicemente non
          esiste!
          È solo un'accozzaglia di parole incomprensibili
          che serve ad alcuni (molti purtroppo) fisici per
          giustificare lo
          stipendio.
          Ignobili ex-scienziati...Fammi indovinare: ti hanno bocciato in Fisica 1 (rotfl)Oppure hai la Teoria del Tutto(*) in tasca e non ce la vuoi rivelare? Cattivo!(*) Tanto la Risposta la sappiamo: 42
    • plank scrive:
      Re: ma ancora credono nelle stringhe??
      - Scritto da: Pax
      e io che m'ero esaltato leggendo l'introduzione,
      poi vedo nominare l'undicesima dimensione... ma
      ancora non si sono arresi all'evidenza che la
      teoria delle stringhe è un'elegantissima
      vaccata?Ma tu chi sei per dire che e' una vaccata?Hai una laurea e dottorato in fisica teorica? Puoi postare i link di qualche tua ricerca?Immagino che puoi solo stare zitto, e vergognarti.
    • www.aleksfalcone.org scrive:
      Re: ma ancora credono nelle stringhe??
      - Scritto da: Pax
      ma ancora non si sono arresi all'evidenza che la
      teoria delle stringhe è un'elegantissima vaccata?Finché non lo dimostri, preferisco ritenere Brian Greene più autorevole di te.
      • chocolate marmot scrive:
        Re: ma ancora credono nelle stringhe??
        - Scritto da: www.aleksfalcone.org
        - Scritto da: Pax

        ma ancora non si sono arresi all'evidenza che la

        teoria delle stringhe è un'elegantissima
        vaccata?

        Finché non lo dimostri, preferisco ritenere Brian
        Greene più autorevole di
        te.Ciao in genere leggo spesso con interesse i tuoi interventi, ma qui mi pare che tu stia sbarellando un poco.Per quel poco che ne so la teoria delle stringhe non e' ancora universalmente accetta nel mondo della fisica e, anzi, c'e' un gran dibattito in corso. Non credo proprio che sia possibile dimostrare qui sul forum di PI che la teoria delle stringhe sia una gran cavolata o viceversa.Pax poteva certo mettere qualche link a qualche documento divulgativo ma autorevole contro tale teoria e tu potevi fare il contrario. Questo si, credo si sarebbe potuto farlo su PI, ma forse sono un illuso.
        • krane scrive:
          Re: ma ancora credono nelle stringhe??
          - Scritto da: chocolate marmot
          - Scritto da: www.aleksfalcone.org

          - Scritto da: Pax

          Finché non lo dimostri, preferisco

          ritenere Brian Greene più autorevole di

          te.
          Ciao in genere leggo spesso con interesse i tuoi
          interventi, ma qui mi pare che tu stia
          sbarellando un poco.
          Per quel poco che ne so la teoria delle stringhe
          non e' ancora universalmente accetta nel mondo
          della fisica e, anzi, c'e' un gran dibattito in
          corso.E vai !!!Un altro argomento su cui fare tifoseria su PI (rotfl)(rotfl)
          • chocolate marmot scrive:
            Re: ma ancora credono nelle stringhe??


            della fisica e, anzi, c'e' un gran dibattito in

            corso.

            E vai !!!

            Un altro argomento su cui fare tifoseria su PI
            (rotfl)(rotfl)la mia idea era un'altra :-(ma se dobbiamo uniformarci.....diciamo la verità chi lavora sulle stringhe non e' neppure in grado di capire i propri articolo :D
    • Cippo Lippo scrive:
      Re: ma ancora credono nelle stringhe??
      - Scritto da: Pax
      e io che m'ero esaltato leggendo l'introduzione,
      poi vedo nominare l'undicesima dimensione... ma
      ancora non si sono arresi all'evidenza che la
      teoria delle stringhe è un'elegantissima
      vaccata?ma lol qui sono tutti geni ma chissà perchè stanno a lavorare come commessi da qualche parte. :D
      • chocolate marmot scrive:
        Re: ma ancora credono nelle stringhe??
        - Scritto da: Cippo Lippo
        - Scritto da: Pax

        e io che m'ero esaltato leggendo l'introduzione,

        poi vedo nominare l'undicesima dimensione... ma

        ancora non si sono arresi all'evidenza che la

        teoria delle stringhe è un'elegantissima

        vaccata?

        ma lol qui sono tutti geni ma chissà perchè
        stanno a lavorare come commessi da qualche parte.
        :DPax ha fatto un intervento provocatorio, ma e' assolutamente vero che la teoria delle stringhe non ha ancora raccolto un consenso unanime nel mondo della fisica.http://www.pbs.org/wgbh/nova/elegant/view-glashow.htmlOvviamente io non ho la piu' pallida competenza per giudicare se tale teoria si valida o meno, ma tutti quelli che hanno risposto a Pax in modo saccente e inutile potrebbero almeno postare qualche link di approfondimento.
      • ... scrive:
        Re: ma ancora credono nelle stringhe??
        la teoria delle stringhe è superata, nessun fisico vero ci lavora piùgli unici che continuano a spingerla sono i fisici falliti che hanno paura dei perdere il postonessuno gli da più retta ormaile teorie per l'unificazione con la gravità sono ben altre e molto più promettenti (e soprattutto più semplici e più intuitive e con meno artifici), in particolare le più promettenti sono:loop quantum gravitygauge quantum gravity (estenzione del modello standard)
      • chocolate marmot scrive:
        Re: ma ancora credono nelle stringhe??
        http://www.math.columbia.edu/~woit/testable.pdf
  • ZephramCoch rane scrive:
    Si, ma non prima del 2063!
    il 5 agosto faro' il primo viaggio a curvatura 1...
    • Lenny scrive:
      Re: Si, ma non prima del 2063!
      ti aspetto!
    • blabla scrive:
      Re: Si, ma non prima del 2063!
      io mi farò na sega, credo.- Scritto da: ZephramCoch rane
      il 5 agosto faro' il primo viaggio a curvatura
      1...
    • Viaggiatore scrive:
      Re: Si, ma non prima del 2063!
      - Scritto da: ZephramCoch rane
      il 5 agosto faro' il primo viaggio a curvatura
      1...Ma non era il 5 aprile? (newbie)Comunque, se sopravviverò alla guerra, spero di poter essere dalle parti di Bozeman (Montana) per allora :)
      • Johnny Amnesiac scrive:
        Re: Si, ma non prima del 2063!
        - Scritto da: Viaggiatore
        - Scritto da: ZephramCoch rane

        il 5 agosto faro' il primo viaggio a curvatura

        1...

        Ma non era il 5 aprile? Esatto: http://www.hypertrek.info/index.php/cochranezefram?&ndx=372
        • JohnBlack scrive:
          Re: Si, ma non prima del 2063!
          Ragazzi, quale parte di "non si può assolutamente, nemmeno per baglio, no no no, è impossibile che l'informazione viaggi a una velocità superiore a quella della luce nel vuoto" non è chiara?
  • Gaglia scrive:
    1045 Joule = massa di Giove?
    Mi pare abbastanza ovvio che ci sia un errore di QUALCHE ordine di grandezza.
    • xxx scrive:
      Re: 1045 Joule = massa di Giove?
      No,l'energia contenuta in una massa pari a quella di Giove è 1045 Joule.- Scritto da: Gaglia
      Mi pare abbastanza ovvio che ci sia un errore di
      QUALCHE ordine di
      grandezza.
    • Anonimo veneziano scrive:
      Re: 1045 Joule = massa di Giove?
      Non so se forse l'articolo è stato corretto nel frattempo, ma io leggo 10^45 ovvero 10 alla quarantacinquesima, che mi pare una cifra più che ragionevole...
    • xWolverinex scrive:
      Re: 1045 Joule = massa di Giove?
      - Scritto da: Gaglia
      Mi pare abbastanza ovvio che ci sia un errore di
      QUALCHE ordine di
      grandezza.Infatti e' 10^45 non 1045
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: 1045 Joule = massa di Giove?
      Scusate, è stata colpa mia.Ora è stato corretto. ;)Luca
    • BertZ scrive:
      Re: 1045 Joule = massa di Giove?
      ovviamente mi pare che 10^45 è1.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000
    • Silvione scrive:
      Re: 1045 Joule = massa di Giove?
      é 10 alla 45 = 100000000000000000000000000000000000000000000 J:)
    • Ale scrive:
      Re: 1045 Joule = massa di Giove?
      la notazione scientifica è 10^45, cioè 1 seguito da 46 zeri......
    • k39 scrive:
      Re: 1045 Joule = massa di Giove?
      10 elevato alla 45
  • merlo indiano scrive:
    1.045 joule???
    Ma siamo matti??1045 joule = 0,261 kilocalorie circa.... comparabile ad un chicco di riso!E' evidente che qui c'è un errore... Qual è l'ordine di grandezza giusto?
Chiudi i commenti