WebP, assassino senza pistola di JPEG

Un nuovo formato proposto da Google mira a sostituire nientemeno che il "nonno" dei file grafici moderni. Il nuovo standard ha un obiettivo ambizioso, partner importanti: ma avrà un futuro?

Roma – Dopo aver cambiato per sempre il modo di intendere il web con la sua tecnologia di ricerca telematica, Google mira ora a raggiungere un obiettivo altrettanto storico: sostituire uno dei fondamenti della condivisione dei contenuti grafici sul suddetto web, “assassinando” il formato JPEG e adottando al suo posto il nuovo e più efficiente WebP . I file grafici peseranno meno, promette Google, ma i fallimenti storici degli standard concorrenti di JPEG e primi test qualitativi non sono granché incoraggianti.

WebP fa naturalmente parte della precedentemente disvelata iniziativa WebM , un progetto ideato per sviluppare standard multimediali aperti a vantaggio di tutti e soprattutto per fare da contenitore al discusso formato video VP8 . Non a caso WebP deriva direttamente dalla tecnologia adottata per la codifica intra-frame dei video VP8, spiega Google.

Il nuovo standard è un formato di tipo “lossy”, che al pari di JPEG sacrifica la qualità delle immagini “grezze” per ottenere file grafici di dimensioni ridotte , ideali per il trasferimento via Internet. Ma diversamente da JPEG – un formato nato 20 anni fa – WebP adotta una strategia di compressione “aggressiva” che, al netto dei 20 byte extra del contenitore di tipo RIFF (Resource Interchange File Format), è in grado di ottenere file grafici mediamente più piccoli del 39 per cento rispetto alla controparte JPEG.

Attualmente il supporto per WebP è pari a zero: non esiste alcun browser (nemmeno Chrome) in grado di decodificare le immagini, e Google si è limitata a rilasciare un tool da riga di comando con cui convertire le immagini mentre pianifica di aggiungere il supporto allo standard in Chrome e nell’engine Webkit in un non meglio precisato futuro. Per quanto riguarda il supporto da parte di soggetti terzi non dovrebbero sussistere particolari problemi, visto l’appoggio già ricevuto dall’iniziativa WebM da parte di Mozilla, Opera, NVIDIA, ATI-AMD e altri.

Riuscirà dunque WebP a surclassare uno dei capisaldi del web e prima ancora dell’informatica, in sella da due decadi nonostante i ripetuti tentativi di detronizzazione? È proprio questo il problema: nessuno è sin qui riuscito a sostituire JPEG , spiega Jason Garrett-Glaser, perché lo standard è talmente diffuso in seno all’industria (Internet, fotocamere, smartphone, browser web, CMS, la lista è infinita) da non esserci praticamente partita pur con tutte le miglior intenzioni di questo mondo.

Non basterà insomma la promessa di un web più performante e tempi molto più rapidi per il caricamento delle pagine telematiche promessi da Google, avverte Garret-Glaser, tanto più che secondo le prime analisi dello sviluppatore – che già ci era andato giù pesante contro i difetti di VP8 – WebP nasce “menomato” e non è in grado di competere , né per caratteristiche né per qualità generale al netto della compressione, con il “vetusto” e tutt’ora popolarissimo formato JPEG.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • niko scrive:
    fedora è buona
    sarà ma a me fedora 14 su un netbook è più veloce di ubuntu 10.10 e Linux mint 10, direi che la velocità varia da pc a pc.
  • cognome e nome scrive:
    La distro più instabile.
    Ovviamente è un pregio visto che include molte features prima di altre distro, ma ultimamente diventa sempre più lenta al boothttp://www.phoronix.com/scan.php?page=article&item=fedora_boot_performance&num=1Personalmente mi da meno problemi Archlinux.
  • ignorante scrive:
    Supporto alle altre piattaforme
    "pieno supporto alle altre piattaforme Linux based, come MeeGo e Sugar "scusate, ma da ignorante non ho capito cosa significhi questa frase: Fedore (un OS) supporta altri OS? Cioè?
    • pabloski scrive:
      Re: Supporto alle altre piattaforme
      semplicemente Sugar e Meego sono due distribuzioni derivate da Fedora ma con un'interfaccia grafica diversa....adesso Fedora ha incorporato quelle interfacce grafiche....tutto qui
  • Orgas M scrive:
    Segnalare i bug
    Farebbero prima a segnalare i pacchetti funzionanti, un lavoro meno oneroso! :D
  • advange scrive:
    Tempismo perfetto
    Il giorno in cui esce la RC di Ubuntu 10.10 parliamo della beta di Fedora 14: andiamo bene!
    • Gargarozz scrive:
      Re: Tempismo perfetto
      Sinceramente preferisco sentire parlare delle novità di fedora, rispetto a quelle di ubuntu..Non fraintendermi, adesso sto usando ubuntu con su unity e lo trovo ottimo, ma è una cosa risaputa nel mondo linux che è Fedora che fa, e ubuntu che implementa(networkmanager,etc)La realtà è che questa volta(ma anche in altre occasioni) ubuntu si è concentrata di più sull'interfaccia, come ad esempio l'applet per i social network,quello per rhythmbox il software manager al posto di gdebi e, non da ultima, unity
      • pabloski scrive:
        Re: Tempismo perfetto
        Io per evitare diatribe ho scelto Archlinux e la uso da ormai 2 anni....non c'è niente che posso eguagliare la comodità di una rolling releasequando si tratta di server sono il primo a puntare su qualcosa di più stabile e stagionato, ma per una workstation o un pc le rolling distro sono le migliori...senza contare che arch te la customizzi come ti pare e piace...l'unico svantaggio è che bisogno sapere già come smanettare con linux...l'utente novizio si troverebbe totalmente fuor d'acqua
        • MAH scrive:
          Re: Tempismo perfetto
          Io da anni uso OpenSUSE,che è ugualmente una distro rolling se sapete configurare il build service.Secondo me è nettamente il top
          • pabloski scrive:
            Re: Tempismo perfetto
            come pesantezza è sicuramente il top :Dpoi se l'installer crashasse un pò meno magari ci si potrebbe fare un pensierino...già che ci sono qualche crash in meno anche in yast male non farebbecomunque la flessibilità dei repository arch e soprattutto aur te la sogni con opensuse
      • barra78 scrive:
        Re: Tempismo perfetto
        e infatti il sucXXXXX di Ubuntu è proprio dovuto a questa cosa! Unity è una buona soluzione (ottima x i dispositivi piccoli) e dimostra come mutter e le altre tecnologie nate per gnome-shell possano essere sfruttate bene....Tieni poi conto che molto di quanto hai nominato è codice discretamente vecchio. Nonostante il livello delle "forse" sia notevolmente inferiore (300 dipendendi in canonical control qualche migliaio in RH) oggi Canonical sta portando avanti molti bei progetti (utouch, unity appunto, contribuisce a zeitgeist. Questo senza contare launchpad e bazaar, strumenti che sono molto molto utili e che riscuotono un grande sucXXXXX tra noi linari!)
      • advange scrive:
        Re: Tempismo perfetto
        Lungi da me creare una distro war (il mio "primo Linux" è stato proprio Fedora); però Fedora alla fine non è una vera distro main stream: di fatto serve come testing per Red Hat.Nulla contro Fedora, anzi: è lì che molte novità vengono provate prima di passare nel main stream. Ma bucare la RC Ubuntu 10.10, con il carico di novità sul fronte netbook mi sembra troppo anche per PI.
    • Ubunto scrive:
      Re: Tempismo perfetto
      - Scritto da: advange
      Il giorno in cui esce la RC di Ubuntu 10.10
      parliamo della beta di Fedora 14: andiamo
      bene![img]http://www.ubuntu.com/countdown/banner1.png[/img]http://www.ubuntu.com/ ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 ottobre 2010 13.00-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti