WebTheatre/ YouTube racconta YouTube

di Gabriele Niola - Senza alcuna spinta promozionale il canale di Poptub è arrivato a 4.000 abbonati al feed e l'obiettivo è arrivare a 3 miliardi di visualizzazioni per l'intero canale entro la fine dell'anno. L'alba del weblob

Roma – Solo una settimana fa YouTube annunciava un nuovo sistema di guadagno pubblicitario dai propri video, oggi sappiamo che ha accettato di cominciare a mettere online interi episodi di serie televisive in accordo con chi li ha prodotti al pari del grande rivale Hulu, che ha siglato un accordo anche con la Rai e che le sue idee commerciali non erano mai state limitate agli AdSense.
Si era detto nell’articolo di sette giorni fa che Google doveva trovare un modo di cambiare il suo modello di business e ora sembra che non ci sia stata una chiara decisione, ma più che altro una serie di movimenti in tante direzioni diverse, tesi a mettere una bandierina in ogni possibile percorso. Un tipo di strategia molto dispendiosa ma che un gigante come Google può permettersi.

Già l’annuncio e tutte le anticipazioni su Cavalcade, la serie promozionale sponsorizzata da Burger King concepita appositamente per il GCN (Google Content Network) da Seth MacFarlane (il creatore della serie televisiva I Griffin), avevano dato l’idea di quanto Google volesse sperimentare nel campo pubblicitario, arrivando addirittura a commissionare la creazione di contenuti nuovi e professionali per un network di advertising. Ora però arriva notizia che il più grande sito di videosharing non aveva solo fatto partire la collaborazione con MacFarlane ma senza grandi annunci aveva cominciato a produrre anche altre tipologie di contenuti per il GCN in attesa di lanciarli tutti insieme.

Dall’8 settembre Embassy Row, società di produzione televisiva responsabile anche di “Chi vuol essere un milionario?”, ha ricevuto da YouTube l’incarico di produrre dei video che ruotino intorno all’attualità del mondo dell’entertainment (in senso molto lato) e soprattutto intorno all’attualità dei video di YouTube. Piccoli minishow da 4-5 minuti condotti con rapidità da una ragazza o un ragazzo nei quali fatti, eventi o curiosità sono presentati attraverso i video del grande sito di video sharing.

Si chiama Poptub , la grande vasca di video pop dalla quale i creatori pescano e aggregano contenuti. Non hanno telecamere in giro per il mondo ma sfruttano i video già sul sito per parlare dell’ultima curiosità su Obama, del red carpet di un certo film, del video più curioso della settimana o della canzone più cantata del momento. Ad oggi sono circa un centinaio i video pronti per il lancio divisi in diverse categorie e tutti recano in grosso il marchio Pepsi.

Poptub infatti non è un format solo ma un canale che a sua volta contiene diversi format . C’è il Daily, l’unico show giornaliero (gli altri sono settimanali) che presenta tutte le novità salienti della giornata, c’è il Nick Show, in cui Nick imita e rifà i video-tormentone del momento, c’è WhatPoptub’sWatching, che mostra senza conduzione un collage di video inviati da poco e più “d’avanguardia”, c’è PopTubRatings, che prende i video che hanno generato più gradimento e discussioni, e Poptub Interviews, che ospita ogni volta una celebrità della rete.
Al momento, senza aver avuto nessuna spinta promozionale, il canale di Poptub è arrivato a 4.000 abbonati al feed e l’obiettivo è arrivare a 3 miliardi di visualizzazioni per l’intero canale entro la fine dell’anno. Un obiettivo non da poco.

la presentatrice

Fossimo nella vecchia televisione lo chiameremmo un “programma vetrina”, uno di quelli che contemporaneamente intrattiene e presenta il materiale della rete, facendo autopromozione a basso costo (giusto quello necessario a girare le parti del conduttore). Lo fa Rete4 come Sky con il suo SkyNews, su YouTube però la vetrina diventa qualcos’altro. Perde tutta la sua autoreferenzialità e diventa un curioso modo di vedere la realtà attraverso la prospettiva della rete, perché i video più interessanti di YouTube sono quasi sempre la realtà.

Un esperimento simile la Embassy Row già l’aveva tentato con Yahoo! ma non era così estremo. L’idea vera alla base di Poptub non è dedicarsi alla rete o all’entertainment ma fonderli davvero nelle quantità suggerite dal successo su YouTube e assecondando il suo pubblico (l’uscita di un nuovo videoclip di un grande cantante può fare notizia solo su YouTube).
“Nel nostro mondo, Michael Buckley (star di YouTube i cui video di commento e opinione sono molto seguiti in America, ndr) è importante tanto quanto il cast di Entourage spiega Michael Davis di Embassy Row “perché su YouTube hanno la stessa rilevanza o forse addirittura Buckley ne ha di più”.

Qualcuno ha detto che internet è come la più grande biblioteca del mondo nella quale però tutti i libri sono sparsi per terra, ora la vasca pop di YouTube cerca di trarre vantaggio da questo problema della rete (nella sua parte video), aggregando i contenuti più interessanti in una confezione accattivante e fruibile in poco tempo, in modo da attirare il pubblico più vasto possibile (oltre agli investitori): dai visitatori occasionali, ai leader d’opinione fino agli appassionati.

POPTUB DAILY DEL 15 OTTOBRE

POPTUB RATINGS

WHAT POPTUB’S WATCHING

Gabriele Niola
Il blog di G.N.

I precedenti scenari di G.N. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • kattle87 scrive:
    Linux Ubunt
    Correggetelo ;) prima che qualche troll venga a dire che esiste ancora un'altra distro ed è tutto troppo frammentato ecc ecc... :D
    • pabloski scrive:
      Re: Linux Ubunt
      non temere troveranno qualcos'altro da diresai, ultimamente girando per vari forum di winari ho notato nervosismo....sentono che Vista è un flop e che tecnicamente fa vomitare, appena esponi qualche problema di Vista ti bannano....se dici che superfetch in certe condizioni può rappresentare una palla al piede ti accusano di essere il solito cantinaro invidiosoinvece noto che sono loro che ultimamente rosicano di bruttobeh stiamo a guardare, mentre linux conquista il mondo e i winari muoiono di cirrosi epatica :D
      • 200 OK scrive:
        Re: Linux Ubunt
        A me fan ridere queste discussioni (rotfl)Sono ridicoli i winari, i macachi e i fanboy di linux.Chissà perchè queste discussioni nascono solo da chi fa il programmatore o l'utente smanettone (o il fighetto di turno).In realtà più che ridere, mi viene tristezza, perchè dopotutto la maggior parte di chi loda un OS (anche in casi di super-fanboyismo) non contribuisce per niente allo sviluppo dello stesso.Tanto fumo e niente arrosto insomma.
        • 404 ERROR scrive:
          Re: Linux Ubunt
          - Scritto da: 200 OK
          A me fan ridere queste discussioni (rotfl)Non tutte le persone sono intelligenti, chiaro.
          Sono ridicoli i winari, i macachi e i fanboy di
          linux.C'è una grossa differenza fra i primi due e gli ultimi: i primi due sponsorizzano un prodotto commerciale altrui, come stupidi animaletti ammaestrati. Gli ultimi sponsorizzano un prodotto libero e di tutti. I primi due non ricevono alcun vantaggio dalla diffusione del prodotto che sponsorizzano, anzi, pagano profumatamente per averlo e di certo né Microsoft né Apple mai li ricompenserà in alcun modo (anzi... se potranno inchiappettarli... ed è la storia a mostrarlo), gli ultimi invece ne ricevono vantaggi enormi, fra cui l'avvicinare un numero sempre maggiore di sviluppatori e quindi un prodotto sempre più stabile, diffuso e ben supportato.
          Chissà perchè queste discussioni nascono solo da
          chi fa il programmatore o l'utente smanettone (o
          il fighetto di
          turno).Che sia forse perché i tecnici, per l'appunto, sono le uniche persone davvero competenti in materia? (newbie)
          In realtà più che ridere, mi viene tristezza,Anche a me, specie dopo aver letto interventi come i tuoi.
          perchè dopotutto la maggior parte di chi loda un
          OS (anche in casi di super-fanboyismo) non
          contribuisce per niente allo sviluppo dello
          stesso.Mah, non so lui, e non mi interessa davvero, io a Linux ho contribuito, con modifiche al Kernel e a varie applicazioni. Lui fa quello che puo'... e certamente aiutare la diffusione di Linux è un grande aiuto già di per sé.
          Tanto fumo e niente arrosto insomma.Non direi proprio insomma.
          • 200 OK scrive:
            Re: Linux Ubunt
            Guarda che mi stavo riferendo ai fanboy (newbie) non a chi argomenta e discute di OS in modo serio.Il vero problema dei fanboy (anche di linux) è che in modo arrogante sparano sentenze su tecnologie e il mondo dell'informatica, dando contro qualsiasi cosa che "turbi" il loro oggetto del desiderio.In ogni caso è importante anche sapere cosa vuole una persona dal PC.Dato che comunque mi riferivo ai fanboy, mi chiedo come mai ti senti preso in causa...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 ottobre 2008 10.06-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti