Wi-Fi bucato-bucabile allo Smau

Un piccolo esempio di quello che può accadere ad una rete wireless non totalmente blindata è stato dimostrato da ignoti allo stand milanese di Microsoft
Un piccolo esempio di quello che può accadere ad una rete wireless non totalmente blindata è stato dimostrato da ignoti allo stand milanese di Microsoft


Milano – Con una certa sorpresa giunge la notizia del piccolo ma significativo attacco che sconosciuti hanno portato alla rete wireless che Microsoft aveva approntato per i computer del proprio stand allo Smau di Milano, una rete basata sugli standard Wi-Fi che garantiscono banda larga e facilità di connessione.

Facilità che, però, l’altro ieri si è rivelata eccessiva. A quanto pare, infatti, qualcuno avrebbe tentato di connettersi alla rete per “scroccare” banda e navigare ad alta velocità, creando quindi potenzialmente non pochi problemi alla rete Microsoft già ampiamente sfruttata dai computer legittimati a farlo. Un fenomeno, quello della rete a scrocco e del wardriving, di cui si è già ampiamente parlato .

Qualcuno ha persino parlato di un vero e proprio tentativo di assalto ai server Microsoft che reggevano il tutto, un’ipotesi che sembrerebbe confermata dal fatto che per tutta la notte non solo i tecnici dell’azienda ma anche gli uomini della sicurezza della Fiera e persino la Polizia Postale hanno lavorato per ricostruire la dinamica dell’incidente.

Curiosamente nelle ore dell’azione della banda del buco ha parlato del Wi-Fi sempre alla Fiera il ministro IT italiano Lucio Stanca: “Il Wi-Fi ha una potenzialità enorme, che il governo ha ben presente e alla quale sta pensando in termini di possibile utilizzo. Una tecnologia che va comunque sperimentata”.

Impossibile garantire la sicurezza e soprattutto l’integrità di una rete wireless di questo tipo? Nessuno è evidentemente disposto ad esporsi abbastanza per affermare una simile enormità. Ma non è passato inosservato il fatto che, la mattina dopo il crack, la connettività Microsoft era assicurata dai cavi. Il bello del wireless.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 10 2002
Link copiato negli appunti