WiFi nei bar, un boomerang per i gestori?

Navigare e leggere l'email mentre si sorseggia un cappuccino? Negli States qualcuno inizia a fare i conti: gli avventori si presentano solo per approfittare della connettività senza fili

Boston (USA) – Un cappuccino, il laptop, la propria casella di posta elettronica: uno scenario piuttosto comune per le migliaia di persone che, in tutto il mondo, approfittano dei bar e dei caffé equipaggiati di punti d’accesso senza fili aperti a tutti. L’idea, prosperata negli Stati Uniti grazie alla diffusione delle tecnologie WiFi, è sempre stata una specie di “arma speciale” nelle mani dei gestori: Internet gratuito “al tavolo” significa più avventori, nell’ottica di molti responsabili ed amministratori di locali – con la spiacevole conseguenza – però – che molti di questi posti stanno trasformandosi in uffici .

Secondo un articolo apparso sul Boston Globe , ripreso da numerosi commentatori e blogger in tutto il pianeta, l’ arma del WiFi gratuito potrebbe trasformarsi in un boomerang per i suoi promotori. Un importantissimo fattore di cambiamento che sta modificando la struttura profonda, sociale e culturale, dei bar e dei caffé: da luoghi di ritrovo e socializzazione, moltissimi assomigliano sempre di più a batterie di tavoli occupati da schermi luminosi, senza alcun contatto umano tra i presenti.

Da quando molti locali hanno deciso di puntare su Internet, trovare un tavolo libero è diventato spesso impossibile. Succede un po’ ovunque, persino in Italia, nella piccola Firenze così come nella gigantesca Roma: businessman chini sul tavolo del pub all’ora di pranzo, intenti a scrivere sulla tastiera del proprio laptop, oppure ragazzi e ragazze che conducono videoconferenze ad alta voce, ignorando del tutto la voglia di tranquillità degli altri avventori.

Il problema non si esaurisce soltanto qui: molti gestori di locali sono costretti a chiudere i propri router WiFi e diventare piccoli ISP. Specialmente negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna, la connettività WiFi “al tavolo” viene adesso offerta tramite abbonamento o tramite un piccolo sovrapprezzo. È il caso della catena StarBucks , presente in tutto il mondo con centinaia di migliaia di filiali. Altri gestori hanno scelto di tappezzare i locali con cartelli d’avvertimento, per spingere gli avventori ad un uso “moderato” della connettività senza fili.

Secondo Ars Technica , il fenomeno dei bar “infestati” dal WiFi è sintomatico di un cambio di paradigma nel modo di lavorare. “Molti utenti occupano i tavoli dei caffé per connettersi ad Internet”, dice l’opinionista Nate Anderson, “perché sono altrimenti costretti a lavorare nella solitudine: molti lavori di oggi hanno come requisito la connessione ad Internet e non il contatto umano”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Dipende da cosa compri.
    Alcune cose è ancora meglio tastarle con mano e credo che su questo siamo tutti d'accordo ed è inutile farsi illusioni di poter vendere tutto tramite internet.
  • sk000ks scrive:
    Ampia scelta e prezzo migliore
    Si risparmia, si trova quello che si vuole, arriva in tempi decenti (corriere) con una spesa aggiuntiva minima per la spedizione. Si ordina a qualsiasi ora del giorno e della notte.Per gli acquisti grossi, compro solo su internet.
  • Facoccero scrive:
    Comodità e convenienza. Tanta !!!!
    Una cosa e certa, con lo shopping online oltre alla comodità di ordinare quello che mi serve da casa, risparmio parecchio un po su tutto. E gia qualche anno che x l' hardware del mio pc e di quello dei miei amici acquistiamo tutto in rete. A volte le differenze rispetto al negozio tradizionale sono nell 'ordne del 30/40 % in meno, il che non mi sembra trascurabile. E visto che sempre + gente avrà l' accesso alla rete, i negozi tradizionali hanno solo una scelta se vogliono sopravvivere: abbassare i prezzi. E non mi si venga a parlare del fatto che in un negozio normale, puoi sempre contare sul consiglio del commesso !! Il + delle volte il venditore non sa neanche di cosa parla, caso tipico nei grandi store tipo MW dove chi vende tv potrebbe vendere patate e sarebbe lo stesso, , e l'attuale boom dei tv lcd ne e l'esempio: sarei curioso di sapere quante persone sanno che il tanto decantato hd-ready, in realtà e gia vecchio, visto che i nuovi supporti nascono x essere usati con tecnologia full-hd.
    • Anonimo scrive:
      Re: Comodità e convenienza. Tanta !!!!
      Ciumbia, dimenticavo che Rai e Mediaset trasmettono gia' da tempo in full-hd. Corro subito a comprarmi un bel Nakamichi!!
Chiudi i commenti