Windows 10, numeri da campione

Molto positiva la diffusione del nuovo SO di Microsoft. E Office 2016 ha ora una data (ufficiosa) di lancio

Roma – Ad appena un mese dal suo esordio, Windows 10 è già un successo : tanto da essere stato installato su più di 75 milioni di computer .

Ad annunciare i buonissimi numeri dei primi 30 giorni del nuovo SO è Yusuf Mehdi, vicepresidente con deleghe specifiche per Windows: se si pensa che a Windows 8 sono voluti sei mesi per raggiungere quota 100 milioni di licenze vendute (e non effettivamente installate), si comprende l’entusiasmo di Redmond per i risultati ora raggiunti, anche se si tratta di un aggiornamento gratuito.

Nel dettaglio si tratta di una diffusione assolutamente trasversale, coinvolge più di 90mila diversi modelli di PC e Tablet (tra cui alcuni dispositivi risalenti al 2007) in 192 paesi, e secondo quanto riferisce Microsoft è in continua crescita.

Inoltre – e questo sembra il fattore che può far più sorridere Microsoft – lo Store di app di Microsoft registra con Windows 10 una nuova spinta : Windows Store per Windows 10 ha visto sei volte i download per ogni dispositivo rispetto a Windows 8. Numeri che potrebbero essere determinati dalla necessità di reinstallare tutto sul proprio dispositivo, ma anche rinnovata possibilità di utilizzo degli stessi e voglia di provare nuove applicazioni.

Si tratta infatti di un trend positivo anche in considerazione del prossimo esordio della nuova versione della sua suite per ufficio su cui peraltro ci sono nuove indiscrezioni : Office 2016 sembra pronto per l’esordio per fine settembre, esattamente il 22, almeno secondo quanto si vede in una schermata filtrata dall’intranet di Microsoft. Secondo la stessa immagine potrebbero, invece, essere destinati al secondo trimestre finanziario di Microsoft (ottobre-dicembre 2005) gli esordi della versione E5 di Office 365 e Skype for Business.

Positivi, poi, sono anche i numeri legati allo streaming di Xbox One: già registrati oltre 122 anni di gameplay da dispositivi aggiornati a Windows 10, che dunque si dimostra all’altezza anche delle esigenze videoludiche degli utenti di Redmond.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Antonio Mela scrive:
    Già sperimentato google maps...
    Riguardava l'azienda per cui lavoro stagionalmente: la posizione sulla mappa era sbagliata, così come l'indirizzo ed il numero di telefono (praticamente tutto cannato), provato anche a spostare e sistemare le cose.Morale della favola? Tutto è rimasto come era con una piccola aggiunta: adesso l'azienda sulla mappa risulta definitivamente chiusa.Ci ho rinunciato, immagino però che se l'azienda fosse un partner di google che paga per farsi pubblicizzare quelli non ci penserebbero due volte a volare per sistemare gli errori sulla mappa.
Chiudi i commenti