Windows 7, scaricabile e collaudabile

Al CES di Las Vegas Microsoft ha lanciato la prima beta di Windows 7. Nella giornata di oggi potrà essere scaricata e provata anche dal grande pubblico. Annunciate anche diverse novità relative ai servizi Windows Live

Roma – Come previsto, Windows 7 è stato uno dei massimi protagonisti del Consumer Electronics Show ( CES ) 2009 di Las Vegas. Microsoft ha sfruttato questo importante evento mediatico per lanciare la prima beta del suo nuovo sistema operativo e presentarne le novità salienti, indirizzate soprattutto a potenziare l’interfaccia utente, semplificare le operazioni più frequenti e migliorare la fruizione dei contenuti multimediali, sia locali che online.

Windows 7 alla prima beta E quale migliore occasione se non il CES, un’esposizione completamente dedicata al mondo consumer, per annunciare il debutto pubblico ufficiale di Windows 7 ? Debutto che avverrà proprio oggi, probabilmente in serata, sul sito www.microsoft.com/windows7 ( Update : la beta pubblica è disponibile per il libero download qui ), dove l’immagine del sistema operativo potrà essere scaricata da tutti, previa registrazione gratuita.

Per la verità gli utenti più smaliziati non hanno mai avuto particolari problemi a procurarsi le release preliminari di Windows 7 per vie traverse : la stessa build 7000 , ossia l’attuale Beta 1, è disponibile come torrent da almeno due settimane (nella versione a 32 bit e, da pochi giorni, anche in quella a 64 bit). L’immagine ufficiale, la cui scadenza è stata fissata nel primo agosto 2009, ha il vantaggio di essere legale e di non celare sgradite sorprese (fake, malware o quant’altro).

Gli abbonati a TechNet Plus e MSDN hanno potuto mettere le mani su Windows 7 Beta 1 già ieri, scaricandone il DVD dai relativi network di Microsoft.

“Tramite l’iniziativa Springboard verranno rese disponibili sul sito TechNet informazioni tecniche e documentazione per aiutare i professionisti IT e gli sviluppatori che inizieranno il testing di questi due sistemi operativi nei loro ambienti aziendali”, si legge in questo post del Blog Team TechNet Italia, dov’è anche possibile riprodurre il video dell’intero keynote di Microsoft presso il CES.

In contemporanea a quella di Windows 7, Microsoft ha rilasciato ai propri sviluppatori e partner anche la prima beta di Windows Server 2008 R2 , pronta anch’essa per il test pubblico. Sebbene, al contrario dell’edizione consumer di Windows, Microsoft abbia scelto di conservare il nome dell’attuale versione di Windows Server, la R2 si basa sulla stessa base di codice di Seven , e rappresenta dunque un sostanziale aggiornamento di Windows Server 2008 SP2. In particolare, l’R2 introduce una serie di nuove funzionalità per la virtualizzazione, prima fra tutte Live Migration , nonché un più sofisticato sistema di power management, un nuovo insieme di tool per la gestione e l’amministrazione, e versioni aggiornate di Active Directory, server FTP e Windows PowerShell.

Tornando a Windows 7, sul palco del CES si sono avvicendati diversi dirigenti di Microsoft, tra i quali ovviamente il CEO Steve Ballmer, che hanno dimostrato le principali caratteristiche di questo sistema operativo. Tra queste c’è la rinnovata taskbar , che semplifica e velocizza il passaggio da un’applicazione all’altra e l’accesso alle applicazioni e ai file utilizzati più di frequente. Microsoft ha poi mostrato come Seven renda più facile e trasparente accedere a foto, musica e video archiviati in risorse differenti, incluse quelle di rete, e trasmetterle in streaming ad una grande varietà di device, inclusi televisori e console da gioco (Xbox 360 in primis).

Non sono mancati nuovi demo relativi al tanto sbandierato – e ormai inflazionato? – supporto multitouch di Windows 7, che permette di utilizzare speciali gesture con le dita per compiere operazioni come zoomare o ruotare un’immagine.

“Nei prossimi due anni il computer sarà in grado di ascoltarvi e vedervi”, ha detto Ballmer. “Comandi vocali, gesture e riconoscimento della scrittura diverranno modalità comuni per interagire con i computer, con i televisori e con i telefoni”. Microsoft ha poi ribadito la capacità di Windows 7 di girare su dispositivi con scarse risorse hardware , come ad esempio i netbook, e di ottimizzare il consumo energetico attraverso una tecnologia di power management capace di monitorare, oltre al carico sulla CPU, un gran numero di altri parametri.

Sul fronte delle performance, Ballmer ha affermato che Windows 7 fornisce avvii fulminei (anche sotto i 15 secondi) e installazioni della durata di una decina di minuti. Tempi di avvio rapidi sono particolarmente importanti per dispositivi come netbook, tablet e media center, destinati a dominare il futuro mercato dei PC consumer. Nel settore netbook Microsoft deve peraltro fronteggiare l’avanzata di Linux , che ad una frazione del costo della licenza di Windows offre ad un tipico utente di netbook tutto il necessario per lavorare, comunicare e svagarsi.

Il boom dei netbook è stato proprio una delle ragioni principali che hanno spinto Microsoft a ritardare il pensionamento di Windows XP e, nel contempo, accelerare lo sviluppo di Windows 7: l’architettura di quest’ultimo, come si è detto più volte, promette infatti una maggiore flessibilità e adattabilità rispetto a quella di Vista, a tutto vantaggio delle performance e della reattività generale del sistema su hardware non pompatissimi.

La migliore agilità di Seven rispetto a Vista sembra confermata anche da numerosi tester e recensori. The Register , ad esempio, scrive che “la Build 7000 sembra pienamente usabile e dà la sensazione di essere più veloce di Vista a parità di hardware”.

Ballmer ha assicurato che lo sviluppo del successore di Vista “è assolutamente nei tempi previsti”, ma ha preferito non pronosticare alcuna data di lancio . “Windows 7 verrà rilasciato quando sarà realmente pronto, ed avrà superato tutti i nostri test di qualità”, hanno ripetuto come una litania tutti i dirigenti dell’azienda. In ogni caso, appare ormai certo che il sistema operativo sarà completato entro la fine dell’anno: com’è avvenuto però con Windows Vista, la sua commercializzazione sul canale retail potrebbe avvenire alcuni mesi più tardi.

Presso il CES, Microsoft ha anche annunciato diverse novità relative alla propria suite di servizi online Windows Live. Grazie a nuove partnership tra Microsoft e i principali gestori di social network rivali, gli utenti di Windows Live possono ora condividere sul proprio account Live i post pubblicati su Facebook; inoltre, attraverso il feed What’s new sono in grado di vedere cosa fanno online gli amici iscritti ad altri social network, quali Twitter, Flickr e Facebook (i servizi supportati sono più di 50).

Windows Live Messenger verrà aggiornato a breve per supportare gli avatar “sensibili al contesto”, capaci di cambiare l’immagine in base alle emoticon inviate ai propri interlocutori: ad esempio, inviando un messaggio con la faccina che fa la linguaccia, l’immagine del proprio avatar potrà cambiare di conseguenza.

Negli scorsi giorni sono anche state rilasciate le versioni definitive di numerosi servizi Windows Live, tra i quali Hotmail, Profile, Photos, SkyDrive (con 25 GB di spazio online), Live Spaces, Groups, Events e Calendar.

Microsoft ha infine annunciato che Dell pre-installerà Windows Live Essentials e Live Search su tutti i propri modelli di PC destinati al mercato consumer e small business. Windows Live Essentials, appena uscita dalla fase di beta testing, è una suite che comprende le versioni live di Messenger, Mail, Photo Gallery, Movie Maker, Writer, Toolbar e Family Safety controls. Questi strumenti, a partire da Windows 7, non saranno più inclusi nel sistema operativo, ma dovranno essere installati dall’utente o, vedi Dell, preinstallati dal produttore del PC.

Robbie Bach, boss della divisione gaming di Microsoft, ha invece parlato dei successi di Xbox 360, che ad oggi ha venduto circa 28 milioni di esemplari in tutto il mondo e ha raccolto, attraverso il suo network Xbox Live, oltre 17 milioni di abbonati.

Bach ha anche ricordato l’uscita, prevista per quest’anno, di due nuove incarnazioni del best seller Halo , il gioco più venduto per Xbox: una sarà Halo Wars , uno strategico in tempo reale atteso sul mercato il 28 febbraio (la demo sarà rilasciata il 5 febbraio); l’altro titolo sarà Halo 3 ODST , un’espansione stand alone di Halo 3 che arriverà sul mercato nel corso del prossimo autunno.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • La Soluzione scrive:
    La soluzione? Disk Redactor & Co.
    Esistono decine di software freeware che servono proprio a questo. Per esempio disk redactor, basta indicargli una partizione e lui crea un file con dati casuali della dimensione necessaria per riscrivere tutto al 100% (con l'opzione di saltare 16KB, mi pare, se si tratta della partizione di sistema). A quel punto magari la CIA, o gli alieni, possono ancora recuperare qualcosa... Ma confido nel fatto che abbiano entrambi altro di cui occuparsi.
  • Luigi De Troia scrive:
    curiosita' mia personale...
    ma se invece di cancellare o formattare con 3000 passaggi non prendo un file senza importanza, magari un film in divx e lo rinomino e copio tante volte fino a riempire l'hard disk e il poco spazio che rimane faccio lo stesso con un documento piu' piccolo, come fanno a risalire a quello che c'era memorizzato prima?grazie e ciao a tutti
    • pabloski scrive:
      Re: curiosita' mia personale...
      quella che stai proponendo è una scrittura con 1 singolo passaggio....chiaramente è molto più debole dei vari suredelete che effettuano una scrittura con 35 passaggi
  • Quanta ignoranza scrive:
    Quanta ignoranza su Gutmann & co.
    Nonostante lo stesso Gutmann abbia detto che il suo metodo è ormai obsoleto e "overkill" (andava bene per una sicurezza paranoide nell'era delle codifiche MFM o delle prime RLL) c'è ancora chi si ostina a torturarsi l'hard disk con 35 passate (che, beninteso, non servivano neanche allora, bastava conoscere la codifica usata dal proprio hd e limitarsi ai passaggi relativi perchè gli altri non effettuavano nessun flipping utile).Poi c'è chi è convinto che basti un software per fare letture raw giocando con l'offset della testina... Chi crede che la scansione mf a microscopio sia tecnologia da cantina alla portata di tutti (con le densità areali dei tempi recenti, poi... senza scomodare il perpendicular recording).La cosa più divertente è che c'è chi fa soldi su soldi con software che non fanno nulla più di un dd if=/dev/urandom ... al limite ripetuto qualche volta. E magari vende pure aggiornamenti periodici agli utOnti per continuare a fare la stessa cosa, con qualche colore in più nell'interfaccia.
    • pabloski scrive:
      Re: Quanta ignoranza su Gutmann & co.
      infatti, il problema era reale fino al 97-98, con gli hard disk dell'epoca era possibile recuperare i dati con tecnologie abbastanza sempliciad oggi la tecnologia è alla portata di qualche agenzia di spionaggio, con molta probabilità nemmeno le forze dell'ordine hanno tecnologie similiquindi, quale divisione della CIA avete fatto incacchiare per essere così preoccupati?
  • Massimo Cerro scrive:
    Un'esplosione EMP in alta atmosfera?
    come da subject
  • Gigi scrive:
    dd, magnete, crittografia
    La crittografia non e' un sistema sicuro (e' sicuro ora con le macchine e le conoscenze attuali ma non e' detto che lo sia tra 10 anni)Ovviamente il magnete non serve assolutamente a niente.E non basta scriverci sopra con DD neanche se i dati scritti sono pseudocasuali (bisogna fare diverse passate).Esistono invece software, ne ricordo uno di 20 anni fa del mitico Peter Norton.PS: ovviamente il gioco deve valere la candela altrimenti il cestino e' piu' che sufficiente.
  • a Ovest di Paperino scrive:
    ReCall
    ...se proprio proprio si ha voglia di spendere, rivolgiamoci ai professionisti...http://www.recall.com.au/Recall/AU/EN/Home/Our_Services/Scr_Dest_Svc/(dall'A1 fra Arezzo e Roma se ne intravede un groosso stabilimento... inquietante:-o)...(total) ReCall .. ricorda un'altra certa azienda ..mmh?
  • trivla parsiut scrive:
    accurate operazioni di scansione e bonif
    "accurate operazioni di scansione e bonifica" ?sentiamo Vincé?
  • RunAway scrive:
    2 in 1
    A detta di molti una sola passata di dati casuali o di 0 non basterebbe a cancellare definitivamente i dati, quindi che qualcosa si può ancora recuperare.Ma una cosa del genere non implicherebbe che un singolo settore sul piatto possa memorizzare 2 bit contemporaneamente? In altre parole se io sovrascrivo la sequenza di bit che costituisce il mio numero di cc (per esempio) con tutti 0 e qualcuno mi dice che può ancora recuperarlo, non vuol dire che su quello spazio difatto sono memorizzate 2 informazioni: la sequenza originale e la sequenza nuova di 0?Spero che qualcuno mi sappia rispondere, perchè mi pare strano questo dualismo, e mi pare ancora più strano che non sia stato mai sfruttato a vantaggio della momorizzazione dei dati.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: 2 in 1
      contenuto non disponibile
    • andy61 scrive:
      Re: 2 in 1
      I dati possono essere riletti dall'area circostante il bit che tu hai sovrascritto.Con opportuni SW è possibile controllare lo spostamento delle testine assegnando offset leggermente diversi da quelli delle tracce canoniche, e così si vanno a leggere le tracce lascate dai bit precedenti.Esistono poi apparecchiature dedicate che possono fare anche molto meglio.
    • ginopilotin o scrive:
      Re: 2 in 1
      Oltre ad essere necessario l'utilizzo di apparecchiature costose e non certo alla portata di tutti, basta semplicemente scriverci su piu' volte dati casuali.Niente e nessuno e' piu' in grado di risalire ai dati presenti sul disco, neanche con i metodi piu' avanzati.In casi estremi e' consigliabile copiarci su piu' file di grosse dimensioni piu' volte, prima di fare un wipe standard.Certo e' che queste operazioni richiedono tempo. Tanto che se il disco dovra' essere buttato e' meno costoso danneggiarne fisicamente la superficie.
    • rockroll scrive:
      Re: 2 in 1
      Non 2 in uno ma n in uno (e sono sfruttabili, basta usare numerazione a base n, con n superiore a due, e non sarebbe affatto malaccio. La risposta che ti ha dato una dura lezione già ti fa capire che viene intesa come bit a 1 una memorizzazione al di sopra di un certo valore soglia e come bit a 0 un valore al di sotto: noi diciamo che la tecnica digitale (a base binaria nel nosatro caso) esclude praticamente gli errori perchè è praticamente impossibile che l'imprecisione nel trattamento fisico dell'apparecchiature sia affetta da un errore tale da portare il segnale nella banda opposta a quella di competenza. Pero il segnale assunto come uno non corrisponde ad uno fisico perfetto così come il sgnale zero non corrisponde a zero fisico perfetto. E' oviio che se lo assume risppettivamente come uno e come zero, evito l'errore dell'apparecchiatura, piccolo a piacere ma comunque esistente. Resta comunque un problema, dovuto essenzialmente all'isteresi magnetica, mai del tutto eliminabile: un uno sovrascritto su un vecchio uno sarà leggermete più uno di un uno sovrascritto su un vecchio zero, e viceversa. La cosa è percentualmente trascurabile, ma sensibilissime apparecchiature potrebbero rivelarla. Se io ricopro una sequenza di dati con lo stesso tipo costante di informazioni, diciamo con tutti zeri binari, un'apparecchiatura standard leggerà tutti zeri perchè riconosce tutti valori al di sotto di tale soglia, ma un'apparecchiatura molto più sensibile riconoscerà le fluttuazione intorno allo zero dovute all'isteresi che fa riportare un valore più o meno vicino allo zero in funzione del "ricordo" della precedente memorizzazione. E esattamente viceversa se sovrascrivo tutti uno. Dopo una sovrascrittura a valore costante come ipotizzato una apparecchiatura di laboratorio sufficientemente sensibile ti legge TUTTO correttamente. Se però tu sovrascrivi dati casuali, avrai varianti casuali intorno all'uno ed intorno allo zero teorici della sovrascrittura a seconda che i nuovi bit siano concordi o discordi rispetto ai vecchi, ma anche qui analizzando lo scostamento dal valore uno e zero teorico la macchina di laboratorio ti può restutuire TUTTO il contenuto precedente. Resta il fatto che ad ogni passata il segnale precedente visto come "eco fossile" dovuto all'isteresi risulta una percentuale minima del valore di spvrascrittura, ad esempio un centesimo del valore di soglia. Se il segnale precedente ridulta n volte meno intenso dell'attuale, dopo due passate esso sarà ridotto e 1/n di 1/n dell'ultimo segnale sovrasceritto, e dopo p passaggi il suo livello sarà 1/n^p del segnale iltimo sovrascritto. Di qui si comprende benissimo quanto diventi complicato per non dire assolutamente improponibile ricavare qualcosa dopo anche pochissimi passaggi di riscrittutra casuale. Questa la teoria, in pratica non è neppure stata vinta la sfida di ricostruire una percentuale significativa di dati dopo una solo sovrascrittura a dati costanti: lo strato magnetico attualmente deposto sui piatti vetrosi ha una bassissima isteresi magnetica. Ma torniamo a quel che avevi intuito, e cioè ad informazione multipla sullo stesso bit, perchè questo introduce ad interessanti sviluppi. Ormai la sensibilità e la precisione delle attuali apparecchiature consumer è in grado di distingure, non solo sui piatti magnetici, ma in ogni forma di memorie in uso, DDR ed SSD e RAM e ROM che si voglia, soglie di memorizzazione molte più basse di una volta, vale a dire che , senza teme di sbagliare, a parità di intensità max del segnale fisico, sono individuabili univocamente non solo due bande (zero ed uno della base binarie), ma n bande di valori, ricorrendo a logica a base n; già a base tre (ad esempio segnale -1, 0, +1) per non dire a base n (0, 1, 2, 3,... n-1) si ottengono notevoli miglioramenti, e non solo come dimensioni ovvero densità dei dati. Con 2 bytes ovvero 16 bit in base 2 riesco ad esprimere 65536 valori, il che vuol dire che con 5 bit a base 10 (che è poi il numero che o appena scritto), posso esprimere oltre una volta e mezzo quei valori (0:99999). E come preannunciato, non sarebbe malaccio proprio per niente...
  • andy61 scrive:
    sensazionalismo?
    Prima di decidere come distruggere i dati, occorre chiedersi due cose:1) occorre davvero distruggerli?2) quanto valgono (o in alternativa, qual'è il danno che posso subire se non vengono distrutti)?Seppur ormai sia probabile che da qualche parte ci sia qualche dato che mi riguarda e che può avere qualche valore, questo non è necessariamente vero; potrei avere un hard disk che contiene soltanto materiale open e free, utilizzato come archivio. In questo caso non avrebbe alcun senso sprecare il proprio tempo a spianare il disco.Appurato che occorra effettivamente distruggere i dati, occorre capire quale grado di certezza voglio (o devo) avere.Per alcuni tipi di dati, è previsto da normative aziendali o standard governativi che i supporti vengano fisicamente distrutti; in questo caso, in generale è necessario che l'operazione venga effettuata con dei testimoni.Tornando all'articolo, risulta evidente che se la mia intenzione è di vendere il mio vecchio PC su ebay, avrei qualche difficoltà a venderlo senza hard-disk (o con un disco preso a martellate).Ritengo in generale più appropriato spianare il disco con uno dei software appropriati (ve ne sono anche di approvati dal Ministero della Difesa americano).Supposto anche che qualcuno sia così determinato a recuparare i miei dati da un vecchio hard disk opportunamente ripulito, sapendo quanto costa l'operazione viene da chiedersi se realmente possa valere la pena di cimentarsi nell'impresa, e non di pensare di utilizzare approcci più economici per ottenere le informazioni desiderate.Al giorno d'oggi credo che la miglior prassi sia quella di crittografare l'hard disk, con il duplice vantaggio di non dover ripulire l'hard disk prima di dismettere il PC, ma anche e soprattutto di dormire tranquilli(*) nel caso che il PC venga smarrito o rubato.(*) NOTA: il concetto di tranquillo è ovviamente legato anche al fatto che sia stato fatto o meno un backup recente del contenuto del disco.
    • NomeCognome scrive:
      Re: sensazionalismo?
      Molto divertente che la maggior parte delle persone che qui e' paranoica sui propri dati e sulla propria privacy, e' la stessa che la' su Facecrap mette online centinaia di foto e commenti su cosa fa e come e con chi tutto il giorno tutti i giorni ... hi hi hi ...
  • pix scrive:
    bah, esagerati, dimendicate il "dd"
    linux è sempre la soluzione
  • The Punisher scrive:
    Un bel magnete molto potente no?
    Una volta esistevano in commercio degli scatolotti a magneti che resettavano completamente i nastri per i backup (parlo del 1997.
    • d4x scrive:
      Re: Un bel magnete molto potente no?
      Bei tempi punisher....ma dovevi sXXXXXXX bene :) o il mio non era abbastanza potente??:)elettromagnete =)
      • Kappa scrive:
        Re: Un bel magnete molto potente no?
        So che in giro ci sono ancora degli aggeggi in grado di resettare completamente il disco tramite uso di elettromagneti.
        • jfk scrive:
          Re: Un bel magnete molto potente no?
          - Scritto da: Kappa
          So che in giro ci sono ancora degli aggeggi in
          grado di resettare completamente il disco tramite
          uso di
          elettromagneti.Si, vai da uno sfashia carrozze e lo metti sotto uno di quegli elettromagneti che usano per sollevare le auto.
        • asd scrive:
          Re: Un bel magnete molto potente no?
          - Scritto da: Kappa
          So che in giro ci sono ancora degli aggeggi in
          grado di resettare completamente il disco tramite
          uso di
          elettromagneti.prova a chiedere a ratto[img]http://moviesmedia.ign.com/movies/image/thecore-eckhart-qualls.jpg[/img]
      • The Punisher scrive:
        Re: Un bel magnete molto potente no?
        Quello che avevamo noi era a magneti permanenti (non elettromagneti), prodotto dalla Memorex e con una passata avevi gia' il nastro completamente inutilizzabile (se non dopo una bella formattazione).Per scrupolo noi facevamo due passaggi: all'epoca lavoravo in una banca estera ed il tema sicurezza dei dati ti posso garantire che era moooolto sentito.
    • fred scrive:
      Re: Un bel magnete molto potente no?
      Non possono funzionare efficacemente poiche' la lunghezza dell'informazione magnetica del singolo cliclo e' troppo bassa (scusate la definizione non chaiara ma in questo momento mi sfuggono i nome corretti); tant'e' che i magneti permanenti utilizzati per il movimento delle testine non hanno alcun effetto sui dati scritti.Bisognerebbe passare a pochi micron dalla superfice del disco e a frequenze molto elevata, per cui rimane comunque piu' semplice frantumare i piattelli che sono fatti di materiale vetroso, ci si riesce anche battendo con forza l'hdd in posizione pertfettamente parallela contro una supefice rigida quale puo' essere un pavimento di marmo, ovvero il peso stesso del vetro dei piattelli lo frantumerebbe.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Un bel magnete molto potente no?
      contenuto non disponibile
    • AHAHAHAHA scrive:
      Re: Un bel magnete molto potente no?
      se vuoi essere drastico esistono gli smagnetizzatori industriali e non costano molto.....
  • filoberto scrive:
    insomma..
    alla fine dipende chi sei e che dati hai: se sei uno studentello con al massimo le foto della tua ragazza in costume da bagno puoi sfogarti con sovrascritture e diverse martellate.. non penso che nessuno si sobbarchera' la fatica di recuperare i tuoi dati (se la tua ragazza è bruttarella, poi...)se sei una banca o un agente segreto magari ti preoccupi un po' di piu' :-)
  • Difensore scrive:
    4 colpi di flex
    Come da oggetto. Levigare bene
  • bilop scrive:
    sostanze pericolose
    Bisognerebbe informarsi prima di sbriciolare in casa un HD. Se dentro gli HD fossero presenti sostanze pericolose come il cromo esavalente? O altri metalli o sostante non proprio adatte allo spargimento casalingo?E poi, prima di fare i paranoici bisogna anche sapere cosa si ha dentro un HD. Le cose importanti forse è meglio cifrarle (non con la password uguale al nome del cane), le altre, dopo qualche anno perdono di importanza. (Chi spenderebbe tanto per recuperare i vostri dati? Vi chiamate Obama?) Riutilizzare gli HD è la strategia migliore. I programmi di cancellazione per paranoici sono disponibili anche gratuitamente. Usateli.
  • Testazza scrive:
    Io HO la soluzione
    Ci passo sopra col carro cingolato che usano per trasportare lo Shuttle, oppure lo metto sui binari che usano per varare le super petroliere.
    • 3my78 scrive:
      Re: Io HO la soluzione
      - Scritto da: Testazza
      Ci passo sopra col carro cingolato che usano per
      trasportare lo Shuttle, oppure lo metto sui
      binari che usano per varare le super
      petroliere.Buttarlo semplicemente nel fuoco no?:-Phttp://3my78.blogspot.com/
  • d4x scrive:
    gutmann
    gutmann a 35 passate?:) quanto è sicuro :?http://it.wikipedia.org/wiki/Metodo_Gutmannciapd4x
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: gutmann
      Tutte frottole! Come al solito...Un'analisi seria del problema, fatta da un tecnico non da una sottospecie di giornalistucolohttp://www.nber.org/sys-admin/overwritten-data-guttman.htmlBasta sovrascrivere completamente con dati casuali e nessuno recupera più niente!
  • unaDuraLezione scrive:
    Re: Riciclare comodamente
    contenuto non disponibile
    • 01234 scrive:
      Re: Riciclare comodamente
      CHI chiede COSA? :-D
    • Di_ME scrive:
      Re: Riciclare comodamente
      Non so a quale legge inglese fai riferimento ma io spero che questa legge faccia differenza tra rifiutarsi di darli e affermare che questi dati sono stati distrutti o cmq persi.Voglio dire, se mi rubano un portatile o questo va distrutto nell'incendio della mia auto, sarebbe una legge un po' nazista se mi ingabbiano perche' non posso piu' dargli i dati... che poi vorrei sapere chi e perche' dovrebbe chiedermi di vedere i dati sul mio harddisk/
  • Zio scrive:
    Io uso File Shredder a 35 passaggi
    Algoritmo di Guttman a 35 passaggi e i dati non li recupera più nemmeno un miracolo. Quella di distruggere fisicamente gli HD è una cosa paranoica.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
      contenuto non disponibile
      • Pinco Pallino scrive:
        Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
        Per fortuna lo sai tu dove vengono memorizzatiPAZZO!
      • Zio scrive:
        Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi

        Bravo.
        Su un file da un giga ci si mette solo 4 ore.Scusa ma chi se ne frega quanto ci mette, al massimo lo fai andare di notte. Comunque ti assicuro che ci mette molto meno perchè lo uso regolarmente su un HD da 250Giga pieno.
        Forse non lo sai, ma i dati non vengono
        memorizzati solo sui piattelli... Si? Dove? Anche sulla plastica ? ;-)
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
          contenuto non disponibile
          • Gino scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            Se dici una cosa almeno motivala. Anche perchè io credevo di sapere come funzionano gli hdd, evidentemente mi sbagliavo. Purtroppo non trovo materiale che confuti le mie precedenti conoscenze, quindi è evidente che tu ne hai di migliore. Dove posso trovarlo? Cosa devo cercare?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            contenuto non disponibile
          • Gino scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            Non sapevo, giuro. Thx.
          • porto scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            ma QUANTI dati si potrebbero estrarre da questa sezione?Intendo in termini di byte...
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            contenuto non disponibile
          • Lilith scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            intendi la chache su disco?è quel chip di ram da 4 - 8 - 16 mb che è saldato sulla scheda logica del discoma essendo ram, non è volatile?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            contenuto non disponibile
          • porto scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            ma è questo che non riesco a capire,essendo una parte magnetica,non dovrebbe essere scritta anch'essa da una testina? Ma se dici che non è sul disco allora la testina non sarà quella del disco ma qualche altra testina..o sbaglio?ciao
          • Zio scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            Guarda che il tizio sta confondendo la cache con la zona riservata alle informazioni sull'organizzazione dei dati, proprio quella che si cancella quando fai una formattazione a basso livello, e che per questo motivo rende inutilizzabili gli hard disk che formatti a basso livello vero e per ricostruire la quale esiste solitamete una utility dal produttore. Il funzionamento di un HD per fortuna non è un segreto ;-)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            contenuto non disponibile
          • Dubbioso scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            Uhm si interessante... e chiaramente i gb di roba che vengono scritti in ogni passata da uno shredder non sono informazioni che vengono lette/scritte...for i in `seq 1 10`;do dd if=/dev/zero of=/dev/hda;doneCi sono dei tizi che hanno sfidato le compagnie di recupero dati a leggere 1 file da un disco sovrascritto con un unica passata di dd, c'é anche una ricompensa. Non ci ha ancora provato nessuno.http://16systems.com/zero/- Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Gino

            Dove posso trovarlo? Cosa devo

            cercare?

            C'è una sezione magnetica in cui transitano le
            informazioni che vengono lette/scritte; serve
            anche per ottimizzare gli spostamenti della
            testina.
            Tale sezione magnetica non è sul disco e può
            essere scritta solo dai meccanismi interni
            dell'HD (in modo differente per ogni modello).

            Non esistono API per scrivere in quella zona in
            quanto fa parte del dettaglio interno del
            disco.
            Tuttavia è possibile leggerla.
            Ovviamente non può contenere tutte le
            informazioni che sono transitate, ma magari c'è
            proprio quella che si voleva
            nascondere.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            contenuto non disponibile
          • longinous scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Gino

            Dove posso trovarlo? Cosa devo

            cercare?

            C'è una sezione magnetica in cui transitano le
            informazioni che vengono lette/scritte; serve
            anche per ottimizzare gli spostamenti della
            testina.
            Tale sezione magnetica non è sul disco e può
            essere scritta solo dai meccanismi interni
            dell'HD (in modo differente per ogni modello).intendi sull'elettronica?o è infognata in qualche altro posto? (non so, un chip nascosto all'interno, magari)
          • Zio scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi

            C'è una sezione magnetica in cui transitano le
            informazioni che vengono lette/scritte;Quindi anche le informazioni di riscrittura a 35 passaggi.(rotfl)
          • rockroll scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            - Scritto da: Zio

            C'è una sezione magnetica in cui transitano le

            informazioni che vengono lette/scritte;

            Quindi anche le informazioni di riscrittura a 35
            passaggi.
            (rotfl)Oh, finalmente un po' di logica: quel che dici è ovvio, ma duro da accettare/capire perchè smonterebbe una leggenda metropolitana dura a morire.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
            contenuto non disponibile
        • Ciano scrive:
          Re: Io uso File Shredder a 35 passaggi
          - Scritto da: Zio

          Forse non lo sai, ma i dati non vengono

          memorizzati solo sui piattelli...

          Si? Dove? Anche sulla plastica ? ;-)No sul codice a barre dell'etichetta. :D
  • Discolo scrive:
    La formattazione a basso livello non esi
    La formattazione a basso livello non esiste più da quando sono nati i dischi ide.Quando ancora nei bios erano presenti le funzioni di formattazione a basso livello, i dischi ide si difendevano facendo una finta formattazione ma in realtà non facevano nulla (o scrivevano soltanto).La formattazione a basso livello viene fatta soltanto in fabbrica.Per essere sicuri io consiglio la cifratura del disco fin dal suo primo uso con truecrypt.Al momento della dismissione del disco, cancellazione di tutti i file, sovrascrittura degli spazi precedentemente occupati con file di grosse dimensioni fino a riempire l'harddisk, infine distruzione fisica dell'harddisk.
  • Nilok scrive:
    Conoscenza e Controllo
    Augh!Se SAI REALMENTE come funziona un Hard Disk, NESSUNO potrà ptrenderti in giro o raccontarti favolette varie.Se SAI SOLO IN PARTE come funziona un HArd Disk, non ne avrai il "controllo" (cioè non sarai in grado di farne ciò che vuoi) e sopratutto crederai alle favolette che qualcuno ti racconta, basandosi PROPRIO sulla tua non completa conoscenza dell'argomento.Non accetare MAI come REALE quello che un altro ti dice, se non DOPO averlo verificato di persona: fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio.Certo potrei mettermi quì a spiegarti QUANTE balle vengono raccontate in questo articolo....MA....le mie saranno sempre e solo parole.Se vuoi sentirti SICURO ed in controllo di ciò che fai o usi, devi incrementare la tua conoscenza sul soggetto fino a che, PRATICAMENTE ed INDIPENDENTEMENTE, tu stesso non diventi capace di "controllare" quello strumento o altro che ti interessa usare.Chiediti:Come fa un HD a memorizzare i dati?Come fa a ritrovarli?Cosa fa realmente la testina magnetica, quando usi il comando "elimina o cancella"?Cosa fa, realmente, la testina magnetica, quando "svuoti il cestino"?Cosa fanno le testine magnetiche quando "formatti" un HD?Che cos'è realmente la "formattazione veloce"?Che cosa significa "formattare a basso livello"?Se, in qualche modo, scrivi degli 0 (zero) in ogni singolo spazio dell'HD....quello che c'era precedentemente, resta comunque memorizzato da "qualche altra parte", affinchè (con un software appropriato) lo si possa recuperare?Ecco, quando ti sarai informato direttamente, senza ascoltare le parole di nessuno ed avrai provato personalmente sul tuo HD ognuna di queste cose, allora non crederai più alle frottole che vengono messe in giro in rete VOLONTARIAMENTE, per creare disinformazione e cercare di "manipolare" gli altri che credono alle loro fandonie.Auguri di buon anno!Nilok
    • Zio scrive:
      Re: Conoscenza e Controllo
      Concordo su tutto tranne sul fatto che le frottole vengano messe in giro volontariamente per qualche scopo, semplicemente non si può pretendere che siano tutti periti elettronici. Allora distruggete anche i monitor che hanno visualizzato determinate informazioni, bruciate le ram in cui sono passate... è veramente ridicolo tutto ciò ;-)
      • pippo scrive:
        Re: Conoscenza e Controllo

        Allora distruggete anche i monitor che hanno
        visualizzato determinate informazioni, bruciate
        le ram in cui sono passate... è veramente
        ridicolo tutto ciò
        ;-)E naturalmente il post-it con le password attaccato al monitor :D
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Conoscenza e Controllo
          contenuto non disponibile
          • pippo scrive:
            Re: Conoscenza e Controllo


            E naturalmente il post-it con le password

            attaccato al monitor

            :D

            La mia collega ce l'ha sotto la tastiera!
            L'equivalente informatico di mettere le chiavi
            sotto lo zerbino
            :DQuesta mi mancava ;)
          • orathio scrive:
            Re: Conoscenza e Controllo
            diversi miei ex colleghi la scrivono direttamente col pennarello sulla cornice del monitor....
      • King of RAMs scrive:
        Re: Conoscenza e Controllo
        ...tu sì che hai capito la vera essenza del significato di "RANDOM"....In effetti le cose accadono PER CASO....chi parla lo fa per dare aria alla bocca...nessun motivo recondito o razionale!Te lo appoggio in pieno.
    • rockroll scrive:
      Re: Conoscenza e Controllo
      Certo che se un HD fa tutt'altro di quel che penso e che viene specificato e pagato, non si tratta più di un HD ma di un marchingegno che esegue funzioni aggiuntive non richieste a scopo opinabilmente malevolo: tale marchingegno si può ancora definire HD (magari di di quelli disponibili sul mercato a 60 euro a terabyte)?
  • ciccio scrive:
    Buffonate
    Basta 1 formattazione con apposito software e nemmeno mandrake può recuperare i dati.I paranoici potranno usare la cancellazione in 3 passaggi e il gioco è fatto.Aprire un hard disk col dremel è stupido e pericoloso (non si fa prima a svitare le viti?).Comunque basta una martellata al posto giusto e non si recupera piu nulla.
    • pauroso OT scrive:
      Re: Buffonate
      quanta ignoranza.....Vai a prendere il tuo bel cacciavite e apri gli hard disk poiu dimmi.Inoltre se pensi che unaq formattazione basti mandami il tuo HD, con un software da 2 soldi ti recupero tutto....lol
      • ciccio scrive:
        Re: Buffonate

        quanta ignoranza.....Vedo che tu invece la sai lunga.....
        Vai a prendere il tuo bel cacciavite e apri gli.....fatto almeno 10 volte. ma forse non sai cosa sono i torks vero?é più probabile avere i torks (in vendita nelle più infime ferramente) che il dremel.
        Inoltre se pensi che unaq formattazione basti.......forse nel leggere ti è sfuggito "con apposito software" che ovviamente sovrascrive ogni byte con dati random (magari 3 volte).
        mandami il tuo HD, con un software da 2 soldi ti recupero tutto....Se il disco è stato sovrascritto (anche solo con 00 o ff) non esiste modo tramite l'interfaccia dell'hd di recuperare nulla.Forse trapiantando i dischi in apposito macchinario con testine e circuiteria adatta potrebbe essere possibile ricavare dei dati dal rumore di fondo. Sempre che la sovrascrittura non sia stata fatta con dati random.Scommetto che queste attrezzature (fuori dalla portata dei servizi segreti italiani) tu le abbia in cantina.Comunque i miei hd sono interamente cifrati con tc quindi.lol.
        • rockroll scrive:
          Re: Buffonate
          Condivido ciccio (finalmente uno che ragiona con logica e non ha paura di andare contro a leggende metropolitane). Mi infastidisce chi gli da a torto dell'ignorante.
  • asd scrive:
    concordo, basta guardare...
    il man del comando wipe,se non ricordo male c'era qualche nota paranoica riguardo al presunto comportamento di alcuni dischi moderni(nota che al momento non riesco a trovare sulle manpages online..)
    • asd scrive:
      Re: concordo, basta guardare...
      ok trovato..(per chi è su linux, basta installare wipedai repo e dare man wipe ) Be aware that harddisks are quite intelligent beasts those days. They transparently remap defective blocks. This means that the disk can keep an albeit corrupted (maybe slightly) but inaccessible and unerasable copy of some of your data. Modern disks are said to have about 100% transparent remapping capacity. You can have a look at recent discussions on Slashdot. I hereby speculate that harddisks can use the spare remapping area to secretly make copies of your data. Rising totalitarianism makes this almost a certitude. It is quite straightforward to implement some sim‐ ple filtering schemes that would copy potentially interesting data. Better, a harddisk can probably detect that a given file is being wiped, and silently make a copy of it, while wiping the original as instructed. Recovering such data is probably easily done with secret IDE/SCSI com‐ mands. My guess is that there are agreements between harddisk manufac‐ turers and government agencies. Well-funded mafia hackers should then be able to find those secret commands too. Dont trust your harddisk. Encrypt all your data.
  • Alessandro scrive:
    Acqua di mare
    Come da oggetto... un bel bagno di qualche ora in acqua salata... e ogni traccia magnetica residua se ne andrà in pasto ai pesci!!! Non è una battuta... l'azione altamente corrosiva dell'acqua salata è in grado di distruggere definitivamente il disco.
  • Cornholio scrive:
    recuperare dopo un format a basso livell
    Eppure mi ricordo di un contest, non mi ricordo quanto mettevano in palio, se 100 o 1000 k$, dove invitavano a recuperare i dati da un HD il quale era stato formattato con un comando standard linux (che adesso non ricordo!) in grado di resettare a 0 ogni singolo bit dell'hd.Ricordo pure che nessuno ci si è mai cimentato perché qualsiasi esperto del settore dopo aver compreso la modalità di cancellazione dei files ha capito l'impossibilità della sfida.L'intento era di dimostrare quanto FUD ci fosse nell'ambito cancellazione dati. Mille riscritture differenti o metodi + distruttivi... inutili!Almeno, secondo loro.
    • Ste scrive:
      Re: recuperare dopo un format a basso livell
      Tecnicamente parlando, la cosiddetta "memoria magnetica" non può essere cancellata con una certezza del 100% con una semplice sovrascrittura a 0.Magari il recupero non può essere fatto tramite un economico software, ma con gli strumenti adatti non è una cosa impossibile.Ti consiglio di dare un'occhiata a questo articolo per capire meglio com'è la siturazione:http://www.marcomattiucci.it/eliminazione.phpSte
      • sardinianbo y scrive:
        Re: recuperare dopo un format a basso livell
        ciao , concordo con quello che dici, in effetti si potrebbe ulteriormente disciogliere il tutto anche nell'acido!he eh eh ciao ciao!
      • Di_ME scrive:
        Re: recuperare dopo un format a basso livell
        Non serve nessun fantomatico software dedicato...Linux shell:dd if=/dev/random of=/dev/hdx (dove hdx e' il device del disco hda, hdb oppure sda, sdb se sono sata o in emulazione scsi) e sovrascivi tutto il supporto dal primo settore all'ultimo di bit casuali, oppuredd if=/dev/zero of=/dev/hdx stessa cosa ma sovrascrivi tutto con zeri binari, in ogni caso dopo via software e' impossibile recuperare qualcosa dal disco, l'unica strada dopo un'operazione del genere e' aprire il disco e ricostruire i dati leggendo le ombre sui margini delle traccie con un magnetometro differenziale, apparecchiatura non di certo a disposizione di comuni mortali.
        • LuNa scrive:
          Re: recuperare dopo un format a basso livell
          quoto, DD è molto sicuro. Certo, in camera bianca tiri su lo stesso quello che vuoi, come affermi.
          • Di_ME scrive:
            Re: recuperare dopo un format a basso livell
            Se in camera bianca tiri su quello che vuoi non ha importanza pero', qui non si parla di mafiosi e terroristi che nascondono le loro malefatte alla polizia ma di persone comuni che magari vogliono vendere il loro hd vecchio su ebay e di altrettante persone che lo comprano per usarlo e non certo per sventrarlo e spendere migliaia di euro per recuperare poi cosa, le foto di me al mare? quindi dd per comuni mortali e' piu' che sufficiente.
    • Stein Franken scrive:
      Re: recuperare dopo un format a basso livell
      Ricorda che scrivere tutto a zero NON è una formattazione a basso livello.La formattazione a basso livello serve per azzerare ma verificare ogni singola parte del disco, in questo modo se hai delle zone danneggiate (molto più diffuse di quanto si pensi) vengono marcate come inutilizzabili, e quindi il disco funziona ancora benone.Provato sulla mia "pelle", se potete formattate a basso livello anche se vi prende molto più tempo.
    • asd scrive:
      Re: recuperare dopo un format a basso livell
      - Scritto da: pabloski

      il resto sono paranoie da maniaciconsiglio anche a te di leggereil man del comando wipee se il tuo hd fosse più intelligente e complessodi quanto pensi? ;)ho riportato il testo nel thread"concordo, basta guardare..."
      • pabloski scrive:
        Re: recuperare dopo un format a basso livell
        si la complessità c'è ma sempre finchè si parla di livelli logicise resti all'interno del framework imposto dal sistema operativo corri rischi.....tipo sovrascrivere una partizione lasciando però intatti i dati extrapartizioneoppure sovrascrivere solo le aree dati del filesystem lasciando i dati effettivi inalteraticon 15 riscritture si ha la certezza assoluta che un bit diventi illeggibile.....con l'aumentare della capacità degli hd e quindi la diminuzione delle dimensioni delle singole unità di memorizzazione sul disco diventa sempre più complesso recuperare i datiok la NSA e la CIA hanno i mezzi, ma pinco pallino non li ha
  • Pippero scrive:
    Il Dremel ? ma usare il cacciavite ?
    Usare il cacciavite con la punta Torx era troppo difficile ? :Dhttp://en.wikipedia.org/wiki/TorxO altrimenti usare un flessibile vero e non quel seghino di Dremel ? con un flessibile tagli l'hard disk in 2 pezzi in 10 secondi...Che nerd :D
    • MisterAge scrive:
      Re: Il Dremel ? ma usare il cacciavite ?
      - Scritto da: Pippero
      Usare il cacciavite con la punta Torx era troppo
      difficile ?
      :D
      http://en.wikipedia.org/wiki/Torx

      O altrimenti usare un flessibile vero e non quel
      seghino di Dremel ? con un flessibile tagli
      l'hard disk in 2 pezzi in 10
      secondi...
      Che nerd :DQuoto, poi non l'ha nemmeno aperto :)
      • AHAHAHAHA scrive:
        Re: Il Dremel ? ma usare il cacciavite ?
        certo che il dremel fa "teknico"AHAHAHAHAHAHHAHAraccontatemi come va a finire il video, non l'ho retto tutto dal ridere AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHQHAHAHAHAHAHHA
  • pippopluto scrive:
    basta cifrare
    basta cifrare, via la chiave, via i dati.Oppure le famigerate almeno 7 passate con bit random, proXXXXX lungo ma sicuro, a dispetto dei tabloid inglei
    • John Locke scrive:
      Re: basta cifrare
      ma perché almeno 7?perché non ne basta una?- Scritto da: pippopluto
      basta cifrare, via la chiave, via i dati.

      Oppure le famigerate almeno 7 passate con bit
      random, proXXXXX lungo ma sicuro, a dispetto dei
      tabloid
      inglei
      • AI.KO scrive:
        Re: basta cifrare
        no una è poco, l'importante è che sia più di 2 e un numero primo di volte
        • fred scrive:
          Re: basta cifrare
          sta sicuro che anche sovrascrivendo una sola volta e anche con semplici sequenze di zeri allo stato attuale anche il costruttore del disco difficilmente puo' recuperare qualcosa;la necessita' di sovrascrittura di 7 volte e' un calcolo matematico che tiene conto dell'isteresi dei materiali ferromagnetici ma dalla teoria passare alla pratica e' un po' dura; forse con le tecnologie attuali ed un gran costo ci si riuscirebbe con i primi dischi uscita, forse fra 50 anni si riuscirebbe a recuperare qualcosa sui dischi attuali, ma poco e ad un prezzo troppo elevato...
          • XYZ scrive:
            Re: basta cifrare
            - Scritto da: fred
            sta sicuro che anche sovrascrivendo una sola
            volta e anche con semplici sequenze di zeri allo
            stato attuale anche il costruttore del disco
            difficilmente puo' recuperare
            qualcosa;
            la necessita' di sovrascrittura di 7 volte e' un
            calcolo matematico che tiene conto dell'isteresi
            dei materiali ferromagnetici ma dalla teoria
            passare alla pratica e' un po' dura; forse con le
            tecnologie attuali ed un gran costo ci si
            riuscirebbe con i primi dischi uscita, forse fra
            50 anni si riuscirebbe a recuperare qualcosa sui
            dischi attuali, ma poco e ad un prezzo troppo
            elevato...Scusate, ma il caro vecchio Nas costruito dentro al forno a microonde (o meglio, un forno a microonde opportunamente adattato a nas) no?Per l'elettronica ci pensa lui, ma la demagnetizzazione non cancella anche i dati sui piatti?
          • fred scrive:
            Re: basta cifrare
            No, cancellare le informazioni magnetiche scritte in quella maniera e' molto difficile, tieni presente che i magneti permanenti usati per muovere le testine non hanno alcun effetto sul dischi che girano ad appena un centimetro di distanza;inoltre i piattelli sono di vetro e non verrebbero riscaldati, danneggeresti solo i semiconduttori nei circuiti integrati e forse lo stesso forno poiche' i materiali metallici ma anche i seminconduttori e bassa resistenza rflettono anziche' assorbire e riscaldarsi.
          • Di_ME scrive:
            Re: basta cifrare
            io ho smontato harddisk anche abbastanza recenti, ovviamente rotti, e i piattelli non erano assolutamente di vetro ma di metallo, alluminio all'apparenza, ricoperto in superficie di uno strato metallico lucido a specchio. Non so dove ti sei sognato te che i piatti dei dischi sono di vetro.
          • fred scrive:
            Re: basta cifrare
            Hai provato a raschiare?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: basta cifrare
            contenuto non disponibile
          • Funz scrive:
            Re: basta cifrare
            - Scritto da: Di_ME
            ti sei sognato te che i piatti dei dischi sono di
            vetro.C'è scritto nell'articolo, ma ammetto che è nuova anche per me.
    • fred scrive:
      Re: basta cifrare
      Sono completamente daccordo con la cifratura, preserva la privacy dei dati non solo quando vendete l'hdd senza cancellarlo o farvi nulla ma anche durante il periodo in cui viene utilizzato; dovrebbe essere usata obbligatoriamente ongi volta che sono contenute informazioni sensibili salvo che in inghilterra.
  • Gengis Ghat scrive:
    domanda
    Ma come... non basta buttare i file nel cestino di Windows? (newbie)
    • e.l.f. scrive:
      Re: domanda
      No: il cestino e' un deposito temporaneo per i file, una cartella nascosta e poco piu'. Anche svuotandolo, Windows non sovrascrive i file "cancellati" ma si limita ad elencare lo spazio che occupano come disponibile; stesso discorso per gli altri OS.Quindi, se non sovrascrivi nulla puoi recuperare i file (comletamente o parzialmente) con programmi di undelete; i prgogrammi di eliminazione definitiva (DBAN, Eraser, ecc) sovrascrivono lo spazio con dati pseudocasuali per molte volte per evitare che la magnetizzazione residua dei piatti degli hard disk possa permettere un recupero parziale.e.l.f.
      • interceptor scrive:
        Re: domanda
        IRONIA...questa sconosciuta...
        • e.l.f. scrive:
          Re: domanda
          - Scritto da: interceptor
          IRONIA...
          questa sconosciuta...Mea culpa: la prossima volta ti consultero' prima di rispondere ;)Gengis scherza, ma per i newbie svuotare il cestino cancella veramente ogni traccia dei file ...e.l.f.
    • Genoveffo il Terribile scrive:
      Re: domanda
      - Scritto da: Gengis Ghat
      Ma come... non basta buttare i file nel cestino
      di Windows?
      (newbie)E' una battuta, vero? Perchè è una battuta, VERO? V E R O ????? :'( :'(
    • AI.KO scrive:
      Re: domanda
      devi svuotare il cestino!oppure usa fat16 e sarà impossibile recuperare i file
      • MisterAge scrive:
        Re: domanda
        - Scritto da: AI.KO
        devi svuotare il cestino!
        oppure usa fat16 e sarà impossibile recuperare i
        fileFAT16, FAT32, NTFS o altri tipi di partizioni sarebbe la stessa identica cosa.L'unico metodo sicuro al 100% è proprio come viene detto nell'articolo quello di distruggere l'HD stesso.Non è assolutamente vero che con una passata o due si cancellano totalmente i dati presenti nel disco.Fare 7 passate garantisce un livello di sicurezza abbastanza elevato, ma mai come la distruzione dell'HD, inoltre richiede un tempo enormemente maggiore.
      • Joustx scrive:
        Re: domanda
        Che genio! Su, dimmi che credi ancora alla Befana e a Babbo Natale!
    • Ballmer scrive:
      Re: domanda
      - Scritto da: Gengis Ghat
      Ma come... non basta buttare i file nel cestino
      di Windows?
      (newbie)Ovviamente si.
Chiudi i commenti