Windows 9, aggiornamenti con un click

Ancora indiscrezioni sul futuro prossimo delle finestre di Remdond. Con una funzionalità pensata per facilitare l'aggiornamento del sistema operativo e novità per le tile 2.0

Roma – La prima versione preliminare di Windows 9 arriva a settembre , e alle novità già attese da tempo ora si aggiunge anche la possibilità di aggiornare l’OS al costo di un singolo click. Una nuova indiscrezione che alimenta la discussione sui piani di Microsoft per l’update (o upgrade) di Windows a ciclo rapido e la presunta morte delle “major release” del sistema.

La nuova funzionalità di aggiornamento “istantaneo” dovrebbe far parte della dotazione di Windows “Threshold” 9, anche se potrebbe anche non essere presente immediatamente nella preview dell’OS in arrivo a settembre: premendo il fatidico pulsante, l’utente farebbe l’upgrade della “build” di Windows senza la necessità di fastidiosi e tediosi passaggi per Service Pack e simili. Le indiscrezioni descrivono la funzionalità come una nuova caratteristica separata dal servizio di Windows Update standard, già pienamente operativa nelle versioni preliminari di Threshold (già in circolazione per canali secondari ancorché non indirizzate all’uso da parte dell’utente finale) ma che potrebbe anche essere tagliata fuori dalla release definitiva dell’OS o almeno in alcune versioni.

Windows 9 sarà dunque l’ultima release stand-alone dell’OS e i futuri aggiornamenti verranno distribuiti mensilmente senza soluzione di continuità? Il dibattito è prevedibilmente destinato a durare fino all’uscita definitiva del nuovo sistema operativo, così come si discuterà certamente a lungo sul futuro dei “tile” dopo il flop clamoroso di Windows 8(.1).

In tal senso Windows 9 apporterà ammodernamenti significativi anche alle piastrelle della controversa interfaccia “Metro”, con tile interattivi in tempo reale (all’interno del nuovo Menu Start o sullo Schermo Start per le varianti dell’OS prive di desktop) e un area per le notifiche simile a quella recentemente implementata su Windows Phone 8.1.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Tony Piroscafo scrive:
    Peccato che...
    Peccato che questa nuova versione a 64 bit occupi il proXXXXXre in maniera indecente e assurda(porta tranquillamente al 60-70-80% tutti i core di una cpu multicore!!!).I portatili soffriranno parecchio perché le loro batterie finiranno molto prima del previsto con sto mostro di occupazione di risorse quale è Chrome 64 bit. In attesa di correzioni è molto meglio usare il buon vecchio Firefox!.
  • ... scrive:
    Re: He was right
    - Scritto da: Tiziano
    Guarda che su Windows c'è da internet Explorer 8
    la versione a 64bit del browser su vista 7 e
    8che c'entra? si parlava di navigatori internet degni di qesto nome, non di quello che hai citato tu (che non voglio nemmeno ripetere)
  • p4bl0 scrive:
    Errore nell'articolo
    Non è vero che sparisce il supporto a Java e Silverlight.Come c'è scritto nell'articolo linkato su "svantaggio principale", <<current versions of Java and Silverlight should be OK (as they have 64-bit plugins)

    Cioè tutti i plugin basati su NPAPI 32 smettono di funzionare TRANNE Java e Silverlight (che hanno già le versioni a 64 bit)
  • Teze scrive:
    He was right
    6 anni di ritardo prima di portare il browser a 64 bit wow!Su mac ho i 64 bit da ere geologiche.
    • Logico scrive:
      Re: He was right
      E' un mero problema di Windows, su Linux Chrome è a 64bit da parecchi anni!- Scritto da: Teze
      6 anni di ritardo prima di portare il browser a
      64 bit
      wow!

      Su mac ho i 64 bit da ere geologiche.
      • Molivan scrive:
        Re: He was right
        Non è un problema di Windows.Waterfox a 64 bit è presente e ben funzionante da anni...
        • Passante scrive:
          Re: He was right
          - Scritto da: Molivan
          Non è un problema di Windows.
          Waterfox a 64 bit è presente e ben funzionante
          da anni...Giusto: era a google che gli faceva schifo windows, giustamente del resto.
        • belin scrive:
          Re: He was right
          - Scritto da: Molivan
          Non è un problema di Windows.Invece sì, è un problema di Windows.Firefox a 64bit non è stato mai ufficializzato perché su Windows non è mai stato considerato affidabile come la versione 32bit.
          Waterfox a 64 bit è presente e ben funzionante da
          anni...Che non è una build di Firefox ufficiale.
          • Molivan scrive:
            Re: He was right
            Vero!....e quindi...?
          • Passante scrive:
            Re: He was right
            - Scritto da: Molivan
            Vero!
            ....e quindi...?Meglio tardi che mai, per ultimi come al solito ma ci siete arrivati anche voi.
      • Tiziano scrive:
        Re: He was right
        Guarda che su Windows c'è da internet Explorer 8 la versione a 64bit del browser su vista 7 e 8
  • Fabrizio scrive:
    Finalmente una decisione
    Finalmente una decisione audace di togliere il supporto a NPAPI,Ormai questi plugin esterni sono inutili quando viene usato il html 5.Gli unici scontenti saranno hacker che non potranno più fare affidamento ai buchi di java, silverlight e flash.Sicuramente i più penalizzati sono i cantinari che sanno usare solo i flash e si devono imparare html5.se
    • Cognome scrive:
      Re: Finalmente una decisione
      - Scritto da: Fabrizio
      Finalmente una decisione audace di togliere il
      supporto a NPAPI,
      Ormai questi plugin esterni sono inutili quando
      viene usato il html 5.
      Gli unici scontenti saranno hacker che non
      potranno più fare affidamento ai buchi di java,
      silverlight e flash.
      Sicuramente i più penalizzati sono i cantinari
      che sanno usare solo i flash e si devono imparare
      html5.seAlmeno java si poteva disabilitare e flash non installare.L'html avra' dei bachi altrettanto gravi e non si potra' disattivare niente.
      • Molivan scrive:
        Re: Finalmente una decisione
        Si, ma nessuno sembra accorgersene, eccetto te e qualcun altro, che però lo considera un pregio (il non avere plugin disattivabili).Potenza del marketing...
        • Passante scrive:
          Re: Finalmente una decisione
          - Scritto da: Molivan
          Si, ma nessuno sembra accorgersene, eccetto te e
          qualcun altro, che però lo considera un pregio
          (il non avere plugin
          disattivabili).
          Potenza del marketing...Gia, pazzesco !
  • bradipao scrive:
    NPAPI -
    PPAPI
    "...il mancato supporto dell'interfaccia NPAPI, fatto che non permette l'uso di plugin esterni quali Java e Silverlight."L'interfaccia NPAPI è l'interfaccia universale dei plugin per browser. Effettivamente è un po' datata, ha qualche problema di sicurezza, però l'alternativa usata da Google per Chrome è la PPAPI, sviluppata da Google stessa e (per ora) disponibile solo su Chrome.
    • collione scrive:
      Re: NPAPI -
      PPAPI
      notare che ovviamente dalla lista è escluso flash, in quanto integrato direttamente in chromeimho hanno avuto una buona idea, perchè si sono levati dalle scatole 3 cadaveri: npapi, java e silverlight
      • Alvaro Vitali scrive:
        Re: NPAPI -
        PPAPI
        Il problema è che diversi programmi forniti dalla PA sono in Java proprio per poterli eseguire su qualunque piattaforma MacOSX, Windows e Linux; ad esempio, io uso F24OnLine dell'Agenzia delle Entrate per pagare diverse tasse. Questi software vengono lanciati dal browser e la mancanza di supporto Java su Chrome è un problema; sotto Linux non rimane che Firefox (sperando che a Mozilla non venga in mente di imitare Google).
        • Teze scrive:
          Re: NPAPI -
          PPAPI
          - Scritto da: Alvaro Vitali
          Il problema è che diversi programmi forniti dalla
          PA sono in Java proprio per poterli eseguire su
          qualunque piattaforma MacOSX, Windows e Linux; ad
          esempio, io uso F24OnLine dell'Agenzia delle
          Entrate per pagare diverse tasse. Questi software
          vengono lanciati dal browser e la mancanza di
          supporto Java su Chrome è un problema; sotto
          Linux non rimane che Firefox (sperando che a
          Mozilla non venga in mente di imitare
          Google).A me non sembra un problema. Basta non usare Chrome e passare a migliori alternative.
Chiudi i commenti