Windows Defender ATP, sicurezza sulla nuvola

Microsoft presenta un nuovo sistema di sicurezza integrato basato sul cloud, una tecnologia pensata per identificare gli attacchi a infezione già avviata. Presto in arrivo su Windows 10, che gli utenti lo vogliano oppure no

Roma – Windows Defender non è particolarmente rinomato per il livello di sicurezza che è in grado di garantire agli utenti dell’OS Microsoft, ma questo non impedisce a Redmond di testare nuove tecnologie difensive a base di infrastrutture cloud. Connessione a Internet permettendo, ovviamente.

Il nuovo sistema di protezione si chiama Advanced Threat Protection (ATP), è già in fase di test presso un numero non meglio specificato di utenti enterprise e diverrà presto parte integrante di Defender e dell’OS-come-servizio Windows 10.

ATP fornisce un layer di sicurezza aggiuntiva a quello di un anti-malware come Windows Defender, spiegano da Microsoft , uno scudo di secondo livello che combina i sensori “comportamentali” di Windows, le analisi di sicurezza sul cloud, i server big data e altro ancora alla caccia di “anomalie” nel funzionamento del sistema.

Windows Defender ATP è una tecnologica specificatamente pensata per i clienti aziendali, sottolinea Microsoft, con strumenti che daranno agli amministratori la possibilità di esaminare lo stato di ogni macchina e le attività fino a sei mesi addietro. Il sistema ATP è già in fase avanzata di test, mentre per quanto riguarda l’integrazione sulle versioni pubbliche di Windows (10) non vengono ancora fornite date specifiche.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti