Windows Embedded fa 7, Home Server V2 è beta

Uno è l'OS indirizzato alle appliance consumer e aziendali. L'altro, che eredita le tecnologie multimediali di Windows 7, servirà ai server domestici

Roma – Ieri Microsoft ha reso disponibili due nuove varianti del suo sistema operativo: la versione Release to Manufacturing (RTM) di Windows Embedded Standard (WES) 7, indirizzato ad appliance e altri dispositivi specializzati, e la prima beta pubblica di Windows Home Server (WHS) V2, destinata invece ai server domestici. Pur rivolgendosi a segmenti di mercato sostanzialmente diversi, i due sistemi operativi condividono molte delle tecnologie introdotte da Windows 7.

Lanciato in occasione della Embedded Systems Conference (ESC), WES 7 rimpiazza la precedente versione 2009, che a sua volta aveva preso il posto di Windows XP Embedded. Come i suoi predecessori, WES 7 sarà disponibile esclusivamente sul canale OEM e salirà a bordo di svariate tipologie di dispositivi, sia consumer che aziendali: tra questi set top box, thin client, televisori, appliance domestiche e di rete, apparati industriali e per le comunicazioni, sistemi di segnaletica digitale e POS.

“Con il rilascio di WES 7 Microsoft ha mantenuto l’impegno di portare le tecnologie di Windows 7 nel mercato dei dispositivi specializzati, sia consumer che aziendali” ha dichiarato Kevin Dallas, general manager della Windows Embedded Business Unit. Tra le cose che Microsoft ha traghettato da Seven a WES 7 c’è l’interfaccia e gli strumenti Windows Media Center, la tecnologia multitouch Windows Touch, l’API per il power management e il framework per la connettività semplificata tra dispositivi. Da sottolineare il supporto al multitouch, che spiana la strada a WES 7 su dispositivi touch screen come i tablet.

Microsoft ha cominciato l’assalto al mercato embedded con Windows CE – alla base di Windows Mobile/Phone – e con Windows NT Embedded, dedicato soprattutto ai dispositivi di rete. Con il rilascio, nel lontano 2001, di Windows XP Embedded, Microsoft ha inseguito tre obiettivi principali: incrementare il livello di modularità del sistema, permettere l’inserimento tempestivo delle ultime tecnologie Windows nel campo embedded, e ridurre il time-to-market grazie a nuovi tool di sviluppo e di authoring.

La modularità è proprio una delle caratteristiche peculiari di Windows Embedded, che dovrebbe riuscirne esaltata nella nuova versione 7 dalla architettura di Windows 7: la modularità è ciò che permetterebbe a Windows Embedded di adattarsi a così tanti settori del mercato e a così tante tipologie di device.

La nuova versione di Windows Home Server, conosciuta con il nome in codice Vail e indicata temporaneamente con il suffisso “V2” (Versione 2), poggia sulla stessa base di codice della versione a 64 bit di Windows Server 2008 R2. WHS V2 introduce nuove funzionalità dedicate al media streaming, migliori strumenti per il backup e il ripristino, un setup semplificato e strumenti tesi a facilitare la personalizzazione del sistema operativo da parte dei partner di Microsoft.

WHS V2 eredita molte delle caratteristiche multimediali di Windows 7, quali gli strumenti di transcodifica, streaming e riproduzione remota dei contenuti multimediali. Il tutto può essere gestito attraverso un front-end web.

Uno dei componenti chiave di WHS V2 è Silverlight 4, utilizzato al posto della precedente versione 3 per lo streaming video verso i client remoti.

Per scaricare la beta di WHS V2 è necessario registrarsi sul servizio Microsoft Connect .

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Davide scrive:
    in conclusione
    Il cosiddetto "tempo reale" è una trovata pubblicitaria che lascia il "tempo" che trova
  • Davide scrive:
    info sul traffico
    Credo che occorre chiarire alcuni punti sulle informazioni sul traffico:- in italia l'affidabilità di queste informazioni è molto bassa, contrariamente a quanto avviene negli altri paesi, per colpa dei gestori delle infrastrutture viarie che sono quelli deputati ad alimentare i canali pubblici di informazioni. La carenza è soprattutto nella tempestività della comunicazione sia dell'inizio del problema che soprattutto della fine, ma anche nell'entità dell'impatto sulla viabilità. Un certa affidabilità esiste solo sulle autrostrade a gestione privata. Ma se sei su un tragitto a lungo percorso difficilmente decidi di cambiare strada a meno di invidenti particolarmente catastrofici.- nel traffico urbano i tempi degli eventi di traffico e la lunghezza del percorso sono tali da non avere il tempo utile di rilevare il problema- non sempre, per una corretta gestione del territorio, consentire un autoregolazione dei flussi di traffico è la soluzione migliore. Possono anzi generarsi facilmente situazioni peggiori di quella iniziale.
  • ottomano scrive:
    Sono in grave crisi...
    Con Nokia e Google che danno servizi gratuiti, chi ha voglia di spendere oltre 100 euro per un navigatore, quando con un Nokia 5230 hai un telefonino, un modem, uno smartphone touchscreen, e un navigatore al prezzo di 130 Euro?Nicola
    • Zio scrive:
      Re: Sono in grave crisi...
      Io ho sia TomTom che Nokia Maps, non c'è paragone, 1000 volte meglio tomtom, cartografie decisamente più aggiornate e navigazione molto più intelligente. Per TomTom ci spenderei dei soldi, per Maps decisamente NO.
      • ottomano scrive:
        Re: Sono in grave crisi...
        Ok, per uno che viaggia tanto magari può essere vero.Il problema però è che non tutti hanno le stesse necessità. La persona che usa il navigatore perchè non sa come raggiungere un certo indirizzo in città (es, vedi un milanese che deve andare dall'altra parte della città, ad un indirizzo che non conosce), non fa poi tutta questa differenza avere un navigatore dedicato o un buon succedaneo come Nokia Ovi Maps (tenendo conto che è incluso gratuitamente!)Nicola
  • Albert scrive:
    Non va bene.... nice try
    Si bello ma... se la CaffèBuono mi vende la sua moka, perchè poi dovrei essere obbligato a metterci solo quel caffè ?loro mi vendono il TomTom e posso metterci solo le loro mappe a pagamento e non le mappe openstreet che sono gratis... ma che mi frega a me... tanto io ho un Nokia :D
    • Non mi voglio registrare scrive:
      Re: Non va bene.... nice try
      Hai ragione...Ed io che ho comprato una Fiat voglio sotto il cofano il motore della Ferrari!
    • quota scrive:
      Re: Non va bene.... nice try
      - Scritto da: Albert
      Si bello ma... se la CaffèBuono mi vende la sua
      moka, perchè poi dovrei essere obbligato a
      metterci solo quel caffè
      ?
      loro mi vendono il TomTom e posso metterci solo
      le loro mappe a pagamento e non le mappe
      openstreet che sono gratis...


      ma che mi frega a me... tanto io ho un Nokia :DSi ma puoi mettere le mappe che vuoi sul tuo navigatore gratuito della nokia? Io no
    • 1_che_se_ne _intende scrive:
      Re: Non va bene.... nice try
      - Scritto da: Albert
      Si bello ma... se la CaffèBuono mi vende la sua
      moka, perchè poi dovrei essere obbligato a
      metterci solo quel caffè
      ?Perché le capsule di altre marche fanno fatica ad entrare ?
    • 1_che_se_ne _intende scrive:
      Re: Non va bene.... nice try
      - Scritto da: Albert
      Si bello ma... se la CaffèBuono mi vende la sua
      moka, perchè poi dovrei essere obbligato a
      metterci solo quel caffè
      ?Hai , comunque, preso l'esempio sbagliato. La CafféBuono non puo' obbligarti ad usare solo il suo caffé (a meno che non si parli di capsule). Quello che puo' fare é dirti : "Bene hai la nostra moka, e qui se vuoi puoi anche comprare 10kg del nostro caffé a metá prezzo. Lo vuoi ? No ? OK" , oppure ti dice : "Noi ti regaliamo la moka ma tu devi comprare il nostro caffé", poi vai a casa e, se vuoi , lo butti ed usi il tuo.Ciao
  • quota scrive:
    Ottimo
    Ho sempre pensato e proposto che l'uso dei navigatori debba essere legato non al giocattolo in se ma ai servizi a valore aggiunto che questo porta con se.50$ sono sinceramente pochi per un anno (parliamo di 4$ al mese un'inezia) purtroppo questo significa che il device in se costerà molto più di 300 (399 forse) ed è questo il grave errore.Navigatore 100$Servizi 100$ anno, primi 6 mesi gratis
    • Tox scrive:
      Re: Ottimo
      Non saprei, da una parte sono d'accordo sul fatto che 4 euro al mese non sono molti, tuttavia guardandomo attorno noto che c'è una pletora di persone che cercano di sfilare questi 'micropagamenti'... A fine anno sono comunque 50 euro che potrebbero essere impiegati in una miriade di altri modi, e i servizi aggiuntivi potrebbero non fare poi così gola.
      • Hoff scrive:
        Re: Ottimo
        Oh 50 euro sono un servizio COMPLETO da una rumena/cinese/russa/xyz
        • quota scrive:
          Re: Ottimo
          - Scritto da: Hoff
          Oh 50 euro sono un servizio COMPLETO da una
          rumena/cinese/russa/xyzVero, ma te lo puoi permettere solo una volta l'anno, un navigatore (almeno nel mio caso ovvio) lo usi almeno una volta a settimana, quindi 52 volte l'anno... vuoi mettere la soddisfazione? :)
    • Marco Bartman scrive:
      Re: Ottimo
      Ottimo?!? Cioè, pagare per qualcosa che già ora hai gratis mi sembra proprio una XXXXXXX, non spenderei mai per un servizio del genere.Inoltre, semmai, preferisco pagare molto il device ma poi avere un prezzo di abbonamento minore, così col tempo riesco a spendere meno.Il mondo è bello perché è vario...
Chiudi i commenti