Windows Vista si concede a tutti

Dopo lunghi mesi di beta testing, Vista può finalmente essere provato da tutti. Il nuovo OS è disponibile per il download pubblico nell'edizione Ultimate, che comprende funzionalità consumer e business

Redmond (USA) – Windows Vista ha finalmente scavalcato il recinto, porgendo le briglie a chiunque abbia tempo e voglia di farsi una cavalcata in solitario su un puledro ancora bizzoso. La Beta 2 del nuovo sistema operativo di Microsoft è infatti disponibile per il download pubblico, il che significa la possibilità di scaricarla o riceverla su DVD previa registrazione gratuita al Customer Preview Program .

La versione di Vista disponibile al pubblico è la build 5384.4 , la stessa che Microsoft ha distribuito ad un selezionato numero di tester e sviluppatori in occasione della recente conferenza WinHEC. Questa release comprende la nuova interfaccia grafica utente Aero , capace di sfruttare alcune peculiarità delle moderne schede grafiche, e la Sidebar , un pannello opzionale posto sul lato destro dello schermo in cui è possibile inserire piccole applicazioni (widget) e scorciatoie ai programmi di più frequente utilizzo.

L’edizione dell’anteprima di Vista è l’ Ultimate , che come noto include tutti i componenti e le caratteristiche delle edizioni Home Premium e Business: ciò significa che è possibile saggiare le nuove funzionalità media center e gli strumenti di gestione, ricerca e backup dedicati alle piccole aziende.

Il sistema operativo può essere scaricato in lingua inglese, tedesca o giapponese: almeno per il momento, il gigante di Redmond non ha annunciato altre localizzazioni.

Windows Vista Logo Per ottenere Windows Vista Beta 2 è necessario disporre di un account gratuito a Passport o Windows Live e compilare un modulo on-line. Per richiedere il DVD occorre pagare una piccola somma a titolo di spese di spedizione, ma in compenso ci si aggiudica il diritto di ricevere, quando disponibile, la prima release candidate (RC1) di Vista. Il download del file ISO è invece gratuito, ma chi non dispone di una connessione veloce porti pazienza: la versione a 32 bit è infatti di circa 4 GB e quella a 64 bit quasi di un giga in più.

A testimonianza di come Microsoft intenda massimizzare la visibilità di questa beta, le immagini ISO possono essere scaricate anche da alcuni siti di terze parti: per ottenere il numero seriale resta tuttavia necessario registrarsi presso il sito di BigM. Non sorprenderebbe se Microsoft autorizzasse la distribuzione della Beta 2 di Vista anche sui DVD allegati alle riviste. In fondo il primo obiettivo di questa preview pubblica è quello di far emergere il più elevato numero possibile di problemi e incompatibilità , in modo da poterli sistemare entro il lancio ufficiale del sistema operativo. Alcuni osservatori ritengono che i feedback ricevuti dai consumatori potrebbero persino influenzare la data di uscita di Vista, facendola eventualmente slittare oltre gennaio 2007. Anche se Microsoft desidera coinvolgere in questo test pubblico un elevato numero di persone, il Customer Preview Program non sarà illimitato . Sul sito del colosso si legge infatti che “il programma di anteprima per utenti di Windows Vista è disponibile in edizione limitata mediante il download e l’ordine del kit di DVD. Una volta raggiunto il numero di copie stabilito, il programma verrà chiuso e non verranno accettati altri ordini”.

Microsoft raccomanda ai propri utenti di non utilizzare l’attuale beta in ambienti di produzione o come principale sistema operativo.

“La versione Beta 2 è stata concepita per consentire a sviluppatori, professionisti IT ed esperti di tecnologia di continuare o iniziare verifiche di Windows Vista”, si legge sul sito dell’azienda. “Per utilizzare Beta 2, è necessario avere dimestichezza con l’installazione di sistemi operativi, aggiornamenti di driver e risoluzione dei problemi generali del PC. Tra i rischi derivanti dall’utilizzo di sistemi operativi beta, sono inclusi l’incompatibilità tra hardware e software e l’instabilità del sistema”.

A ciò va aggiunto che l’attuale preview di Vista scadrà il primo giugno 2007 e non potrà essere aggiornata con la release finale : quest’ultima necessiterà infatti di un’installazione ex novo. Questa informazione è di particolare importanza per coloro che desiderassero aggiornare un’installazione esistente di Windows XP: sebbene questo sia previsto, bisogna tener ben presente che l’operazione, oltre che delicata, non è reversibile .

A tal proposito Microsoft suggerisce, prima dell’installazione di Vista, di verificare con attenzione i requisiti di sistema avvalendosi delle risorse disponibili sul sito dedicato al nuovo sistema operativo.indows Vista si concede a tutti –> Redmond (USA) – Windows Vista ha finalmente scavalcato il recinto, porgendo le briglie a chiunque abbia tempo e voglia di farsi una cavalcata in solitario su un puledro ancora bizzoso. La Beta 2 del nuovo sistema operativo di Microsoft è infatti disponibile per il download pubblico, il che significa la possibilità di scaricarla o riceverla su DVD previa registrazione gratuita al Customer Preview Program .

La versione di Vista disponibile al pubblico è la build 5384.4 , la stessa che Microsoft ha distribuito ad un selezionato numero di tester e sviluppatori in occasione della recente conferenza WinHEC. Questa release comprende la nuova interfaccia grafica utente Aero , capace di sfruttare alcune peculiarità delle moderne schede grafiche, e la Sidebar , un pannello opzionale posto sul lato destro dello schermo in cui è possibile inserire piccole applicazioni (widget) e scorciatoie ai programmi di più frequente utilizzo.

L’edizione dell’anteprima di Vista è l’ Ultimate , che come noto include tutti i componenti e le caratteristiche delle edizioni Home Premium e Business: ciò significa che è possibile saggiare le nuove funzionalità media center e gli strumenti di gestione, ricerca e backup dedicati alle piccole aziende.

Il sistema operativo può essere scaricato in lingua inglese, tedesca o giapponese: almeno per il momento, il gigante di Redmond non ha annunciato altre localizzazioni.

Windows Vista Logo Per ottenere Windows Vista Beta 2 è necessario disporre di un account gratuito a Passport o Windows Live e compilare un modulo on-line. Per richiedere il DVD occorre pagare una piccola somma a titolo di spese di spedizione, ma in compenso ci si aggiudica il diritto di ricevere, quando disponibile, la prima release candidate (RC1) di Vista. Il download del file ISO è invece gratuito, ma chi non dispone di una connessione veloce porti pazienza: la versione a 32 bit è infatti di circa 4 GB e quella a 64 bit quasi di un giga in più.

A testimonianza di come Microsoft intenda massimizzare la visibilità di questa beta, le immagini ISO possono essere scaricate anche da alcuni siti di terze parti: per ottenere il numero seriale resta tuttavia necessario registrarsi presso il sito di BigM. Non sorprenderebbe se Microsoft autorizzasse la distribuzione della Beta 2 di Vista anche sui DVD allegati alle riviste. In fondo il primo obiettivo di questa preview pubblica è quello di far emergere il più elevato numero possibile di problemi e incompatibilità , in modo da poterli sistemare entro il lancio ufficiale del sistema operativo. Alcuni osservatori ritengono che i feedback ricevuti dai consumatori potrebbero persino influenzare la data di uscita di Vista, facendola eventualmente slittare oltre gennaio 2007. Anche se Microsoft desidera coinvolgere in questo test pubblico un elevato numero di persone, il Customer Preview Program non sarà illimitato . Sul sito del colosso si legge infatti che “il programma di anteprima per utenti di Windows Vista è disponibile in edizione limitata mediante il download e l’ordine del kit di DVD. Una volta raggiunto il numero di copie stabilito, il programma verrà chiuso e non verranno accettati altri ordini”.Microsoft raccomanda ai propri utenti di non utilizzare l’attuale beta in ambienti di produzione o come principale sistema operativo. “La versione Beta 2 è stata concepita per consentire a sviluppatori, professionisti IT ed esperti di tecnologia di continuare o iniziare verifiche di Windows Vista”, si legge sul sito dell’azienda. “Per utilizzare Beta 2, è necessario avere dimestichezza con l’installazione di sistemi operativi, aggiornamenti di driver e risoluzione dei problemi generali del PC. Tra i rischi derivanti dall’utilizzo di sistemi operativi beta, sono inclusi l’incompatibilità tra hardware e software e l’instabilità del sistema”.A ciò va aggiunto che l’attuale preview di Vista scadrà il primo giugno 2007 e non potrà essere aggiornata con la release finale : quest’ultima necessiterà infatti di un’installazione ex novo. Questa informazione è di particolare importanza per coloro che desiderassero aggiornare un’installazione esistente di Windows XP: sebbene questo sia previsto, bisogna tener ben presente che l’operazione, oltre che delicata, non è reversibile .A tal proposito Microsoft suggerisce, prima dell’installazione di Vista, di verificare con attenzione i requisiti di sistema avvalendosi delle risorse disponibili sul sito dedicato al nuovo sistema operativo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    le aziende usano ancora w2k
    solo gli ignoranti che comprano il puter nuovo e si ritrovano installata questa ciofeca useranno vista: le aziende sono ancora per la metà su w2000, figuriamoci se voglionosvenarsi per questa robaccia che lecostringe a comprare un computer nuovoMica ci sono tanti scemi al mondo che buttano via il computer per avere le iconcine piu colorate, TCPA e DRMsolo perchè ci sarà la pubblicità fuffosaper miliardi di dollarila vedo molto bene per osx e linuxquesto catorcio non offre nulla di nuovo salvo la spesa tripla
  • Anonimo scrive:
    Re: VIA cambia la cover al PC
    completamente inutile!
    • Anonimo scrive:
      Re: VIA cambia la cover al PC
      Giusto.Ottima garanzia per essere un successo !(se la diffusione di loghi, suonerie, scocche intercambiabili e altra merda per telefonini può insegnare qualcosa ...)Ciao,Piwi
  • Anonimo scrive:
    Inutility & markettari
    In VIA devono aver assunto un mega markettaro che per prima cosa ha fatto vedere delle belle slides, nelle quali si evidenzia che con questa INUTILITY il fatturato aumenterà del 10% (applausi della dirigenza)Ovviamente fra 2 anni il markettaro verrà "dimissionato" causa previsione sbagliata (l'inutility ha causato solo perdite). Nessun problema: altra società, altre slides ed altri 2 anni di mega stpendio.La prossima vita voglio fare il markettaro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Inutility & markettari
      E' divertente vedere come questi geni riescono a far credere ai consigli di amministrazione di aver capito la psiche della clientela e di come sia facile da prevedere quindi fregare guadagnandoci non solo soldi ma pure i sorrisi.
Chiudi i commenti