WordPress, scintille legali in vista?

Il founder del CMS più popolare medita denunce nei confronti di un membro della community, colpevole di aver attentato alla licenza GPL con cui WordPress viene distribuito

Roma – Nuvole di tempesta si affollano sul futuro di WordPress : Matt Mullenweg, creatore originario della popolare piattaforma di blogging – ora evolutasi in CMS a tutto tondo – è in rotta con lo sviluppatore Chris Pearson , autore del popolare template Thesis . Il tema di Pearson è distribuito in violazione della licenza GPL , dice Mullenweg, ma Pearson ribatte alle accuse e quasi sfida il “rivale” a imbarcarsi in una causa legale che potrebbe avere effetti pericolosi su WordPress e il movimento open source tutto.

La licenza GPL con cui viene distribuito il codice WordPress è un asset fondamentale per il successo della piattaforma, dice Mullenweg, è la sua “Carta dei Diritti” che ne protegge le sue “libertà basilari” e quindi protegge la vasta community WordPress nella sua interezza (sviluppatori, designer, utenti, business).

Thesis, al contrario, non viene distribuito con la stessa licenza perché il suo creatore sostiene che “agisce da solo completamente al di fuori di WordPress”. “Tutto quello che WordPress fa è prendersi carico dei diritti di accesso e di lettura al database”, dice Pearson, e quindi la licenza del CMS non può “determinare tutto il resto”, nemmeno un altro progetto che ha lo scopo di lavorare accanto a WordPress superandone “ampiamente” gli obiettivi.

Mullenweg, neanche a dirlo, si trova su una posizione diametralmente opposta: per l’imprenditore/tecnologo “WordPress è costruito sulla licenza GPL, la quale ha permesso a centinaia di migliaia di persone di sviluppare incredibili business a partire da esso”. “Tutto quello che viene costruito sulla licenza GPL dev’essere a sua volta distribuito con la licenza GPL”, dice Mullenweg, perché “è così che il sistema WordPress funziona”.

Le parti sono insomma più che mai distanti, e se a Mullenweg non conviene citare in giudizio un membro della community WordPress è altrettanto chiara la volontà di difendere la validità della redistribuzione del codice GPL derivato da un altro prodotto GPL. Un’eventuale causa legale potrebbe avere conseguenze pericolose non solo per WordPress ma anche per l’intero panorama del software a codice aperto.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Enjoy with Us scrive:
    La solita intel...
    ... cambiamo un'altra volta socket tanto per garantire la retrocompatibilità!Una cosa nell'articolo non è chiara, tutti i proXXXXXri da i3 a i7 integreranno una GPU? E se si sarà la medesima con la stessa potenza in tutti i proXXXXXri?Vedremo i benchmark, ma ho idea che fra questi i5 e i7 non ci saranno grandi differenze prestazionali
  • Be&O scrive:
    La morte del Socket 1366 ?
    - Abbandonano il Socket Figho con Triplechannel ?- Possibile che i nuovi "proci" siano solo per il socket morto di fame ?
    • chojin999a scrive:
      Re: La morte del Socket 1366 ?
      Il socket LGA1366 dovrebbe essere rimpiazzato a fine 2011: http://www.bit-tech.net/news/hardware/2010/04/12/new-socket-to-replace-lga1366-due-in-2011/1Heres a quick bit of overheard info for you Intels replacement for its current high-end Core i7 CPU range will arrive in Q3 2011, so if youre planning an LGA1366 upgrade now (perhaps with a Core-i7 930) then its still got plenty of life left in it.The bad news is, there will be no compatibility between current LGA1366 Core i7s and the new socket. Intel is planning on launching a new socket for every new major CPU revision as its continuing to incorporate more and more features into future CPUs, which means pin-counts and sockets will inevitably change.Our sources in Taiwan also told us that the new chipset that will accompany this socket - inevitably being called "X68", although this is far from being an official name - will feature four DDR3 DIMM channels. It will only support one DIMM per channel as this maximises memory bandwidth, but memory density will be overall lower than current LGA1366, Core i7 systems as there will only be four sockets versus the six you see on current X58 boards. The chipset will include more PCI-E lanes of some description, either 2.0 or 3.0.No details on the socket pin-count or size are available yet, however we do know the first CPUs will be a native eight-core, 16-thread design (as seen in the just launched Xeon X7650), based on the upcoming Sandy Bridge architecture.The good news is for those who upgraded to LGA1366 in late 2008 or even last year have had a fantastic investment of their money as we expect their systems will continue to be the fastest products available until the replacement late next year. Interested in saving up for a new 8-core behemoth? Does this change your upgrade cycle? Let us know your thoughts, in the forum.
    • lol scrive:
      Re: La morte del Socket 1366 ?
      Guarda bene... il nuovo socket 1155 NON è il 1156 attuale!
Chiudi i commenti