X-37B, lo shuttle che mi spiava

Esiste un successore super-segreto dello Shuttle NASA? A quanto pare sì. È più piccolo, può restare in orbita senza equipaggio per mesi. E pare che i militari lo usino per spiare i nemici

Roma – Il venerando Space Shuttle si avvia mestamente al pensionamento forzato, mentre gli Stati Uniti dicono di volersi appoggiare ai vascelli russi Soyuz per un passaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale di quando in quando. Non ci sarebbero al momento navette made in USA capaci di prendere il posto dei gloriosi Shuttle, a parte naturalmente X-37B che almeno esternamente gli somiglia parecchio ma sarebbe deputato a tutt’altri compiti , invece che al trasporto di esseri umani e cargo nella parte alta dell’atmosfera terrestre.

Di X-37B il Pentagono ha ammesso l’esistenza coprendone le caratteristiche operative con il segreto, ma negando ogni sua possibile funzione militare. Nel mentre gli “sky-watcher” internazionali hanno individuato il vascello attualmente in orbita attorno al pianeta, dando indicazioni di massima sulla latitudine che non lasciano molto spazio alla fantasia sulle sue presunte funzioni in ambito di intelligence.

Preso in consegna dall’Air Force nel 2006 sotto amministrazione Bush, X-37B ha un’apertura alare di oltre 4 metri ed è lungo quasi 9 metri, con un aspetto che ricorda molto da vicino uno Space Shuttle non fosse che misura un quarto di lunghezza. Al contrario degli Shuttle storici, però, X-37B è a guida robotica e si auto-alimenta con i pannelli solari integrati grazie a quali può restare in orbita per 9 mesi di fila .

E per dove se ne va il mini-shuttle segreto nel corso dei 90 minuti che impiega per circumnavigare tutto il globo? Ted Molczan, canadese di base a Toronto membro di un team internazionale che ha preso (letteralmente) di mira il progetto X-37B, dice che nelle osservazioni sue e dei suoi colleghi il mini-shuttle vola tra i 40 gradi latitudine nord e i 40 gradi latitudine sud, passando (guarda caso) una volta ogni quattro giorni sulla stessa zona con i suoi occhi indiscreti ben piantati su Iraq, Iran, Afghanistan, Pakistan e Corea del Nord.

X-37B come strumento di spionaggio e sperimentazione di nuovi sensori da montare successivamente su satelliti spia USA ? Il Pentagono non conferma né smentisce, ma si limita a dire che il mini-shuttle servirà per lo “sviluppo e il posizionamento sul campo di sistemi di supporto al combattimento e armamenti selezionati del Dipartimento della Difesa”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Francesco_Holy87 scrive:
    Beh speriamo...
    Al momento OVI lo uso solo per archiviare i contenuti personali sul web e per scaricare applicazioni.
Chiudi i commenti