Xbox 360, reset e libertà

Hacker francesi mettono a punto un attacco hardware che destabilizza la sicurezza della console a colpi di reset
Hacker francesi mettono a punto un attacco hardware che destabilizza la sicurezza della console a colpi di reset

Prosegue il tira e molla tra le misure antipirateria Microsoft e i sistemi escogitati dalla community underground per giocare con homebrew e copie di backup su Xbox 360. La console si sta difendendo con le unghie, aggiornamento dopo aggiornamento, implementando nuovi controlli interni e nuovi firmware per il lettore DVD, ma gli hacker continuano ad aggirare gli ostacoli in maniera “creativa”.

L’ultimo exploit diffuso in rete, compatibile con quasi tutti i modelli di Xbox 360, si chiama Reset Glitch Hack . È un sistema che inganna la CPU proprio durante il boot, inviando impulsi di reset per destabilizzare la velocità di clock, senza far ripartire veramente l’hardware. Lo scopo ultimo è quello di intromettersi nel processo di avvio e far interpretare come legittimo un codice non siglato.

La procedura, che richiede comunque il chip di modifica, non funziona al primo colpo ma viene ripetuta fino a quando la console non carica correttamente il disco con il bootloader “personalizzato”. Nel video mostrato dagli hacker francesi GliGli e Tyros, la console carica tranquillamente un emulatore del vecchio Nintendo 64 utilizzando il sistema del glitch reset.

Il fatto che il trucco sia basato su un vero e proprio attacco hardware, senza lasciare il tempo di caricare neppure una riga di codice ufficiale, potrebbe rendere impossibile la correzione via patch. A conti fatti la miglior difesa della console Microsoft continua ad essere l’estromissione: gli utenti che violano le condizioni d’uso della console vengono tagliati fuori dal network in modo permanente.

Roberto Pulito

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 09 2011
Link copiato negli appunti