Xerox: più vicini i display arrotolabili

Il produttore presenta uno speciale inchiostro semiconduttore e nuovi materiali che, a suo dire, rendono più vicina la realizzazione commerciale di schermi televisivi e monitor per computer flessibili e arrotolabili


Milano – I monitor avvolgibili sono fra le tecnologie che, nei prossimi anni, potrebbero influenzare maggiormente l’evoluzione dei computer, e in particolare quella dei dispositivi mobili. Non è un caso che su questa tecnologia stiano investendo ormai da anni molte aziende del settore hi-tech, tra le cui pioniere c’è Xerox .

L’azienda da tempo lavora su nuovi materiali e nuove tecniche per la stampa di circuiti elettronici su plastica che rendano possibile la costruzione di schermi televisivi e monitor sottili e avvolgibili come un poster.

L’ultima novità annunciata dal centro di ricerche canadese di Xerox riguarda la messa a punto di un inchiostro semiconduttore ad alte prestazioni che permette la stampa dei canali semiconduttori di un transistor a basse temperature e in aria libera, ossia senza la necessità di operare nelle cosiddette ” clean room “: due caratteristiche fondamentali per la produzione a basso costo.

Oltre alla creazione dell’inchiostro semiconduttore, necessario a stampare i componenti di un circuito integrato, Beng Ong, ricercatore canadese di Xerox, ha annunciato che il proprio team ha sviluppato anche materiali adatti a stampare conduttori e materiali dielettrici.

“Così, con tutti e tre gli elementi necessari per la realizzazione di circuiti plastici – un semiconduttore, un conduttore e un isolante – è ora possibile effettuarne la stampa utilizzando tecniche a getto d?inchiostro”, ha spiegato Xerox in un comunicato. “Aziende di tutto il mondo sono in competizione per sviluppare una tecnologia economica alternativa al silicio idonea per stampare transistor su materiale plastico flessibile con la stessa facilità con cui si stampano i giornali. La tecnologia può condurre alla produzione a basso costo di dispositivi di una certa estensione come flat panel e display flessibili, e microelettronica low-end come tag di identificazione a radiofrequenza (RFID)”.

Ong sostiene che le sue ricerche l’hanno portato a sviluppare un metodo conveniente per produrre circuiti plastici flessibili idonei alla produzione su larga scala. Secondo il ricercatore, se i progressi della ricerca proseguono come previsto, Xerox potrebbe avere finalmente in mano gli elementi mancanti per dare vita alle prime applicazioni commercializzabili composte da transistori flessibili stampati.

“Lo sviluppo di questi tre materiali lavorabili allo stato liquido può rendere possibile la creazione di circuiti integrati plastici utilizzando le normali tecniche di deposizione del liquido come spin coating, stampa serigrafica o a matrice, stampa offset o stampa inkjet”, ha spiegato Ong evidenziando la propria convinzione che prodotti basati su materiali di questo tipo o similari saranno disponibili nel prossimo futuro.

Le novità annunciate da Xerox si basano sul politiofene, un materiale precedentemente realizzato dal team di Ong presso il XRCC, e sul metodo di stampa di array di transistor messo a punto nel PARC (Palo Alto Research Center di Xerox) lo scorso autunno.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni
    io ho un vecchio maxtor da 250mb che ha quasi 12 anni, neanche un settore danneggiato, tempo fa comprai un quantum, durò si e no un paio di mesi, stesso problema con altri due quantummentre con ibm non ho mai avuto problemi (ho 2 hd ibm attualmente, più vecchi di 5 anni)
  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni
    restano le persone con hd di grandi dimessioni con più anni di utilizzo senza problemi.
  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni
    - Scritto da: Anonimo
    mi sa che stai un po' esagerando.... io
    l'unico disco che ho buttato è stato
    perchè mi è caduto un paio di
    volte! ...e ora ho un 20Gb maxtor da circa 5
    anni (ed è stato acceso circa 4 anni
    di fila!!).
    Posso darti ragione se nella durata media
    conti gli hd che si frantumano subito per
    difetti di produzione, ma altrimenti a parte
    quelli difettosi in partenza gli altri
    durano abbastanza da diventare vecchi.
    C'è poi da dire che un hd
    difficilmente si pianta di colpo, ma inizia
    a perdere cluster, quindi non è come
    perdere 100Gb in un colpo solo ma ci si
    accorge con largo anticipo che il disco se
    ne sta andando.non è esatto ci sono casi un cui il disco muore sul "colpo", un brutto giorno accendi il PC e scopri che C: non viene visto nemmeno dal BIOS, su nessuna macchina non solo su quella.Il disco era un 40GB MAXTOR di quelli piatti.alk
  • Anonimo scrive:
    Costo di un tecnico ...
    35 euro l'ora .... NON AL NEROTempo perverificare correttamente il funzionamento del PC2 ore ...margine ottenuto dalla vendita dell'HD10 europassivo 60 eurodel rivenditore ....Senti cliente ...dammi 30 euro che ti do un disco nuovo grande il doppiocosì la smetti di rompermi i coio*ie siamo contenti tutti....Fattottorino !!!accattate sto HD e riportalo dal grossista !!!un po di cazzate del tipo su due pc non funziona e su uno siGrossista Cambialo !!!!Ringraziate MS !!
  • Anonimo scrive:
    100%
    Avevo già letto la statistica della seagate secondo cui la maggior parte degl'hd non funzionanti in realtà va benissimo, (è sul libretto delle istruzioni) ma anch'io ho una statistica interessante: su due hd seagate, che sfortunatamente acquistai, entrambi si sfasciarono dopo poco più di un anno, insomma, il 100% degl'hd seagate si rompono in poco tempo.
  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni

    Conosco gente che spakka dischi come fossero
    uova in lavatrice, secondo me è
    questione di capacità mentale
    dell'utente (o utonto in certi casi).La maxtor tra le motivazioni per il reso in garanzia ha anche "noise".Molti suoi hard disk prima di crepare infatti iniziano ad emettere sporadicamente strani clang metallici.Ma stando alle tue motivazione, naturalmente non e' colpa del disco difettoso, e' colpa di chi non lo sa usare.Saluti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sempre più flash-rom e meno hd

    Questo tipo di memorie diventa sempre
    più sicuro, veloce ed affidabile. Ci
    abitueremo a fare i boot a velocità
    supersoniche e la CPU finalmente vedra'
    ridotta i suoi colli di bottiglia per lo
    Swapping del file di Paginazione.Si, tra 10 anni forse.Per adesso questo tipo di memorie infatti non puo' essere scritto e riscritto all'infinito e i tempi medi di accesso si attestano sugli 850k al secondo.Per non parlare dei costi enormi...
  • Anonimo scrive:
    Re: ma sta notizia e' di 3 anni fa'!!
    Devo ringraziare la redazione di PI, perchè anche se la notizia è di tre anni fa, se la seagate non avesse fatto questa campagna e non fosse stata riportata anche da PI, io ancora non ne saprei nulla... Quindi per me è una notizia nuova di zecca!- Scritto da: La redazione
    Ciao Anonimo, nessuno ha detto che SeaTools
    sia nuovo: nella notizia si dice
    espressamente che tutti i produttori hanno
    tool diagnostici gratuiti: SeaTools è
    quello fornito da Seagate. La novità
    sta nela fatto che Seagate abbia deciso di
    lanciare una campagna informativa, questa
    volta indirizzata non solo agli addetti ai
    lavori, ma anche al grande pubblico.
    Evidentemente il problema dei resi, per lei,
    ha raggiunto proporzioni considerevoli.

    Ciao!
  • Anonimo scrive:
    per tutte le marche o solo per Seagate?
    "Il tool, secondo quanto spiegato dal produttore, è in grado di verificare in pochi minuti lo stato di salute di una grande varietà di dischi fissi per PC, inclusi quelli di altre marche"dal sito della Seagate..."You can run SeaTools Disc Diagnostic to test your disc drive if your PC has:- at least one (1) Seagate Technology disc drive...":s
  • Anonimo scrive:
    Re: Lo riformatti e funziona!!!
    A me il tecnico ha detto che non è possibile ripristinare i dati e che sei lo avesse formattato prima o poi avrei avuto gli stessi problemi. In un anno ho perso dati importanti e mi ritrovo 4 hard disk nel cassetto. Che jella!
  • teobaz scrive:
    Re: Lo riformatti e funziona!!!
    il problema è che gli HDD seagate si frammentano ad una velocità spaventosa e per defframmentarli ci perdi giornate intere!Forse andranno bene per mac o linuz, ma per i sistemi microzoz assolutamente no!Provate a lavorare con Photoshop da PC su un Seagate e poi mi dite se non ho ragione:
  • Anonimo scrive:
    hd regenerator
    provatelo... in realtà una buona percentuale dei cluster persi non sono dati da un problema fisico ma da una magnetizzazione errata, questo prog li recupera senza toccare i dati (e funziona).
  • Anonimo scrive:
    Re: sono un professionista
    Ciao,mi spiace ma io credo poco alle tue parole.io vengo nel tuo negozio in gennaio e compo un pc nuovo (assemblato o meno). Dopo un mesetto riscontro dei rallentamenti e dei rumorini strani provenienti dall'interno di quella "scatola la". bene. Naturalmente vi porto il pc completo da controllare e sparo li una frase del tipo: "l'hd non funziona bene, è rumoroso e l' SO mi da problemi.....".Allora fammi capire bene voi prendete in carico il pc, lo testate, lo aprite, lo controllate in tutte le sue parti hardware, lo controllate a livello software, smontate l'hd lo provate su un muletto ( mah !?) e magari giusto per essere dei professionisti testate anche altri componenti tipo ram ecc ecc.poi naturalmente una volta individuato il problema va risolto no?se è software magari la cosa più veloce è formattare e reinstallare (chiama il cliente, backup dati ecc).se è hardware vi tocca mandare il pezzo alla casa madre, avvisare il cliente, aspettare che torni, rimontare, ritestare.e tutto questo in termini di tempo quanto vi costa??? secondo me tanto. naturalmente il servizio è gratuito. il pc è in garanzia.secondo me invece voi o cmq molti appartenenti alla votra categoria danno ascolto alla loro "esperienza", dicono al cliente :"è da mandare in garanzia", si manda, torna, si monta e ciao.il pc ancora non funziona?? beh ma ormai è vecchio, le consiglio di aggiornarlo.... provi ad aggiungere 256 Mb di ram. eccola qua :)
  • Stephan scrive:
    x la redazione
    "SeaTools è disponibile qui nelle versioni Online, Desktop ed Enterprise: le prime due sono dedicate ai sistemi desktop con hard disk ATA, SATA e SCSI, mentre la seconda è stata pensata per i server e le workstation con drive SCSI e Fibre Channel."La terza... 2 + 1 di solito fa 3!!! ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni
    Ho avuto e ho tanti hd in vita mia, a partire dai vecchi gloriosi con interfaccia ST506 da 33 mega fino agli attuali che da soli fanno 700gb mentre i vecchi li ho accatastati nell'armadio (ogni tanto qualcuno torna utile agli amici);gli amici mi hanno sempre preso per il didietro per la mia mania di raffrddarli forzatamente e di separarli meccanicamente dal telaio con plastiche e sistemi di sospensioni varie non rigide, pero' intanto non ho mai avuto un morto nemmeno fra quelli che girano 24h al giorno, solo errori di alcuni settori (spesso riparabili) dovuti ai frquenti blackout della zona (ora ho un ups).Ai miei amici ne muiono a iosa di cui almeno meta' in garanzia, di solito sono io unico esperto a verificarli per capire quando e se sono andati;la stima secondo cui una parte dei dischi e' perfattamente funzionante a mio parere e' corretta.ps: se vi interessa sospendete i dischi in modo da elimiare il trasferimento di vabrazioni in entrambi i sensi , ma soprattuto reffreddateli perpendicolarmente in maniera che anche nei giorni piu' caldi d'estate non superino i 40 gradi, potete aituarvi con placche deformabili per ottimizzare il flusso senza necessariamente montare turbine da 40db, preferite grosse ventole lente che piccole veloci, soffiano ma non fischiano.
  • Anonimo scrive:
    Re: Fate intervenire i cani...
    Sarà una traduzione fatta con altavista come la "tavola dell'artigliere del suono" di santa memoria...- Scritto da: Anonimo
    "L'errore di sistema potrebbe essere stato
    causato da un virus, un connettore che si
    è perso..."

    Se si ritrova avvertiteci che siamo in
    pensiero.

    Forse suona male, ma "lose connector" si
    poteva tradurre con connettore allentato,
    largo, lasco e via dicendo.

    Saluti
  • Anonimo scrive:
    Lo riformatti e funziona!!!
    Con i loro tools certamente, e tutto ritorna a funzionare magicamente fino alla prossima volta.Il problema e' che tutti i dati sono perduti e tocca perdere tempo a ripristinare il tutto, considerando che sono circa 120Gb a botta :(Con alcuni hd, non Segate, i dati cominciano a sparire lentamente, pezzi di files scompaiono o diventano un guazzabuglio incomprensibile, dll fantasma scompaiono e ricompaiono, guardando i log ecco che cominciano ad apparire i primi errori di scrittura sul disco... felicita' gente felicita' :|
  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni
    no, non credo lo facciano apposta. E' una corsa senza tragardo, alcuni partono buttando lì una cosa...gli altri per non essere da meno sviluppano e producono etc...
  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni
    lascia stare la globalizzazione, non conta nulla.E' solo mercato e affari globalizzati o non.
  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni
    beh io uso sapientemente i miei dischi, hanno anche un sistema di raffreddamento efficace ma dopo 3 anni uno ha cominciato a emettere rumori metallici....l'altro (di sisitema e quindi + strssato no).Lascia perdere chi non "sa usare gli hard disk" perchè non credo che nessuno apra il case e li prenda a martellate quindi......e le ditte cosa dovrebbero fare? farci girare sopra meno dati perchè altrimenti si rompe?Un hard disk non è la frizione di un auto.DadoDay
  • Anonimo scrive:
    Re: Sempre più flash-rom e meno hd
    esattamente la direzione in cui viaggia Microsoft....persiona con xbox2.
  • theDRaKKaR scrive:
    Re: ma sta notizia e' di 3 anni fa'!!
    si capiva perfettamente che la notivà era la campagna "Non uccitede quell'hard disk"...
  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni
    - Scritto da: Anonimo
    Ho un maxtor da 15GB dal 1999 e non ha mai
    dato problemi.
    Ho anche un BigFoot da 2.5GB dal 1996 e
    anche questo funziona, lentamente ma
    funziona.
    Da un anno uso due maxtor s-ata da 120GB
    configurati in raid 0.

    Mai nessun problema con alcun HD ....
    sono fortunato o li uso sapientemente ?

    Conosco gente che spakka dischi come fossero
    uova in lavatrice, secondo me è
    questione di capacità mentale
    dell'utente (o utonto in certi casi).sei per caso un professionista del settore?
  • Anonimo scrive:
    Re: sono un professionista
    - Scritto da: Anonimo
    concordo con il mio collega, io prima di
    spedire x guasto un hdd lo testo con la
    specifica utility e poi lo spedisco
    dichiarando il guasto.
    Credo che tutti i professionisti del settore
    facciano come me.certo, te lo testa, ti dice che tutto a posto e si prende una cifra esorbitante, oppure solo x montarlo un Hd, un "professionista" si prende 40 Euro... perché ha dovuto lavorarci molto...ma dove stanno sti professionisti? :@
  • la redazione scrive:
    Re: Fate intervenire i cani...
    :-D La traduzione non è nostra, ma dell'ufficio stampa di Seagate Italia. E' senza dubbio il caso di aggiustare la frase! ;-)Grazie della segnalazione, ciao! - Scritto da: Anonimo
    "L'errore di sistema potrebbe essere stato
    causato da un virus, un connettore che si
    è perso..."

    Se si ritrova avvertiteci che siamo in
    pensiero.

    Forse suona male, ma "lose connector" si
    poteva tradurre con connettore allentato,
    largo, lasco e via dicendo.

    Saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: Self-diagnostic tools...
    si rischia di fare danni?beh se lo devi usare vuol dire che il danno c'è già....sia di sistema o di hd :)se poi si scassa del tutto meglio così Seagate non si può lamentare ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Grazie tante...
    credevo che la Apple si producesse tutto in casa o attraverso IBM (APPLE-IBM-Microsoft.....se qualcuno fosse andato a dirlo a Jobs agli albori gli avrebbe riso in faccia)In questo caso ecco perchè Seagat lo fa solo per Windows, oppure funziona anche su dischi non Seagate? in tal caso sarebbe meglio che ogni produttore sviluppi il proprio tool.Il loro sistema operativo è Windows con un altro nome ed installato in esclusiva sulle loro macchine. Oppure Windows è come il loro sistema ma con un altro nome e non in esclusivaahhh.. bei tempi quando Bill andò dall'IBM vendendo la licenza di un OS (DOS) che non aveva e chiedendo di poter vendere la licenza anche ad altri sentendosi rispondere che i soldi si facevano con i computer e non con il software....e quindi affare fatto. Poi Jobs "fregò" a quei furboni della Xerox il mouse e l'interfaccia grafica....poi Bill fregò Jobs... poi Jobs rimase fregato da se stesso fino al 1997 quando Bill "il nemico" ha acquistato parte della Apple richiamando Jobs e di fatto rilanciando la compagnia grazie ad un pc colorato a forma di televisore stile retrò
  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni
    - Scritto da: Anonimo
    Ho un maxtor da 15GB dal 1999 e non ha mai
    dato problemi. Ho un quantum da 80 Mb del 1991. Funziona ancora perfettamente. Un IBM DTLA da 20Gb ha cominciato a sparare bad sectors poco dopo la scadenza della garanzia di due anni. Oggi questa roba sembra fatta per durare il tempo della garanzia e poi arrivederci. Anche questo è un segno della "globalizzazione" dei consumi usa-e-getta. Meglio spendere un po' di più e comprare prodotti con garanzie più lunghe. Ma in generale vale per tutto, anche per le automobili.Purtroppo un' amico mi ha raccontato che, parlando con un dirigente di una nota marca di scooter, è saltata fuori la seguente strategia: se da uno studio risulta che la maggior parte delle persone cambia lo scooter ogni tre anni, perché produrre scooter che durano più di tre anni?
  • Anonimo scrive:
    Re: sono un professionista
    - Scritto da: Anonimo
    concordo con il mio collega, io prima di
    spedire x guasto un hdd lo testo con la
    specifica utility e poi lo spedisco
    dichiarando il guasto.
    Credo che tutti i professionisti del settore
    facciano come me.no
  • Anonimo scrive:
    [OT]uaz uaz...rotfl
    L'errore di sistema potrebbe essere stato causato da un virus, un connettore che si è perso, un semplice picco di potenza o qualche altro problema che non ha niente a che fare con l'hard drive"....anche i connettori con il senso dell'orientamento piu' spiccato si perdono:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni
    mi sa che stai un po' esagerando.... io l'unico disco che ho buttato è stato perchè mi è caduto un paio di volte! ...e ora ho un 20Gb maxtor da circa 5 anni (ed è stato acceso circa 4 anni di fila!!).Posso darti ragione se nella durata media conti gli hd che si frantumano subito per difetti di produzione, ma altrimenti a parte quelli difettosi in partenza gli altri durano abbastanza da diventare vecchi. C'è poi da dire che un hd difficilmente si pianta di colpo, ma inizia a perdere cluster, quindi non è come perdere 100Gb in un colpo solo ma ci si accorge con largo anticipo che il disco se ne sta andando.
  • Anonimo scrive:
    Re: Tanto per cominciare ....
    Sei molto vicino alla realtà.Come hai detto io fino alla comparsa dei dischi a 7200rpm non ho mai avuto problemi.Ho un sacco di vecchi pezzi e ogni tanto riesco a riassemblare pc datati ormai 10 anni come P90, Cyrix 200+ etc.Con i dischi da 105mb 1,2 Gb, 3 Gb, 6 Gb, 8,4Gb (e con questi siamo già nel 1999) non ho mai avuto problemi.Poi con i primi dischi Quantum (oggi maxtor) da 20Gb e oltre a 7200 sono iniziati i casini. Rotture meccaniche su tutte , il mio hd di casa da 20Gb 7200rpm della quantum ha da poco iniziato a emettere rumori metallici e ne prevedo la rottura in tempi non tanto brevi...tutto questo nonostante sia tenuto in condizioni perfette, areato e mai affaticato e acquistato durante l'estate del 2001. Altri problemi li ho avuti con dei Samsung che si erano letterlamente inceppati.Se ci pensi anche i lettori CD hanno avuto gli stessi problemi mentre venivano "potenziati". Fores la cosa è normale ma credo che i numeri dei guasti siano troppo alti.
  • johndoe scrive:
    Re: sono un professionista
    - Scritto da: Anonimo
    concordo con il mio collega, io prima di
    spedire x guasto un hdd lo testo con la
    specifica utility e poi lo spedisco
    dichiarando il guasto.
    Credo che tutti i professionisti del settore
    facciano come me.E cosa fa il professionista del settore quando il cliente continua a tornare sostenendo che ogni tanto il disco fa "brip, brip" e dopo qualche minuto di questa musica gli esce errore in lettura? Secondo me, per non perdere il cliente dopo un po' gli cambia il disco e lo rimanda indietro in garanzia.IMHO il professionista prima di tutto salva il suo portafoglio clienti.
  • Akiro scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni

    Ora li costruiscono di carta..... la vita
    media si è ridotta a 4 anni (me lo ha
    confermato un esperto del settore).c'è da dire che dopo 4 anni in informatica c'è ben poco che può tornar utile... non tanto per la capacità intrinseca, quanto per lo standard che di fatto è cambiato... vedi ad esempio le ram, per me fanno apposta a modificarle ogni tot di anni! e cmq anke senza cambiar radicalmente la struttura 8 MB di 4 anni fa' non servono a nulla con gli ultimi s.o.è tutto un magna magna(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: sono un professionista
    Si, le grosse catene solitamente non forniscono un supporto diretto. Si limitano alla sostituzione (entro 7 giorni credo) o a mandare in assistenza il prodotto. Sono sempre meno i negozi che fanno assistenza, solitamente sono anche assemblatori ma si limitano ai loro prodotti. Non credo che nessun negozio oggi ripari una stamapnte della HP, la testa e riscontrato il problema la manda al produttore.Personalmente posso capire in parte chi manda gli HD direttamente in assistenza alla casa. Spesso quando si verifica un problema con perdita o inaccessibilità ai dati si pensa subito ad un problema di OS o del disco fisso. Nei casi da me riscontrati i porblemi al disco erano sempre accompagnati anche da rumori "meccanici" provenienti dallo stesso, instabilità di sistema, surriscaldamento, dump etc..Io credo sia sempre meglio comprare computer assemblati direttamente nei piccoli negozi dove l'assistenza, disponibilità e competenza è superiore...purtroppo il rischio che il negozio chiuda schiacciato dalle varie catene e dai computer pre-confezionati (intoccabili e con tanto di sigilli) è alto.
  • Anonimo scrive:
    Re: sono un professionista
    concordo con il mio collega, io prima di spedire x guasto un hdd lo testo con la specifica utility e poi lo spedisco dichiarando il guasto.Credo che tutti i professionisti del settore facciano come me.
  • gerry scrive:
    Re: sono un professionista
    - Scritto da: Anonimo
    tanto per aggiungere un altro commento:
    Ma dove sta questo 30% di clienti impazziti
    che mandano indietro hard disk (
    probabilmente tutti in garanzia) a tutta
    birra? Quelli che comprano il PC all'Esselunga?Mio fratello ha preso una stampante coi famigerati punti, non gli scrive il nero. Riportandola indietro gli hanno detto subito "noi la mandiamo in assistenza e basta".Ci sono categorie di rivenditori che non hanno assolutamente un comparto tecnico.
  • Anonimo scrive:
    Re: La durata media degli HD è 4 anni
    Ho un maxtor da 15GB dal 1999 e non ha mai dato problemi. Ho anche un BigFoot da 2.5GB dal 1996 e anche questo funziona, lentamente ma funziona.Da un anno uso due maxtor s-ata da 120GB configurati in raid 0.Mai nessun problema con alcun HD .... sono fortunato o li uso sapientemente ?Conosco gente che spakka dischi come fossero uova in lavatrice, secondo me è questione di capacità mentale dell'utente (o utonto in certi casi).
  • Anonimo scrive:
    Sempre più flash-rom e meno hd
    Il futuro sarà dominato dalle flash-rom e si venderanno sempre meno hd. Questo tipo di memorie diventa sempre più sicuro, veloce ed affidabile. Ci abitueremo a fare i boot a velocità supersoniche e la CPU finalmente vedra' ridotta i suoi colli di bottiglia per lo Swapping del file di Paginazione.Così non saremo costretti ad incrementare a dismisura le RAM per vedere delle prestazioni decenti (da quando programmo in Java ho dovuto sostituire il mio sistema e fargli una iniezione di RAM da 2 Giga per non essere drasticamente rallentato dai colli di bottiglia dello swapping su HD).Viva la tecnologia, viva il futuro delle memorie di memorizzazione non più meccaniche!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    La durata media degli HD è 4 anni
    [semi-OT]Eh, come cambiano le cose.....Una volta gli HD erano "eterni", la vita media era di 8-10 e più anni. Il disco andava in assistenza proprio quando aveva dato tutto quello che poteva dare.....Ora li costruiscono di carta..... la vita media si è ridotta a 4 anni (me lo ha confermato un esperto del settore).Ma vi rendete conto? D'accordo le meccaniche più sofisticate, d'accordo la velocità, d'accordo la maggiore dimensione, ma io sono sicuro che se volessero potrebbero fare dischi più duraturi.:@E invece non c'è nessuno studio in questa direzione, semplicemente perchè non interessa a nessuno.Vogliono il "ricambio" ciclico degli hard disk per continuare a vendere.... ma vi rendete conto cosa significa perdere 100Gbytes di dati?:|:(:(:(
  • Anonimo scrive:
    Re: sono un professionista
    Studio informatica .. non mi ritengo uno studio ...non hai idea dell'ignoranza che c'è in giro in materia.Le mie giornate passano rispondendo a domande di un ovvio incredibile .. (attenzione ovvie per me). Morale della favola te lo fai per lavoro e controllare un sistema o un hd è una vera fesseria .. è vero che non ci vuole un professionista ma tanta gente neanche sa cos'è un hd.
  • Anonimo scrive:
    Re: Grazie tante...
    - Scritto da: Anonimo
    ...ottima idea, probabilmente anche un
    ottimo prodotto, ma perché diamine
    non c'è anche una versione per Mac?Perche' il vostro OS non se lo fila nessuno :D :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Fate intervenire i cani...

    "L'errore di sistema potrebbe essere stato
    causato da un virus, un connettore che si
    è perso..."

    Se si ritrova avvertiteci che siamo in
    pensiero.ROTFL !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Grazie tante...
    perche' se il disco non e' rotto il problema sta nell`OS :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Fate intervenire i cani...

    Giusto. Per mettere i puntini sulle i,
    l'aggettivo è "loose" con 2 o.Sembra che vari da inglese ad americano.Personalmente preferisco tenermi la o di scorta, cosi' se il connettore oltre che a perdersi cade pure in mare, gliela lancio a mo' di ciambella di salvataggio. :)Saluti
  • Anonimo scrive:
    sono un professionista
    tanto per aggiungere un altro commento:io sono un professionista, che con altre 3 persone gestisco un'attività commerciale che si occupa di vendita ed assistenza pc, creazione siti intranet ed internet, produzioni multimediali. Ora, tanto per dire, non ci riteniamo degli stupidi....Secondo voi, prima di mandare un hard disk in assistenza alla casa madre, ma magari gliela diamo una controllata a tutto sistema, poi quando abbiamo identificato che la causa è decisamente l'hard disk, non diamo un'altra controllata al solo hard disk, magari montandolo su un altro pc?A me sembra una cosa normale... Penso lo facciano anche gli altri che fanno il nostro stesso lavoro...Ma dove sta questo 30% di clienti impazziti che mandano indietro hard disk ( probabilmente tutti in garanzia) a tutta birra? Io ho il negozio pieno di PC infettati da virus con gente che si lamenta che è il PC non funziona perchè "è rotto..."
  • Anonimo scrive:
    Re: Fate intervenire i cani...
    - Scritto da: Anonimo
    Forse suona male, ma "lose connector" si
    poteva tradurre con connettore allentato,
    largo, lasco e via dicendo.Giusto. Per mettere i puntini sulle i, l'aggettivo è "loose" con 2 o.
  • la redazione scrive:
    Re: ma sta notizia e' di 3 anni fa'!!
    Ciao Anonimo, nessuno ha detto che SeaTools sia nuovo: nella notizia si dice espressamente che tutti i produttori hanno tool diagnostici gratuiti: SeaTools è quello fornito da Seagate. La novità sta nela fatto che Seagate abbia deciso di lanciare una campagna informativa, questa volta indirizzata non solo agli addetti ai lavori, ma anche al grande pubblico. Evidentemente il problema dei resi, per lei, ha raggiunto proporzioni considerevoli. Ciao!- Scritto da: Anonimo
    seatool e' sul mercato da parecchio e quando
    fu presentato ai rivenditori e utenti
    finali, si chiese di usarlo prima di
    rimandare gli hard disk in assistenza
    proprio a causa dell'altissimo numero di
    hard disk resi, ma perfettamente
    funzionanti!!!
    se trovo qualche link, ve lo posto e vi
    dimostro che sta cosa e' vecchia!!
  • Anonimo scrive:
    Tanto per cominciare ....
    Tanto per cominciare, perchè non ci dicono quanti dischi rigidi si rompono, oggi ?Io ho dischi da 40, 100, 850 MBytes che hanno sempre funzionato e funzionano, e questi moderni, secondo la gran parte delle voci, durano in media tre anni.Giusto il tempo di lasciar scadere la garanzia !Saluti,Piwi
  • Anonimo scrive:
    Fate intervenire i cani...
    "L'errore di sistema potrebbe essere stato causato da un virus, un connettore che si è perso..."Se si ritrova avvertiteci che siamo in pensiero.Forse suona male, ma "lose connector" si poteva tradurre con connettore allentato, largo, lasco e via dicendo.Saluti
  • Anonimo scrive:
    Grazie tante...
    ...ottima idea, probabilmente anche un ottimo prodotto, ma perché diamine non c'è anche una versione per Mac? In fin dei conti usiamo normalissimi hard disk pure noi, come il resto della popolazione mondiale...
  • Anonimo scrive:
    Self-diagnostic tools...
    E che cazzo...ci sono voluti quanti? 10-20 anni prima che una azienda produttrice di hw promuovesse la diagnosi fai-da-te come utile mezzo per risparmiare tempo (perso a convicensersi che l'hw non funziona, quando è palesemente falso) e denaro (spese di spedizione di hw funzionante) agli utenti e alla stessa azienda? Viva l'auto diagnosi! Viva le aziende che boicottano gli utonti!Mi permetto di dare un piccolo consiglio (sperando che non venga considerato come spam..): l'hitachi offre un tool di diagnostica fenomenale, e non ha il blocco delle marche non-Hitachi. Si chiama dft (drive fitness test), e deriva direttamente dai tool IBM quando produceva hd.C'è pure un tool ancora + puuutente, DDD-SI, ma quello dovete essere registrati per prelevarlo, e non sono sicuro funzioni con gli hd non-Hitachi/IBM. Funziona da win, ma dovete usarlo su un hd non di sistema. Attenti che si rischia di fare danni con questo.Link: http://www.hitachigst.com/hdd/support/download.htm
  • Anonimo scrive:
    Re: ma sta notizia e' di 3 anni fa'!!
    - Scritto da: Anonimo
    seatool e' sul mercato da parecchio e quando
    fu presentato ai rivenditori e utenti
    finali, si chiese di usarlo prima di
    rimandare gli hard disk in assistenza
    proprio a causa dell'altissimo numero di
    hard disk resi, ma perfettamente
    funzionanti!!!
    se trovo qualche link, ve lo posto e vi
    dimostro che sta cosa e' vecchia!!shhhhhhhhhhhhhh ;)
  • Anonimo scrive:
    Easy Recovery
    il tool in questione altro non e' che il diagnostico della Ontrack incluso in easy recovery ....
  • Anonimo scrive:
    ma sta notizia e' di 3 anni fa'!!
    seatool e' sul mercato da parecchio e quando fu presentato ai rivenditori e utenti finali, si chiese di usarlo prima di rimandare gli hard disk in assistenza proprio a causa dell'altissimo numero di hard disk resi, ma perfettamente funzionanti!!!se trovo qualche link, ve lo posto e vi dimostro che sta cosa e' vecchia!!
Chiudi i commenti