Yahoo!, il turno della trasparenza

Anche Sunnyvale pubblica un rapporto sulle richieste dei governi per il rilascio di contenuti e informazioni personali relative agli account sospetti o nel mirino delle autorità. Mentre l'attivista cinese ShiTao riguadagna la libertà

Roma – Nel club della trasparenza digitale, Yahoo! ha condiviso il suo primo rapporto sulle richieste pervenute dalle singole autorità nazionali per il rilascio delle informazioni personali relative a migliaia di account in viola. Dagli Stati Uniti all’Italia, un totale di 17 governi nel primo semestre del 2013 ha agito per l’eventuale consegna di dati dalle numerose proprietà online del gigante di Sunnyvale.

In testa alle classifiche di tutti i transparency report delle aziende high-tech, il governo di Washington ha inviato un totale di quasi 12.500 richieste a coinvolgere oltre 40mila account di Yahoo! . L’azienda guidata da Marissa Mayer ha accettato di rilasciare più di 4.600 contenuti caricati o condivisi dai suoi account su Flickr, Mail o Messenger. Più di 6.700 sono invece le informazioni – IP, indirizzi di posta elettronica o posizioni geolocalizzate – consegnate su pressione delle autorità a stelle e strisce.

Sul territorio italiano , Yahoo! ha gestito circa 2.600 richieste per un totale di quasi 3mila account , rilasciando 273 contenuti e 1.500 informazioni personali. Dopo quella statunitense, la pressione più elevata viene dalla Germania, con circa 4.200 richieste e oltre 5.300 account in viola. L’azienda di Sunnyvale rilascerà prossimamente un secondo rapporto a comprendere tutte quelle notifiche ricevute per la gigantesca piattaforma di blogging Tumblr, recentemente acquisita per oltre 1 miliardo di dollari.

Per la tutela degli utenti connessi, il primo transparency report di Yahoo! è stato pubblicato pochi giorni prima del rilascio del giornalista e attivista cinese Shi Tao , condannato a 10 anni di carcere per la consegna di documenti segreti – un’ordinanza emessa dal governo di Pechino per limitare la copertura giornalistica delle manifestazioni di protesta nel 15esimo anniversario dei fatti di piazza Tienanmen – a nazioni estere.

In seguito alla sentenza di condanna – era il 2005 – era stata rivelata la consegna delle credenziali d’accesso all’account Yahoo! Mail di Tao , con l’azienda californiana che aveva di fatto facilitato l’arresto dell’attivista asiatico. Annunciato dai responsabili di PEN International , il rilascio di Shin Tao è avvenuto con 15 mesi di anticipo rispetto alla condanna iniziale. Le motivazioni restano avvolte nell’ombra, mentre Yahoo! ha ribadito che nessun essere umano dovrebbe mai subire una simile pena per il libero esercizio della libertà di espressione.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    come nessun commento su?
    come nessun commento su chi c'e' dietro globaleaks? Stiamo in gombloddo-mode... e tutti si lanciano sul primo oggetto "che vuol garantire la privacy" che vedono in modo acritico ?E l'amico degli sbirri[1] Fabio, e l'amico mediaset Flora, dove li mettiamo? ( http://logioshermes.org/home/about-mission/people/ )[1] e' stato piu forte di me... per i non-addetti e' un tormentone da hackmeeting-ml decennale.. :P
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: come nessun commento su?
      contenuto non disponibile
    • Nome e cognome scrive:
      Re: come nessun commento su?
      - Scritto da: bubba
      come nessun commento su chi c'e' dietro
      globaleaks?

      Stiamo in gombloddo-mode... e tutti si lanciano
      sul primo oggetto "che vuol garantire la privacy"
      che vedono in modo acritico
      ?

      E l'amico degli sbirri[1] Fabio, e l'amico
      mediaset Flora, dove li mettiamo? (
      http://logioshermes.org/home/about-mission/people/E Calamari ??? C'e' anche il Calamari li' dentro!!C'e' un complotto!!!
  • unaDuraLezi one NON funziona PI scrive:
    Usabilità...
    " Without using JS it would not be possible to provide the usability required for whistleblower "La verità è che "Without using JS" è una menata per gli SVILUPPATORI creare un sito complesso usabile.Quindi un mero problema di pigrizia.Ed, in ogni caso, l'usabilità passa in secondo piano quando c'è di mezzo la propria incolumità.
    • Fabio scrive:
      Re: Usabilità...
      Il commento non è esatto.Il Javascript è necessario perchè PubLeaks gira su Tor Hidden Service.I Tor Hidden Service sono ad alta latenza, anche 20-30 secondi fra una richiesta e l'altra.L'unico modo per potere fornire una interattività adeguata al whistleblower, è stato sviluppare una applicazione Javascript "autocontenuta" che fornisce responsiveness immediata, anche su una rete ad alta latenza.Senza Javascript non si può avere questo livello di usabilità, che è dove sono cadute tutte le poche altre soluzioni di anonymous whistleblowing.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Usabilità...
        contenuto non disponibile
      • asdf scrive:
        Re: Usabilità...
        - Scritto da: Fabio
        Il commento non è esatto.

        Il Javascript è necessario perchè PubLeaks gira
        su Tor Hidden
        Service.

        I Tor Hidden Service sono ad alta latenza, anche
        20-30 secondi fra una richiesta e
        l'altra.20-30 secondi mi sembra un pò esagerato
        L'unico modo per potere fornire una interattività
        adeguata al whistleblower, è stato sviluppare una
        applicazione Javascript "autocontenuta" che
        fornisce responsiveness immediata, anche su una
        rete ad alta
        latenza.

        Senza Javascript non si può avere questo livello
        di usabilità, che è dove sono cadute tutte le
        poche altre soluzioni di anonymous
        whistleblowing.Per non avere troppa latenza basta che il browser supporti l' Http1.1 (Keep-Alive).Comunque dovrebbere bastare un sito con qualche form per caricare dei documenti, e sarebbe sicuramente più veloce visto che la demo di globaleaks impiega 20 secondi per caricarsi senza usare Tor.http://demo.globaleaks.org (rotfl)(rotfl)(rotfl)Non vedo come con questi popup 2.0 e con quella immagine "Loading..." sia più usabile.
        • Conte sgabbio de medici scrive:
          Re: Usabilità...
          Guarda che 30 secondi di latenza su tor sono anche pochi a volte..
        • Fabio scrive:
          Re: Usabilità...
          Puoi leggere il GlobaLeaks Project Plan che descrive il tipo di problemi che il GLClient risolve con questo design particolare su https://globaleaks.org/ProjectPlan.pdf (inclusiIl Javascript necessario a qualunque applicazione moderna, specificamente per operare su Tor Hidden Service, fornendo un elevata usabilità.Infatti nel Threat Model del Tor Browser Bundle è abilitato per default.Non basta una singola pagina statica per fornire usabilità e flessibilità di una applicazione moderna, questo è un falso mito di chi non ha provato ad affrontare il problema per davvero.Questo design applicativo già ha consentito la creazione di:- GlobaLeaks Android https://github.com/globaleaks/gldroid- GlobaLeaks iPhone https://github.com/globaleaks/iglobaleaks-TorConsentirà inoltre in futuro di fare evolvere GLClient come browser plugin con supporto di PGP encryption client-side così da operare in zeroknowledge sul backend.Questa visione d'insieme è importante per comprendere la direzione e le scelte di GlobaLeaks.Fabio
Chiudi i commenti