YouTube e i fenomeni del video sharing

Rewind è la speciale classifica stilata dal Tubo con i dieci video più visti dagli utenti. Trionfa ancora Rebecca Black, insieme agli animali parlanti e al meme Nyan Cat. Le visualizzazioni complessive hanno raggiunto i 12 zeri

Roma – C’è l’inarrestabile meme del Nyan Cat e i due infanti che discutono animatamente in bambinese. Poi le dolci effusioni di mamma gatto e il geniale spot con il piccolo Darth Vader. Rewind è la speciale classifica stilata dal portale di video sharing YouTube per raccontare il 2011 con i filmati più popolari della Rete .

Vince ancora la teen-star Rebecca Black, dopo aver trionfato nell’altra top ten di Google delle query di ricerca più sfruttate dagli utenti. Al secondo posto il mirabolante cane parlante, che è riuscito ad ottenere 75 milioni di visite dal suo primo caricamento nello scorso maggio .

Un post apparso sul blog di YouTube ha dunque sottolineato come il 2011 sia stato un anno eccezionale di nuovi fenomeni creativi e straordinari canali video. In tutto il mondo, il portalone di BigG è riuscito a collezionare visualizzazioni a 12 zeri, praticamente 140 video visti per ciascun abitante sul Pianeta .

Praticamente stracciata la concorrenza dell’amico Vevo , che pure ha raccolto 3,6 miliardi di visualizzazioni nello scorso ottobre . Mentre YouTube si gode i suoi fenomeni da primato, i suoi animali fatati e le grandi star del pop come appunto Rebecca Black, Lady Gaga e Justin Bieber.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • prova123 scrive:
    Diciamola tutta ...
    Della PS Vita sicuramente in primavera si parlerà di XXXXXXXXXing guardando al passato. Qualcuno penserà: tu che cavolo ne sai ?La risposta risiede nella natura delle console.Le console vivono in simbiosi con i giochi, ma questa simbiosi ha di fondo un conflitto di interessi:Chi fà l'hardware per vendere ha bisogno del software altrimenti della console uno non se ne fa una cippa. Ma il business di chi fa l'Hw è la vendita della console e che il Sw sia craccato di fatto non gliene può XXXXXXX di meno, anzi gli permette di vendere più console, ma di facciata deve combattere l'hacking della console.Di fatto questo è vero dai cloni di space invaders sino alle console di oggi: esempio eclatante è la Nintendo con il NDS. La Nintendo ha venduto circa 150 milioni di queste console perchè lo voglia ammettere o meno, ci sono le schede R4, EZFlash, DSTwo e così via. Però di facciata deve fare vedere che perseguita la pirateria ed alla fine sembra accanirsi solo con le R4 ... le altre? Il XXXXXXXXXing ingrossa il portafoglio di chi fà l'Hw, lascia le briciole a chi scrive il Sw.Ecco perchè uscirà anche il XXXXXXXXXing della PS Vita.
  • grubbolo scrive:
    Ma almeno...
    ... lo avete letto l'articolo che avete linkato?Quello che hanno bucato è l'emulatore della PSP e non la PS Vita.In pratica hanno solo dimostrato che l'emulatore è così perfetto da far girare anche gli exploit dei savegame di PSP.Questo significa solo che su PS Vita potrebbe girare lo stesso homebrew di PSP e quindi senza sfruttare le caratteristiche di PS Vita."I know his exploit and I know he is not a faker. That's real. But I think this shows us that emulation tech on vita is brilliant, NOT "PS Vita is hackable!""
Chiudi i commenti