YouTube, giornalismo fai da te

Nuove Lezioni Americane per il canale di video sharing. I maestri del giornalismo salgono in cattedra. Consigli gratis per tutti
Nuove Lezioni Americane per il canale di video sharing. I maestri del giornalismo salgono in cattedra. Consigli gratis per tutti

Trovarsi all’improvviso dentro una notizia e sapere esattamente cosa fare. Assistere ad una manifestazione di protesta o ad un crimine in diretta e sguainare il cellulare per filmare ogni attimo. Diventare, in altre parole, un giornalista senza bisogno di un tesserino o di un grande quotidiano alle spalle. Basta anche una piccola videocamera, occhi attenti e, naturalmente, una connessione alla rete. Alcuni lo definiscono giornalismo partecipativo, altri citizen journalism , mantenendo la dicitura anglofona. Comunque lo si chiami, YouTube pare apprezzarlo e sostenerlo.

Il sito di video sharing californiano ha tagliato il nastro ad un canale nuovo di zecca chiamato Reporters’ Center . Uno strumento prezioso per tutti coloro che aspirano a trasformarsi in giornalisti provetti, reporter in un mondo di informazione sempre più digitale. 34 sono i video attualmente presenti nel canale, tutti riguardanti consigli e trucchi per un modo ottimale di fare notizia. E non si tratta dei soliti manuali di giornalismo, ma di veri e propri miti del settore e di quello dei mass media.

Leggende viventi come quella di Katie Couric, volto di CBS News, che spiegherà agli utenti come condurre una buona intervista . Oppure quella di Bob Woodward del Washington Post che svelerà i segreti più nascosti del giornalismo investigativo . Più attuali, invece, gli spunti di Randi Zuckerberg, direttore marketing Facebook, che, in 8 passi, illumineranno su come massimizzare la distribuzione dei video YouTube sul social network in blu.

Dalla pagina del canale sono chiari: “YouTube Reporters’ Center è una nuova risorsa per aiutare l’utente a capire di più sulla produzione di notizie. Con l’apporto dei giornalisti più importanti della nazione e degli organi d’informazione che condividono lezioni-video con consigli e trucchi per fare del buon giornalismo. Se avete voi stessi dell’esperienza nel campo e volete condividerla, sentitevi liberi di inviarceli affinché vengano inclusi in questa pagina”.

Questa nuova forma di giornalismo dal basso è familiare agli occhi digitali di YouTube. Già l’anno scorso, la news manager Olivia Ma aveva inserito un post sul blog ufficiale per annunciare l’avvento del canale Citizen News, grande contenitore di notizie create in casa da netizen stanchi delle barriere imposte dai media ufficiali. Ora, è sempre Olivia Ma a ripetere la chiamata con un altro post pubblicato domenica scorsa. Con una differenza.

“Oggi invitiamo gli organi professionali d’informazione già presenti tra le oltre 25mila risorse di Google News – scrive Ma – a diventare partner ufficiali di YouTube e condividere così più facilmente i propri video d’informazione sia su YouTube che su Google News”. Sfruttare la piattaforma di video sharing per raggiungere audience più vaste oltre che per condividere maggiormente news con il pubblico online. Google, in pratica, chiede altro sangue ai professionisti del giornalismo, dopo le recenti dichiarazioni di Les Hinton che hanno definito quelli di Mountain View come “vampiri digitali”.

Intanto, è stata da poco pubblicata una tabella che ha mostrato dati poco confortanti per i quotidiani online. Secondo Nielsen, 17 siti su 30 (tra cui quello del New York Times e di USA Today ) hanno visto cadere il tempo medio di navigazione dell’utente tra il maggio 2008 e quello appena trascorso. Niente panico, le lezioni di YouTube addestreranno i giornalisti del futuro: tutti i cittadini della rete.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 06 2009
Link copiato negli appunti