YouTube nel 2007 sarà sui cellulari?

Il portale spera di varare per il prossimo anno un servizio di download dei video pensato per i telefonini

New York – Se il telefono cellulare, in veste di smartphone, per certi versi può fare degnamente le veci di un PC o di un televisore, allora può accogliere tutto ciò che è normalmente fruibile da tali apparecchi. L’assioma è stato da tempo recepito dagli operatori e da alcuni utenti e ora sembra averne fatto tesoro anche YouTube , che ambisce a lanciare entro il prossimo anno un servizio di video sharing pensato appositamente per telefoni cellulari e dispositivi wireless.

La notizia è più di un’indiscrezione e proviene da Chad Hurley, co-fondatore e CEO di YouTube, che in una conferenza tenuta durante l’ OgilvyOne Global Digital Summit ha affermato che offrire un servizio video per telefoni cellulari sarebbe un’opportunità strategica per l’azienda: “Speriamo, entro il prossimo anno, di poter offrire qualcosa per i dispositivi portatili: sta diventando un mercato enorme e, specialmente per la tipologia di video con cui lavoriamo, è una transizione naturale”.

La telefonia mobile è già un mercato di riferimento per YouTube: lo smartphone è uno degli strumenti di ripresa più utilizzato per i video ospitati dal portale di social broadcasting, che in primavera ha varato una versione mobile di YouTube , sviluppata proprio per permettere l’upload dei video da telefono cellulare.

È quindi verosimile pensare, se a questa si aggiungerà la possibilità di un download “tarato” sugli smartphone, ad un rapido allargamento del bacino di utenza, del mercato e quindi del business. Quello di YouTube e, quindi, di Google , che di recente se ne è assicurato il controllo , un affare da 1,65 miliardi di dollari (circa 1,3 miliardi di euro).

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Avevano provato anche con l'utenza fissa
    Nel 1997 c'erano in giro società che lo facevano sulla telefonia fissa. L'ho usato ma durò poco.
  • AlphaC scrive:
    ci hanno provato...
    anche con internet tramite dialup, gratis con i banner pubblicitari e simili. Ma non hanno avuto molto successo...Anche se anch'io vorrei essere pagato per i messaggi pubblicitari conto terzi di TIM che avevo bellamente disattivato (su richiesta insistente) tempo fa ma che ho cominciato a ricevere di nuovo.
    • Anonimo scrive:
      Re: ci hanno provato...
      - Scritto da: AlphaC
      anche con internet tramite dialup, gratis con i
      banner pubblicitari e simili. Ma non hanno avuto
      molto
      successo...Io ai bei tempi andati avevo guadagnato 100mila lire con quella storia dei banner e NetFraternity. Poi hanno cambiato stile (buoni sconto fasulli invece di soldi veri) e ho lasciato perdere.
      Anche se anch'io vorrei essere pagato per i
      messaggi pubblicitari conto terzi di TIM che
      avevo bellamente disattivato (su richiesta
      insistente) tempo fa ma che ho cominciato a
      ricevere di
      nuovo.Strano. Io ne avevo parecchi di quei messaggi (tutti attivati da me). Poi prima di recarmi all'estero li ho disabilitati tutti. Non ne ricevo più da un pezzo. Guarda che non serve la tua insistenza al 119, basta che mandi l'sms corretto per la disabilitazione. La prossima volta informati!
Chiudi i commenti