23andMe non pensa più alla salute

Sotto la lente della FDA, si limiterà a consegnare ai propri utenti i dati grezzi, o analizzati alla luce delle parentele. Le diagnosi, per ora, restano appannaggio dei medici
Sotto la lente della FDA, si limiterà a consegnare ai propri utenti i dati grezzi, o analizzati alla luce delle parentele. Le diagnosi, per ora, restano appannaggio dei medici

Informazioni sul patrimonio genetico, ma nessun dettaglio relativo a quello che l’analisi suggerisce riguardo allo stato di salute dell’utente: 23andMe, la discussa startup supportata da Google che offre test del DNA in cambio di un campione di saliva e di 99 dollari ha incassato la richiesta della Food and Drug Administration statunitense e ha sospeso le proprie attività diagnostiche.

Falsi positivi, errori nelle consegne dei referti , promesse disattese riguardo all’adeguamento a migliori standard di affidabilità: questo aveva spinto la FDA ad avviare le proprie indagini a ad intimare a 23andMe di bloccare le proprie attività fino a che non si sia fatta chiarezza, anche in vista di un più attento monitoraggio del mercato dell’analisi del genoma, che sappia stare al passo con i tempi e l’evolvere delle tecnologie.

Ora il servizio ha accolto le richieste dell’autorità statunitense: la pubblicità è stata interrotta , sono state interrotte le analisi del genoma che offrono risultati relativi alla salute per coloro che abbiano acquistato il test dopo il 22 novembre. Ma i kit per i test sono ancora disponibili, affinché gli utenti possano richiedere un’analisi che fornisca i soli dati grezzi sul patrimonio genetico, senza interpretazione medica, e le informazioni elaborate riguardo ai legami di parentela.

Anne Wojcicki, fondatrice dell’azienda, promette che 23andMe “lavorerà sodo per assicurarsi che i consumatori abbiano accesso diretto alle informazioni relative alla salute in un futuro prossimo”, collaborando con la FDA affinché la situazione si sblocchi, e coglie l’occasione per rassicurare gli utenti riguardo ai severi standard a cui l’azienda già aderisce, che garantiscono un’accuratezza nell’analisi dei dati che supera il 99,9 per cento.

Ma è soprattutto contro l’elaborazione dei referti che ha mosso la FDA, e con essa una cittadina statunitense che vorrebbe ottenere un minimo di 5 milioni di dollari: servirebbero a compensare le “decine o centinaia di migliaia” di consumatori che si sarebbero lasciati sedurre da quella che, alla luce delle preoccupazioni delle autorità degli States, si configurerebbe come “pubblicità ingannevole”.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 12 2013
Link copiato negli appunti