41 mesi al cracker della time bomb

Licenziato dall'azienda con cui ha avuto una lunga diatriba aveva innescato un processo di distruzione del sistema informatico


Newark (USA) – Condannato a 41 mesi per aver inserito nei sistemi informativi di un’impresa una “time bomb” capace di azzerarli e causare danni irreparabili.

Questa la vicenda di Timothy Allen LLoyd, un uomo di 39 anni che in passato aveva conquistato le prime pagine perché considerato autore di un imponente disastro informatico alla Omega Engineering, azienda per la quale ha lavorato per molti anni e dalla quale, dopo lunghe diatribe e cause, è stato licenziato il 10 luglio del 1996.

Venti giorni dopo il suo licenziamento, alla Omega avvenne un fatto disastroso che portò alla distruzione delle informazioni e delle applicazioni sul network informatico attraverso cui venivano gestiti gli impianti di produzione.

Dopo una prima condanna contro Lloyd tutto era stato bloccato per l’ipotesi che il disastro da 10 milioni di dollari fosse stato causato da un virus. Ma lo scorso ottobre la giuria ha deciso che, invece, era da attribuirsi ad una “bomba informatica a tempo” piazzata dall’imputato. E ora è arrivata la condanna, che Lloyd inizierà a scontare dal prossimo primo maggio.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ergastolo ai piccoli, 5 anni ai boss ...fantastic!
    davvero bello.danno l'ergastolo ai crackettinuccie 5 anni ai padroni della VERA PIRATERIA ORGANIZZATA.chemmerda
  • Anonimo scrive:
    America sotto attacco anti-economico!! ha ha!!!!
    Ve ne siete accorti? L'america, uno dei maggiori produttori di software e sotto scacco economico dei crackers, hahahaha... non riescono a vendere un ca**o ormai, anchela musica ormai circola sotto forma di bit, e tra poco anche i film. Un nuovo algoritmo di compressione chiamato DivX (www.DivX.com) permette di comprimere un intero DVD in un cd con la stessa qualità audio-video, e permette di diffonderli con facilità in rete.Micro$oft sta cambiando e si butta sui videogames a causa di crackers e linux che gli fara' un "mazzo tanto" entro 1-2 anni al massimo, e cq i giochi glieli cracckeranno tutti.Holliwood tra poco sara' sotto scacco grazie al DivX (in rete e' pieno di film gia' doppiati ancor prima che arrivino nei cinema), gli hanno distrutto le torri, gli stanno facendo vedere che 4 uomini incazzati valgono piu' di un esercito e loro non devono nemmeno provare a comandare il mondo, o faranno una brutta fine.Io vedo una situazione catastrofica per gli USA, popolo che si crede civile ma legalmente uccide, sevizia, sfrutta e riduce degli stati in schiavitu', bombarda, dilania corpi, spaccia armi, fomenta guerre, impone mercati e mode ed educa al consumismo, inquina, ruba brevetti e progetti, spia con i suoi satelliti del ca**o, vuol controllare gli armamenti degli altri ed i loro chi li controlla??? Vorrei vederli ridimensionati, meno sbruffoni e spero vivamente che piu' di qualcuno operi perche' questo accada. Io ero filoamericano fino a quando non ho visto veramente di che pasta sono fatti.W i crackers!
    • Anonimo scrive:
      Re: America sotto attacco anti-economico!! ha ha!!!!
      A parte il discorso della depenalizzazione del reato di "pirateria informatico", che sarebbe giusto fare, il tuo intervento mi sembra una trollata (leggesi : "provocazione").Capisco che tu voglia manifestare delle idee, ma ti converrebbe farlo in piazza dove ti possono vedere tutti, non su un forum seguito da poche decine di persone.
  • Anonimo scrive:
    Meglio fare lo spacciatore che il cracker, pena
Chiudi i commenti