50 Gigapixel per scatti ciclopici

Ricercatori statunitensi mettono assieme una camera da decine di gigapixel. Il "mostro" è composto da tante piccole fotocamere e vede meglio dell'occhio umano. Sarà in commercio nel giro di pochi anni

Roma – L’incredibile risoluzione da 40 e oltre megapixel di PureView di Nokia non è abbastanza? Allora ci vuole AWARE 2, un autentico mostro di fotocamera creato dai ricercatori della Duke University. La sua risoluzione? 50 gigapixel, nientemeno.

AWARE2

Con una simile risoluzione sottomano, i ricercatori statunitensi sostengono di aver creato una camera che può avere una visione “cinque volte migliore” (sempre ragionando in termini di risoluzione) di quella possibile a un occhio umano con 20/20.

I 50 gigapixel di AWARE 2 (campo di visione orizzontale di 120 pollici) sono stati ottenuti grazie alla presenza di 98 “microcamere” individuali, ognuna dotata di un sensore da 14 megapixel: filtrata attraverso un’unica, grande lente-obiettivo e poi attraverso tante micro-lenti che indirizzano il campo di visione verso i sensori individuali, l’impressione luminosa raccolta da AWARE 2 viene infine ricomposta e trasformata in una immagine individuale tramite la logica software presente a bordo.

La Duke University pubblica le specifiche complete di AWARE 2 a questo indirizzo , mentre altrove è possibile visionare alcuni esempi degli scatti ciclopici ottenibili con la giga-camera. Al momento il setup di AWARE 2 è alquanto problematico e ingombrante (soprattutto per tenere sotto controllo le temperature), ma alla Duke scommettono sulla disponibilità commerciale di fotocamere da qualche gigapixel da qui a cinque anni.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • DIABLO3HOUS E.COM ORO DIABLO 3 scrive:
    ORO DIABLO 3 SU www.DIABLO3HOUSE.com
    ORO DIABLO 3 = www.DIABLO3HOUSE.comDIABLO 3 ORO A MENO DELLA CASA D'ASTE WWW.DIABLO3HOUSE.COM
  • ciccio ingrassia scrive:
    mah
    siete dei poveretti... tornate a studiare e XXXXXXX che magari perdete meno tempo in XXXXXXXte e iniziate a prendere coscienza che l'ignoranza è sempre il problema di fondo nelle questioni, dalle piu grandi alle piu piccole.
  • RoccoRocchi scrive:
    Diablo
    Scusate ma comunque, che sia un gioco di XXXXX o non, ci sono gia da mò le versioni pirata, quindi, è che manco chi lo scarica ci gioca vedendo quanto è stato mal realizzato...
    • Daniel scrive:
      Re: Diablo
      Per giocare bisogna obbligatoriamente comprare il gioco in quanto per attivare l account è necessaria la chiave d attivazione che è legata ad ogni copia venduta
  • Nome e cognome scrive:
    solo marketing
    Se loro l'avessoro pubblicizzato da subito come una versione online di diablo nessuno si sarebbe arrabbiato. Sarebbe stato semplicemente un gioco come guild wars: paghi il gioco e non l'abbonamento. Anzi avrebbero potuto integrare anche uno shop come nei migliori f2p con cui far soldi.tutta questa polemica deriva solo da una comunicazione, volutamente, incompleta.
    • panda rossa scrive:
      Re: solo marketing
      - Scritto da: Nome e cognome
      Se loro l'avessoro pubblicizzato da subito come
      una versione online di diablo nessuno si sarebbe
      arrabbiato.E nessuno se lo sarebbe cagato.
      Sarebbe stato semplicemente ungioco
      come guild wars: paghi il gioco e non
      l'abbonamento. Anzi avrebbero potuto integrare
      anche uno shop come nei migliori f2p con cui far
      soldi.I giochi online dovrebbero distribuire il client gratis e far pagare l'abbonamento alla connessione.Tutte le organizzazioni serie di gaming online fanno cosi'.Chi pretende di farsi pagare per un client che poi non funziona se il server ha problemi o verra' chiuso in futuro e' semplicemente un buffone, per non dir di peggio.
      tutta questa polemica deriva solo da una
      comunicazione, volutamente,
      incompleta.E sottolineiamo il "volutamente". Siamo a livello di circonvenzione di incapace, a poca distanza dalla truffa vera e propria.
      • Sgabbio scrive:
        Re: solo marketing
        Ti faccio una nota, in corea, i giochi online che hanno il client gratuito, gioco gratuito e ti fanno pagare però oggetti e personalizzazioni varie, sono all'ordine del giorno.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: solo marketing
          contenuto non disponibile
          • Sasha88 scrive:
            Re: solo marketing
            Http://www.DIABLO3GOSU.com - comprare oro diablo 3 al miglior prezzo ! consegna online, veloce, sicura e garantita! N.1 in italia per diablo3
        • panda rossa scrive:
          Re: solo marketing
          - Scritto da: Sgabbio
          Ti faccio una nota, in corea, i giochi online che
          hanno il client gratuito, gioco gratuito e ti
          fanno pagare però oggetti e personalizzazioni
          varie, sono all'ordine del
          giorno.La corea e' un paese tecnologicamente avanzato.Non puoi certo pensare di confrontarla con la repubblica delle banane.
  • Copons scrive:
    Fosse solo l'Error 37 il problema...
    Fosse solo l'Error 37 il problema...http://www.giocagiue.it/2012/06/turboblasto-blizzard-XXXXX/Per chi tl;dr:problemi con Vista (richiede un OS più recente, ma XP va bene lo stesso);problemi con il firewall del router;account bloccati a caso;se comprato online da Blizzard stessa, è una versione Starter che dopo 4 ore si blocca e devi attendere 72 perché la Blizzard te lo attivi.NNNNNNNNICE
    • Sgabbio scrive:
      Re: Fosse solo l'Error 37 il problema...
      il miglior post che abbia mai letto, se non fosse tutto vero, sarebbe da ridere.
    • prova123 scrive:
      Re: Fosse solo l'Error 37 il problema...
      72 ore? ... aaaaah .... è un gioco zen in cui l'obiettivo è riuscire a giocare. :D
      • Copons scrive:
        Re: Fosse solo l'Error 37 il problema...
        Come da aggiornamento dell'autore del post, gli hanno finalmente attivato il gioco, ma gli hanno cancellato il save. :D
  • Bonsai scrive:
    brutto gioco
    E' un gioco di me**a, non capisco come la gente possa spendere 60 per questo gioco, tra l'altro graficamente sorpassato.
    • Cotton scrive:
      Re: brutto gioco
      Se solo avessero mantenuto la modalità stand-alone cosi' com'era concepita nelle versioni precedenti l'avrei anche comprato... pekkato
  • Ikon scrive:
    Online gaming
    D3 è un gioco online per evitare che i soliti furbetti del quartierino utilizzino hack e trainers sui personaggi, ammazzando il gameplay degli altri. Che poi la presenza di una connessione permetta di agire anche contro la pirateria, è un altro paio di maniche. I problemi di D3 sono ben altri, i problemi di connessione si sono verificati nelle prime 2 settimane e possono anche essere considerati normali (parlo da tecnico specializzato nel settore). Aggiungo che sulla scatola esiste un disclaimer che avverte della necessità di una connessione, addirittura parla di "banda larga"!!! Questo articolo mi sembra un po' in ritardo rispetto rispetto alle tempistiche dei problemi di cui parla. Ed è anche abbastanza impreciso. Ancora una volta noto la solita firma. Finiamola per favore di fare articoli senza avere cognizione di causa.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Online gaming
      contenuto non disponibile
      • Ikon scrive:
        Re: Online gaming
        Ti faccio notare che l'errore 37 non esiste più da 10 giorni. Se vogliamo parlare dei veri problemi di D3, OK. Ma se vogliamo soffermarci su cose stupide lasciamo perdere. Non so quali problemi abbia avuto il server EU. Di fatto io stesso giocavo sul server US quando quello EU era off. Supponendo anche che fosse sottodimensionato, non riesci prima di certi tempi tecnici a mettere su una infrastruttura. Fermo restando che non credo proprio che il dimensionamento dei server fosse il problema. Di fatti l'errore 37 lo hanno eliminato con una patch. Questo significa che avevano qualche problema di protocollo ora risolto. Parlando piuttosto di cose serie il problema di D3 è il gameplay, ucciso dagli interventi pro-RMAH.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Online gaming
          contenuto non disponibile
        • laDuraRealt a scrive:
          Re: Online gaming
          - Scritto da: Ikon
          Ti faccio notare che l'errore 37 non esiste più
          da 10 giorni. Il fatto che a te non si sia ripresentato non vuol dire che non c'è più: leggiti i forum e guarda quanta gente si lamenta.
          Se vogliamo parlare dei veri
          problemi di D3, OK. Ma se vogliamo soffermarci su
          cose stupide lasciamo perdere. Ecco, lascia perdere.
          Non so quali
          problemi abbia avuto il server EU. Di fatto io
          stesso giocavo sul server US quando quello EU era
          off. Supponendo anche che fosse
          sottodimensionato, non riesci prima di certi
          tempi tecnici a mettere su una infrastruttura.Non è, e non deve essere, un problema dell'utente: loro i 60 euro cadauno se li sono presi, e li hanno incassati senza problemi.
          Fermo restando che non credo proprio che il
          dimensionamento dei server fosse il problema. Di
          fatti l'errore 37 lo hanno eliminato con una
          patch. Ah, sì: quella patch che non ti permette di giocare nemmeno quando riesci a loggarti...
          Questo significa che avevano qualche
          problema di protocollo ora risolto. Proto-che?
          Parlando
          piuttosto di cose serie il problema di D3 è il
          gameplay, ucciso dagli interventi
          pro-RMAH.Ohilà, forse te ne sei accorto che te l'hanno messo in quel posto...
        • anonimous scrive:
          Re: Online gaming
          Ma lo sai almeno come l'hanno evitato l'errore 37?Ti mettono in coda lasciandoti in autentificazione credenziali"ok... qui dove c'è:try {//connessione{ if(server_pieno==true) { throw Error_37; }}sostituisci con:WHILE(serve_pieno==true) {wait(1s);//riprova;}"
    • muone scrive:
      Re: Online gaming
      - Scritto da: Ikon
      Che poi la presenza di una
      connessione permetta di agire anche contro la
      pirateria, è un altro paio di maniche.Contro la "pirateria" è una causa persa, tra l'altro una buona fetta di chi ha il gioco copiato e crackato non lo comprerebbe comunque e ci gioca solo perché lo può avere "gratis". Invece ostacolano la rivendita dell'usato.
      • Ikon scrive:
        Re: Online gaming
        Ti dirò di più non devi né copiarlo né crackarlo. Il client di gioco Blizzard non necessita nemmeno di questo tipo di protezioni. Il problema è trovare un team di una 50ina di sviluppatori che reimplementi attraverso reverse engineering un server D3, analogamente a progetti come trinitycore per WoW.
        • Uno scrive:
          Re: Online gaming
          - Scritto da: Ikon
          Ti dirò di più non devi né copiarlo né crackarlo.
          Il client di gioco Blizzard non necessita nemmeno
          di questo tipo di protezioni. Il problema è
          trovare un team di una 50ina di sviluppatori che
          reimplementi attraverso reverse engineering un
          server D3, analogamente a progetti come
          trinitycore per
          WoW.cioè un team che faccia quello che blitzart ha fatto in 10 anni?Buona notte sognatoe...
          • ziovax scrive:
            Re: Online gaming
            - Scritto da: Uno
            cioè un team che faccia quello che blitzart ha
            fatto in 10
            anni?Grattarsi i XXXXXXXX montando hype su un noto brand, sviluppato sullo (scarso) motore di wow? (rotfl)
            Buona notte sognatoe...Bònanotte! ;)
          • Sgabbio scrive:
            Re: Online gaming
            A me risulta che ci stavano i server non ufficiali di WOW.
    • harvey scrive:
      Re: Online gaming
      - Scritto da: Ikon
      D3 è un gioco online per evitare che i soliti
      furbetti del quartierino utilizzino hack e
      trainers sui personaggi, ammazzando il gameplay
      degli altri. Che poi la presenza di unaCome fa ad ammazzare il mio gameplay uno che non gioca con me?La protezione anti pirateria e' l'unica motivazione reale per questo sistema, poi il resto e' giusto perchè non costava nulla
      di D3 sono ben altri, i problemi di connessione
      si sono verificati nelle prime 2 settimane e
      possono anche essere considerati normali (parlo
      da tecnico specializzato nel settore). AggiungoTu parli da tecnico. Ma devono parlare gli avvocati.Per me e' inaccettabile che un'azienda del genere si trovi impreparata per un evento del genere
      che sulla scatola esiste un disclaimer che
      avverte della necessità di una connessione,
      addirittura parla di "banda larga"!!! QuestoNon tutto quello che e' scritto sulla scatola vale al pari della costituzione :DLe leggi sono prima. E pure le leggi di tutti i paesi coinvolti.
      • Ikon scrive:
        Re: Online gaming
        Come fanno gli altri ad influenzarti? Pensa al PvP!Sulle questioni legali o meglio illegali sfondi porte aperte.Come ho detto all'altro utente non credo siano problemi di infrastruttura, ma problemi di protocollo. Qualche sorta di inefficienza che non gli si era verificata durante le prove beta con numero di giocatori basso.
        • harvey scrive:
          Re: Online gaming
          - Scritto da: Ikon
          Come fanno gli altri ad influenzarti? Pensa al
          PvP!Pvp in un single play?
          Come ho detto all'altro utente non credo siano
          problemi di infrastruttura, ma problemi di
          protocollo. Qualche sorta di inefficienza che non
          gli si era verificata durante le prove beta con
          numero di giocatori
          basso.In ogni caso e' sempre un loro problema. Vuoi rischiare per massimizzare il profitto? E ti becchi pure i danniSe facevano anche la modalità offline non avrebbero avuto problemi. Ma sai, l'avidità !
    • prova123 scrive:
      Re: Online gaming
      - Scritto da: Ikon
      da tecnico specializzato nel settore). Aggiungo
      che sulla scatola esiste un disclaimer che
      avverte della necessità di una connessione,
      addirittura parla di "banda larga"!!!Da "tecnico del settore" cosa ti aspettavi? ... richiede connessione 56k ? :D
      • Cotton scrive:
        Re: Online gaming
        ma cos'è ? un tecnico di scatole ?
      • Ikon scrive:
        Re: Online gaming
        Assolutamente si. Pensa che a volte ho giocato con una connessione su Internet Key che alla fine del traffico residuo ti dava banda 64K. Ebbene su WoW riuscivo anche a fare 10-men raids. I raid a 25 invece generavano troppo lag. Penso che facendo bene le cose, lato sviluppatore, non serva un elevato throughput. Il vero problema del videogiocatore è il delay ed il jitter. Contro queste 2 bestie, sono gli operatori di rete a smetterla di trascurare questioni di QoS.
        • Cotton scrive:
          Re: Online gaming
          ben 24 ore di ricerche in google per tirare fuori solo 3 termini ? potevi fare meglio.....
        • prova123 scrive:
          Re: Online gaming
          Quindi il fatto che richiedano "addirittura la banda larga!!!" vuol dire che dopo 12 anni hanno fatto il cosiddetto "lavoro da XXXXX" :)Innovazione della storia "0", inoovazione delle dinamiche di gioco "0", utilizzo della connesione internet "0". Io ho giocato a Luna Online con la chiavetta internet e senza il minimo problema. Quando ho avuto un problema con l'account mi hanno risolto il problema in meno di 24 ore. Mi permetto di ricordare che Luna online come altri stupendi MMORPG è GRATUITO.Secondo me la Blizzard nel frattempo s'è persa qualcosa. Sembra quasi che per 12 anni non ha guardato fuori dalla finestra.
    • ziovax scrive:
      Re: Online gaming
      - Scritto da: Ikon Finiamola per
      favore di fare articoli senza avere cognizione di
      causa.Finiamola, per favore, di fare post senza avere cognizione di causa.
  • masso scrive:
    E c'è pure gente che difende queste...
    pratiche scorrette di vendita.A voi andrà pure bene...ma Blizzard se non voleva sollevare questo caos aveva solo da chiamare questo gioco in maniera diversa tipo Buffalmino o Cippoletta o DIABLO ONLINE. Non Diablo 3 per cercare di capitalizzare sul sucXXXXX e la diffusione degli altri 2 capitoli. C'è un sacco di gente che ha comprato questo gioco semplicemente perchè più di 10 anni fa ha giocato agli altri 2. Non era mai sucXXXXX..che il sequel di un brand cambiasse modalità di gioco da offline a online.Quando è avvenuto anche il brand è dovuto cambiare (il primo esempio fu il passaggio da Ultima a Ultima Online) Per Diablo 3 s'è riciclato il motore di gioco di world of warcraft. Era collaudato, sono più di 8 anni che ci lavorano per migliorarlo e renderlo piu stabile. Non c'è niente di male in questa scelta...ma è un motore di gioco per MORPG.La speranza è che Blizzard paghi carissima questa scelta e questa sfida alle regole di distribuzione dei videogame. Se questo loro scellerato tentativo avesse il sucXXXXX che ha avuto senza conseguenze..presto..si butterebbero tutte le case di produzione sulla modalità online..perchè la pirateria è virtualmente sconfitta (ci vogliono mesi, anni per creare un framework che emuli fedelmente un server MORPG come l'esperienza di MangOS ha dimostrato al mondo).
    • panda rossa scrive:
      Re: E c'è pure gente che difende queste...
      - Scritto da: masso
      pratiche scorrette di vendita.
      A voi andrà pure bene...ma Blizzard se non voleva
      sollevare questo caos aveva solo da chiamare
      questo gioco in maniera diversa tipo Buffalmino o
      Cippoletta o DIABLO ONLINE.

      Non Diablo 3 per cercare di capitalizzare sul
      sucXXXXX e la diffusione degli altri 2 capitoli.

      C'è un sacco di gente che ha comprato questo
      gioco semplicemente perchè più di 10 anni fa ha
      giocato agli altri 2.

      Non era mai sucXXXXX..che il sequel di un brand
      cambiasse modalità di gioco da offline a
      online.Si, e' sucXXXXX con settlers.La versione 7 e' diventata online, e infatti nessuno se l'e' filata.
      • krane scrive:
        Re: E c'è pure gente che difende queste...
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: masso

        pratiche scorrette di vendita.

        A voi andrà pure bene...ma Blizzard se

        non voleva sollevare questo caos aveva

        solo da chiamare questo gioco in maniera

        diversa tipo Buffalmino o Cippoletta o

        DIABLO ONLINE.

        Non Diablo 3 per cercare di capitalizzare

        sul sucXXXXX e la diffusione degli altri 2

        capitoli.

        C'è un sacco di gente che ha comprato questo

        gioco semplicemente perchè più di 10 anni fa

        ha giocato agli altri 2.

        Non era mai sucXXXXX..che il sequel di un

        brand cambiasse modalità di gioco da offline

        a online.
        Si, e' sucXXXXX con settlers.
        La versione 7 e' diventata online, e infatti
        nessuno se l'e' filata.La versione Razor 1911 e' stata filata eccome da chi aveva giocato i precedenti (rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • Sgabbio scrive:
          Re: E c'è pure gente che difende queste...
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: masso


          pratiche scorrette di vendita.


          A voi andrà pure bene...ma Blizzard se


          non voleva sollevare questo caos aveva


          solo da chiamare questo gioco in
          maniera



          diversa tipo Buffalmino o Cippoletta o


          DIABLO ONLINE.



          Non Diablo 3 per cercare di
          capitalizzare



          sul sucXXXXX e la diffusione degli
          altri
          2


          capitoli.



          C'è un sacco di gente che ha comprato
          questo


          gioco semplicemente perchè più di 10
          anni
          fa


          ha giocato agli altri 2.



          Non era mai sucXXXXX..che il sequel di
          un


          brand cambiasse modalità di gioco da
          offline



          a online.


          Si, e' sucXXXXX con settlers.

          La versione 7 e' diventata online, e infatti

          nessuno se l'e' filata.

          La versione Razor 1911 e' stata filata eccome da
          chi aveva giocato i precedenti
          (rotfl)(rotfl)(rotfl)Certo, che se pure la corea del sud, dove la blizzard fa affaroni d'oro, ci sono queste proteste....Comunque c'è sempre una ipocrisia delle software house che criticano i colleghi che usano DRM idioti: Prima ella blizzard verso ubisoft, adesso sono gli autori di The wicher 2...loro usavano SecuROM, non so se mi sono spiegato.
          • Izio01 scrive:
            Re: E c'è pure gente che difende queste...
            - Scritto da: Sgabbio(...)

            Comunque c'è sempre una ipocrisia delle software
            house che criticano i colleghi che usano DRM
            idioti: Prima ella blizzard verso ubisoft, adesso
            sono gli autori di The wicher 2...loro usavano
            SecuROM, non so se mi sono
            spiegato.Però hanno rimosso la convalida online, come avevano promesso, poco tempo dopo l'uscita del gioco. Questo per me vuol dire molto.A me personalmente le protezioni offline non danno fastidio, non limitano il fair use impedendomi, ad esempio, di prestare un gioco originale a mio nipote come gli presterei un libro.
          • Sgabbio scrive:
            Re: E c'è pure gente che difende queste...
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: Sgabbio
            (...)



            Comunque c'è sempre una ipocrisia delle
            software

            house che criticano i colleghi che usano DRM

            idioti: Prima ella blizzard verso ubisoft,
            adesso

            sono gli autori di The wicher 2...loro
            usavano

            SecuROM, non so se mi sono

            spiegato.

            Però hanno rimosso la convalida online, come
            avevano promesso, poco tempo dopo l'uscita del
            gioco. Questo per me vuol dire
            molto.
            A me personalmente le protezioni offline non
            danno fastidio, non limitano il fair use
            impedendomi, ad esempio, di prestare un gioco
            originale a mio nipote come gli presterei un
            libro.Queste protezioni impongono limiti d'installazione, per non parlare che questi malware cocciano allegramente con moltissimi software che magari usi per altri motivi.Spesso gli sviluppatori di queste schifezze, si dimendicano che uno il pc lo usa anche per altro, non solo per giocare.Infine The watcher 2, avevano rimosso totalmente Securom, perchè azzoppava le performance del gioco stesso, rispetto alla sua variante senza quel DRM, venduti su Steam e da GoG.
    • Guybrush scrive:
      Re: E c'è pure gente che difende queste...
      - Scritto da: masso
      pratiche scorrette di vendita.
      A voi andrà pure bene...ma Blizzard se non voleva
      sollevare questo caos aveva solo da chiamare
      questo gioco in maniera diversa tipo Buffalmino o
      Cippoletta o DIABLO ONLINE.Vero.Invece lo ha chiamato Diablo III e chi ha giocato a diablo I e II pensava (rotfl) che fosse come i precedenti.
      Non Diablo 3 per cercare di capitalizzare sul
      sucXXXXX e la diffusione degli altri 2 capitoli.Be', scusa, ma che dovevano fare? Il "brand" era ben lanciato e l'hype alle stelle.
      C'è un sacco di gente che ha comprato questo
      gioco semplicemente perchè più di 10 anni fa ha
      giocato agli altri 2.Vero. E moltissima gente sapeva perfettamente che questa versione era "online" perché tutte (sottolineato 3 volte) le riviste di settore l'han detto chiaro e tondo, perché a tutte le presentazioni e' stata data enfasi al fatto che "si giocava da online" e "c'erano le protezioni anche sul single player".
      Non era mai sucXXXXX..che il sequel di un brand
      cambiasse modalità di gioco da offline a
      online.Visto quello che sta succedendo al resto del mondo, mi pareva il meno.
      Quando è avvenuto anche il brand è dovuto
      cambiare (il primo esempio fu il passaggio da
      Ultima a Ultima Online)E l'esperienza Online era il valore aggiunto e nessuno si è arrabbiato per questo.
      Per Diablo 3 s'è riciclato il motore di gioco di
      world of warcraft. Era collaudato, sono più di 8
      anni che ci lavorano per migliorarlo e renderlo
      piu stabile. Non c'è niente di male in questa
      scelta...ma è un motore di gioco per
      MORPG.E funziona in modalità client-server, non ci sono santi.Ne' madonne.Pure da single player hai bisogno del server.
      La speranza è che Blizzard paghi carissima questa
      scelta e questa sfida alle regole di
      distribuzione dei videogame.Ne dubito.Chiunque possiede un iPhone è felicissimo del suo giocattolo, pure se le sue preziose app gli sugano traffico e batteria.A sua insaputa.
      Se questo loro
      scellerato tentativo avesse il sucXXXXX che ha
      avuto senza conseguenze..presto..si butterebbero
      tutte le case di produzione sulla modalità
      online..perchè la pirateria è virtualmente
      sconfitta (ci vogliono mesi, anni per creare un
      framework che emuli fedelmente un server MORPG
      come l'esperienza di MangOS ha dimostrato al
      mondo).Non so come dirtelo... te lo dico uguale: è già così, solo che non te ne ERI accorto ;-)Anche nel mondo dei giochi per PC da che esiste STEAM è così. Quattro giga e passa di download per installare Civilization V e solo username e password per dire "installa qua, grazie".Il QUA può essere un PC qualsiasi con abbastanza ram, sistema operativo e potenza di calcolo (grafica e non).Adesso si è fatto un passo ulteriore, ma nella sostanza cambia poco.Diablo III nasce online, fattene una ragione.Ognuno è libero di far causa a chi gli pare, ma non è che se strilli più forte hai automagicamente raglione, pardon, ragione.C'è un EULA, ci sono delle condizioni scritte FUORI della scatola, ci sono le leggi. Se gli utonti hanno comprato senza leggere cosa stavano comprando (ripeto: nonostante il testo sulla scatola, le recensioni online e sulle riviste cartacee, i commenti degli amici, il contratto aderito online al momento dell'acXXXXX... ecc... ecc... ecc...) be', non mi va di dar ragione tout court a Blizzard, ma stavolta devono attaccarsi al tram.GT
      • Izio01 scrive:
        Re: E c'è pure gente che difende queste...
        - Scritto da: Guybrush(...)
        Ognuno è libero di far causa a chi gli pare, ma
        non è che se strilli più forte hai
        automagicamente raglione, pardon,
        ragione.
        C'è un EULA, ci sono delle condizioni scritte
        FUORI della scatola, ci sono le leggi. Se gli
        utonti hanno comprato senza leggere cosa stavano
        comprando (ripeto: nonostante il testo sulla
        scatola, le recensioni online e sulle riviste
        cartacee, i commenti degli amici, il contratto
        aderito online al momento dell'acXXXXX... ecc...
        ecc... ecc...) be', non mi va di dar ragione tout
        court a Blizzard, ma stavolta devono attaccarsi
        al
        tram.
        IO non ho comprato Diablo III per i motivi che dici, ma secondo me non dovrebbe essere necessario essere informatissimi e specializzati per comprare un videogioco. E' un bene di largo consumo, come un libro o un CD, e dovrebbe funzionare nello stesso modo, anche perché non sempre l'acquirente è l'utente finale. Trovo assurdo che sia possibile imporre condizioni di ogni tipo, incluso il contratto da sottoscrivere DOPO la vendita, e sono contento che almeno sui beni materiali questo non sia permesso.
      • Sgabbio scrive:
        Re: E c'è pure gente che difende queste...
        A dire il vero temporeggiavano un pò sulla questione signle player, dicendo che era comunque offline.
      • masso scrive:
        Re: E c'è pure gente che difende queste...
        Hai esposto solo il tuo punto di vistaSu quello che a te sembra giusto e a molte altre persone no non aggiungo niente dal momento che ognuno può giudicare in base alla sua esperienza,alla sua sensibilità e alle sue opinioni.Mi basta comunque sapere di essere in buona compagnia con la maggior parte delle persone che hanno esposto il loro punto di vista sul gioco su Metacritic.Quanto a quello che pensi sui diritti, sul rispetto e sulla consapevolezza dei consumatori..o meglio...della confusione che hai in merito mi basta leggere la battuta sull'iphone che hai fatto o il paragone indebito che piazzi tra un gioco che si nutre costantemente della connessione internet per gestire l'organizzazione dei suoi contenuti...e una piattaforma di distribuzione come Steam (che io uso e da cui ho acquistato con grande soddisfazioni molti giochi a prezzi stracciati) che usa la connessione in rete solo per effettuare il login al proprio account.
        • Sgabbio scrive:
          Re: E c'è pure gente che difende queste...
          Infatti non mi riuslta che su steam devi star connesso per giocare sempre e comunque.Semmai credo che Guy, intendesse dire, che tutti si farà on line in futuro, nel senso che i giochi si prenderanno da li.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: E c'è pure gente che difende queste...
            contenuto non disponibile
          • Sgabbio scrive:
            Re: E c'è pure gente che difende queste...
            Vabbè che ora come ora il gioco è gratis, ma sta cosa mi sa di XXXXXta assurda :D
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: E c'è pure gente che difende queste...
            contenuto non disponibile
      • harvey scrive:
        Re: E c'è pure gente che difende queste...
        - Scritto da: Guybrush
        Ognuno è libero di far causa a chi gli pare, ma
        non è che se strilli più forte hai
        automagicamente raglione, pardon,
        ragione.La ragione infatti la da le leggi. E in paesi la gente e' più tutelata che in altri
        C'è un EULA, ci sono delle condizioni scritte
        FUORI della scatola, ci sono le leggi. Se gliMi sa che sei un po' confusoPrima ci sono le leggi, poi ci sono le scritte sulle scatole (che devono rispettare canoni di visibilità per essere valide) e poi c'e' l'EULA che conta poco o nulla (visto che puoi leggerla solo dopo aver concluso il contratto)Quindi se non era indicato chiaramente sulla scatola che il servizio poteva essere interrotto a causa del sovraccarico dei server, potrebbero aver dei problemi
        utonti hanno comprato senza leggere cosa stavano
        comprando (ripeto: nonostante il testo sulla
        scatola, le recensioni online e sulle riviste
        cartacee, i commenti degli amici, il contratto
        aderito online al momento dell'acXXXXX... ecc...
        ecc... ecc...) be', non mi va di dar ragione tout
        court a Blizzard, ma stavolta devono attaccarsi
        al
        tram.Le recinzione contano il giusto. Qua si parla di un contratto. E' stato rispettato?Secondo molti no. Secondo la legge italiana probabilmente. Ma secondo le leggi di tutti i paesi del mondo?
        • The_GEZ scrive:
          Re: E c'è pure gente che difende queste...
          Ciao harvey !
          Quindi se non era indicato chiaramente sulla
          scatola che il servizio poteva essere interrotto
          a causa del sovraccarico dei server, potrebbero
          aver dei
          problemiInfatti qui mi sovviene un dubbio, se io acquisto un bene che per essere utilizzato ha sempre bisogno del consenso del produttore che in qualsiasi momento me lo può negare inibendomi totalmente l' utilizzo del bene ... si può parlare di VENDITA del bene stesso ? Ovvero io ne divento PROPRIETARIO?A me sembra di no ... <<<i
          In diritto, la proprietà (in latino proprietas da proprius) è un diritto reale che ha per contenuto la facoltà di godere e di disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con l'osservanza degli obblighi previsti dall'ordinamento giuridico (art. 832 del codice civile italiano). Si parla di proprietà privata, o pubblica, con riferimento allo status - privato o pubblico - del soggetto giuridico cui spetta la titolarità del diritto. </i


          • harvey scrive:
            Re: E c'è pure gente che difende queste...
            - Scritto da: The_GEZ
            Infatti qui mi sovviene un dubbio, se io acquisto
            un bene che per essere utilizzato ha sempre
            bisogno del consenso del produttore che in
            qualsiasi momento me lo può negare inibendomi
            totalmente l' utilizzo del bene ... si può
            parlare di VENDITA del bene stesso ? Ovvero io ne
            diventoIl problema e' che secondo me questa vendita e' non valida. Ci sono troppe clausole vessatorie che rischiano di annullare il contrattoMa tanto fino a un problema chi va davanti a un giudice?
      • ziovax scrive:
        Re: E c'è pure gente che difende queste...
        - Scritto da: Guybrush
        C'è un EULA, ci sono delle condizioni scritte
        FUORI della scatola, Molto fuori dalla scatola... :D
        ci sono le leggi. Quali sarebbero 'ste leggi? L'utente paga e non può giocare? :|
  • Link scrive:
    Proteggono il server non il client
    Ancora a parlare del DRM Blizzard? è sbagliato e fuorviante, lo volete capire che è sempre online perchè l'intelligenza di gioco gira sul server e non sul client? Se mettevano l'intelligenza di gioco offline dopo due giorni spuntavano i server pirata e visto che Blizzard conta di pagarsi i server con l'asta a soldi reali presente nel gioco non poteva permetterlo.Quindi non è per evitare le copie pirata, non è certo chi ci gioca offline gratuitamente il problema, ma per evitare il FURTO totale del sistema. Diablo è un gioco ONLINE che poi abbiano deciso di permettere la modalità single player è un altro discorso. Se la gente compra i giochi a caso è colpa sua. Altro discorso il problema dei server che non sono stati all'altezza della situazione e per i quali la causa legale mi sembra più che giusta.
    • prova123 scrive:
      Re: Proteggono il server non il client
      Ne sei veramente convinto? :) <b
      L'unico server protetto è quello sconnesso dalla rete. </b
      Da tempo ci sono "Diablo III Client Server Emulator" e li stanno debuggando ... quindi di fatto stanno proteggendo il nulla.Davanti ad un ristorante non si scrive "Domani sera grigliata, birra e musica" e poi si fa rifornimento per 10 coperti: la XXXXXXX immensa della Blizzard è di avere dirottato sui propri server una svalangata di persone che prima giocavano offline e quindi erano fuori dalle balle.Una vera misura protezionistica del gioco era quello di farlo uscire completo a 19,90 euro in modo che i giocatori offline fossero fuori dalle balle. Con il codicillo allegato alla confezione uno poteva scaricarsi qualche DLC gratuitamente e tutti avrebbero giocato felici e contenti.La pirateria dei giochi è solo l'effetto di errate pratiche commerciali portate avanti da commerciali per i quali vendere giochi o cassette di pomodori è la stessa cosa ... e questa gente di ciò se ne fà anche un vezzo ... beata ignoranza.Comunque Diablo III è di una spanna sotto Torchlight, non ha nullo di innovativo rispetto a Diablo II. Almeno in Torchlight hanno introdotto il Pet che collabora con il personaggio principale. Venduto con TGM a 9,90. A questo prezzo chi si prende la briga di copiarlo? meditate gente, meditate!
    • Carlo scrive:
      Re: Proteggono il server non il client
      - Scritto da: Link
      ma per evitare
      il FURTO totale del sistema. Diablo è un gioco
      ONLINE che poi abbiano deciso di permettere la
      modalità single player è un altro discorso. "FURTO": per parlare di furto bisogna che sia sottratto qualcosa.Copia e furto sono due cose diverse, quindi."ONLINE": dev'essere scritto sulla scatola.
      • Izio01 scrive:
        Re: Proteggono il server non il client
        - Scritto da: Carlo(...)
        "ONLINE": dev'essere scritto sulla scatola.E in bella evidenza, mi permetto di aggiungere.
        • prova123 scrive:
          Re: Proteggono il server non il client
          - Scritto da: Izio01
          - Scritto da: Carlo
          (...)

          "ONLINE": dev'essere scritto sulla scatola.

          E in bella evidenza, mi permetto di aggiungere.In bella evidenza mi permetto di aggiunggere:"SOLO CLIENT DEL GIOCO"
      • panda rossa scrive:
        Re: Proteggono il server non il client
        - Scritto da: Carlo
        "FURTO": per parlare di furto bisogna che sia
        sottratto
        qualcosa.
        Copia e furto sono due cose diverse, quindi.OT. Tu ti firmi Carlo, perche' probabilmente Carlo sara' il tuo nome.Sei caldamente invitato, se non vuoi che la gente di questo forum ti sputi in faccia dopo averti insultato, di usare un altro nick, perche', purtroppo per te, il nick "Carlo", e' gia' utilizzato da un individuo che tutte le volte che scrive qua, suscita negli altri l'effetto che ti ho blandamente descritto.Ovviamente lo dico per te, che sembri una persona intelligente, e in grado di comprendere la situazione. Non e' certo una colpa essere omonimi di certa gentaglia, quindi faresti meglio ad esporre un segno distintivo onde evitare di incorrere in incresciosi equivoci.FINE OT.
        • attonito scrive:
          Re: Proteggono il server non il client
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Carlo


          "FURTO": per parlare di furto bisogna che sia

          sottratto

          qualcosa.

          Copia e furto sono due cose diverse, quindi.

          OT.
          Tu ti firmi Carlo, perche' probabilmente Carlo
          sara' il tuo
          nome.
          Sei caldamente invitato, se non vuoi che la gente
          di questo forum ti sputi in faccia dopo averti
          insultato, di usare un altro nick, perche',
          purtroppo per te, il nick "Carlo", e' gia'
          utilizzato da un individuo che tutte le volte che
          scrive qua, suscita negli altri l'effetto che ti
          ho blandamente
          descritto.
          Ovviamente lo dico per te, che sembri una persona
          intelligente, e in grado di comprendere la
          situazione. Non e' certo una colpa essere omonimi
          di certa gentaglia, quindi faresti meglio ad
          esporre un segno distintivo onde evitare di
          incorrere in incresciosi
          equivoci.
          FINE OT.Effettivamente, una roba tipo "Carlo, ma NON il videotechino" sarebbe meglio.
    • panda rossa scrive:
      Re: Proteggono il server non il client
      - Scritto da: Link
      Ancora a parlare del DRM Blizzard? è sbagliato e
      fuorviante, lo volete capire che è sempre online
      perchè l'intelligenza di gioco gira sul server e
      non sul client? Se mettevano l'intelligenza di
      gioco offline dopo due giorni spuntavano i server
      pirata e visto che Blizzard conta di pagarsi i
      server con l'asta a soldi reali presente nel
      gioco non poteva permetterlo.Ti rendi conto dell'assurdita' che hai scritto?Riassunto.Blizzard vende un gioco. La gente paga il gioco. Blizzard incassa.Blizzard compra un server. E si finanzia con parte degli introiti del gioco.Blizzard inserisce un DRM e mette il motore del gioco lato server in modo da impedire che vengano messi in linea altri server che offrano alla gente alternative di gioco.Quindi spegami un po: questi server di gioco che Blizzard ha messo in piedi costano o non costano soldi?Se costano, difficilmente qualcuno mettera' mai in piedi un server alternativo.Se non costano, di che investimento deve rientrare?
    • Sgabbio scrive:
      Re: Proteggono il server non il client
      - Scritto da: Link
      Ancora a parlare del DRM Blizzard? è sbagliato e
      fuorviante, lo volete capire che è sempre online
      perchè l'intelligenza di gioco gira sul server e
      non sul client? Se mettevano l'intelligenza di
      gioco offline dopo due giorni spuntavano i server
      pirata e visto che Blizzard conta di pagarsi i
      server con l'asta a soldi reali presente nel
      gioco non poteva permetterlo.Quindi non è per
      evitare le copie pirata, non è certo chi ci gioca
      offline gratuitamente il problema, ma per evitare
      il FURTO totale del sistema. Diablo è un gioco
      ONLINE che poi abbiano deciso di permettere la
      modalità single player è un altro discorso. Se la
      gente compra i giochi a caso è colpa sua. Altro
      discorso il problema dei server che non sono
      stati all'altezza della situazione e per i quali
      la causa legale mi sembra più che
      giusta.Bello, vivere nel mondo delle favole, eh?
      • Link scrive:
        Re: Proteggono il server non il client
        Ma vi rendete conto che vi attaccate sempre ai soliti discorsi su DRM o sul fatto che non sia o non sia un furto copiare il lavoro fatto da altri? Poi questa cosa del fatto che deve esserci scritto in grosso ONLINE o SOLO CLIENT DEL GIOCO proprio non la capisco, nei requisiti minimi c'è scritto che serve una connessione a banda larga (devo farvi lo scan?), se l'utonto non lo legge cavoli suoi, scusate ma se io non leggo i requisiti minimi e solo dopo scopro che il mio proXXXXXre non è abbastanza potente è colpa della Blizzard? Se vado a comprare una macchina deve esserci scritto sulla portiera che consuma benzina? Bisogna informarsi prima di comprare non solo seguire l'amico che te lo ha consigliato. Chi si domanda se i server siano gratis o a pagamento e perchè qualcuno dovrebbe mantenerne di alternativi se hanno un costo, la risposta è semplice COSTANO soprattutto se gestiscono più di un certo numero di utenti problema che non si pone su server "COMPATIBILI" da qualche centinaio di slot. Secondo voi chi mette a disposizione server "gratis" lo fa per il bene del mondo? No ci guadagna con la pubblicità e/o vendendo item ingame quindi perchè Blizzard dovrebbe lavorare per far guadagnare altri? Ovvio che un server dove non compro il gioco e dove ho possibilità di drop e exp moltiplicati per 5/10/100 volte è più invitante di uno ufficiale (a prestazioni simili). I server di Diablo 2 sono online da 12anni, non credo che siano gratis per la Blizzard eppure non li ha staccati neanche ora che è uscito Diablo 3 quindi tanto di cappello. Ricordiamo inoltre che Blizzard stessa dopo qualche anno ha rilasciato una patch per rendere Diablo 2 cd free per il gioco offline. Per quanto riguarda i server emulati non funzionano ancora, ero interessato anche io a provarne uno per fare delle lan locali con gli amici ma purtroppo sono ben lontani dall'essere giocabili. Non capisco il discorso sul fatto che nessun server sia completamente sicuro o meno, non si tratta di sicurezza ma di reversibilità, se blizzard rilascerà una patch o un fix solo per bloccare la pirateria GIURO che torno qui e pubblicamente ammetto che è stata tutta una giustificazione per poter usare i DRM. Per quelli che acclamano tanto Torchlite (o attendono il due) devo dire che il primo l'ho giocato su Steam ma non vale la metà di Diablo 3 soprattutto come rigiocabilità, vedremo il 2.
        • Izio01 scrive:
          Re: Proteggono il server non il client
          - Scritto da: Link
          Ma vi rendete conto che vi attaccate sempre ai
          soliti discorsi su DRM o sul fatto che non sia o
          non sia un furto copiare il lavoro fatto da
          altri? Poi questa cosa del fatto che deve esserci
          scritto in grosso ONLINE o SOLO CLIENT DEL GIOCO
          proprio non la capisco, nei requisiti minimi c'è
          scritto che serve una connessione a banda larga
          (devo farvi lo scan?), se l'utonto non lo legge
          cavoli suoi, (...)Quindi secondo te dovrebbe essere possibile commercializzare brioches letali, a condizione di scrivere in piccolo sul fondo del pacco: "Potrebbe contenere materiale altamente tossico"? Dopotutto, se non leggi le istruzioni prima di comprarle, sei tu un utonto e cavoli tuoi, giusto?
          • Link scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            Ubisoft ha messo il DRM a un gioco al tempo SOLO single palyer e che aveva TUTTO il necessario per giocare sul pc dove veniva installato, faceva un controllo per vedere se era originale. Non mi pare che qui venga fatta la stessa cosa, correggimi se sbaglio.D'accordissimo sul pvp, ma sinceramente preferisco averlo due mesi prima senza tanto di tempo per farmi l'equip per fare arene ce ne vuole e per allora l'avranno rilasciato (spero). Speravo che almeno qui non ci fossero i soliti detrattori dell' asta a soldi reali, non è obbligatoria (io non ci compro ma sono ben felice di vendere ai fessi che la usano)e NON è necessaria e chi dice il contrario sono persone con la "sindrome da XXXXXXXzione precoce", videoludicamente parlando, che vuole finire il gioco in un mese. Se c'è qualcuno che vende vuole dire che, da qualche parte, questi benedetti oggetti virtuali sono venuti.- Scritto da: Izio01
            Quindi secondo te dovrebbe essere possibile
            commercializzare brioches letali, a condizione di
            scrivere in piccolo sul fondo del pacco:
            "Potrebbe contenere materiale altamente tossico"?
            Dopotutto, se non leggi le istruzioni prima di
            comprarle, sei tu un utonto e cavoli tuoi,
            giusto?Ma hai letto quello che ho scritto perchè non sembra, non è nascosto è scritto nei REQUISITI MINIMI, se non li leggi e la tua scheda video non regge il gioco ti dai del cretino o dai la colpa a Blizzard? è la stessa identica cosa! Come se non bastasse per giocarci devi creare un account, registrare un cd-key e accettare una EULA, prima di fare queste cose, anche se hai aperto la confezione, puoi ancora portarlo indietro e richiedere i soldi. L'unica grande colpa che faccio a Blizzard è che doveva gestire meglio i suoi server perchè la situazione è effettivamente scandalosa tra lag/code/errori/disservizi.
          • Izio01 scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            - Scritto da: Link(...)
            Ma hai letto quello che ho scritto perchè non
            sembra, non è nascosto è scritto nei REQUISITI
            MINIMI, se non li leggi e la tua scheda video non
            regge il gioco ti dai del cretino o dai la colpa
            a Blizzard? è la stessa identica cosa!Ho sempre schede grafiche, CPU e quant'altro nella fascia medio-alta del mercato, quindi i requisiti minimi non li leggo e non ho problemi da anni. Certo, se salta fuori che la mia scheda non basta, non me la prendo con Blizzard. Il problema è però diverso: se il mio PC non è sufficientemente potente è una cosa, se è Blizzard stessa a bloccare il gioco che ho pagato,è un'altra.
            Come se
            non bastasse per giocarci devi creare un account,
            registrare un cd-key e accettare una EULA, prima
            di fare queste cose, anche se hai aperto la
            confezione, puoi ancora portarlo indietro e
            richiedere i soldi. L'unica grande colpa che
            faccio a Blizzard è che doveva gestire meglio i
            suoi server perchè la situazione è effettivamente
            scandalosa tra
            lag/code/errori/disservizi.A me risulta che nessuno in Italia accetti il reso di software aperti, e anche il diritto di reXXXXX per le vendite a distanza non si applica. Quindi l'EULA-capestro si traduce in: "Se non ti va, fai pure a meno di giocare ma i tuoi soldi ormai me li tengo".Quanto ai requisiti minimi in corpo 4, cosa non ti piace dell'idea di dover indicare chiaramente, sul frontale della confezione, che il gioco può essere staccato in qualsiasi momento da Blizzard? A Bliz la cosa non piace perché le varie zie/nonne che credono di poter fare senza pensieri un regalo al nipote, l'errore di tirar su Diablo 3 non lo farebbero più. Il fatto che quindi non lo facciano indica secondo me una buona dose di cattiva fede. come suggeriva qualcuno sopra, perché non l'hanno chiamato DIABLO ONLINE?IO il gioco non l'ho comprato perché sapevo da prima di questo requisito; mi capita però di andare in un negozio e uscire con un CD musicale o un libro. Sarei molto scontento di scoprire che devo leggere attentamente l'etichetta prima dell'acquisto, a scanso di scoprire clausole vessatorie in grado di togliermi l'usufrutto del bene che ho pagato. E perché limitarci ai libri e ai CD e non fare allo stesso modo con i beni completamente fisici, che so, una lavatrice che si ferma dopo 100 lavaggi e ti obbliga a far fare la revisione periodica da un tecnico autorizzato? Un'automobile che ti identifica univocamente, vietandoti la rivendita sul mercato dell'usato?Io vorrei veder porre dei freni a queste politiche commerciali da squalo, che al momento vanno per la maggiore sul mercato del software. Capisco che qualcuno non condivida le mie idee, ma cosa venga in tasca a chi difende la malafede di Blizzard, proprio non lo capisco. Non sto inneggiando alla pirateria o che so io; se Blizzard è onesta, in che modo la danneggerebbe indicare in modo evidente ed inequivocabile il requisito dell'online permanente?
          • harvey scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            - Scritto da: Link
            Ma hai letto quello che ho scritto perchè non
            sembra, non è nascosto è scritto nei REQUISITI
            MINIMI, se non li leggi e la tua scheda video nonIl problema e' che non puoi scriverci requisiti minimi scheda video potente ... e se poi scatta dire sempre che non era abbastanza potente
            registrare un cd-key e accettare una EULA, primaL'EULA ha un valore legale praticamente nulloIl contratto termina quando dai i contanti. Quando apri il software perdi ogni diritto di restituzione del prodotto. L'EULA puoi leggerla dopo :DNessun giudice serio si metterebbe manco a leggerla in un eventuale proXXXXX
            di fare queste cose, anche se hai aperto la
            confezione, puoi ancora portarlo indietro e
            richiedere i soldi. L'unica grande colpa cheA topolinia o a paperopoliMa non in italia
          • anonimous scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            C'è scrito nei requisiti minimi connessione internet banda larga sempre attiva, io portrei avere una connessione non flat....
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            contenuto non disponibile
        • Sgabbio scrive:
          Re: Proteggono il server non il client
          - Scritto da: Link
          Ma vi rendete conto che vi attaccate sempre ai
          soliti discorsi su DRM o sul fatto che non sia o
          non sia un furto copiare il lavoro fatto da
          altri? Poi questa cosa del fatto che deve esserci
          scritto in grosso ONLINE o SOLO CLIENT DEL GIOCO
          proprio non la capisco, nei requisiti minimi c'è
          scritto che serve una connessione a banda larga
          (devo farvi lo scan?), se l'utonto non lo legge
          cavoli suoi, scusate ma se io non leggo i
          requisiti minimi e solo dopo scopro che il mio
          proXXXXXre non è abbastanza potente è colpa della
          Blizzard? Se vado a comprare una macchina deve
          esserci scritto sulla portiera che consuma
          benzina? Bisogna informarsi prima di comprare non
          solo seguire l'amico che te lo ha consigliato.
          Chi si domanda se i server siano gratis o a
          pagamento e perchè qualcuno dovrebbe mantenerne
          di alternativi se hanno un costo, la risposta è
          semplice COSTANO soprattutto se gestiscono più di
          un certo numero di utenti problema che non si
          pone su server "COMPATIBILI" da qualche centinaio
          di slot. Secondo voi chi mette a disposizione
          server "gratis" lo fa per il bene del mondo? No
          ci guadagna con la pubblicità e/o vendendo item
          ingame quindi perchè Blizzard dovrebbe lavorare
          per far guadagnare altri? Ovvio che un server
          dove non compro il gioco e dove ho possibilità di
          drop e exp moltiplicati per 5/10/100 volte è più
          invitante di uno ufficiale (a prestazioni
          simili). I server di Diablo 2 sono online da
          12anni, non credo che siano gratis per la
          Blizzard eppure non li ha staccati neanche ora
          che è uscito Diablo 3 quindi tanto di cappello.
          Ricordiamo inoltre che Blizzard stessa dopo
          qualche anno ha rilasciato una patch per rendere
          Diablo 2 cd free per il gioco offline. Per quanto
          riguarda i server emulati non funzionano ancora,
          ero interessato anche io a provarne uno per fare
          delle lan locali con gli amici ma purtroppo sono
          ben lontani dall'essere giocabili. Non capisco il
          discorso sul fatto che nessun server sia
          completamente sicuro o meno, non si tratta di
          sicurezza ma di reversibilità, se blizzard
          rilascerà una patch o un fix solo per bloccare la
          pirateria GIURO che torno qui e pubblicamente
          ammetto che è stata tutta una giustificazione per
          poter usare i DRM. Per quelli che acclamano tanto
          Torchlite (o attendono il due) devo dire che il
          primo l'ho giocato su Steam ma non vale la metà
          di Diablo 3 soprattutto come rigiocabilità,
          vedremo il
          2.tl:drSenti, tu stai giustificando l'ingiustificabile. Hanno voluto speculare su un seguito molto atteso, obbligando le gente a stare online pure per giocare la campagna singola.Non esiste il pvp, vogliono farti comprare oggetti virtuali con denaro vero...tutto questo spendedo 60 euro per un gioco su pc....Se non trovi che blizzard ha fatto l'idiozia, mi spiace....se si trattava di ubisoft, ci sarebbero stati tumulti peggiori.
        • prova123 scrive:
          Re: Proteggono il server non il client
          Diablo 3 è un Diablo 2 Mission Pack Online: innovazione Zero dalla storie alle dinamiche di gioco, a partire dal Macellaio ...
          • prova123 scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            Se almeno lo avessero colorato di verde e con una roncola in mano lo avessero chiamato il Verduriere sarebbe stata già una botta di vita :D
          • Cotton scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            - Scritto da: prova123
            Diablo 3 è un Diablo 2 Mission Pack Online:
            innovazione Zero dalla storie alle dinamiche di
            gioco, a partire dal Macellaio
            ...Bene questa è l'unica buona notizia.... speriamo levino sta ca..ata di attivazione "perenne-onile" e lo compro subito...
          • Sgabbio scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            Minimo minimo dovrebbero fare una MEGA PATCH da 10 GB.
          • Cotton scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            beh che la facciano allora.
          • prova123 scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            PS: Ho finito Diablo II sul netbook, va che è una favola ... ntoc*lo <s
            Blizzard </s
            DiabloIII :D
          • Sgabbio scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            La mia era una battuta: Dovrebbero praticamenre rifare buona parte del gioco.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Proteggono il server non il client
            Non credo che faccia sotterfiugi da legenda mentropolitana su crack e hack, nel suo gioco. E' probabile che molte delle funzionalità del titolo saranno messo offline, sopratutto per il signle player
  • guugle scrive:
    bel gioco
    nessuno vi obbliga a comprarlo, trollare è simpatico ma abbastanza inutile
    • krane scrive:
      Re: bel gioco
      - Scritto da: guugle
      nessuno vi obbliga a comprarlo, trollare è
      simpatico ma abbastanza inutileInfatti: denunce e class action sono piu' utili.
    • diego lagos scrive:
      Re: bel gioco
      - Scritto da: guugle
      nessuno vi obbliga a comprarlo, trollare è
      simpatico ma abbastanza
      inutileIn realtà nessuno mi obbliga, ma se tu mi obbligli a stare sempre connesso per giocare e poi sei tu a mancare (lag dei server, server giù, manutenzione), io ho il sacrosanto diritto di sbroccare :DVisto che lo scherzetto mi è costato 60, perciò mi sembra giusto patti chiari e amicizia lunga, tu non fai mai crollare i server e io in cambio non rompo.In caso contrario...
    • harvey scrive:
      Re: bel gioco
      - Scritto da: guugle
      nessuno vi obbliga a comprarlo, trollare è
      simpatico ma abbastanza
      inutileMa la blizzard e' obbligata a far giocare chi ha comprato il gioco.Se non lo fa e' giusto che la gente si lamenti e che chieda indietro i soldi, visto che loro non hanno rispettato il contratto
    • Sgabbio scrive:
      Re: bel gioco
      - Scritto da: guugle
      nessuno vi obbliga a comprarlo, trollare è
      simpatico ma abbastanza
      inutileIo non ho comprato il gioco, quando avevano annucciato questa XXXXXta 2 anni fà :DLa retorica del "nessuno vi obbliga..." tienitela peri forum dei bimboXXXXXXX.
  • pippo75 scrive:
    W i DRM
    W i DRM, W tutte queste cose che rendono difficile la vita, W la connessione obbligatoria per giocare.Dal mio punto di vista sono tutte scuse per tenere dobloni sotto al materasso. Dobloni che posso usare per altri scopi.Se ero incerto quando comperare certi giochi, con questa scusa sono certo di non comperarlo.
    • Sgabbio scrive:
      Re: W i DRM
      - Scritto da: pippo75
      W i DRM, W tutte queste cose che rendono
      difficile la vita, W la connessione obbligatoria
      per
      giocare.

      Dal mio punto di vista sono tutte scuse per
      tenere dobloni sotto al materasso. Dobloni che
      posso usare per altri
      scopi.

      Se ero incerto quando comperare certi giochi, con
      questa scusa sono certo di non
      comperarlo.Adesso diventeri un pirata agli occhi dei pirate haters.
  • Carlo scrive:
    Basta DRM, non imparano mai.
    http://www.humblebundle.com/Il quinto bundle venduto ha fatto guadagnare alle società indie partecipanti la bellezza di cinque milioni di dollari in qualche settimana.Tutti provenienti da pagamenti in misura volontaria (vuoi pagare un euro, eccoti i giochi, ne vuoi pagare 20? eccoti gli stessi giochi).E praticamente quei guadagni son netti, finiti dritti dritti nelle tasche degli sviluppatori (o in opere di carità) e non in quelle del produttore.Tutti i giochi sono tripiattaforma e totalmente privi di drm.
  • salve a tutti scrive:
    quello che penso
    XXXXXO CHI LEGGE QUI p)
    • MegaJock scrive:
      Re: quello che penso
      - Scritto da: salve a tutti
      XXXXXO CHI LEGGE QUI p)Odi gli omosessuali? Se è così non ti piacciono le lesbiche. Quindi sei XXXXXo.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: quello che penso
        - Scritto da: MegaJock
        Odi gli omosessuali? Se è così non ti piacciono
        le lesbiche. Quindi sei
        XXXXXo.non mi hai convinto
  • deathbyslay er scrive:
    fatevi furbi gente!!
    (rotfl)(rotfl)(rotfl)io dico solo na cosa....NON COMPRATE IL GIOCO...semplice no? vedrete che quando non avranno neanche un centesimo in tasca cambieranno modo di fare..FATEVI FURBI..loro l'hanno fatto, perche voi non fate altrettanto???
  • attonito scrive:
    di che si lamentano?
    Se al posto di sconnettere il cervello e aprire il portafogli avessero letto le scritte in piiiiiiccolo sul retro della scatola del gioco, avrebbero letto la frase "richiede una connessione permanente ad internet".Di XXXXXXXXX e' pieno il mondo, blizzard lo sa e ne approfitta.
    • harvey scrive:
      Re: di che si lamentano?
      Ma se la legge protegge l'XXXXXXXXX e' giusto che la gente gli fa causa e spenna la blizzard :P
      • iome scrive:
        Re: di che si lamentano?
        - Scritto da: harvey
        Ma se la legge protegge l'XXXXXXXXX e' giusto che
        la gente gli fa causa e spenna la blizzard
        :Psu diecimila fregati denuncia uno, per cui alla fine blizzard e' sempre in attivo. l'unica strada e' il non comprare: ma come detto, di XXXXXXXXX e' pieno il mondo, quindi vinceranno sembre quelli di blizzard.
        • harvey scrive:
          Re: di che si lamentano?
          - Scritto da: iome
          su diecimila fregati denuncia uno, per cui alla
          fine blizzard e' sempre in attivo. l'unica strada
          e' il non comprare: ma come detto, di XXXXXXXXX
          e' pieno il mondo, quindi vinceranno sembre
          quelli di
          blizzard.Con un sistema malato come in italiaCon la class action uno denuncia e poi in 10000 si accodano a prendere i soldiSarà un caso che in italia fanno di tutto per non far arrivare questa stupenda norma a favore del consumatore?
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: di che si lamentano?
            - Scritto da: harvey
            Con un sistema malato come in italia

            Con la class action uno denuncia e poi in 10000
            si accodano a prendere i
            soldi

            Sarà un caso che in italia fanno di tutto per non
            far arrivare questa stupenda norma a favore del
            consumatore?Sarà, io poi sul seguito della famosa class action di erin brockovich ho letto solo brutte cose.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: di che si lamentano?
      contenuto non disponibile
      • iome scrive:
        Re: di che si lamentano?
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: attonito

        "richiede una

        connessione permanente ad

        internet".

        puoi avere anche tutta la banda internet del
        mondo, ma se il loro server è
        down...
        Il messaggio è fuorviante.perche credi che io non abbia comprato tale gioco-XXXXXta? :D
        • Sgabbio scrive:
          Re: di che si lamentano?
          - Scritto da: iome
          - Scritto da: unaDuraLezione

          - Scritto da: attonito


          "richiede una


          connessione permanente ad


          internet".



          puoi avere anche tutta la banda internet del

          mondo, ma se il loro server è

          down...

          Il messaggio è fuorviante.

          perche credi che io non abbia comprato tale
          gioco-XXXXXta?
          :DNemmeno io ho scomprato un gioco. Spendere 60 euro per aver qualcosa che può essere inusabile per casue esterne al gioco stesso, mi sembra peggio del signoraggio bancario :D
    • . . . scrive:
      Re: di che si lamentano?
      - Scritto da: attonito
      Se al posto di sconnettere il cervello e aprire
      il portafogli avessero letto le scritte in
      piiiiiiccolo sul retro della scatola del gioco,
      avrebbero letto la frase "richiede una
      connessione permanente ad
      internet".
      Di XXXXXXXXX e' pieno il mondo, blizzard lo sa e
      ne
      approfitta.Infatti. Non ci fosse scritto nulla, capirei.Bastava leggere e lasciarlo sullo scaffale e bye bye Blizzard !Invece così gli XXXXXXXXX hanno creato un precedente e ora le altre Blizzard del mondo saranno tentate a seguire questa strada.Complimenti !
      • krane scrive:
        Re: di che si lamentano?
        - Scritto da: . . .
        - Scritto da: attonito

        Se al posto di sconnettere il cervello e
        aprire

        il portafogli avessero letto le scritte in

        piiiiiiccolo sul retro della scatola del
        gioco,

        avrebbero letto la frase "richiede una

        connessione permanente ad

        internet".

        Di XXXXXXXXX e' pieno il mondo, blizzard lo
        sa
        e

        ne

        approfitta.

        Infatti.

        Non ci fosse scritto nulla, capirei.
        Bastava leggere e lasciarlo sullo scaffale e bye
        bye Blizzard
        !
        Invece così gli XXXXXXXXX hanno creato un
        precedente e ora le altre Blizzard del mondo
        saranno tentate a seguire questa
        strada.

        Complimenti !http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3545585&m=3547043#p3547043
        • . . . scrive:
          Re: di che si lamentano?
          Quindi ?Tutte conseguenze tranquillamente prevedibili.Conseguenze che si sarebbero potute benissimo minimizzare se il gioco non avesse la connessione obbligatoria (cosa del resto assurda per il semplice motivo che ancora oggi nonostante i notevoli passi avanti non esiste una connessione affidabile ed economica alla portata di chiunque, ovunque) rendendo di fatto il gioco stesso quasi inutilizzabile.Ergo ci sto alla larga e non butto soldi.Stiamo parlando di un giochino (che a me piace intendiamoci) alla fine, non di chissà che...
          • krane scrive:
            Re: di che si lamentano?
            - Scritto da: . . .
            Quindi ?
            Tutte conseguenze tranquillamente prevedibili.Cioe' se io chiamo un taxi devo tranquillamente prevedere che questi non arrivi, che al conducente venga un infarto mentre guida, che il serbatoio dell'auto esploda, che mi atterri un 747 nella strada dove mi sta portando ?Cioe' per te e' normale ?
            Conseguenze che si sarebbero potute benissimo
            minimizzare se il gioco non avesse la connessione
            obbligatoria (cosa del resto assurda per il
            semplice motivo che ancora oggi nonostante i
            notevoli passi avanti non esiste una connessione
            affidabile ed economica alla portata di chiunque,
            ovunque) rendendo di fatto il gioco stesso quasi
            inutilizzabile.Esatto, questo dicevo anche io.
            Ergo ci sto alla larga e non butto soldi.
            Stiamo parlando di un giochino (che a me
            piace intendiamoci) alla fine, non di
            chissà che...A me neanche piace :D preferisco i giochi a turni: Civilization, Jagged Alliance.
          • . . . scrive:
            Re: di che si lamentano?
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: . . .

            Quindi ?


            Tutte conseguenze tranquillamente
            prevedibili.

            Cioe' se io chiamo un taxi devo tranquillamente
            prevedere che questi non arrivi, che al
            conducente venga un infarto mentre guida, che il
            serbatoio dell'auto esploda, che mi atterri un
            747 nella strada dove mi sta portando
            ?
            Cioe' per te e' normale ?Il tuo esempio no. Mi ricorda John Belushi. :-DVa beh, ma con i server lo sai cosa potrebbe accadere no ?!.

            Conseguenze che si sarebbero potute benissimo

            minimizzare se il gioco non avesse la
            connessione

            obbligatoria (cosa del resto assurda per il

            semplice motivo che ancora oggi nonostante i

            notevoli passi avanti non esiste una
            connessione

            affidabile ed economica alla portata di
            chiunque,

            ovunque) rendendo di fatto il gioco stesso
            quasi

            inutilizzabile.

            Esatto, questo dicevo anche io.Be su questo punto siamo tutti d'accodo mi sembra...

            Ergo ci sto alla larga e non butto soldi.

            Stiamo parlando di un giochino (che a me

            piace intendiamoci) alla fine, non di

            chissà che...

            A me neanche piace :D preferisco i giochi a
            turni: Civilization, Jagged
            AllianceHummm... no. Preferisco il real time.Ma la cosa che mi piaceva di più nelle versioni precedenti era scrivere del SW per potenziare il personaggio. Era ancora più divertente che giocarci ! :-)
          • krane scrive:
            Re: di che si lamentano?
            - Scritto da: . . .
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: . . .


            Quindi ?


            Tutte conseguenze tranquillamente

            prevedibili.

            Cioe' se io chiamo un taxi devo

            tranquillamente prevedere che questi

            non arrivi, che al conducente venga

            un infarto mentre guida, che il

            serbatoio dell'auto esploda, che

            mi atterri un 747 nella strada dove

            mi sta portando
            ?

            Cioe' per te e' normale ?
            Il tuo esempio no. Mi ricorda John Belushi. :-D
            Va beh, ma con i server lo sai cosa potrebbe
            accadere no ?!.Quello che "potrebbe" accadere anche al taxi, certo e' possibile, pero' l'utente che paga 60E per comprarsi il gioco ha tutto il diritto di protestare e di farsi pagare il disservizio.


            Conseguenze che si sarebbero potute


            benissimo minimizzare se il gioco non


            avesse la connessione obbligatoria (cosa


            del resto assurda per il semplice motivo


            che ancora oggi nonostante i notevoli passi


            avanti non esiste una connessione


            affidabile ed economica alla portata


            di chiunque, ovunque) rendendo di fatto il


            gioco stesso quasi inutilizzabile.

            Esatto, questo dicevo anche io.
            Be su questo punto siamo tutti d'accodo mi
            sembra...


            Ergo ci sto alla larga e non butto
            soldi.


            Stiamo parlando di un giochino (che a


            me piace intendiamoci) alla fine, non


            di chissà che...

            A me neanche piace :D preferisco i giochi

            a turni: Civilization, Jagged

            Alliance
            Hummm... no. Preferisco il real time.
            Ma la cosa che mi piaceva di più nelle versioni
            precedenti era scrivere del SW per potenziare il
            personaggio.
            Era ancora più divertente che giocarci ! :-)Non conosco nello specifico, ma in genera anche a me piace mettere mano quando posso.
  • Dhamon scrive:
    DRM controproducenti
    Il problema è che con questi DRM alla fine si incentiva la pirateria perché risulta molto più semplice giocare col gioco pirata. Io presi starcraft 2 al lancio ma dopo un po' inizia a giocare alla versione pirata (non mi interessa il multiplayer) perché ti permetteva di giocare senza connessioni ad internet...
    • harvey scrive:
      Re: DRM controproducenti
      No, diablo 3 non e' facilmente piratabile.Semplicemente perche' parti del programma sono sul server, quindi devono emulare una parte del gioco, non solo evitare una protezioneSecondo me l'unica strada e' fargli spendere tutti i soldi guadagnati in cause
      • mcmcmcmcmc scrive:
        Re: DRM controproducenti
        - Scritto da: harvey
        No, diablo 3 non e' facilmente piratabile.

        Semplicemente perche' parti del programma sono
        sul server, quindi devono emulare una parte del
        gioco, non solo evitare una
        protezione

        Secondo me l'unica strada e' fargli spendere
        tutti i soldi guadagnati in
        causeo smettere di coprare da loro. Non è obbligo utilizzare i loro giochi.
        • harvey scrive:
          Re: DRM controproducenti
          - Scritto da: mcmcmcmcmc
          o smettere di coprare da loro. Non è obbligo
          utilizzare i loro
          giochi.Ma perche' la gente e' così limitata?Vedi oltre la videoteca?Sai, se loro ci guadagnano perche' i pecoroni comprano qualsiasi cosa, i prossimi giochi saranno cosi', pure quelli segni di essere comprati (e diablo 3 di sicuro non vale i soldi a cui e' venduto) Se ci perdono sarà l'ennesima protezione caduta nel dimenticatoioUn gioco bello e venduto al giusto prezzo non ha bisogno di protezione.Un gioco comprato solo per l'Hype e venduto a un prezzo esagerato ha bisogno delle protezioni!
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: DRM controproducenti
            - Scritto da: harvey
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            o smettere di coprare da loro. Non è obbligo

            utilizzare i loro

            giochi.

            Ma perche' la gente e' così limitata?

            Vedi oltre la videoteca?sai quanti hanni è che non vedo una videoteca?

            Sai, se loro ci guadagnano perche' i pecoroni
            comprano qualsiasi cosa, non è detto che siano pecoroni. Magari hanno scelto con cognizione
            i prossimi giochi
            saranno cosi', pure quelli segni di essere
            comprati (e diablo 3 di sicuro non vale i soldi a
            cui e' venduto)
            se è degno si compra. E chi decide se è degno? Fosse per me nessun gioco sarebbe degno, visto che mi rompo pesantemente le balle a giocare. Gli ultimi giochi che ricordo sono quelli distribuiti per MAME.

            Se ci perdono sarà l'ennesima protezione caduta
            nel
            dimenticatoio

            Un gioco bello e venduto al giusto prezzo non ha
            bisogno di
            protezione.
            Un gioco comprato solo per l'Hype e venduto a un
            prezzo esagerato ha bisogno delle
            protezioni!concordo. E lo si può lasciare dove è.
          • harvey scrive:
            Re: DRM controproducenti
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            non è detto che siano pecoroni. Magari hanno
            scelto con
            cognizioneE con quale cognizione?Hanno prima potuto provarlo? Non mi pare che sia stata rilasciata una demoIl 90% l'ha comprato per il ricordo di diablo II
            concordo. E lo si può lasciare dove è.Certo, ma di sicuro non mi dispiace chi utilizza le forme legali giustamente autorizzate dalle varie nazioni per spennarli
          • axl scrive:
            Re: DRM controproducenti
            - Scritto da: harvey
            Hanno prima potuto provarlo?

            Non mi pare che sia stata rilasciata una demonon ci siamo.. non sei informato.. hanno fatto 3 giorni di prova gratuiti..
          • Sgabbio scrive:
            Re: DRM controproducenti
            - Scritto da: axl
            - Scritto da: harvey


            Hanno prima potuto provarlo?



            Non mi pare che sia stata rilasciata una demo

            non ci siamo.. non sei informato..
            hanno fatto 3 giorni di prova gratuiti..Ehm...dove?
          • Ote scrive:
            Re: DRM controproducenti
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: axl

            - Scritto da: harvey




            Hanno prima potuto provarlo?





            Non mi pare che sia stata rilasciata una demo



            non ci siamo.. non sei informato..

            hanno fatto 3 giorni di prova gratuiti..

            Ehm...dove?Il gioco e' stato accessibile a tutti prima della vendita.Inoltre sul gioco sono stati scritti fiumi di inchiostro.Dato che c'e' chi come te sa leggere e sa prendere decisioni autonome, bisogna presumere che c'e' chi ha scelto deliberatamentredi acquistare nonostante le limitazioni.Ovviamente siccome non hanno fatto come te, sono tutti stupidi.
          • krane scrive:
            Re: DRM controproducenti
            - Scritto da: Ote
            - Scritto da: Sgabbio

            - Scritto da: axl


            - Scritto da: harvey






            Hanno prima potuto provarlo?







            Non mi pare che sia stata
            rilasciata una
            demo





            non ci siamo.. non sei informato..


            hanno fatto 3 giorni di prova gratuiti..



            Ehm...dove?

            Il gioco e' stato accessibile a tutti prima della
            vendita.
            Inoltre sul gioco sono stati scritti fiumi di
            inchiostro.
            Dato che c'e' chi come te sa leggere e sa
            prendere decisioni autonome, bisogna presumere
            che c'e' chi ha scelto deliberatamentredi
            acquistare nonostante le limitazioni.E contando che i server del gioco funzionassero cosi' come Blizzard aveva garantito. Questo non e' avvenuto quindi scattano le giuste denunce.
            Ovviamente siccome non hanno fatto come te, sono
            tutti stupidi.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: DRM controproducenti
        contenuto non disponibile
      • axl scrive:
        Re: DRM controproducenti
        - Scritto da: harvey
        No, diablo 3 non e' facilmente piratabile.

        Semplicemente perche' parti del programma sono
        sul server, quindi devono emulare una parte del
        gioco, non solo evitare una
        protezione
        ehm.. c'è già... non l'ho provato ma so che c'è già per certo.. magari non va..
        • harvey scrive:
          Re: DRM controproducenti
          - Scritto da: axl
          ehm.. c'è già... non l'ho provato ma so che c'è
          già per certo.. magari non
          va..Sei poco informato...C'e' ma e' estremamente bacato (ingiocabile)Per emulare tutto il server mi sa che un po' ci vorrà
          • axl scrive:
            Re: DRM controproducenti
            - Scritto da: harvey
            - Scritto da: axl

            ehm.. c'è già... non l'ho provato ma so che
            c'è

            già per certo.. magari non

            va..

            Sei poco informato...

            C'e' ma e' estremamente bacato (ingiocabile)

            Per emulare tutto il server mi sa che un po' ci
            vorràinfatti ho detto che non l'ho provato.. ho solo visto che c'è.. pian piano ci sarà tutto, questo intendevo.. i giochi ubisoft han fatto la stessa fine..
          • mura scrive:
            Re: DRM controproducenti
            - Scritto da: axl
            infatti ho detto che non l'ho provato.. ho solo
            visto che c'è.. pian piano ci sarà tutto, questo
            intendevo.. i giochi ubisoft han fatto la stessa
            fine..Si ma un conto è il launcher di Assassin's Creed che fa poco più che salvare i progressi e validarti un acXXXXX, un altro conto è quello di D3 che contiene un sacco di logica di programma tra cui anche l'intelligenza artificale dei Boss o le posizioni di spawn dei mob. Fare una cosa simile significa, oltre che scrivere tutto il motore, anche popolare un database con un sacco di cose, se per World of Warcraft di archivi completi non ce ne sono dopo anni che è uscito mi sa che per D3 ci si metterà parecchio.
  • unaDuraLezione scrive:
    Le nuove automobili...
    contenuto non disponibile
    • panda rossa scrive:
      Re: Le nuove automobili...
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Le nuove automobili vengono vendute con un sim
      per telefonia mobile
      integrata.
      Tali sim sono in continuo contatto con la casa
      produttrice.
      Se per caso si perde la linea (o si sovraccarica)
      oppure fallisce la casa produttrice, l'automobile
      giustamente smette di
      funzionare.

      Perché questo scenario sembra così ridicolo
      mentre la gente accetta l'analogo scenario del
      DRM, ovvero un legame forzato ed artefatto che
      può solo causare
      malfunzionamenti?Chi ti ha detto che la gente accetta?Qui ne abbiamo parlato, e mi pare che, a parte i soliti inconsapevoli, tutti gli altri abbiano rifiutato l'idea di un simile DRM.Analogamente per la sim nell'auto, e' da idioti accettare una cosa del genere.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Le nuove automobili...
        contenuto non disponibile
        • krane scrive:
          Re: Le nuove automobili...
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: panda rossa

          Chi ti ha detto che la gente accetta?
          Il fatto stesso che è stato fatto.
          Per le automobili invece non è stato fatto e non
          sarà mai (spero) preso in considerazione.Come pensi che funzionino i nuovi GPS che si aggiornano in tempo reale ? E le auto a guida automatica ?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            contenuto non disponibile
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: krane


            Come pensi che funzionino i nuovi GPS che si

            aggiornano in tempo reale ? E le auto a guida

            automatica

            ?

            Sicuramente non arrestano l'auto.
            Oddio mi ricordo di modello giapponese che
            rifiutava di superare ilimiti di velocità a meno
            che il GPS non rilevasse di essere su una delle
            piste
            nazionali.da quel che so, ci sono gps che o li aggiorni o smettono di andare. Così mi si dice.
          • krane scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: krane

            Come pensi che funzionino i nuovi GPS che si

            aggiornano in tempo reale ? E le auto a guida

            automatica ?
            Sicuramente non arrestano l'auto.Infatti, anche gli antifurti ti inchiodano le ruote nelle auto costose, e' una questione software le tecnologie a bordo ci sono gia' tutte.
            Oddio mi ricordo di modello giapponese che
            rifiutava di superare ilimiti di velocità a meno
            che il GPS non rilevasse di essere su una delle
            piste nazionali.
        • trullo scrive:
          Re: Le nuove automobili...
          il giorno che steam fallisce ne riparliamo ;-)
    • francesco ferrarelli scrive:
      Re: Le nuove automobili...
      Perche' l'auto non la puoi duplicare gratis, ecco perche'
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Le nuove automobili...
        contenuto non disponibile
        • Avvocato del Diavolo scrive:
          Re: Le nuove automobili...
          - Scritto da: unaDuraLezione
          Tu dici che la gente accetta quel tipo di DRM
          perché il gioco è
          duplicabile?
          Cioè si sente in colpa per qualcosa che non ha
          fatto ancor prima di procedere
          all'acquisto?...è incredibile come riusciate a discutere l'un con l'altro per qualcosa su cui siete tutti d'accordo! Qui non si confrontano le idee... si discute per il gusto di discutere e per aver l'ultima parola! (rotfl)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            contenuto non disponibile
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Avvocato del Diavolo

            - Scritto da: unaDuraLezione


            Tu dici che la gente accetta quel tipo
            di
            DRM


            perché il gioco è


            duplicabile?


            Cioè si sente in colpa per qualcosa che
            non
            ha


            fatto ancor prima di procedere


            all'acquisto?



            ...è incredibile come riusciate a discutere
            l'un

            con l'altro per qualcosa su cui siete tutti

            d'accordo!

            Io sto solo cercando di capire.
            Il problema duplicabilità rigarda chi vende, non
            chi compra per cui mi sembra strano che chi
            compra accetti il DRM per un problema di chi
            vende.
            O sbaglio?il non accettare sarebbe il non comprare. Chi compra valuta il prodotto. Nel prodotto c'è da valutare anche il DRM. E poi ciascuno sceglie in libertà. Il DRM fa calare la valutazione del prodotto per chi lo deve comperare, ma quanto? Tanto da rinunciare al prodotto? A volte sì, a volte no.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            contenuto non disponibile
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            il non accettare sarebbe il non comprare.

            sì.


            Chi compra valuta il prodotto.

            No.
            Chi compra valuta il gioco, non il prodotto.e sbaglia. Come chi compra prodotti alimentari senza leggere e capire l'etichetta. Se compra cibo per mosche, un po' se lo cerca.
            Solo una piccolissima minoranza legge ciò che c'è
            scritto dietro la confezione... figurati quanti
            si informano su quello che *NON* c'è
            scritto.e qui non conosco il problema, che non gioco e non compro, di conseguenza, giochi. Ma mi pare che manchi una normativa che regoli le informazioni da fornire.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            contenuto non disponibile
          • Izio01 scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: unaDuraLezione

            - Scritto da: mcmcmcmcmc




            il non accettare sarebbe il non
            comprare.



            sì.




            Chi compra valuta il prodotto.



            No.

            Chi compra valuta il gioco, non il prodotto.

            e sbaglia. Come chi compra prodotti alimentari
            senza leggere e capire l'etichetta. Se compra
            cibo per mosche, un po' se lo
            cerca.
            Un po' sì, è come dici tu, ma tu vorresti vivere in una realtà in cui dovresti leggere l'etichetta di ogni cosa che compri, ogni volta che la compri (le EULA cambiano nel tempo) perché potrebbe contenere qualsiasi clausola?Non mi intendo di diritto, ma credo ad esempio che nei negozi sia vietato mettere il diserbante per baobab di fianco al caffè - e comunque sul pacco di diserbante ci va il teschione nel triangolo (e bene in evidenza, non in microcaratteri corpo 2, in una riga nascosta sul retro).Come dice UDL, secondo me dovrebbe essere imposta per legge la presenza di una frase chiara, su qualcosa come almeo il 30% della superficie FRONTALE del prodotto. Qualcosa tipo: "Attenzione, gioco senza garanzie, richiede connessione costante ad internet ed è disattivabile dal fornitore a proprio piacimento". Vedrai che il babbo che va a comprare un regalo al figliolo, davanti a un messaggio così ci pensa due volte.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: unaDuraLezione


            - Scritto da: mcmcmcmcmc






            il non accettare sarebbe il non

            comprare.





            sì.






            Chi compra valuta il prodotto.





            No.


            Chi compra valuta il gioco, non il
            prodotto.



            e sbaglia. Come chi compra prodotti
            alimentari

            senza leggere e capire l'etichetta. Se compra

            cibo per mosche, un po' se lo

            cerca.



            Un po' sì, è come dici tu, ma tu vorresti vivere
            in una realtà in cui dovresti leggere l'etichetta
            di ogni cosa che compri, ogni volta che la compri
            (le EULA cambiano nel tempo) perché potrebbe
            contenere qualsiasi
            clausola?
            Non mi intendo di diritto, ma credo ad esempio
            che nei negozi sia vietato mettere il diserbante
            per baobab di fianco al caffè - e comunque sul
            pacco di diserbante ci va il teschione nel
            triangolo (e bene in evidenza, non in
            microcaratteri corpo 2, in una riga nascosta sul
            retro).
            Come dice UDL, secondo me dovrebbe essere imposta
            per legge la presenza di una frase chiara, su
            qualcosa come almeo il 30% della superficie
            FRONTALE del prodotto. Qualcosa tipo:
            "Attenzione, gioco senza garanzie, richiede
            connessione costante ad internet ed è
            disattivabile dal fornitore a proprio
            piacimento". Vedrai che il babbo che va a
            comprare un regalo al figliolo, davanti a un
            messaggio così ci pensa due
            volte.le informazioni necessarie devono essere in etichetta. Tra le informazioni necessarie anche un indirizzo a una pagina web di dettaglio, con tutte le informazioni possibili e immaginabili. Questo è quello che servirebbe.
          • Izio01 scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            le informazioni necessarie devono essere in
            etichetta. Tra le informazioni necessarie anche
            un indirizzo a una pagina web di dettaglio, con
            tutte le informazioni possibili e immaginabili.
            Questo è quello che
            servirebbe.Secondo me non basta, e i giochi Steam peraltro fanno già così. In grande evidenza ci dev'essere la natura tossica del DRM: niente bugie o minacce, solo la pura verità: il fornitore del gioco può disattivartelo a distanza a proprio insidacabile giudizio. Una frase breve e chiara, e poi ANCHE il link al sito.Che poi leggevo che ci sono EULA, tipo quella di iTunes, che hanno il doppio di parole dell'Amleto. Vogliamo un'EULA così per ogni cosa che compriamo? :|
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: mcmcmcmcmc



            le informazioni necessarie devono essere in

            etichetta. Tra le informazioni necessarie
            anche

            un indirizzo a una pagina web di dettaglio,
            con

            tutte le informazioni possibili e
            immaginabili.

            Questo è quello che

            servirebbe.

            Secondo me non basta, e i giochi Steam peraltro
            fanno già così. In grande evidenza ci dev'essere
            la natura tossica del DRM: niente bugie o
            minacce, solo la pura verità: il fornitore del
            gioco può disattivartelo a distanza a proprio
            insidacabile giudizio. Una frase breve e chiara,
            e poi ANCHE il link al
            sito.
            Che poi leggevo che ci sono EULA, tipo quella di
            iTunes, che hanno il doppio di parole
            dell'Amleto. Vogliamo un'EULA così per ogni cosa
            che compriamo?
            :|basta evidenziare la presenza del DRM. Il "nuoce gravemente alla salute" non serve a niente. EULA lunga. Più informazioni ci sono e meglio è. Basta che ci sia l'etichetta chiara. Torno all'esempio del cibo, che mi è più congeniale. In etichetta il necessario, in modo sintetico e chiaro, incluso indirizzo web di dettaglio, che può essere lungo a piacere.
          • Ote scrive:
            Re: Le nuove automobili...

            No.
            Chi compra valuta il gioco, non il prodotto.
            Solo una piccolissima minoranza leggeSmettila di considerare gli altri come dei cretini.Oppure fornisci un dato obiettivo e verificabile e non non fondato su una tua opinione, di quanti leggono e si informano prima di comprare un giocoFornisci le percentuali della tua "piccolissima minoranza" e provale.
          • panda rossa scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            - Scritto da: Ote

            No.

            Chi compra valuta il gioco, non il prodotto.

            Solo una piccolissima minoranza legge

            Smettila di considerare gli altri come dei
            cretini.

            Oppure fornisci un dato obiettivo e verificabile
            e non non fondato su una tua opinione, di quanti
            leggono e si informano prima di comprare un
            gioco

            Fornisci le percentuali della tua "piccolissima
            minoranza" e
            provale.14%.La prova e' l'infallibile sistema di rilevazione del quale allego una foto.[img]http://img405.imageshack.us/img405/7780/imagesqtbnand9gctf2loou.jpg[/img]
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Le nuove automobili...
            - Scritto da: Avvocato del Diavolo
            - Scritto da: unaDuraLezione

            Tu dici che la gente accetta quel tipo di DRM

            perché il gioco è

            duplicabile?

            Cioè si sente in colpa per qualcosa che non ha

            fatto ancor prima di procedere

            all'acquisto?

            ...è incredibile come riusciate a discutere l'un
            con l'altro per qualcosa su cui siete tutti
            d'accordo! Qui non si confrontano le idee... si
            discute per il gusto di discutere e per aver
            l'ultima parola!
            (rotfl)all'inizio si è in accordo, poi il modo di essere in disaccordo lo si trova. Qualcosa da discutere ci deve pur essere.
        • mcmcmcmcmc scrive:
          Re: Le nuove automobili...
          - Scritto da: unaDuraLezione
          Tu dici che la gente accetta quel tipo di DRM
          perché il gioco è
          duplicabile?
          Cioè si sente in colpa per qualcosa che non ha
          fatto ancor prima di procedere
          all'acquisto?probabilmente dice che non si mette il drm in auto perchè l'auto non è replicabile a gratis.
    • MeX scrive:
      Re: Le nuove automobili...
      perhcè la macchina non è gioco?Se ti si ferma la macchina in autostrada ad Agosto e muori disatrato o causi un incidente mortale è diverso dal non riuscire a giocare a Diablo, ma davvero non ci arrivi?
      • krane scrive:
        Re: Le nuove automobili...
        - Scritto da: MeX
        perhcè la macchina non è gioco?
        Se ti si ferma la macchina in autostrada ad
        Agosto e muori disatrato o causi un incidente
        mortale è diverso dal non riuscire a giocare a
        Diablo, ma davvero non ci arrivi?Se il server di Diablo avesse funzionato che bisogno avrebbe avuto di prendere la macchina ed andare in vacanza ? Stava a casa a giocare no ?Tutta colpa dei DRM comunque, tie' !
    • Genoveffo il terribile scrive:
      Re: Le nuove automobili...
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Le nuove automobili vengono vendute con un sim
      per telefonia mobile
      integrata.
      Tali sim sono in continuo contatto con la casa
      produttrice.
      Se per caso si perde la linea (o si sovraccarica)
      oppure fallisce la casa produttrice, l'automobile
      giustamente smette di
      funzionare.

      Perché questo scenario sembra così ridicolo
      mentre la gente accetta l'analogo scenario del
      DRM, ovvero un legame forzato ed artefatto che
      può solo causare
      malfunzionamenti?Perchè npn sono tutti utenti disinformati e bambini cretinotti, tu che dici?E comunque sono quasi certo che se le vetture funzionassero così ci sarebbe chi le compra, in nome di una non si sa quale "sicurezza"...
      • Teo_ scrive:
        Re: Le nuove automobili...
        - Scritto da: Genoveffo il terribile

        Se per caso si perde la linea (o si
        sovraccarica)

        oppure fallisce la casa produttrice,
        l'automobile

        giustamente smette di

        funzionare.
        E comunque sono quasi certo che se le vetture
        funzionassero così ci sarebbe chi le compra, in
        nome di una non si sa quale
        "sicurezza"...Io sono stato bloccato in passato grazie allantifurto satellitare dellauto dellazienda per cui lavoravo.
    • The Dude scrive:
      Re: Le nuove automobili...
      Uno che solo pensa di comprare una macchina così è semplicemente un idiota e si merita che gli si fermi la macchina a caso.
Chiudi i commenti