Accessibilità, molto ancora da fare

Ne parla l'Unione Italiana dei Ciechi che da un lato applaude alla normativa appena pubblicata in Gazzetta Ufficiale e dall'altro spiega perché non è sufficiente. Sì alle agevolazioni per l'acquisto delle tecnologie più evolute
Ne parla l'Unione Italiana dei Ciechi che da un lato applaude alla normativa appena pubblicata in Gazzetta Ufficiale e dall'altro spiega perché non è sufficiente. Sì alle agevolazioni per l'acquisto delle tecnologie più evolute


Roma – Soddisfazione e apprezzamento per il varo della nuova legge sull’accessibilità dei sistemi informatici, la cosiddetta Legge Stanca , sono stati espressi all’indomani della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dal presidente dell’ Unione Italiana dei Ciechi , Tommaso Daniele. E questo nonostante il lavoro sull’accessibilità nell’era digitale sia tutt’altro che concluso.

Secondo Daniele, la nuova legge compie un balzo in avanti che consente di superare molto dell’attuale divario digitale rendendo accessibili ai disabili, attraverso le nuove tecnologie, informazioni e servizi di pubblico interesse e della pubblica amministrazione. “Il provvedimento – ha dichiarato Daniele – è un contributo decisivo per promuovere lo sviluppo di una società dell’informazione veramente aperta a tutti, ispirata all’esigenza di rispondere ai bisogni di ogni individuo, a prescindere dalle condizioni sociali, fisiche o economiche. Abbattere le barriere che impediscono la piena partecipazione democratica di tutti i cittadini alla vita del Paese, infatti, rappresenta un grande segno di civiltà, e assume ancora più valore proprio perché cade nell’anno dedicato ai disabili”.

Quando lo scorso dicembre la legge fu approvata , Daniele aveva sottolineato l’assenza di una qualche forma di sanzione per quegli editori che non mettano a disposizione copie digitali delle proprie pubblicazioni. Da questo punto di vista la normativa si limita ad un invito generico.

Secondo Daniele, proprio in virtù del fatto che nella legge si parla di accessibilità ai testi scolastici da parte di alunni disabili, il Governo dovrebbe “subordinare i contributi alle case editrici alla messa a disposizione di supporti digitali accessibili alle persone con disabilità”.

Passi successivi che andrebbero poi fatti sul piano dell’accessibilità, secondo la UIC dovrebbero prevedere l’inserimento degli screen reader e dei sistemi di acquisizione dei testi indipendenti dall’utilizzo del computer tra gli strumenti di ausilio per disabili inclusi nel nomenclatore del ministero della Salute, in modo che sia più facile per i disabili dotarsi di questi strumenti tecnologici, come già avviene per i sistemi di sintesi vocale o i display braille.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 01 2004
Link copiato negli appunti