Accessibilità: due nuove app mobile da Google

Si chiamano Live Transcribe e Sound Amplifier: sono le nuove applicazioni per l'accessibilità di Google, dedicate a chi ha problemi di udito.

La tecnologia e le sue innovazioni al servizio dell’accessibilità. Un impegno di lunga data per Google, che oggi presenta sulle pagine del proprio blog ufficiale due nuove applicazioni Android destinate a chi ha problemi di udito, sviluppate in modo da semplificare l’interazione con gli altri e migliorare la comprensione di ciò che avviene nei dintorni dell’utente, in particolare all’interno di ambienti rumorosi.

Live Transcribe

La prima si chiama Live Transcribe (Trascrizione Istantanea in italiano) e il suo nome è già di per sé piuttosto esplicativo per capire quale sia la sua funzione: ascolta ciò che viene pronunciato da uno o più interlocutori e lo trascrive in tempo reale sul display del dispositivo. Non manca la possibilità di effettuare una traduzione nella lingua desiderata (70 quelle al momento supportate), sfruttando gli algoritmi sempre più avanzate e precisi messi a punto dal gruppo di Mountain View, già alla base del servizio Translate. L’interfaccia, mostrata dallo screenshot e dal filmato seguenti, è quanto di più semplice si possa immaginare.

Live Transcribe

Non mancano una tastiera su cui scrivere le risposte per chi ha difficoltà nel pronunciarle e la compatibilità con microfoni esterni per migliorare la qualità del flusso audio acquisito.

La distribuzione di Live Transcribe prende il via nella giornata di oggi, via Play Store. I possessori di un Pixel 3 non hanno bisogno di alcun download: la feature è preinstallata e può essere attivata all’interno delle impostazioni relative all’accessibilità. Ci vorrà qualche tempo prima che l’app risulti disponibile in tutti i territori. Maggiori informazioni sulla pagina ufficiale del progetto.

Sound Amplifier

La seconda app si chiama Sound Amplifier (Amplificatore in italiano) ed è stata svelata inizialmente lo scorso anno in occasione dell’evento I/O. Risulta utile per eliminare o comunque attenuare i rumori di fondo presenti in un ambiente, amplificando invece il volume del suono proveniente da un interlocutore o da una fonte audio, migliorandone così la comprensione. Tutto ciò che bisogna fare è indossare delle cuffie o degli auricolari.

Sound Amplifier

Come si può vedere dall’immagine qui sopra, l’interfaccia dell’applicazione è composta da diversi slider utili per personalizzarne il funzionamento a seconda delle specifiche esigenze, aumentando o riducendo il volume per ogni tipologia di suono catturato dal microfono dello smartphone. È disponibile su Play Store ed è preinstallata sui Pixel 3.

Due applicazioni che mirano dunque a migliorare la quotidianità di coloro che soffrono di problemi all’apparato uditivo: una condizione che, stando alle stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, arriverà a interessare 900 milioni di persone in tutto il mondo entro il 2050.

Fonte: Google

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti