ACS:Law, sospeso l'avvocato del copyright

L'avvocato Andrew Crossley non potrà esercitare per i prossimi due anni. E dovrà coprire i costi legali con 80mila sterline. Il responsabile della società legale che voleva mettere a frutto la pirateria torna però ad accusare il suo provider
L'avvocato Andrew Crossley non potrà esercitare per i prossimi due anni. E dovrà coprire i costi legali con 80mila sterline. Il responsabile della società legale che voleva mettere a frutto la pirateria torna però ad accusare il suo provider

È stato sospeso per due anni, condannato al pagamento di quasi 80mila sterline in modo da coprire tutte le spese legali. Questa la recente sentenza del britannico Solicitors Disciplinary Tribunal , che ha obbligato l’avvocato Andrew Crossley ad abbandonare temporaneamente l’esercizio della sua professione .

Un punto d’infamia alla carriera del responsabile di ACS:Law , la società legale che aveva inviato migliaia di minacciose missive agli utenti del file sharing. Un meccanismo dal forte sapore estorsivo: pagare subito una cifra forfettaria o rischiare le fredde aule di un tribunale per difendersi dall’accusa di violazione del copyright.

Pare che Crossley non abbia contestato la maggior parte dei capi d’accusa, in seguito alla bancarotta di ACS:Law . L’avvocato britannico ha però puntato il dito contro il suo ex-provider, accusato di aver lasciato al pubblico del web una copia di backup contenente i dati – tra cui quelli sugli scariconi – della sua defunta società legale. (M.V.)

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

18 01 2012
Link copiato negli appunti