ACTA, approvato l'ultimatum alla UE

Plebiscito a Strasburgo, per obbligare le autorità del Vecchio Continente ad aprire al dibattito pubblico le negoziazioni in corso sul trattato anti-contraffazione. 663 i voti favorevoli alla recente risoluzione comune

Roma – 663 voti favorevoli, 13 contrari, 16 astenuti . Sono i numeri di un vero e proprio plebiscito, che nella giornata di ieri ha accolto a Strasburgo la recente risoluzione comune portata avanti dalle più diverse coalizioni politiche del Parlamento d’Europa. La Commissione del Vecchio Continente dovrà così replicare alle richieste dei membri parlamentari, chiarire la sua posizione circa il livello di trasparenza del famigerato Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA).

Un livello che attualmente resta piuttosto scarso: i vari dettagli sul trattato anti-contraffazione sono emersi finora unicamente grazie ad incontrollate fughe di informazioni online. Questo sarebbe inaccettabile per la stragrande maggioranza del Parlamento Europeo, che ha invocato un’apertura al dibattito pubblico delle negoziazioni in vista di un accordo che dovrebbe estendere a livello globale la tutela della proprietà intellettuale.

I membri del Parlamento dovranno quindi essere continuamente informati sui vari round di negoziazione. All’Unione Europea, l’obbligo di prendere posizione, pena il ricorso degli stessi parlamentari presso la Corte di Giustizia del Vecchio Continente . Ad obbligare le autorità europee ad informare il Parlamento, le previsioni del Trattato di Lisbona , entrato in vigore il primo dicembre del 2009.

Dettagli già annunciati dal testo della risoluzione comune recentemente presentata da vari (e indignati) parlamentari come Christian Engström del Partito Pirata. Ma la versione approvata della stessa risoluzione ha alla fine aggiunto qualche considerazione in più . In primis, il Parlamento d’Europa ha criticato la decisione delle varie nazioni coinvolte in ACTA di non ricorrere ad organizzazioni internazionali come WIPO e WTO .

Secondo, le negoziazioni dovrebbero – sempre secondo la risoluzione comune approvata – coinvolgere anche paesi in via di sviluppo, in modo da considerare tutte le parti in causa. Infine, altre due richieste. La prima, che qualsiasi accordo sulle disconnessioni dei netizen vada precedentemente esaminato dalle autorità giudiziarie . Secondo, che la lotta alla contraffazione non diventi un pretesto per impedire la diffusione globale di certi prodotti (ad esempio, medicinali) perfettamente legittimi.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • alexreader scrive:
    era ora
    Molto bello questo ereader di samsung su www.ebook-reader.it troverete altre recensioni di ereader per acquistare a colpo sicuro
  • JosaFat scrive:
    Errata corrige
    La diagonale del display è di 6 pollici e la risoluzione di 600 x 800 punti, proprio come nell'Hanlin V3/Netronix EB6000 (i più copiati reader di sempre).Vabbè, a me pare l'ennesimo modello simile al Boox della Onyx (anche il malfatto Sony PRS-700 lo era).
  • Rainheart scrive:
    Ancora non ci siamo
    Il refresh ci mette troppo tempo, aspettiamo che esca il nuovo proXXXXXre Freescale che riduce il tempo di refresh al 25% di quello attuale e aumenta l'autonomia della batteria. p)
  • Nemo scrive:
    Ma nessuno parla della resistenza?
    Leggo la maggior parte dei miei libri a letto per addormentarmi, li trovo molto più economici dei sonniferi e meno tossici...Qualche volta mi è capitato di far cadere il libro per terra, e mi domando, ma hanno pensato a anche questa renderlo abbastanza resistente da non scassarsi alla prima caduta?
    • Jhonny Mangoni scrive:
      Re: Ma nessuno parla della resistenza?
      I reader in sé non sono resistentissimi, anche se sicuramente accusano il colpo meno di un portatile. Però puoi sempre comprarti una custodia protettivo in silicone, plastica o alluminio. Per kindle e per i reader della sony ci sono già
    • stefdragon scrive:
      Re: Ma nessuno parla della resistenza?
      - Scritto da: Nemo
      Qualche volta mi è capitato di far cadere il
      libro per terra, e mi domando, ma hanno pensato a
      anche questa renderlo abbastanza resistente da
      non scassarsi alla prima
      caduta?è quello che mi sto domandando anche io fin dall'inizio.Tra le volte che i libri mi sono caduti per terra, o quelle in cui me li sono portati in spiaggia e mi sono caduti nella sabbia, oppure in piscina quando arriva l'amico simpatico di turno e ti lava da capo a piedi con un gavettone (compreso tutto ciò che c'è intorno a te), non capisco proprio come non si possa pensare in modo PRIORITARIO alla robustezza e all'economicità di questi device.Voglio proprio vedere il tizio che la mattina si sveglia con lo schermo dell'ipad o similari sfasciato sotto la schiena o sul pavimento, o che se lo porta al mare e lo ritrova immerso nella sabbia per metà (sempre che non glielo freghino prima).Figuriamoci poi per gli usi nel campo dell'istruzione, magari sommerso nelle cartelle e zainetti degli studenti che transitano su autobus affollatissimi, sfidando pioggia e neve per raggiungere la stazione.
      • per ridere scrive:
        Re: Ma nessuno parla della resistenza?
        Scusami ma non riesco a trattenermi- Scritto da: stefdragon
        - Scritto da: Nemo

        Qualche volta mi è capitato di far cadere il

        libro per terra, e mi domando, ma hanno pensato
        a

        anche questa renderlo abbastanza resistente da

        non scassarsi alla prima

        caduta?

        è quello che mi sto domandando anche io fin
        dall'inizio.
        Tra le volte che i libri mi sono caduti per
        terra, o quelle in cui me li sono portati in
        spiaggia e mi sono caduti nella sabbia, mmm ed useresti la stessa attenzione per un libro con reffigurazioni del dore'?Ti e' mai capitato di far cadere uno smartphone od un laptop? ed in spiaggia?
        oppure in
        piscina quando arriva l'amico simpatico di turno
        e ti lava da capo a piedi con un gavettone
        (compreso tutto ciò che c'è intorno a te),ahhemm dunque anche se hai la tesi universitaria dove nelle 3 ore di sole che ti sei messo a prendere hai scritto tonnellate di appunti con chicche irripetibili?Ed il gavettone ti rende ttutto illeggibile? Che fine fa l'amico?Semplice, la sera stessa, in un vicolo, al buio, con un forattino in mano...
        non
        capisco proprio come non si possa pensare in modo
        PRIORITARIO alla robustezza e all'economicità di
        questi
        device.A parte gli scherzi, appaiono sicuramente fragilini.
        Voglio proprio vedere il tizio che la mattina si
        sveglia con lo schermo dell'ipad o similari
        sfasciato sotto la schiena o sul pavimento, o che
        se lo porta al mare e lo ritrova immerso nella
        sabbia per metà (sempre che non glielo freghino
        prima).
        Figuriamoci poi per gli usi nel campo
        dell'istruzione, magari sommerso nelle cartelle e
        zainetti degli studenti che transitano su autobus
        affollatissimi, sfidando pioggia e neve per
        raggiungere la
        stazione.Per non parlare delle cavallette, non dimentichiamoci poi le vacche magre, i cavalieri dell'apocalisse, una apocalisse nucleare, frane, smottamenti, alluvioni, incidenti stradalim in bici, inciampare su un sanpietrono ballonzolante, mentre friggi delle patate e ti cade dell'acqua nell'olio bollente e schizza fino a dove c'e' l'ereader... ed infine la piu' frequente e dolorosa situazione:- finisci la carta igenica...
      • ruppolo scrive:
        Re: Ma nessuno parla della resistenza?
        - Scritto da: stefdragon
        - Scritto da: Nemo

        Qualche volta mi è capitato di far cadere il

        libro per terra, e mi domando, ma hanno pensato
        a

        anche questa renderlo abbastanza resistente da

        non scassarsi alla prima

        caduta?

        è quello che mi sto domandando anche io fin
        dall'inizio.
        Tra le volte che i libri mi sono caduti per
        terra, o quelle in cui me li sono portati in
        spiaggia e mi sono caduti nella sabbia, oppure in
        piscina quando arriva l'amico simpatico di turno
        e ti lava da capo a piedi con un gavettone
        (compreso tutto ciò che c'è intorno a te), non
        capisco proprio come non si possa pensare in modo
        PRIORITARIO alla robustezza e all'economicità di
        questi
        device.
        Voglio proprio vedere il tizio che la mattina si
        sveglia con lo schermo dell'ipad o similari
        sfasciato sotto la schiena o sul pavimento, o che
        se lo porta al mare e lo ritrova immerso nella
        sabbia per metà (sempre che non glielo freghino
        prima).
        Figuriamoci poi per gli usi nel campo
        dell'istruzione, magari sommerso nelle cartelle e
        zainetti degli studenti che transitano su autobus
        affollatissimi, sfidando pioggia e neve per
        raggiungere la
        stazione.http://www.macitynet.it/macity/aA42610/cebit_2010_la_custodia_ipad_a_prova_dacqua_e_urto_e_gia_disponibile.shtml
        • spillo scrive:
          Re: Ma nessuno parla della resistenza?
          ma quanto costa?mi sa che per l'ipad è meglio questa:http://canali.kataweb.it/kataweb-itech/2010/03/10/un-ipad-di-legno/:-D
        • ma va la scrive:
          Re: Ma nessuno parla della resistenza?
          Ma quello è per iPad, non è per gli e-reader!
        • Rainheart scrive:
          Re: Ma nessuno parla della resistenza?
          Ma cosa c'entra qua stiamo parlando di ebook reader, ti compri l'ipad per leggere i libri? Sempre che gli occhi dopo un po' non ti mandino a quel paese. :p
      • Rainheart scrive:
        Re: Ma nessuno parla della resistenza?
        Bhe credo proprio che te tu te lo possa scordare di portare il reader al mare, non ce lo vedo molto bene vicino alla sabbia.. (cylon)
    • 1977 scrive:
      Re: Ma nessuno parla della resistenza?
      - Scritto da: Nemo
      Leggo la maggior parte dei miei libri a letto per
      addormentarmi,

      li trovo molto più economici dei sonniferi e meno
      tossici...

      Qualche volta mi è capitato di far cadere il
      libro per terra, e mi domando, ma hanno pensato a
      anche questa renderlo abbastanza resistente da
      non scassarsi alla prima
      caduta?beh se pesa sotto i 2 etti.. non se ne accorge neanche.
      • JosaFat scrive:
        Re: Ma nessuno parla della resistenza?
        Lo schermo e-ink è fragile e non consiglio a nessuno di farlo cadere. Ci lavorano sulla robustezza (vedi filmato della Plastic Logic in cui prendono a scarpate il display), ma ancora non ho visto reader veramente a prova di botte.D'altronde, però, chi è che farebbe cadere nella sabbia o sul duro un televisore portatile o lettore DVD portatile?
        • 1977 scrive:
          Re: Ma nessuno parla della resistenza?
          - Scritto da: JosaFat
          Lo schermo e-ink è fragile e non consiglio a
          nessuno di farlo cadere. Ci lavorano sulla
          robustezza (vedi filmato della Plastic Logic in
          cui prendono a scarpate il display), ma ancora
          non ho visto reader veramente a prova di
          botte.

          D'altronde, però, chi è che farebbe cadere nella
          sabbia o sul duro un televisore portatile o
          lettore DVD
          portatile?non ne avevo idea.
  • Uno scrive:
    Finalmente un ebook
    Finalmente un ebook ebook..e non tablet spacciato per ebook......
    • Risposta al commento scrive:
      Re: Finalmente un ebook
      - Scritto da: Uno
      Finalmente un ebook ebook..e non tablet spacciato
      per
      ebook......Si ma il problema è che, come è avvenuto con i netbook, i prezzi di listino per i primi modelli sono partiti da 250$ e invece che scendere con i modelli successivi stanno salendo.Fate un e-book a 100$ senza fronzoli e vedrete come il mercato si muoverà di conseguenza.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Finalmente un ebook
        - Scritto da: Risposta al commento
        - Scritto da: Uno

        Finalmente un ebook ebook..e non tablet
        spacciato

        per

        ebook......
        Si ma il problema è che, come è avvenuto con i
        netbook, i prezzi di listino per i primi modelli
        sono partiti da 250$ e invece che scendere con i
        modelli successivi stanno
        salendo.

        Fate un e-book a 100$ senza fronzoli e vedrete
        come il mercato si muoverà di
        conseguenza.quoto al 100%, a me non frega nulla di WiFi di speaker e altri amenità simili, mi interessa solo una lunga autonomia un peso e delle dimensioni quanto più possibili contenute e un prezzo di acquisto il più basso possibile, magari sotto i 100 euro!
        • Capitan Uncino scrive:
          Re: Finalmente un ebook
          Non ti interessa la wifi? Bah... in un mondo interconnesso perchè dovremo tornare indietro?
          • shevathas scrive:
            Re: Finalmente un ebook
            - Scritto da: Capitan Uncino
            Non ti interessa la wifi? Bah... in un mondo
            interconnesso perchè dovremo tornare
            indietro?a cosa servirebbe il wifi ? nulla che non si possa fare più comodamente da casa usando il classico cavetto USB, senza considerare il risparmio di componentistica e di batteria.
          • pippO scrive:
            Re: Finalmente un ebook

            Non ti interessa la wifi? Bah... in un mondo
            interconnesso perchè dovremo tornare
            indietro?Posso scegliere, o no? :D
          • Fragy scrive:
            Re: Finalmente un ebook
            - Scritto da: pippO

            Non ti interessa la wifi? Bah... in un mondo

            interconnesso perchè dovremo tornare

            indietro?
            Posso scegliere, o no? :DNo, non puoi scegliere, perché altrimenti dimostreresti di voler esercitare un diritto molto pericoloso in questi tempi :-)Certo che il WiFi può essere utile se esistesse la possibilità di scambiare libri dal tuo ereader ad un altro (libri in libera distribuzione of curse, non quelli pagati) ... Cmq un wifi si puo anche disabilitare per risparmiare batteria
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Finalmente un ebook
            - Scritto da: pippO

            Non ti interessa la wifi? Bah... in un mondo

            interconnesso perchè dovremo tornare

            indietro?
            Posso scegliere, o no? :DEcco vorrei poterlo fare anche Io, ma se lanciano tutti modelli costosi con il WiFi come faccio a prenderne uno senza?
          • JosaFat scrive:
            Re: Finalmente un ebook
            Modelli senza Wi-fi esistono, da un pacco di tempo.Vedi i vari Bookeen Cybook Gen3 e Opus.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Finalmente un ebook
            - Scritto da: JosaFat
            Modelli senza Wi-fi esistono, da un pacco di
            tempo.
            Vedi i vari Bookeen Cybook Gen3 e Opus.Ma stanno sui 200 euro...
          • JosaFat scrive:
            Re: Finalmente un ebook
            Per ora, quello è il prezzo base. L'e-paper è una tecnologia molto nuova.
          • ruppolo scrive:
            Re: Finalmente un ebook
            - Scritto da: Capitan Uncino
            Non ti interessa la wifi? Bah... in un mondo
            interconnesso perchè dovremo tornare
            indietro?Cosa vuoi che ne sappia lui che non mai avuto in vita sua un computer portatile né smartphone?
        • JosaFat scrive:
          Re: Finalmente un ebook
          Arriveranno prima o poi... è chiaro che prima bisogna creare una larga base di utenti perché gli investimenti iniziali siano compensati e anche perché costa di più produrre e vendere 100 pezzi a 300 euro, che 10000 a 100.
      • Andrea P scrive:
        Re: Finalmente un ebook
        Spenderei anche 200$ se lo schermo fosse minimo a 10 pollici.Sei pollici vanno bene a mala pena per la narrativa.
      • JosaFat scrive:
        Re: Finalmente un ebook
        Non è vero. I modelli della iRex sono sempre stati più costosti, la maggior parte dei modelli a 6 pollici partivano da oltre 300$.I prezzi stanno calando eccome.
        • shevathas scrive:
          Re: Finalmente un ebook
          - Scritto da: JosaFat
          Non è vero. I modelli della iRex sono sempre
          stati più costosti, la maggior parte dei modelli
          a 6 pollici partivano da oltre
          300$.
          I prezzi stanno calando eccome.io non mi pento di averli spesi per un iliad. uno schermo più grande personalmente lo trovo più comodo.
    • Capitan Uncino scrive:
      Re: Finalmente un ebook
      Il refresh delle pagine è ancora ridicolo, vogliamo poi mettere i 2 Gb di memoria? Che è? Un fondo di magazzino?
      • Andrea P scrive:
        Re: Finalmente un ebook
        Non ci devi mica mettere dentro la collezione di DivX...2 GB bastano per un mucchio di libri.
        • bitblaster scrive:
          Re: Finalmente un ebook
          senza contare che ha uno slot di espansione sdhc con cui puoi arrivare fino a 34 GB. E senza porte proprietari e adattatori esterni. Ops... :DDD
          • ruppolo scrive:
            Re: Finalmente un ebook
            - Scritto da: bitblaster
            senza contare che ha uno slot di espansione sdhc
            con cui puoi arrivare fino a 34 GB.

            E senza porte proprietari e adattatori esterni.
            Ops...
            :DDDGià, quelli arrivano a 64GB. Ops...
Chiudi i commenti