ACTA, attivisti contro l'Europa

La Commissione Europea avrebbe fallito il suo tentativo di mediazione in favore dei netizen. I governi di Romania e Paesi Bassi, però, sono gli ultimi a schierarsi contro l'adozione del trattato
La Commissione Europea avrebbe fallito il suo tentativo di mediazione in favore dei netizen. I governi di Romania e Paesi Bassi, però, sono gli ultimi a schierarsi contro l'adozione del trattato

Sarà un giugno caldissimo per il Parlamento d’Europa, alle prese con la patata bollente anche nota come Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA). Gli attivisti dell’ European Digital Rights Group (EDRi) hanno ora pubblicato tutti i documenti relativi ai vari round di negoziazione a cui ha partecipato la Commissione Europea per l’introduzione a livello globale del famigerato trattato anti-contraffazione.

Dal meeting di Parigi (anno 2008) a quello di Guadalajara (2010), i responsabili di EDRi hanno visionato scrupolosamente tutti gli interventi delle autorità comunitarie sulle spinose problematiche sollevate da ACTA. Il risultato ? I vari commissari del Vecchio Continente avrebbero fallito nell’intento di tutelare gli interessi fondamentali dei netizen e delle varie imprese nei 27 stati membri .

In primis, la Commissione d’Europa avrebbe dato il suo assenso per una revisione silente – dunque non dato in pasto all’opinione pubblica – del trattato globale che vorrebbe estendere la tutela della proprietà industriale e intellettuale. Si tratterebbe, a parere degli osservatori, di un palese favore agli Stati Uniti, che a differenza dell’Europa avrebbe permesso a stakeholder selezionati di visionare i dettagli di ACTA .

Inoltre, i commissari d’Europa avrebbero completamente ignorato la questione legata ai cosiddetti three strikes , addirittura tenendo all’oscuro paesi come l’Italia e il Regno Unito per evitare polemiche sull’applicazione di misure penali rispetto alle violazioni online del diritto d’autore . Una volta divenuti trasparenti, i principi di tutela voluti da ACTA hanno infiammato il dibattito pubblico.

Nuove richieste sono ora pervenute ai membri del Parlamento Europeo da parte degli attivisti de La Quadrature du Net . I vertici del Partito Pirata britannico hanno chiamato a raccolta i cittadini per una protesta di piazza da tenersi a Londra il prossimo 9 giugno.

Nel frattempo si è ulteriormente allargata la lista di paesi contrari all’adozione del trattato anti-contraffazione. Ultimi in ordine cronologico, i governi di Romania e Paesi Bassi , entrambi preoccupati delle possibili conseguenze sui diritti fondamentali dei netizen . Le autorità olandesi hanno chiesto l’intervento della Corte di Giustizia Europea, dopo aver adottato la prima legge europea sulla cosiddetta neutralità della rete.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 05 2012
Link copiato negli appunti