Adobe, Acrobat fra le nuvole

L'azienda è pronta a rubare importanti fette di utenza a chi sul web già c'era, Google e Microsoft in prima linea

Roma – Inaugurato nel lontano giugno del 2008 , il servizio online Acrobat.com si allarga così come le ambizioni di Adobe di giocare da alternativa allo strapotere di Microsoft e (soprattutto) Google sulle web appliance . Il portale web per la collaborazione professionale e la conversione/gestione di documenti esce fuori dallo stato di beta, aggiunge due nuovi servizi alla sua dotazione e si prepara a conquistare il mercato mobile, anche se non subito.

L’attuale dotazione di Acrobat.com include i seguenti applicativi remoti: Buzzword , il word processor; ConnectNow , il programma di meeting con tanto di condivisione schermo, chat e video; Share , tool per la condivisione di file che da la possibilità di accedere ai documenti condivisi attraverso una semplice URL. Come e più dei suoi concorrenti, al cuore dell’offerta di Adobe c’è il settore enterprise, che può scegliere tra due diverse offerte “Premium” (Premium Basic e Premium Plus) a seconda delle necessità e delle dimensioni dell’azienda.

Nel primo caso il prezzo del servizio è di 149 dollari all’anno e include meeting remoti con un massimo di 5 partecipanti, 10 conversioni in formato PDF al mese e supporto ufficiale Adobe via telefono e/o web. L’offerta Premium Plus costa quasi il doppio ma in compenso permette riunioni virtuali sino a 20 partecipanti e conversioni in PDF illimitate. Sarà sempre possibile, per gli utenti singoli con pretese applicative modeste, registrare un account gratuito sul sito.

Secondo il direttore marketing e management di prodotto di Adobe Erik Larson, in un anno Acrobat.com ha avuto praticamente un boom di utenza totalizzando 5 milioni di registrazioni , con 100mila nuovi utenti ogni settimana. “Le persone viaggiano di meno a causa della recessione economica” dice Larson, per cui le imprese tenderebbero ad avere una maggiore esigenza di strumenti di comunicazione, collaborazione e produttività online come appunto quelli offerti da Acrobat.com.

Per Adobe le opportunità dei servizi di tipo SAAS e cloud computing valgono 2 miliardi di dollari , una cifra per cui val la pena spendere in qualche investimento e che nel corso dei prossimi 12 mesi dovrebbe arrivare a coprire l’accesso ad Acrobat.com anche dagli smartphone e dai sistemi mobile, siano essi BlackBerry, iPhone, Nokia e Windows Mobile. Senza dimenticare il foglio di calcolo Tables , attualmente disponibile solo come download singolo su Acrobat.com Labs .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CCC scrive:
    NO DRM
    al XXXXX i DRM tenetevi pure il bluray
    • lellykelly scrive:
      Re: NO DRM
      ok, a sto punto scemo chi fa un film allora?
      • gattazzo scrive:
        Re: NO DRM
        - Scritto da: lellykelly
        ok, a sto punto scemo chi fa un film allora?Direi proprio di si, se non si adattano alla realtà sia i modelli di distribuzione che i prezzi di acquisto (e sto parlando di acquisto, non certo di mera fruizione blindata...)
  • naruto scrive:
    copiare blu ray no problem
    vi posso informare che i blu ray si possono benissimo copiare gia tramite ps3 dividendo in piu parti l'immagine in modo che si possa trasferire su hard disk e poi ricomporla più tardi. E cmq sia vi assicuro che se non ci pensano gli hacker per copiarli ci penserà l'azienda che utilizza il software di nero, o altri per copiarli, altrimenti come li vendono i dichi vergini o i masterizzatori.
  • Alberto scrive:
    Certo .. ed io pago!
    Non ho mai scritto su PI ma leggo da molto tempo ed è sempre pieno di contrasti simili a questo.La mia idea è questa.Facciamo un esempio: io sono la Warner e faccio un film che costa 10 Mil$.Cinema: prezzo medio $3PayXView: prezzo medio $3BlockBust: prezzo medio $3DVD: prezzo medio $3Digitale (sky ecc): prezzo medio $1TV: prezzo medio $0,3Siamo oltre 6 miliardi di persone nel globo.6.000.000.000 diciamo che viene rispettivamente visto:Cinema 1.000.000 x $3 = 3.000.000PayXView: 500.000 x $3 = 1.500.000BlockBust: 500.000 x $3 = 1.500.000DVD: 2.000.000 x $3 = 6.000.000Digitale (sky ecc): 1.000.000 x $1 = 1.000.000TV: 10.000.000 x $0,3 = 3.000.000TOT: 13.500.000Capisco benissimo che è solo una mera ipotesi ma le domande sono altre.E' mai possibile che per lo stesso prodotto ci si guadagni così tante volte? (non credo capiti per alcun altro settore merceologico)E' mai possibile che l'imprinting sia SCARICARE = RUBARE?E se io non sono in grado di trasformare il DVD (di cui ho pagato i diritti) in DivX per il cellulare?E' mai possibile pagare così tanto gli attori quando c'è gente che muore di fame?Tutto questo senza considerare magliette, giocattoli, tazze, libri, portachiavi ed altri gadget delle varie case.Questo per le major cinematografiche ma per i CD musicali non è lo stesso?E se anzichè vendere i DVD a 40 (se non oltre) li vendessero a 15 anzichè investire in protezioni mai efficaci?Vi rendete conto che paghiamo ancora per ascoltare la musica dei più grandi artisti mondiali di musica classica ormai morti da secoli? Quei soldi servono per proteggere i diritti di chi?E' come se si pagassero i diritti sulla Bibbia o il Corano o altro, mi sta bene pagare per avere il supporto cartaceo, ma i diritti a chi andrebbero?Qui non c'entra nulla la linea editoriale di PI che và rispettata in quanto "giornalistica" ma la correttezza ed il buon senso di ciascuno di noi.Personalmente vado al cinema ma molti spettacoli sono deludenti ed ad un prezzo di 7,5 mi sembra di aver già fatto la mia parte!Scusate lo sfogoAlberto
  • Slysoft scrive:
    AnyDVD
    E' veramente assurdo che vengano inserite tutte queste limitazioni per fare una copia di backup (visto il costo dell'originale) quando ci sono già software, come AnyDVD HD della Slysoft (http://www.slysoft.com), in grado di togliere tutte le protezioni.Questi inutili tentativi di controllare sempre tutto e tutti non faranno altro che spingere gli utenti ad utilizzare tali software, rendendo la toppa peggiore del buco.Contenti loro...
    • Hurf scrive:
      Re: AnyDVD
      si vabbè,guarda che anydvd mica riesce a copiare tuttoa volte poi "sembra" che ce l'abbia fatta ma la traccia audio / video è rimasta rovinata qua e là (disturbi messi apposta dal drm, non bypassati)
      • Slysoft scrive:
        Re: AnyDVD

        guarda che anydvd mica riesce a copiare tuttoE' il solito gioco del gatto con il topo, ma alla fine il topo vince sempre (Tom & Jerry docet :-)
      • gattazzo scrive:
        Re: AnyDVD
        Peccato che non si tratti di disturbi voluti, ma di deformazioni dovute a soluzioni di compromesso adottate per realizzare questi ridicoli lucchetti, difetti che vengono evidenziati da ulteriori rieaborazioni (e compressioni in particolare).
  • 1977 scrive:
    I pirati fanno festa
    Non so a che punto sia il progetto di sblocco, da parte delle community di smanettoni, del sistema anticopia del blue ray.Certo che se sul DVD c'era un muro, con l'adozione della managed copy, sul blue ray ora c'è una porta con serratura.E per un pirata, immagino sia più facile forzare una serratura che sfondare un muro.Non so se mi sono capito.
  • PandaR1 scrive:
    La linea editoriale di PI...
    Allora vediamo... secondo PI i produttori dovrebbero:1) lasciare i dischi assolutamente senza protezioni, pronti alla copia, compri uno e lo dividi con gli amici, in allegria2) non XXXXXXXrsi se dopo 10 minuti dall'uscita li trovano in rete in qualita' identica all'originale, cosi' manco fai la fatica di uscire e spendere i soldi per una copia3) una fettina di XXXX vicina all'osso no ?
    • krane scrive:
      Re: La linea editoriale di PI...
      - Scritto da: PandaR1
      Allora vediamo... secondo PI i produttori
      dovrebbero:Cliccare i banner e venire a trollare nei forum anche loro :D
      • PandaR1 scrive:
        Re: La linea editoriale di PI...
        Eh si, lo so che qui dentro se non si segue la linea linux-bittorrent si e' subito considerati troll...
    • tandreatta scrive:
      Re: La linea editoriale di PI...

      Allora vediamo... secondo PI i produttori dovrebbero:

      1) lasciare i dischi assolutamente senza protezioni,
      pronti alla copia, compri uno e lo dividi con gli amici,
      in allegriaCome è sempre stato per i supporti precedenti.Ma nessun produttore è fallito per questo.
      2) non XXXXXXXrsi se dopo 10 minuti dall'uscita li
      trovano in rete in qualita' identica all'originale,
      cosi' manco fai la fatica di uscire e spendere i
      soldi per una copiaCome succede già, indipendentemente dalle protezionialla copia.Ma nessun produttore è fallito per questo.
      3) una fettina di XXXX vicina all'osso no ?Beh, visto che dovrei essere io a comprare il disco dai produttori, perchè deve costare a me e non a loro "una fettina di XXXX vicina all'osso"?La protezione Blu-Ray è finita già prima di essere stata standardizzata. Se, invece di sprecare soldi per sviluppare una cosa che non funziona intrinsecamente (se vedo qualcosa, la posso copiare - in un modo o nell'altro), i produttori avessero fatto risparmiare i loro acquirenti offrendo un prodotto migliore, non sarebbe stato meglio?E adesso dovremmo essere noi consumatori a pagare i loro errori commerciali?
      • PandaR1 scrive:
        Re: La linea editoriale di PI...

        E adesso dovremmo essere noi consumatori a pagare i loro errori commerciali?Allora, i tuoi argomenti sono:1) e' sempre stato cosi': fantastica argomentazione, la applicherei anche alla mafia, c'e' sempre stata, chi siamo noi per dire che non va bene ?!? oppure la fame nel mondo, il razzismo, non esistono forse da sempre?2) nessun produttore e' fallito per questo: uno, cosa ne sai tu? due, magari non e' fallito ma ha guadagnato un decimo di quello che poteva guadagnare, puoi escluderlo ?3) dici che i br costano come una fettina di XXXX ? non comprarli, sei nel tuo pieno diritto di consumatore... non altrettanto di rubarli...4) come i produttori spendono i loro soldi sono XXXXX loro, se li vogliono spendere in protezioni anticopia sono nel loro diritto, e tu (mi ripeto) hai il diritto di mandargli un messaggio non comprando...5) visto che poi garantiscono il tuo diritto alla copia facendotene fare un certo numero nello stesso formato full hd non vedo proprio cosa ci sia da lamentarsi, tranne che per i redattori di pi che appunto vorrebbero condivisione di film e musica liberi, salvo che poi non ci sarebbe piu' niente da condividere perche' nessuno investirebbe decine o centinaia di milioni di dollari per fare un film sapendo che prima dell'uscita al cinema si trova in alta definizione in rete...
        • tandreatta scrive:
          Re: La linea editoriale di PI...

          Allora, i tuoi argomenti sono:

          1) e' sempre stato cosi': fantastica
          argomentazione, la applicherei anche alla mafia,
          c'e' sempre stata, chi siamo noi per dire che non
          va bene ?!? oppure la fame nel mondo, il
          razzismo, non esistono forse da sempre?No, la mia argomentazione è "è sempre stato così e la cosa non ha dato mai problemi". La mafia, la fame nel mondo, il razzismo danno problemi alla società.
          2) nessun produttore e' fallito per questo: uno,
          cosa ne sai tu? due, magari non e' fallito ma ha
          guadagnato un decimo di quello che poteva
          guadagnare, puoi escluderlo ?Sì, lo posso escludere. Essendo sempre stato così, non poteva guadagnare (sensibilmente) meno di quello che ha guadagnato. Né poteva guadagnare (sensibilmente) di più.
          3) dici che i br costano come una fettina di XXXX
          ? non comprarli, sei nel tuo pieno diritto di
          consumatore... non altrettanto di
          rubarli...Infatti io non li compro. Chi ti ha detto che li compro?Al mio XXXX ci tengo.In quanto a rubarli, neppure li rubo. Chi ti ha detto che, se un BD non lo compri, lo devi obbligatoriamente rubare?Me li faccio prestare da un amico e li copio, come i DVD ...
          4) come i produttori spendono i loro soldi sono
          XXXXX loro, se li vogliono spendere in protezioni
          anticopia sono nel loro diritto, e tu (mi ripeto)
          hai il diritto di mandargli un messaggio non
          comprando...Fino ad un certo punto.Fino ad un certo punto, perchè in qualche modo io adesso pago i loro errori commerciali con leggi sbagliate, costi di fruizione della cultura fuori mercato, impossibilità di far valere i miei diritti (di copia, tanto per dirne una).
          5) visto che poi garantiscono il tuo diritto alla
          copia facendotene fare un certo numero nello
          stesso formato full hd non vedo proprio cosa ci
          sia da lamentarsi, tranne che per i redattori di
          pi che appunto vorrebbero condivisione di film e
          musica liberi, salvo che poi non ci sarebbe piu'
          niente da condividere perche' nessuno
          investirebbe decine o centinaia di milioni di
          dollari per fare un film sapendo che prima
          dell'uscita al cinema si trova in alta
          definizione in rete...Ma va? E allora perchè lo fanno?Non vorrei svelarti una notizia che ti faccia pigliare un colpo, ma è pieno di produttori che investono centinaia di milioni di dollari per fare un film, e prima dell'uscita al cinema il loro film si trova in alta definizione in rete - magari ogni tanto privo di qualche effetto speciale, ma si trova :-)
    • gattazzo scrive:
      Re: La linea editoriale di PI...
      - Scritto da: PandaR1
      Allora vediamo... secondo PI i produttori
      dovrebbero:

      1) lasciare i dischi assolutamente senza
      protezioni, pronti alla copia, compri uno e lo
      dividi con gli amici, in
      allegria

      2) non XXXXXXXrsi se dopo 10 minuti dall'uscita
      li trovano in rete in qualita' identica
      all'originale, cosi' manco fai la fatica di
      uscire e spendere i soldi per una
      copia

      3) una fettina di XXXX vicina all'osso no ?Se non te ne sei accorto, c'è una guerra in atto, ed i produttori e chi per loro, se insistono nella loro testardaggine senza adattarsi alla realtà, l'hanno persa in partenza. E' una guerra, certo, e per fortuna P.I. sta dalla parte del consumatore , che evidentemente non è la tua: ma ricordati che anche tu sei inevitabilmente consumatore di ogni genere di prodotti, e vederti preso spudoratamente per i fondelli da chi te li fornisce non ti fa certo piacere, e se qualcuno ti difende ti fa indubbiamente comodo! O no?
  • The winner scrive:
    AACS ?
    Durerà meno di una settimana!ma sono davvero così stupidi? Non imparano mai dai propri errori?Per quanto riguarda il degrado dei supporti ottici mi risulta che il degrado lo si ha solo sui supporti registrabili in casa.Quelli stampati con proXXXXX industriale sono fatti con materiale diverso, non organico, e se renuti con cura possono durare anche 100 anni.Questo chiaramente non vuol dire che uno non abbia diritto a farsi una copia di ciò che ha acquistato.
    • tandreatta scrive:
      Re: AACS ?
      - Scritto da: The winner
      Durerà meno di una settimana!
      ma sono davvero così stupidi? Non imparano mai
      dai propri
      errori?

      Per quanto riguarda il degrado dei supporti
      ottici mi risulta che il degrado lo si ha solo
      sui supporti registrabili in
      casa.
      Quelli stampati con proXXXXX industriale sono
      fatti con materiale diverso, non organico, e se
      renuti con cura possono durare anche 100
      anni.
      Questo chiaramente non vuol dire che uno non
      abbia diritto a farsi una copia di ciò che ha
      acquistato.Ti sbagli: i test attuali indicano 3/5 anni per i supporti registrabili tenuti in condizioni ottimali, 10/20 anni per quelli stampati tenuti allo stesso modo - ovvero chiusi, al riparo dalla luce, senza graffi, ... e sfido chiunque a trattare un BD in quel modo (vedere il film dopo averlo comprato no, eh?)
      • Gabryfan82 scrive:
        Re: AACS ?
        Il BD ha un sistema anti graffio, in pratica il primo strato è di protezione, è per quello che costa tanto
      • outkid scrive:
        Re: AACS ?
        il mio primo CD è così com'e' degli articolo 31. 1996, 13 anni fa. e' stato utilizzato nei modi piu' diversi, senza particolare cura, trasportato in macchina, traslochi vari, polvere, cassetti etc ed è ancora li che ogni tanto lo ascolto. non diciamo razzate per sosteneree posizioni per'altro legittime: la figura non è delle migliori.- Scritto da: tandreatta
        - Scritto da: The winner

        Durerà meno di una settimana!

        ma sono davvero così stupidi? Non imparano mai

        dai propri

        errori?



        Per quanto riguarda il degrado dei supporti

        ottici mi risulta che il degrado lo si ha solo

        sui supporti registrabili in

        casa.

        Quelli stampati con proXXXXX industriale sono

        fatti con materiale diverso, non organico, e se

        renuti con cura possono durare anche 100

        anni.

        Questo chiaramente non vuol dire che uno non

        abbia diritto a farsi una copia di ciò che ha

        acquistato.

        Ti sbagli: i test attuali indicano 3/5 anni per i
        supporti registrabili tenuti in condizioni
        ottimali, 10/20 anni per quelli stampati tenuti
        allo stesso modo - ovvero chiusi, al riparo dalla
        luce, senza graffi, ... e sfido chiunque a
        trattare un BD in quel modo (vedere il film dopo
        averlo comprato no,
        eh?)
    • Nome e Cognome scrive:
      Re: AACS ?
      Io ho dei CD di circa 20 anni fa regolarmente comperati che non riesco quasi più ad ascoltare.E i miei CD sono tutti in perfette condizioni e senza un graffio visto che li conservo al meglio.Quindi se uno mi dice che durano 100 anni, scusa, ma non lo credo affatto.
  • Davide scrive:
    MUSLIX SALVACI TU
    Attendiamo MUSLIX che si papperà anche ste protezioni con tanto di dimostrazione video sulla Rete
  • Enrico scrive:
    come per il dvd....
    come per i dvd spunterà fuori un modo di copiare anche questi (Sempre se non esiste già!) e spero che spunti fuori il prima possibile, ma sia chiaro non per fini di P2P e simili, ma perché se io compro un cd/dvd/blueray ho il sacrosanto diritto di farmene una copia di backup per uso ESCLUSIVAMENTE PERSONALE. E di certo non devo render conto a un webserver remoto per dimostrare che non è una copia pirata, ma solo una copia per me.Perfino di windows si può fare la copia (ed è scritto nella licenza, almeno in quella dell'ultimo windows che ho comperato sfuso --senza pc annesso-- cioè windows 2000 si poteva)!!!In ogni caso viva il copyleft!!!!
    • TLH scrive:
      Re: come per il dvd....
      E' una guerra! Ci sarà sempre una mossa per sconfiggerli.
      • Wolf01 scrive:
        Re: come per il dvd....
        Sono già sconfitti in partenza, non serve neanche fare una mossa... è come se ti arriva Don Lurio a tentare di prendere a botte Mike Tyson, finchè esisterà il punto debole nella catena tra il contenuto e l'interfaccia di usufruzione di quel contenuto esisterà sempre un modo per piratare il contenuto.L'unica è blindare completamente, inizia a vendere lettori dvd portatili con il dvd sigillato dentro da qualche chilo di resina e magari riesci anche ad evitare di fartelo copiare.Oppure come dicevo più in su, invece di limitare il cliente, dagli il motivo per compare la tua roba, no?
        • Nome e Cognome scrive:
          Re: come per il dvd....
          Anche se blindano completamente il sistema, rimarrà copiabile. L'unico modo di impedirne la copia è impedire di leggere il disco.Dal momento in cui uno schermo mostra l'immagine e degli altoparlanti riproducono il suono, è copiabile.Forse non si avrà esattamente la stessa qualità, ma si sopravvive lo stesso.
          • krane scrive:
            Re: come per il dvd....
            - Scritto da: Nome e Cognome
            Anche se blindano completamente il sistema,
            rimarrà copiabile. L'unico modo di impedirne la
            copia è impedire di leggere il disco.
            Dal momento in cui uno schermo mostra l'immagine
            e degli altoparlanti riproducono il suono, è
            copiabile.
            Forse non si avrà esattamente la stessa qualità,
            ma si sopravvive lo stesso.E qui entrano in gioco i DRM ed i segnali in codice che vengono passati tra i segnali dalle nuove radio digitali HD che sono in grado di ordinare al registratore HD di non registrare :)E' il rischio in agguato quando tutto l'hw e' HDBenvenuto nel 1984
        • gattazzo scrive:
          Re: come per il dvd....
          Anche una blindatura fisica con chili di resina non può evitare cha alla fine i tuoi preziosissimi Pixel, ossia una output assolutamente digitale, magari 1920x1080, alla fine compaiono su uno schermo, visto che li devi vedere! E figuriamoci quanto ci mette un laboratorio elettronico a prelevarli 1:1 (in forma "trasparente" per non essere riconosciuto il prelevamento di segnale) ed a ricomporre nel formato voluto e sopratutto ripulito di ridicole protezioni il protettissimo inestimabile contenuto, da dare direttamente in pasto alla diffusione gratuita che ben sappiamo. a favore dell'intera umanità...!
          • Utonto scrive:
            Re: come per il dvd....
            - Scritto da: gattazzo
            Anche una blindatura fisica con chili di resina
            non può evitare cha alla fine i tuoi
            preziosissimi Pixel, ossia una output
            assolutamente digitale, magari 1920x1080, alla
            fine compaiono su uno schermo, visto che li devi
            vedere! E figuriamoci quanto ci mette un
            laboratorio elettronico a prelevarli 1:1 (in
            forma "trasparente" per non essere riconosciuto
            il prelevamento di segnale) ed a ricomporre nel
            formato voluto e sopratutto ripulito di ridicole
            protezioni il protettissimo inestimabile
            contenuto, da dare direttamente in pasto alla
            diffusione gratuita che ben sappiamo. a favore
            dell'intera
            umanità...!Vieteranno di aprire i display, vieteranno.... @^
    • Antonello scrive:
      Re: come per il dvd....
      Ma guarda che la legge garantisce al consumatore un massimo di tre (3) compie di backup di un disco...quindi, se i server manterranno inalterato questo limite...dove sta il problema???
      • tandreatta scrive:
        Re: come per il dvd....
        - Scritto da: Antonello
        Ma guarda che la legge garantisce al consumatore
        un massimo di tre (3) compie di backup di un
        disco...
        quindi, se i server manterranno inalterato questo
        limite...
        dove sta il problema???Primo: la legge non stabilisce alcun limite alla copie di backup.Secondo: se lo stabilisse, indicherebbe il "possesso di tre copie" e quindi ogni volta che una copia di backup smettesse di funzionare, il consumatore potrebbe farne un'altra.Terzo: perche' un server remoto in uno stato estero dovrebbe venire a sapere se io ho esercitato un mio diritto o no?
  • NEO scrive:
    DRM
    Attenti il coniglio bianco e' in rete: e copio tutto !!
  • albertobs88 scrive:
    No comment....

    Di buono c'è che i consumatori potranno scegliere il tipo
    di codifica da adottare, se cioè la replica dell'originale
    sarà in formato "Full HD" come quello nativo del BD-ROM,
    in formato DVD protetto con CSS o se in un file cifrato in
    standard Windows Media.DVD protetto da CSS???Beh allora torniamo all'inizio.Programmi che sproteggono i DVD ce ne sono a bizzeffe....Senza contare AnyDVD che si pappa anche i blu ray (rotfl)
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: No comment....
      - Scritto da: albertobs88
      DVD protetto da CSS???
      Beh allora torniamo all'inizio.A parte che i normali masterizzatori non sono in grado di scrivere DVD protetto da CSS che sia poi leggibile, questo perché le chiavi che permettono ai normali lettori la decodifica del video protetto con CSS si trovano nel lead-in del disco, e i masterizzatori in commercio non possono scrivere in quest'area cose diverse dalle info dei file. Prima dell'avvento del DeCSS si usavano masterizzatori particolari, con firmware modificato, che permettevano di fare una copia 1:1 del disco, lead-in e protezione CSS compresi, scavalcando di conseguenza a monte tutto il procedimento di decifratura.Ovviamente nulla vieta di sviluppare firmware modificati per i masterizzatori attuali. Il limite che riguarda il lead-in è solo a livello di firmware, non è un limite hardware. E per quanto riguarda la lettura non ci sono problemi a prescindere (ovviamente, altrimenti come si farebbe a riprodurre un DVD originale?).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 giugno 2009 00.24-----------------------------------------------------------
      • djdion.. scrive:
        Re: No comment....
        Pensano di fare un server per le autorizzazioni?AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!
        • Wolf01 scrive:
          Re: No comment....
          (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl) (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Quanto tempo passerà prima che sia bucato/dossato/reso inutilizzabile/bypassato?
          • Kappa scrive:
            Re: No comment....
            Per me si divertono a far XXXXXXX. Non sanno dove buttar i soldi...
          • Wolf01 scrive:
            Re: No comment....
            Pienamente d'accordo... sono ciechi e non si rendono conto che è una guerra persa in partenza.La soluzione migliore probabilmente sarebbe quella di offrire più contenuti allo stesso prezzo o leggermente inferiore (5-10, un film a più di 10 non lo compro, tralasciando i 180 spesi per i cofanetti di LotR)La gente non compra più perchè ormai la sostanza che trova gratuitamente è pressochè identica di quella che trova in un DVD o CD originaleLimitare il *possibile* cliente non è la soluzione adeguata, perchè il cliente ha la mentalità che quello che compra è suo e può farne qualsiasi uso, masterizzarlo, prestarlo, romperlo, appenderlo allo specchietto della macchina...
      • djechelon scrive:
        Re: No comment....
        Dimentichi un dettaglio: CSS è una protezione considerata ormai violata, perchè la chiave è talmente breve che si brucia facilmente. Consideriamo inoltre che CSS, a differenza di AACS, non prevede la revoca della chiave master e quindi siamo punto e a capo: la cara vecchia e arcinota chiave master CSS è l'unica a poter essere utilizzata
    • Alfonso Maruccia scrive:
      Re: No comment....
      Si, ma sempre di un DVD a 700 e passa linee si tratta, e non di un flusso 1080p....
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Mah
    Il protocollo spreca una marea di spazio. All'epoca dei DVD le codifiche nel nascente protocollo mpeg4 (poi DivX;-) e poi XviD e DivX) richiedevano tante ore di lavoro con i computer di allora e richiedevano una potenza non indifferente anche per la visualizzazione, ma oggi un encoding in HD con qualità praticamente pari a quella originale è cosa di relativamente poco e sta comodamente in un DVD singolo strato. Tutto lo spazio aggiuntivo del BD se ne va a farsi friggere, perché è solo frutto di sistemi anticopia e di un protocollo di codifica lento e obsoleto.Sì certo... si vede la differenza. Ad alti bitrate (un video compresso in H264 e simili, di 4 giga, lo è) sfido chiunque a notarla :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 giugno 2009 00.20-----------------------------------------------------------
    • gips scrive:
      Re: Mah
      vorrà dire che finalmente i quadcore serviranno a qualcosa... sempre a patto che i software di codifica siano in grado di sfruttarne a pieno ed in parallelo i 4 core...sigh! abbiamo delle ferrari con alla guida un nonno di 98 anni!gips
    • Hymes scrive:
      Re: Mah
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      ... ma oggi un encoding in HD con qualità praticamente
      pari a quella originale è cosa di relativamente
      poco e sta comodamente in un DVD singolo strato.???ma che cappero dici ?se parli 720 ancora ancora ma se dici che x un 1080 4,2 Gb bastano per rippare un bd da 40 Gb (10% circa) rippato con una BUONA qualità non è verone richiede almeno 7-12e gli lcd full-hd, specie
      = 42", amplificano gli errori/pixeloni .. oltre ai brufoli, rughine, cerone etc... degli attori :D
Chiudi i commenti