ADSL, un gigante con i piedi di argilla

L'inchiesta prosegue: la velocità può essere garantita? Rispondono Telecom Italia, Fastweb, Tiscali e SiADSL. Il problema della banda occupata e del peer-to-peer. Parla l'Autorità TLC: sulla qualità si può intervenire pochissimo

Roma – Le offerte commerciali per navigare sempre più veloci in ADSL continuano a moltiplicarsi e, sulla carta, sono sempre più allettanti e convenienti. In palio c’è un mercato da 22 miliardi di euro. Un bottino che fa gola ad aziende grandi e piccole.
Non è un caso che anche Vodafone, da sempre interessata solo alla telefonia mobile, dopo aver acquistato Tele2 abbia annunciato proprio in questi giorni di essere pronta a lanciarsi direttamente col proprio marchio nei servizi a banda larga da telefono fisso.

Il gigante, però, ha i piedi di argilla. Come ha mostrato l’inchiesta realizzata da il Salvagente e da Punto Informatico , pubblicata la scorsa settimana , la rete su cui dovrebbero viaggiare a tutta velocità i dati è vecchia e cadente. Telecom Italia, proprietaria dell’ultimo miglio, cioè della linea che dalla centrale arriva a casa dell’utente, non sembra intenzionata a investire nella manutenzione del doppino, il doppio filo di rame che costituisce l’ultimo pezzo della rete. Risultato: la competizione tra provider si fa sempre più dura e la qualità dei servizi, invece di migliorare, peggiora. Oltretutto, in assenza di regole chiare che tutelino gli internauti, i servizi di assistenza clienti raramente riescono a dare risposte.

Alcune risposte
Di fronte alle innumerevoli segnalazioni di disservizio, a rispondere sono in pochi. Wind e Tele2, per esempio, fino a questo momento preferiscono rimanere in silenzio. Telecom Italia , chiamata in causa, sulle offerte “7 mega”, dichiara che “al momento della richiesta di attivazione compie tutte le verifiche tecniche per assicurarsi che la linea telefonica sia raggiunta dal servizio richiesto”. Ma ammette che l’effettiva velocità di navigazione non è garantita, dato che dipende anche dalla distanza del cliente dalla centrale telefonica.

Sulla cura della rete, invece, Telecom garantisce di “aver investito nell’ultimo anno 3,1 miliardi di euro sulla rete e prevede di investirne altri 8,2 dal 2008 al 2010”. Il punto debole, come detto, rimane l’ultimo miglio, un vero pezzo “d’antiquariato”.

Le condizioni della linea, tra l’altro, compromettono la qualità del servizio di accesso a Internet qualunque sia il fornitore. “Per la connessione ADSL, in caso di disservizi imputabili alla tratta in rame, la segnalazione viene girata a Telecom”, fanno sapere da Fastweb . E in questo caso, come sappiamo, la soluzione arriva con difficoltà. “I nostri tecnici”, dice Fastweb, “effettuano periodicamente il monitoraggio sulle linee dei clienti per controllare le effettive prestazioni del collegamento. In caso di segnalazione, si verifica da remoto, poi in base alla Carta dei servizi ci impegniamo a risolvere il problema entro le 72 ore successive alla segnalazione. Se i termini di intervento non sono rispettati, il cliente ha diritto agli indennizzi previsti nella Carta”.

Fastweb, tuttavia, assicura che il cliente di servizi ADSL “viene preventivamente informato che la velocità di accesso alla rete è subordinata a una verifica tecnica dell’impianto fornito da Telecom”. Il test viene effettuato entro 72 ore dalla sottoscrizione del contratto e permette di capire la reale larghezza di banda della linea. Nel caso in cui la copertura non fosse garantita per motivi di qualità della linea, il cliente può recedere senza problemi.

“Occorre distinguere tra banda e velocità”. A spiegare il complicato mondo dell’ADSL ci prova Andrea Podda, dirigente di Tiscali : “I due termini spesso vengono scambiati e anche per questo le promesse degli operatori non vengono comprese appieno. La banda – sottolinea – è tutta l’infrastruttura che un operatore, come Tiscali, mette a disposizione fino al Dslam ed è qualcosa che può essere dimensionato in autonomia, scegliendo quale servizio dare. La velocità, invece, dipende dalla linea del cliente e quindi dal rame, fino al modem del cliente”.

Il concetto, dunque, è che gli operatori, e Podda in questo caso parla specificamente di quelli in ubundling, ovvero quelli che dispongono di infrastrutture proprie, possono promettere una certa banda garantita “ma se ti dico velocità garantita allora non posso non dirti che quella dipende dalla qualità della linea”. Per capire come vadano le cose per il grosso dell’utenza, che in un modo o nell’altro finisce su una rete Telecom, Podda spiega come lavora Tiscali sulle proprie infrastrutture. “Noi costruiamo la nostra rete – insiste – e possiamo quindi garantire fino al massimo del valore di velocità di tutti i clienti in ubundling. Perché su ogni sito si lavora in fibra realizzando una Gigaethernet per ogni sito: dato che le nostre Gigaethernet oggi non sono occupate neppure per la metà, siamo perfettamente in grado di assicurare tutta la banda che serve ai clienti. Quindi se un cliente non riesce ad andare a più di 2 mega per limitazioni della sua linea, comunque quei 2 mega li può prendere tutti, non introduciamo alcun tipo di limitazione”. Diverso il quadro quando ci si deve appoggiare sulla rete dell’incumbent. “È una rete che è stata realizzata tempo addietro – spiega Podda – è di qualche megabit, la banda non può che essere limitata e così la velocità. Nel quadro attuale Telecom consente di collegarsi alla sua rete in 32 diversi nodi in Italia”. Su quei nodi da quando Tiscali si è lanciata sull’unbundling dichiara di aver investito “realizzando anche qui l’interconnessione in fibra”, insiste Podda, secondo cui “questo significa che da quel nodo in poi non introduciamo alcuna limitazione”. I problemi secondo Tiscali dunque, stanno eventualmente a monte. “All’interno della rete Telecom – spiega Podda – la banda va un tanto al chilo: il dimensionamento attuale che facciamo lì dentro, ora legato al quadro Bitstream partito l’anno scorso, è ovvio che è un risultato delle necessità del conto economico ma il nostro punto di forza è puntare sulla soddisfazione del cliente, è quello che dà i migliori risultati. Non a caso – sottolinea Podda – stiamo investendo per dare la migliore banda Bitstream compatibilmente con i prezzi di Bitstream: se non sarà uguale all’unbundling sarà comunque di buona qualità”.

Sul fatto che Bitstream abbia migliorato le cose introducendo almeno alcune certezze, dunque, anche Tiscali si unisce agli operatori che ne danno un giudizio sostanzialmente positivo. “Con l’ADSL wholesale prima era molto più difficile – evidenzia Podda – eravamo molto più rivenditori di oggi. Quello che volevamo e il concetto che alla fine nonostante tutto siamo riusciti a far passare è che è il provider, l’ISP che deve poter decidere come gestire e trattare i clienti”. Come a dire, dunque, che il Bitstream ha probabilmente prezzi troppo elevati, la banda minima garantita imposta da Bitstream è comunque ridottissima, la rete dell’incumbent è quella che è però il provider ha maggiori margini di manovra, dal che ne consegue anche una maggiore responsabilità verso l’utenza.

E il P2P? Come si comporta Tiscali? “Tiscali – spiega Podda – sta investendo proprio per evitare di dover fare traffico shaping”. Podda al contrario di altri player del settore non ha alcuna intenzione di nascondere a Punto Informatico e a Il Salvagente i numeri del peer-to-peer: “Lo sharing di file – spiega – è una parte importante di Internet, non riguarda solo il 5 per cento degli utenti. Per quanto riguarda i nostri clienti parliamo di qualcosa che riguarda più della metà dei nostri clienti”.

La chiave di volta nella risoluzione dei problemi dei clienti sta “in un altro investimento che abbiamo fatto”, afferma Podda. Una volta compreso che molti dei problemi evidenziati erano legati al doppino (“perché qualche problema in centralina non può che durare poche ore”) si è cambiato rotta: “In precedenza – evidenzia Podda – si apriva il ticket con Telecom Italia, dopodiché Telecom o terze parti per suo conto intervenivano in centrale. Lì facevano le loro analisi ed eventualmente chiudeva il ticket, risolvendo o meno il problema”. Questo significava che il cliente “rimaneva appeso”, con tempi lunghi e spesso senza una soluzione. “Abbiamo investito su una modalità diversa che abbiamo chiamato impresa unica – afferma Podda – la stessa impresa che va col cappello di Telecom ci va anche col cappello di Tiscali”. E cosa cambia? “Cambia che in questo modo il tecnico deve risolvere – insiste Podda – non può chiudere il ticket di Telecom senza risolvere anche il problema di Tiscali”.

Tiscali per bocca di Donatella Ligas, responsabile del Customer Care, sottolinea come gli investimenti in infrastruttura associati all’avvento del Bitstream starebbero aumentando progressivamente la soddisfazione dei clienti. “Investiamo molto sull’assistenza tecnica – dice ancora Podda – in questi anni abbiamo imparato cosa significa seguire un cliente, fin dai tempi del dialup, e quindi abbiamo costruito un modello di assistenza tecnica il più possibile vicino alle aspettative. Andando quindi a capire quale fosse il percorso di telefonata, di assistenza, più gradito al cliente. Abbiamo realizzato una sorta di percorso obbligato che consenta all’operatore che risponde al cliente di arrivare rapidamente a capire quale possa essere il problema del cliente, un trouble-shooting guidato che tolga l’iniziativa all’operatore e lo instradi sulle informazioni più rilevanti possibili per il cliente che ci contatta. Quando il cliente arriva a parlare con l’operatore, questi ha già una serie di informazioni sulla linea, il contratto, le segnalazioni del cliente e via dicendo”.

Tiscali si dichiara fiduciosa del proprio Customer Care e Ligas sostiene che “data la diversità delle cause, sulla risoluzione dei problemi possiamo dire che arriviamo alla completa risoluzione nella totalità dei casi”. Ligas ammette che “ci possano essere casi assai particolari che rimangono incastrati nelle maglie” ma Tiscali dichiara di mettercela tutta per risolvere anche quelli. Una disponibilità che si può porre subito sotto test: gli utenti che si trovassero in questa particolare condizione, in una situazione che non si riesce a sbloccare, possono scrivere subito a Punto Informatico ( pi@edmaster.it ) la propria dettagliata situazione, PI farà da ponte con Tiscali per arrivare alla risoluzione di questi empasse (nota: nella mail è bene inserire anche l’autorizzazione al trattamento dei dati personali e alla trasmissione degli stessi a Tiscali o suoi incaricati). Lo stato della rete è quel che è ma è anche la comunicazione il problema. Sul perché molti percepiscono di convivere con una ADSL lenta SiADSL ha le idee molto chiare. Stefano Saluta, il Direttore Commerciale del provider, spiega a Punto Informatico e a Il Salvagente che “vengono pubblicizzati megabit che non arrivano agli utenti”. La realtà dei fatti, sottolinea il provider, è che gli ISP “dimensionano le proprie infrastrutture non in un’ottica di banda di picco, appunto dei megabit che vengono pubblicizzati, ma sulla base della banda minima”. Il grosso dei provider dunque porta una certa banda in centrale e poi studia quale possa essere l’uso contemporaneo della risorsa da parte dei propri utenti collegati.

“Molti – sottolinea Saluta – ricorrono così all’overbooking. Se in un particolare momento la contemporaneità degli utenti supera certe soglie, è chiaro che gli utenti scendono alla banda minima”. E tra la banda che l’utente vorrebbe poter sfruttare, e per la quale ha pagato, può essere ridimensionata in misura persino drammatica: “Le bande minime su cui si dimensiona – insiste Saluta – vanno dai 20 ai 50 kilobit al secondo quando va bene, rispetto ai 4 mega pubblicizzati. Quando gli utenti comprano un’ADSL a 2 mega, comprano 2000 kilobit teorici al secondo, ma il dimensionamento li porta a 20 kilobit”

A spingere i provider verso il dimensionamento drastico della connettività è l’uso che di questa viene fatta dagli utenti: spesso il criterio adottato è come far entrare in una stanza tutti gli utenti a cui si vende piuttosto che ampliare la stanza sulla base degli utenti che vi vogliono entrare. Figuriamoci lavorare per creare corridoi e stanze aggiuntive quando gli utenti ne hanno bisogno. E così molti operatori si trovano a gestire con qualsiasi mezzo, ad esempio, gli utenti del peer-to-peer. Spiega Saluta a Punto Informatico e a Il Salvagente: “Per i tecnici di rete questa del peer-to-peer è una tortura, perché prende tantissima banda. Questo significa che quasi tutti gli operatori bloccano il P2P oppure, anche se non bloccano del tutto le porte, lo limitano fortemente, sennò la banda che hanno a disposizione viene occupata da pochissime persone. Se un megabit invece di 50 utenti se lo prende un solo utente gli altri 49 – evidenzia Saluta – rischiano di non veder che pochi bit..”.

“Se io compro una 7 mega – sottolinea il dirigente di SiADSL – il doppino di rame me la dovrebbe dare, me la dovrebbe portare a casa, ma di fatto i costi di dimensionamento non lasciano molte scelte agli ISP. Con gli upgrade di nuova generazione si passerà a 100 megabit, ma sarà sempre banda nominale”. Il riferimento è agli investimenti in corso e alle prospettive del next generation network ma i problemi sono moltissimi, come evidenzia SiADSl.

“Due fattori in Italia – spiega Saluta – hanno cambiato il mondo dell’ADSL e della banda larga nel nostro paese”.
Il primo di questi è l’introduzione di un canone sulle ADSL nude , ossia sulle linee senza servizi “voce” e pensate esclusivamente per veicolare l’ADSL. “La conseguenza – sottolinea SiADSL – è che il provider viene spinto sempre più a gestire la banda nel modo in cui abbiamo detto. Quel canone, di più di 9 euro, non dovrebbe essere richiesto agli operatori, perché a Telecom gestire quel doppino, ossia compiere le operazioni con cui viene giustificata l’imposizione del canone, abbiamo calcolato che non costi più di 3 euro e mezzo al mese. Eppure sono altri i costi che il provider non può che rigirare sugli utenti”.

L’altro fattore che sta cambiando le carte in tavola dei servizi con conseguenze negative sull’utenza secondo Saluta è il fatto che “i grandi stanno rasando al suolo tutto il mercato, comprandosi i clienti”. Il riferimento è a quei big che in questo momento stanno facendo offerte così basse da chiedere prezzi inferiori al costo del doppino che pagano a Telecom Italia. In pratica vendono sottocosto. “Questo succede – spiega Saluta – perché oggi quando si vuole mostrare chi si è sul mercato, magari preparandosi ad una vendita dell’azienda, si mette in mostra il numero di clienti, lasciando fuori qualsiasi altro dato, ad esempio quanto pagano i clienti per i servizi. E quel dato, il numero di clienti, è l’unico che i pesci grossi guardano quando vogliono comprare i big player del settore”.

Il quadro è ovvio: nel momento in cui un operatore telefonico in clima di vendita associa ai propri servizi voce un’offerta ADSL a prezzi scontatissimi, i piccoli operatori, quelli che forniscono servizi di nicchia e spesso di maggiore qualità, non possono che stare a guardare mentre gli utenti passano a servizi scontatissimi, comprati sottocosto, sul cui futuro e spesso sul cui rendimento non vi è alcuna certezza. “In questo scenario i provider più piccoli – sottolinea Saluta – non possono più incontrare le esigenze del cliente di un mercato drogato”.

E SiADSL? Come si comporta? “I 20 euro al mese di SiADSL – spiega Saluta – significano 4 mega o 7 mega con banda minima garantita però da 256 kilobit al secondo”. E il P2P? “Non facciamo alcun blocco del P2P – sottolinea il dirigente dell’azienda – perché abbiamo la marginalità di poterci prendere l’onere di garantire quella banda”. SiADSL spinge per un’offerta alternativa fondata sulla qualità della connessione e sulla banda minima garantita. “Ma anche sul nostro Contact Center – evidenzia SiPortal – che riteniamo senza remore il migliore. Perché chi chiama al telefono trova tecnici immediatamente capaci di risolvere il problema. Quando il cliente ha problemi – continua – sette volte su dieci non sono imputabili all’azienda, qualsiasi azienda, ma dipendono dal cliente”. Un customer care di questo genere però si paga. “Da un punto di vista imprenditoriale – sottolinea Saluta – significa avere un contact center costoso, perché si tratta di pagare delle professionalità, e quindi me lo devo far pagare. La conseguenza è che il cliente paga di più ma è più soddisfatto”.

Un messaggio che però è difficile far passare, evidentemente, quando le pubblicità dei big puntano su quantità fantascientifiche di megabit a costi irrisori. “In un mercato in cui devo pagare il canone per le ADSL naked – spiega Saluta – quanti clienti mai posso riuscire a convincere con la politica della qualità? È un mercato che non è coerente: i grandi operatori creano delle aspettative che poi non riescono ad ottemperare”.

A Punto Informatico e a Il Salvagente Saluta sottolinea che il problema sta anche nella normativa: “Oggi consente che l’operatore dichiari la velocità massima raggiungibile. L’Autorità TLC assieme a Telecom con l’offerta Bitstream ha dettato le norme per gestire il dimensionamento della rete. Queste norme hanno azzerato la giungla precedente e il consumatore finale ha almeno un minimo di garanzie. La sostanza però è che sono regole troppo svantaggiate per l’utente finale: la banda minima garantita per molti megabit nominali venduti dagli operatori è di 20 kilobit al secondo. E quanti sono gli operatori che lo dichiarano?”

E con la fibra? Cambierà finalmente qualcosa nel panorama della banda larga italiana? “Il rame funziona – spiega Saluta – Telecom però ora punta sulla fibra. Questo significa che 10-11 milioni di clienti che navigano via rame da un certo punto in poi inizieranno a subire una ricollocazione delle risorse di manutenzione… La manutenzione sul rame tra uno o due anni sarà divenuta scarsissima”. Le conseguenze, secondo Saluta, non mancheranno: “Il rischio quindi è che se un cliente chiede un’ADSL in una zona e io non ho più disponibilità di DSLAM nella centrale, io non ho disponibilità di rete da offrirgli”: il concetto è chiaro, se il provider fornisce servizi su rame, come appunto l’ADSL, dovrà continuare a fornirli anche all’interno di una rete e di una infrastruttura che non sono più il “core” di ciò su cui si investe. E allora? Non basta passare alla fibra? “Certo – sottolinea Saluta – ma dipenderà da Telecom, dall’offerta che farà che, come per legge, dovrà essere replicabile da tutti gli operatori”. Tutto bene dunque? “Non proprio – avverte Saluta – Telecom farà piazza pulita sul mercato per molti mesi e poi a un certo punto si vedranno le prime offerte wholesale (quelle che i provider possono far proprie anche per la replicabilità delle offerte, ndr.). Un copione già visto – conclude Saluta – i piccoli provider non esistono più”. Il popolo degli internauti insoddisfatti cresce ogni giorno. C’è chi propone una class action contro gli operatori scorretti, chi cambia continuamente Isp (Internet service provider) nella speranza di ottenere un servizio migliore e chi invoca l’intervento dell’Autorità garante delle comunicazioni. La connessione ADSL in Italia, purtroppo, non è garantita a tutti e anche quando viene venduta a caro prezzo spesso rivela una copertura solo teorica. “Il punto è che le norme in vigore non stabiliscono una qualità del servizio minima garantita”. A parlare è l’ingegner Giovanni Santella , della direzione Tutela della concorrenza dell’Agcom.

D: Ingegner Santella, possibile che gli operatori non abbiano obblighi in questo senso?
R: Il settore è regolamentato dalla delibera 131 del 2006, che però non stabilisce né una velocità minima di connessione né una qualità minima del servizio, ma spiega come elaborare una Carta dei servizi e definisce gli indicatori che un operatore deve tener presente nella valutazione della qualità del proprio servizio di accesso a Internet. La norma, insomma, indica agli Isp i parametri e il metodo di misurazione con cui autocertificare la qualità del servizio, li obbliga a inviare questi report all’Agcom e a pubblicarli sul loro sito.

D: Chi verifica se i dati sono veritieri?
R: L’attività di vigilanza spetta sempre alla nostra Autorità, ma non avviene sistematicamente e a tappeto, bensì solo su segnalazione.

D: Dunque, se la linea ADSL non garantisce sempre la connessione e la navigazione avviene a singhiozzo, l’Agcom non può intervenire?
R: Il codice, cioè la legge dello Stato che norma questo campo, ci dà il potere di fissare un criterio minimo di qualità solo nei confronti dell’operatore che fornisce il servizio universale, cioè solo verso Telecom Italia e solo per i servizi di fonia, fax e accesso a Internet tramite Isdn. L’unica cosa su cui possiamo intervenire, quando si parla di ADSL, è la trasparenza con cui gli operatori offrono agli utenti le proprie prestazioni.

(E anche in trasparenza, come ha mostrato la nostra inchiesta, gli operatori non brillano davvero… Le offerte commerciali ormai sono solo due: la connessione con velocità fino a 20 megabit e fino a 7 megabit. Ma questa è solo la velocità fisica del modem, non la velocità di trasferimento in rete, cioè la velocità di navigazione, che è legata ad altri elementi come il traffico, la distanza dell’utente dalla centrale e la qualità del doppino. Telecom e gli altri operatori dovrebbero essere corretti e trasparenti e spiegare bene agli utenti.)

D: Cosa possono fare i navigatori contro gli Isp che hanno venduto un servizio senza rispettare il principio di trasparenza?
R: Segnalare il proprio caso alla direzione a Tutela degli utenti dell’Agcom, che è tenuta a verificare se nella Carta dei servizi prima, e nella gestione dei reclami dopo, da parte dell’operatore siano state rispettate le regole.

D: Fastweb ha dichiarato di poter verificare l’effettiva copertura della linea di proprietà di Telecom solo dopo aver fatto sottoscrivere un contratto all’utente. Questo metodo le sembra corretto?
R: Effettivamente Telecom Italia fornisce una specie di certificazione della linea agli altri operatori solo a pagamento e solo con un contratto in mano. Ma di questo i suoi concorrenti non si sono mai lamentati.

D: E di che cosa si lamentano più frequentemente?
R: Della qualità della linea. Gli Isp, infatti, ricevono tantissime segnalazioni da parte dei loro clienti e naturalmente si rivalgono su Telecom. In Italia la penetrazione dell’ADSL è ferma al 17% della popolazione. Al di sotto della media dei 27 paesi dell’Unione europea, 20%, più in basso di Francia, Germania e Spagna. Il dato piuttosto deludente, in realtà non stupisce. Nonostante Telecom Italia, proprietaria delle infrastrutture, dichiari che la copertura della banda larga sia arrivata al 95% del territorio, l’accesso veloce a Internet nel nostro paese è un fenomeno a macchia di leopardo, che lascia scoperta ancora una parte consistente del paese.

In pochi sanno, per esempio, che nelle grandi città, dove lo sviluppo urbano è avvenuto in modo esplosivo, interi quartieri sono rimasti a bocca asciutta.

“La colpa è dei multiplexer o apparati limitanti”, spiega a Punto Informatico e a Il Salvagente Massimo Zoppello dell’associazione Anti Digital Divide . “Telecom li ha installati nelle zone che hanno avuto un improvviso aumento demografico e di conseguenza una immediata crescita di richieste di allaccio alle linee telefoniche, come l’Infernetto a Roma. Per evitare di portare nuovi doppini di rame, l’ex monopolista soprattutto negli anni 90 ha installato questi concentratori che hanno lo scopo di instradare tante utenze telefoniche alla centrale utilizzando un unico collegamento”.

Il problema è che questi apparati per il loro principio di funzionamento “non fanno passare” l’ADSL. In questo modo interi quartieri privi di fatto del broad band sono comunque conteggiati tra quelli coperti dal servizio perché sono collegati a centrali in cui sono montati dispositivi ADSL.

“Non sappiamo con precisione quanti apparati limitanti siano presenti in Italia”, conclude Zoppello. “Per il momento ne abbiamo contati circa 250, ma il monitoraggio continua. Chiunque voglia partecipare alla mappatura può farlo collegandosi al sito www.antidigitaldivide.org “.

a cura di Barbara Cataldi e Paolo De Andreis

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • wGAyZEFfPvx mQ scrive:
    EBhEyFsexmjXEC
    And today you have the same chance to go ahead and fulfill that crowd of people who have http://bennusbciving1979.devhub.com go here already checked that movie out. Now, if you want to lose some extra pounds, why don't http://wildtendielab1987.devhub.com mariah carey butt you just to gym and fix all this stuff? Come on, you don't have much time. Oh yeah, http://erovinga1981.devhub.com http://erovinga1981.devhub.com I was talking about her naked pics by the way but it is just I forgot to include that to my review. Don't you think it is nice to watch some movies with Jenny McCarthy nude there? Oh yeah, you can find those scenes in Dirty Love where she is taking of her bra http://soharlifin1974.devhub.com http://soharlifin1974.devhub.com and you can see her big tits. Do you see this picture of Joyce where she is not alone? Well then, today I am going to talk about his one http://otaterfran1970.devhub.com kelly reilly nude so be prepared fellows. But at least I have rights to fantasize about it, right? Oh boy, I would like to have her in some doggy style and so that she would http://whiikomahmonk1986.devhub.com kristen stewart ass scream Yeah baby, harder. Also, you should try to masturbate on that picture and that will bring you back to those times so why don't you do http://staparmeben1977.devhub.com click here that thing. Honestly, I would give my best friend's right leg so that I could touch that cute http://ouvconfimin1976.devhub.com kate beckinsale boobs butt at least once. I don't think http://beraremi1979.devhub.com erica durance boobs that her tits are a result of plastic surgery because there are no signs. Man, although she is not that popular as for example Rachel McAdams, I still think that ever her appearance on the stage, film or some fancy party http://wichihedvern1987.devhub.com go here is great.
  • qBSmgwnpZSx Joed scrive:
    qiTmYUmdlUlGoT
    I don't like http://anupseyse1975.devhub.com brooklyn decker bush to write and describe some photos of old celebrities, especially when I can't find some good photo of them while they're young so that's why we will see this story right now. Welcome to Megan Fox http://veablietaso1980.devhub.com tia carrere bush porn review where you will find out the naked truth about every single little detail of that hot video. Her childish look http://glyctitali1986.devhub.com click here along with some puppy eyes make me feel so excited that I just had to make this review about Hayden. Well, what should I start with? I guess, this quote by Jennifer should somehow introduce http://aqitchydo1989.devhub.com lacey chabert topless her to you. Do something big to get that kind of feeling and http://neigehanpa1973.devhub.com michelle williams nipple slip then you can drag people's attention too. Have you watched House Of The Dead? I am just curious because I http://lalitysa1979.devhub.com vanessa marcil naked pics know some many people that did watch this movie, but they haven't noticed that it was Erica playing there. And, as soon as she understands you aren't local by your accent, she will be amazed http://lidnasopho1983.devhub.com luisana lopilato nude photos by the fact that you try to speak her language. Wow, this is some brave words from http://tyczhepkaci1982.devhub.com http://tyczhepkaci1982.devhub.com this kind of woman and to be honest I am very impressed and shocked. So what should we do? I guess it would be http://franilitow1983.devhub.com torrie wilson nude photos stupid to resist that request especially when we are talking about Hayden Panettiere nude pictures that you will see for sure. The other day my friend and I were http://sueganthegas1974.devhub.com http://sueganthegas1974.devhub.com arguing who is going to be next on my review and then I said To hell with you pal, this is my stuff and you can't decide what should I do After that we haven't talked like for a week but then it was ok. Despite all that we know she is not good in http://amalmore1977.devhub.com minka kelly tits relationships and she has been left behind a few times. On http://thelsausweethpar1974.devhub.com julia louis-dreyfus butt some points I can agree with them but in that particular case with Kim I have to say if she was skinny that wouldn't be quite attractive. Do you want to know http://wilwildsyphe1973.devhub.com watch there why I said only 90? That is pretty simple because the other ten percent are gay. Well, all I can say http://alecveava1977.devhub.com watch there is that you have come to the right place because this website is all about those kinds of photos.
  • Joliet Jake scrive:
    Ma nessuno ha visto il video???
    Dai commenti deduco che quasi nessuno ha visto il video in questione.A parte che è girato molto bene e fa abbastanza ridere, il tipo ha usato come esempio la vicenda di Mass Effect:"Se nel nuovo film di Indiana Jones che dura 3 ore a un certo punto c'è una scena da 5 minuti dove i protagonisti sono sotto le coperte che trombano, il film viene classificato per adulti?"La risposta ovviamente è no. Milioni di teenagers andranno a vederlo per le scene di azione e nessuno si scandalizzerà nè lo chiamerà film porno.E allora perchè per un videogioco deve essere diverso?Adesso il sesso nei videogiochi è ancora quello di una visione maschilista (o quella del macho alla GTA o quella del nerd con le eroine simil-hentai) e gli esempi opposti sono rari.Considerato appunto che l'età media di gioca non è 8 anni ma 25, se per fare un buon gioco con una trama avvincente ad un certo punto serve del sesso, ci si mette e finita li.Le indicazioni sull'etichetta Pegi ci sono già. Se poi il negoziante lo vende lo stesso, è colpa prima sua e poi dei genitori che non sanno cosa fanno i figli e delegano tutto a qualcun'altro.Non certo degli sviluppatori. p)
  • naruto scrive:
    senza parole
    ma come e poi ci lamentiamo che ci sono i maniaci per strada?bravi continuate cosi, miraccomando mettete il sesso dappertutto ma si tanto loro ci guadagnato su tutto.
    • kache scrive:
      Re: senza parole
      Non è detto.Credo che una maturazione del sesso nei videogiochi possa avere vantaggi tangibili, dal fatto che finalmente i genitori si accorgerebbero della fascia d'età corretta per certi giochi al fatto che la maturazione del media videogioco potrebbe portare ad un miglioramento esponenziale della qualità delle trame, ora a livelli infimi. Inoltre, è oramai scontato che la fruizione di un prodotto troppo a lungo stanca e fa perdere l'interesse, quindi credo che un aumento della visibilità del sesso fino a livelli asfissianti avrebbe come vantaggio il fatto che questi diventerebbe una cosa scontata, noiosa, e probabilmente diminuiranno anche i reati a sfondo sessuale, oltre che l'influenza esercitata dal sesso femminile su quello maschile.Tout Court.
  • VE LO DICO IO scrive:
    Stronzate..
    Più sesso?? Ma responsabilizzate i genitori!!! Dategli una guida sotto forma di videogioco!! Bambini che giocano a simulazione di guerra, a simulazioni sessuali, a simulazioni malevoli... BASTA CON QUESTA ANARCHIA!! I bambini vanno tutelati!! Peccato che hanno genitori di merda (non tutti, la maggiorparte!!)
  • max scrive:
    Segaiolo
    Che altro dire di questo "brillante studente di Altanta" (=Atlanta?) ;)
  • bubu scrive:
    e' gia' arte
    Il videogioco e' gia' una forma d'arte, per definizione di arte.Se una cosa fatta spesso per piacere personale e che sempre stimola emotivamente chi ne fruisce non e' arte allora spiegatemi perche' dev'esserlo una tela incomprensibile a chiunque non segua tutto il discorso dell'arte astratta, creata per sbarcare il lunario e subito quotata o un disco del cantautore che deve ottemperare ai contratti discografici.Se uno va a fare discorsi sui contenuti piuttosto che la giocabilita' e in second'ordine la grafica e poi suono eccetra allora mi sa che non capisce bene di cosa stiamo parlando.Per quanto riguarda piu' sesso, io sto ancora aspettando che tutte le teorie dei brillanti studiosi dagli anni sessanta in poi si avverino. Mi pare che, nonostante la pornografia abbatta i tabu' e la violenza sia "esorcizzata" (EH?) dai media e dai videogiochi, non si stia facendo grossi passi in avanti in termini di soddisfazione. Dall'insoddisfazione sotto la societa' bigotta siamo passati sotto quella della societa' edonista.
    • Marwa scrive:
      Re: e' gia' arte
      - Scritto da: bubu
      Il videogioco e' gia' una forma d'arte, per
      definizione di
      arte.

      Se uno va a fare discorsi sui contenuti piuttosto
      che la giocabilita' e in second'ordine la grafica
      e poi suono eccetra allora mi sa che non capisce
      bene di cosa stiamo
      parlando.
      Ti quoto. Temo che il ragazzo abbia fatto una ricerca parziale ed incompleta, in realtà i giochi che lui dice esistono già, solo che sono rimasti giochi per una nicchia ristretta di persone (dai pedofili, ai malati di menti, ai semplici perversi dal latino per versos dal verso sbagliato, opposto, oppure a persone che hanno problemi di tipo sociologico con l'altro sesso).I veri operatori del settore se ne tengono alla larga da questo tipo di produzione perchè quei giochi vengono considerati non all'altezza del vero videogames, non sono nemmeno considerati giochi a dire il vero, non solo essi sono considerati come una categoria sottosviluppata del videogames, non alla pari con il vero videogame che è altro come hai detto tu.
      Per quanto riguarda piu' sesso, io sto ancora
      aspettando che tutte le teorie dei brillanti
      studiosi dagli anni sessanta in poi si avverino.
      Mi pare che, nonostante la pornografia abbatta i
      tabu' e la violenza sia "esorcizzata" (EH?) dai
      media e dai videogiochi, non si stia facendo
      grossi passi in avanti in termini di
      soddisfazione. Dall'insoddisfazione sotto la
      societa' bigotta siamo passati sotto quella della
      societa'
      edonista.In realtà ci vogliono far credere che mettere sesso da tutte le parti ed in tutte le salse è per persone mature in realtà non è vero.Chi opera verso quel lato, riproducendo sesso anche dove non dovrebbe esserci (come per esempio i videogiochi o comunque qualunque tipo di gioco) ha degli scopi particolari:a- i soldi, lo fa solo per vendersi al miglior offerente.b- farsi vedere dalle industrie pornografiche (o magari ci opera già dentro)c- è seriamente malato, quindi meglio starne alla larga.D'altronde adulti che si divertono a fare sesso con un surrugato di donna o uomo che nemmeno si può toccare (che non è la fantasia erotica, sia chiaro) a livello psicologico non viene considerato una persona normaloide e per cui con qualche disturbo socio-patologico. Questo secondo la psicologia moderna, differente per gli adolescenti, ma che sempre minorenni sono, perchè a quell'età gli ormoni ballano.Se vogliamo possiamo ricordare come la Walt Disney (basta cercare messaggi subliminali sul web) abbia provato ad inserire messaggi subliminali di tipo sessuale nei loro lavori, quando qualcuno se ne è accorto ha dovuto ritirare tutti i suoi lavori e risarcire gli utenti, quindi un notevole spreco di tempo e denaro di cui avrebbero potuto fare a meno.Questo tipo di comportamento, ha solo lo scopo non di liberalizzale la mente ma quella di creare incertezza e secondo qualche esperto in materia psicologica di regolarizzare le nascite. Infatti, sempre dalla psicologia moderna, si può evidenziare che se si parla sempre di sesso, la mente si assuefà a quelle immagini e rende l'individuo non ricettivo verso stimoli sessuali reali, causando quella che viene definita impotenza psicologica (da Freud), tutto ciò si può trovare sia online sotto la voce messaggi subliminali sia da un qualunque andrologo di vostra fiducia, anche dal vostro medico di famiglia. I dati sono quelli Istat, dove vi è un aumento di giovani che devono far uso di pilloline blu e di certo non è perchè vivono una sessualità in modo consono e normale.
      • Sgabbio scrive:
        Re: e' gia' arte
        a parte che i messaggi subbliminali del sesso della disney sono una super bufala, comunque in giappone ci c'è una grossa varietà di giochi per soli adulti, e tra l'altro ci sono anche per le console, sempre solo in giappone.
        • Marwa scrive:
          Re: e' gia' arte
          - Scritto da: Sgabbio
          a parte che i messaggi subbliminali del sesso
          della disney sono una super bufala, comunque in
          giappone ci c'è una grossa varietà di giochi per
          soli adulti, e tra l'altro ci sono anche per le
          console, sempre solo in
          giappone.hai cercato quello che ho detto prima di rispondere?temo di no, perchè altrimenti avresti visto che non sono una bufala per nulla. Ne ho trovati anche io.in secondo luogo, quando parlo di mercato intendo il mercato mondiale e non di certo solo il giappone.A dire il vero quei giochi non sono considerati dei veri giochi, faccio parte della produzione di videogames e ti garantisco che non sono un affare e che chi si butta su quei giochi di certo non ha una sessualità normaloide, questo detto da qualunque psicologo, ma libero di pensarla anche al contrario naturalmente.
      • Joey scrive:
        Re: e' gia' arte

        Ti quoto. Temo che il ragazzo abbia fatto una
        ricerca parziale ed incompletaCredo che non abbiate capito il senso della ricerca. Credo che il ricercatore non intenda videogame porno,quelli ci sono è ovvio.. ma giochi che raccontino delle storie che esplorino l'Eros un pò come già succede con alcuni fumetti e film. In questo i videogame sono carenti, proprio perchè sono rivolti ad un pubblico infantile o adolescenziale. Insomma vuole che i videogame diventi un media maturo, come il cinema dove vi siano degli autori che raccontino degli storie, insomma vorrebbe che ci fosse un Kubrick dei videogiochi.
  • numa scrive:
    vganime
    per me i vg dovrebbero avvicinarsi agli anime.usare l'immaggine (non necessariamente i modelli highpoly) per trasmettere il significato "immaginifico"provate no more heroes, è un capolavoro!
Chiudi i commenti