Aduc sul rimborso di Windows

L'associazione vede rigettato il ricorso contro Microsoft per la pre-installazione del sistema operativo ma vince sul fronte dei costruttori. E sottolinea: è diritto degli utenti chiedere il rimborso se non vogliono Windows sul PC

Firenze – Lo scorso 27 Ottobre 2005 avevamo chiesto all’Antitrust di verificare se Microsoft e le aziende che vendono i propri PC di fatto obbligando i consumatori ad avere installato il sistema operativo Windows, non stessero abusando della propria posizione dominante di mercato ( qui il testo del ricorso). L’Autorità, dopo la seduta dello scorso 20 luglio 2006, ci ha comunicato che secondo lei questo abuso non c’è: per Microsoft l’Autorità ritiene che quanto da noi segnalato non vi è riferibile, ma lo sarebbe per le imprese produttrici di hardware che pre-installano Windows nei computer.

“Dalle informazioni raccolte – specifica l’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato – è inoltre emerso che sul mercato vi sono imprese che offrono prodotti che non installano tale sistema operativo e che comunque i consumatori possono rifiutare l’installazione di Windows e ricevere un rimborso”.

Noi non ci accontentiamo di quanto ha deciso l’Autorità per due motivi:

1 – il fatto che ci siano accordi tra Microsoft e i produttori di hardware al punto tale che l'”accoppiata” rappresenti quasi il 100% del mercato, non ci sembra che giovi ad un mercato concorrenziale e libero. Comunque, questa Autorità, per esempio, ritiene che non ci siano abusi di posizione dominante neanche per Telecom riguardo alla telefonia fissa, per l’Enel riguardo all’energia elettrica, per la Rai riguardo la comunicazione tv, etc…. quindi non ci stupiamo più di tanto!

2 – non è così semplice e lineare, come invece dice l’Autorità, ricevere il rimborso del costo del sistema operativo da un produttore che vende il pc con Windows pre-installato. Tant’è che noi, dal 25 novembre 2005, siamo in causa con la Hewlett-Packard italiana srl, titolare del marchio Compaq, proprio per avere questo rimborso che ci viene negato.

Comunque, prendiamo atto e facciamo tesoro di quanto afferma l’Antitrust sui rimborsi, per dare forza alle richieste di rimborso che noi consigliamo ai consumatori.

Sarà un motivo in più per cercare di ottenere dai produttori questo rimborso o per vincere le cause, ma -ribadiamo – non è un rimborso che è nella quotidiana vita commerciale, perchè non ci risulta che sia stato ottenuto senza le messe in mora e le cause.

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    non merita più spazio?
    non sarebbe più opportuno sottolineare, con uno spazio maggiore l'iniziativa di www.abbassalamusica.it ?
  • gianpietrone scrive:
    Crociate antiP2P? No, grazie
    ...Dei prezzi dei CD parla invece l'iniziativa del deputato verde Poletti, che chiede la riduzione dell'IVA sui CD al 4 per cento, come già avviene per i libri....IO DICO:Perchè non si pensa di vendere un CD a 4-5 Euro, che rappresenta il prezzo giusto di mercato. E' ora di finirla con questi detentori dei diritti, i quali appogiati ad una Legge arcaica, pretendono diritti, anche su opere di gente morta da decenni.E' una vergogna e... una presa per il CUOLO per tutti!! Basta con questi "PED...STI" - basta con i diritti che non gli competono. Non deve essere una canzonetta, una fonte di guadagno eterno, superiore alla vendita di COCCAINA. E' possibile che non ci sia la maniera di smontare questa assurda Legge, la quale agisce semplicemente da protezione come in una LOGGIA.
    • Anonimo scrive:
      Re: Crociate antiP2P? No, grazie
      - Scritto da: gianpietrone
      ...Dei prezzi dei CD parla invece l'iniziativa
      del deputato verde Poletti, che chiede la
      riduzione dell'IVA sui CD al 4 per cento, come
      già avviene per i
      libri....

      IO DICO:
      Perchè non si pensa di vendere un CD a 4-5 Euro,
      che rappresenta il prezzo giusto di mercato. E'
      ora di finirla con questi detentori dei diritti,
      i quali appogiati ad una Legge arcaica,
      pretendono diritti, anche su opere di gente morta
      da
      decenni.

      E' una vergogna e... una presa per il CUOLO per
      tutti!! Basta con questi "PED...STI" - basta con
      i diritti che non gli competono. Non deve essere
      una canzonetta, una fonte di guadagno eterno,
      superiore alla vendita di COCCAINA. E' possibile
      che non ci sia la maniera di smontare questa
      assurda Legge, la quale agisce semplicemente da
      protezione come in una
      LOGGIA.
      La domanda è: perchè i successori dell'artista devono godere dei suoi frutti? Ognuno deve imparare a rimboccarsi le maniche e a vivere la propria vita. Basta con questo benessere malato nato in quanto i ricchi fanno di tutto per esserlo ancora di più, spremendo in maniera vergognosa i poveri. Tutto ciò ormai è finito. Occorre ristabilire l'equità.
      • Anonimo scrive:
        Re: Crociate antiP2P? No, grazie
        Va bene allora se tuo padre, a gran fatica e sudore di una vita passata a lavorare, si costruisce un tetto, e si fa il giardino per un meritato riposo, Tu figliol prodigo non potrai godere degli sforzi e del sudore di tuo padre, ma dovrai ricominciar da zero (se questo è voler tuo...) il sudore mio, lo lascio ai figli miei!!! o piuttosto gli do fuoco!
        • Anonimo scrive:
          Re: Crociate antiP2P? No, grazie
          - Scritto da:
          Va bene allora se tuo padre, a gran fatica e
          sudore di una vita passata a lavorare, si
          costruisce un tetto, e si fa il giardino per un
          meritato riposo, Tu figliol prodigo non potrai
          godere degli sforzi e del sudore di tuo padre, ma
          dovrai ricominciar da zero (se questo è voler
          tuo...) il sudore mio, lo lascio ai figli miei!!!
          o piuttosto gli do
          fuoco!Tutti lavorano, tutti mettono via i soldini, tutti li lasciano ai figli. Ma questi figli (di put...) si beccano anche i soldini extra del copyright. è giusto?
        • Alessandrox scrive:
          Re: Crociate antiP2P? No, grazie
          - Scritto da:
          Va bene allora se tuo padre, a gran fatica e
          sudore di una vita passata a lavorare, si
          costruisce un tetto, e si fa il giardino per un
          meritato riposo, Tu figliol prodigo non potrai
          godere degli sforzi e del sudore di tuo padre, ma
          dovrai ricominciar da zero (se questo è voler
          tuo...) il sudore mio, lo lascio ai figli miei!!!
          o piuttosto gli do
          fuoco!infatti il problema non e' cosa l' autore vuol fare delle sue opere (e' suo pieno diritto cederle a chi vuole e farlo guadagnare a iosa, se gli pare), e' il sistema complessivo della produzione e della distribuzione/vendita e delle leggi che lo regolano (e che magai COSTRINGE molti autori a cedere leloro opere per guadagnarci un po') che e' da rivedere e riformare.
  • Anonimo scrive:
    Ekleptikal dove sei???
    Non ti si sente più da un pezzo eh??? :DMi ricordo quando piombavi su ogni forum dedicato al P2P profetizzando che sarebbe morto entro un anno, profezie avverate come vedo, il P2P è vivo e vegeto come tanti anni fa quando tu profetizzavi...Che scusa avrai in mente adesso?Facci sapere :)
  • Anonimo scrive:
    E cortiana che fa????
    Adesso sono al governo e possono sistemare quella schifosa legge URBANI che tanto hanno criticato quando erano all'opposizione!!Oppure era solo per convenienza, per andare contro il nano pelato???
    • Anonimo scrive:
      Re: E cortiana che fa????
      cortiana non e' stato eletto, magari mancava il tuo di voto ?
      • Anonimo scrive:
        Re: E cortiana che fa????
        Chi doveva essere eletto era già stato deciso dai partiti, forse non ricordi la nuova legge elettorale senza le preferenze ...
    • Anonimo scrive:
      Re: E cortiana che fa????
      - Scritto da:
      Adesso sono al governo e possono sistemare quella
      schifosa legge URBANI che tanto hanno criticato
      quando erano
      all'opposizione!!

      Oppure era solo per convenienza, per andare
      contro il nano
      pelato???l'ipocrisia comunista docet
      • uguccione500 scrive:
        Re: E cortiana che fa????
        Oramai Cortiana s'è fatto pubblicità e non gliene frega piu nulla...O non l'avevate ancora capito che chi c'ha i soldi c'ha sempre ragione (almeno qui in Italia)???(linux)
  • SardinianBoy scrive:
    Ma quali crociate ?
    Questa è una notizia "buona" , ma speriamo che le promesse siano mantenute. Se non sbaglio un pò di tempo fa lex boss di RIAA e principale artefice delle prime crociate legali antipirateria, Hilary Rosen, sembra aver deciso di fare autocritica, sollevando emozioni in rete.E' vero però che tutte queste crociate erano partite dopo che il boss si era dimesso dal suo incarico. Inotre lopinione della Rosen rimane piuttosto critica nei confronti dellattuale direzione della potente associazione californiana,dicendo: "È tempo di ripensare lintera strategia commerciale".Le piattaforme del peer to peer sono sempre in crescita e la crescita del Peer to peer si accompagna inoltre all'incremento degli acquisti legali di musica online. Insomma...la botte piena e la moglie ubriaca!?? Viva il p2p e il file sharing Grazie Cordiali saluti
    • SardinianBoy scrive:
      Re: Ma quali crociate ?
      Senti bello : Basta solo un piccolo sforzo e una grande collaborazione.solo così possiamo far verdere che VOI (majors) non ci serVITE necessariamente A NULLA.La liberalizzazione della cultura soppressa in modo massiccio oggi è resa possibile,in parte, grazie ad internet e i p2p.dobbiamo impedire che internet divenga una cella,chiusa SENZA LIBERTA'lo stesso vale per i software che devono essere accessibili a tutti ,in quanto parte della cultura;oggi ciò accade grazie all'open source noi dobbiamo continuare così.Certe notizie giornaliere rendono ancora più orribile la nostra attualità:tentativi di ogni genere di privatizzare la CULTURA(intesa come qualsiasi cosa che possa servire ad un altro per scopi leciti).Vuoi ancora una risposta più soddisfacente? Vai su questo link:http://www.p2pforum.it/forum/showthread.php?t=113513 CONDIVIDERE NON E' RUBARE !
Chiudi i commenti